Emma Raducanu

tennista britannica

Emma Raducanu (in romeno: [rədu'kanu]; in inglese: [ˌræduˈkɑːnuː]; Toronto, 13 novembre 2002) è una tennista britannica di origini romene e cinesi.

Emma Raducanu
Emma Raducanu durante un allenamento al Transylvania Open nell'ottobre 2021
NazionalitàBandiera del Regno Unito Regno Unito
Altezza175 cm
Tennis
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 98 – 49 (66.67%)
Titoli vinti 1
Miglior ranking 10ª (11 luglio 2022)
Ranking attuale ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Bandiera dell'Australia Australian Open 2T (2022, 2023, 2024)
Bandiera della Francia Roland Garros 2T (2022)
Bandiera del Regno Unito Wimbledon 4T (2021)
Bandiera degli Stati Uniti US Open V (2021)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 0 – 1 (0%)
Titoli vinti 0
Miglior ranking
Ranking attuale ranking
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al 27 novembre 2023

Nel 2021, a 18 anni e dieci mesi e con un ranking da numero 150 del mondo, si aggiudica il suo primo titolo del Grande Slam in carriera allo US Open alla sua quinta apparizione complessiva nel circuito maggiore[1]; grazie a tale successo Raducanu infrange numerosi primati: diventa la prima tennista in assoluto a riuscire nell'impresa partendo dalle qualificazioni, la tennista donna più giovane a vincere un Major dai tempi del trionfo di Marija Šarapova a Wimbledon 2004 e la prima tennista donna britannica a imporsi in uno Slam dopo Virginia Wade nel 1977. Qualche settimana prima, a Wimbledon si era spinta fino agli ottavi di finale, diventando la più giovane tennista britannica nell'era Open a raggiungere gli ottavi di finale nello Slam londinese, alla sua prima partecipazione.[2] Nel 2022, entra per la prima volta a far parte delle prime dieci del mondo.

Biografia

modifica

Emma Raducanu è nata a Toronto, in Canada, il 13 novembre 2002 da padre romeno originario di Bucarest e madre cinese proveniente da Shenyang. Si è trasferita con la famiglia nel Regno Unito quando aveva appena due anni ed è cresciuta a Londra. Ha conseguito gli studi e si è formata tennisticamente presso il borgo londinese di Bromley.[3] Ha indicato Li Na e Simona Halep come i suoi due idoli tennistici.[4][5]

Carriera

modifica

2021: storica vittoria allo US Open e top 20

modifica

Raducanu fa il suo debutto nel circuito maggiore a Nottingham 2021, torneo disputato grazie ad una wild-card da parte degli organizzatori; in tale circostanza, viene estromessa all'esordio dalla connazionale Harriet Dart in due comodi set. Qualche settimana più tardi, esordisce anche in una competizione Slam al torneo di Wimbledon, dove riesce a spingersi fino agli ottavi di finale grazie alle vittorie su: Vitalija D'jačenko (7–6(4) 6-0), la finalista Slam Markéta Vondroušová (6-2 6-4) e Sorana Cîrstea (6-3 7-5), prima di ritirarsi contro Ajla Tomljanović sul punteggio di 6-4 3-0 in favore dell'australiana. Così facendo Raducanu diventa la più giovane tennista britannica dell'era Open ad aver raggiunto gli ottavi a Wimbledon.[6] Dopo un'uscita prematura a San José, disputa la finale del WTA 125 di Chicago, persa contro la danese Clara Tauson in tre set.

Dunque, prende parte agli US Open, dove è chiamata a partire dalle qualificazioni: battendo Bibiane Schoofs (6-1 6-2), Mariam Bolkvadze (6-3 7-5) e l'egiziana Mayar Sherif (6-1 6-4) si guadagna un posto per il tabellone principale dell'ultimo Slam dell'anno. Al primo turno, coglie la sua prima vittoria nel main-draw newyorkese contro la lucky loser Stefanie Vögele (6-2 6-3). Al secondo turno, lascia sei giochi a Zhang Shuai (6-2 6-4), mentre al terzo turno ne lascia uno solo a Sara Sorribes Tormo (6-0 6-1). Raducanu si spinge nel suo secondo ottavo slam consecutivo, dove trova l'ultima americana rimasta in tabellone, Shelby Rogers, reduce della vittoria ai danni della numero uno del mondo Ashleigh Barty nel turno precedente; la britannica ha la meglio con lo score di 6-2 6-1, accedendo per la prima volta in carriera nei quarti di finale in uno Slam. Qui trova la campionessa olimpica in carica Belinda Bencic, che regola in due set (6-3 6-4) qualificandosi per la semifinale, diventando la prima tennista nella storia degli US Open a raggiungere tale traguardo partendo dalle qualificazioni. Inoltre, ci arriva senza perdere un set e trovandosi fuori dalle prime cento del mondo: prima di lei ci sono riuscite solo tenniste del calibro di Billie Jean King e Kim Clijsters.[7] Nel penultimo atto, batte la diciassettesima testa di serie Maria Sakkarī per 6-1 6-4, centrando la sua prima finale in un torneo dello Slam.[8] Raducanu diventa la prima qualificata nella storia dello US Open a raggiungere l'ultimo atto di un major; inoltre, è la prima britannica a giungere in finale da quando ci riuscì Virginia Wade nel 1968. Nell'ultimo atto incontra l'altra sorpresa del torneo, la coetanea Leylah Annie Fernandez, nella prima finale Slam tra teenagers dallo US Open 1999 che vide opposte una diciassettenne Serena Williams alla diciannovenne Martina Hingis: Emma si impone con lo score di 6-4 6-3, divenendo la prima qualificata della storia del tennis a vincere un torneo dello Slam. Grazie allo strepitoso risultato, scala vertiginosamente le classifiche fino alla 22ª posizione mondiale.

Successivamente, accetta una wildcard per disputare il WTA 1000 di Indian Wells che esclusivamente per l'edizione 2021 si svolge ad ottobre a causa della pandemia di COVID-19.[9] Ottenuto il bye all'esordio, Raducanu viene sorpresa dalla bielorussa Aljaksandra Sasnovič, che la supera per 2-6 4-6. Centra la sua prima vittoria in un torneo del circuito WTA due settimane dopo a Cluj-Napoca, nella cui circostanza si rende autrice di una rimonta contro Polona Hercog.[10] Al secondo turno, elimina Ana Bogdan per 6-3 6-4, guadagnandosi il primo quarto di finale nel circuito maggiore. In tale circostanza viene annichilita dalla coetanea Marta Kostjuk che le lascia appena tre giochi. Nel mese di novembre entra a far parte delle prime venti al mondo, collocandosi precisamente alla ventesima posizione. Chiude la stagione a Linz, dove da prima testa di serie viene estromessa nel suo match d'esordio dalla qualificata cinese Wang Xinyu in tre set; ciononostante, accede tra le prime venti al mondo perfezionando il suo best ranking alla 19ª posizione.

Al termine della stagione tennistica 2021, viene premiata come giovane dell'anno nell'ambito dei WTA Awards.

2022: top 10

modifica
 
La Raducanu nel 2024

Emma inaugura l'anno malamente: a Sydney, viene annichilita dalla nona testa di serie Elena Rybakina che le lascia appena un gioco (6-0 6-1); all'Australian Open batte all'esordio l'ex top 3 Sloane Stephens per 6-0 2-6 6-1, per poi essere sorprendentemente fermata al secondo turno dalla montenegrina Danka Kovinić con lo score di 4-6 6-4 3-6, complice anche un infortunio alla mano destra. Tuttavia, Raducanu riesce a ottenere il suo best ranking al termine del torneo, salendo al tredicesimo posto.

Ritorna in campo qualche settimana più tardi a Guadalajara, ma è costretta al ritiro a causa di un nuovo problema fisico nel match che la vedeva opposta a Daria Saville sul punteggio di 7-5, 6(4)–7, 3-4 in favore dell'australiana. Sebbene non si sia concluso, si è trattato del match più lungo della stagione con una durata di oltre tre ore di gioco. Ritrova fiducia sui campi dell'Indian Wells Tennis Garden a inizio marzo, dove prende parte per la seconda volta in carriera al WTA 1000 californiano. Ottenuto il bye per il primo turno, si impone in tre set sulla francese Caroline Garcia nel secondo. Nei sedicesimi, Emma cede il passo a Petra Martić in tre parziali. Non va meglio a Miami, dove, dopo il bye, si arrende alla ceca Kateřina Siniaková (6-3 4-6 5-7).

Successivamente, la britannica prende parte alle qualificazioni per le fasi finali della Billie Jean King Cup: Raducanu vince il suo primo incontro ufficiale su terra in carriera contro Tereza Martincová (7-5 7-5); tuttavia, viene nettamente sconfitta nel secondo singolare contro Markéta Vondroušová, che le lascia due games. Alla fine, il Regno Unito non riuscirà a qualificarsi, perdendo il tie per 3-2. A Stoccarda, Emma gioca il suo primo tabellone principale WTA su terra rossa: esordisce con un comodo successo su Storm Sanders (6-1 6-2) per poi imporsi su Tamara Korpatsch per 6-0 2-6 6-1, approdando ai quarti di finale, dove perde da Iga Świątek con un duplice 4-6. Nel WTA 1000 di Madrid sconfigge ancora Tereza Martincová (7–6(3), 6-0) e al secondo turno si impone agevolmente su Marta Kostjuk (6-2, 6-1) prima di cedere a un'altra ucraina, Anhelina Kalinina, in tre set. Si ritira dal match di primo turno degli Internazionali d'Italia contro una rientrante Bianca Andreescu sul punteggio di 6-2, 2-1 in favore della canadese. Al Roland Garros, superata la qualificata Linda Nosková in rimonta, si fa a sua volta rimontare da Aljaksandra Sasnovič. Sull'erba si ritira ancora una volta dal match di primo turno, questa volta contro Viktorija Golubic a Nottingham dopo aver disputato sette giochi. Ritorna in campo direttamente a Wimbledon dove, dopo un'ottima prestazione contro Alison Van Uytvanck, cede nettamente a Caroline Garcia.

Chiamata a difendere la vittoria dello US Open, Raducanu disputa tre tornei di preparazione all'ultimo Slam stagionale: a Washington coglie il secondo quarto stagionale grazie alle vittorie su Louisa Chirico e Camila Osorio, perdendo dalla russa Samsonova; in Canada si arrende subito a Camila Giorgi, mentre a Cincinnati si sbarazza di Serena Williams in due comodi set nel penultimo torneo disputato dall'americana prima del suo ritiro dalle competizioni, batte nettamente anche Viktoryja Azaranka prima di essere eliminata da Jessica Pegula. Agli US Open, chiamata al difficile compito di riconfermarsi, cede subito 6-3 6-3 ad Alizé Cornet, precipitando così in classifica dalla posizione numero 11 alla numero 83.

Agli Australian Open 2023 perde con l'americana Coco Gauff e il suo ranking si attesta alla 77 posizione WTA.

Statistiche WTA

modifica

Singolare

modifica

Vittorie (1)

modifica
Legenda
Grande Slam (1)
Ori Olimpici (0)
WTA Finals (0)
WTA Elite Trophy (0)
Dal 2021
WTA 1000 (0)
WTA 500 (0)
WTA 250 (0)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 11 settembre 2021   US Open, New York Cemento   Leylah Fernandez 6–4, 6–3

Circuito WTA 125

modifica

Singolare

modifica

Sconfitte (1)

modifica
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 22 agosto 2021   Chicago Challenger, Chicago Cemento   Clara Tauson 1–6, 6–2, 4–6

Statistiche ITF

modifica

Singolare

modifica

Vittorie (3)

modifica
Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $25.000 (1)
Torneo $15.000 (2)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 19 maggio 2018   ITF Women's Circuit Tiberias, Tiberiade Cemento   Hélène Scholsen 7–5, 6–4
2. 21 ottobre 2018   GD Tennis Cup, Adalia Cemento   Johana Marková 6–4, 6–2
3. 15 dicembre 2019   LIC ITF Women's Tennis Championships, Pune Cemento   Naiktha Bains 3–6, 6–1, 6–4

Sconfitte (2)

modifica
Torneo $100.000 (0)
Torneo $80.000 (0)
Torneo $60.000 (0)
Torneo $25.000 (1)
Torneo $15.000 (1)
N. Data Torneo Superficie Avversaria in finale Punteggio
1. 31 marzo 2019   ITF Women's Circuit Tel Aviv, Tel Aviv Cemento   Corinna Dentoni 4–6, 3–6
2. 1º marzo 2020   AEGON Pro Series Sunderland, Sunderland Cemento (i)   Viktorija Tomova 6–4, 4–6, 3–6

Risultati in progressione

modifica
Sigla Risultato
V Vincitore
F Finalista
SF Semifinalista
O Oro olimpico
A Argento olimpico
SF Bronzo olimpico
QF Quarti di Finale
4T Quarto turno
3T Terzo turno
2T Secondo turno
1T Primo turno
RR Round Robin
LQ Turno di qualificazione
A Assente
ND Non disputato
Legenda superfici
Cemento
Terra battuta
Erba
Superficie variabile

Singolare

modifica
Torneo 2018 2019 2020 2021 2022 2023 Titoli V–S
Tornei del Grande Slam
  Australian Open Assente 2T 2T 0 / 2 2–2
  Open di Francia Assente 2T A 0 / 1 1–1
  Wimbledon Q1 Q1 ND 4T 2T A 0 / 2 4–2
  US Open Assente V 1T A 1 / 2 7–1
Vittorie–sconfitte 0–0 0–0 0–0 10–1 3–4 1-1 1 / 7 14–6
Giochi olimpici
  Giochi olimpici Non disputati A ND 0 / 0 0–0
WTA 1000
  Doha /   Dubai[1] Assente 0 / 0 0–0
  Indian Wells Assente ND 2T 3T 4T 0 / 3 6–3
  Miami Assente ND A 2T 1T 0 / 2 1–2
  Madrid Assente ND A 3T A 0 / 1 2–1
  Roma Assente 1T A 0 / 1 0–1
  Montréal / Toronto Assente ND A 1T A 0 / 1 0–1
  Cincinnati Assente 3T A 0 / 1 2–1
  Wuhan Assente Non disputato 0 / 0 0–0
  Pechino Assente Non disputato A 0 / 0 0–0
Carriera
Tornei giocati 0 0 0 8 18 5 31
Titoli 0 0 0 1 0 0 1
Finali 0 0 0 2 0 0 2
Totale V–S 0–0 0–0 0–0 16–7 16–18 5-5 37–30
Vittorie %  –   –   –  70% 47% 50% 55%
Ranking di fine anno 692 503 343 19 75 285 $3.776.535

Note

Onorificenze

modifica
«Per i servizi al tennis.»
— 1º gennaio 2022[11][12]
  1. ^ La favola di Emma Raducanu che a 18 anni vince gli US Open, ed è partita dalle qualificazioni, su Sport Fanpage. URL consultato l'11 settembre 2021.
  2. ^ Giovanni Convertini, Wimbledon 2021: Raducanu, 18 anni, batte la Cirstea e vola agli ottavi, su PeriodicoDaily Sport, 4 luglio 2021. URL consultato il 4 luglio 2021.
  3. ^ (EN) Introducing Wimbledon 2021's Grand Slam debutantes, su wtatennis.com, Women's Tennis Association. URL consultato il 3 luglio 2021.
  4. ^ (RO) Remus Dinu, EXCLUSIV Emma Răducanu, dialog cu Gazeta Sporturilor după prima victorie a carierei la Wimbledon, su gsp.ro, Gazeta Sporturilor, 1º luglio 2021.
  5. ^ (EN) Raducanu driving forward with Bulldog spirit, looks to model herself on Halep & Li Na, su lta.org.uk, Lawn Tennis Association, 29 luglio 2020.
  6. ^ Diego Barbiani, Wimbledon, favola Raducanu: agli ottavi a 18 anni, la più giovane britannica dell'Era Open, su Ok Tennis, 3 luglio 2021. URL consultato il 12 luglio 2021.
  7. ^ Bencic cede alla personalità di Raducanu, su rsi.ch, RSI, 8 settembre 2021.
  8. ^ (EN) Raducanu makes history with win over Sakkari; sets all-teen US Open final vs. Fernandez, su wtatennis.com, Women's Tennis Association, 10 settembre 2021.
  9. ^ Indian Wells: wild card per Raducanu, su ubitennis.com, 29 settembre 2021.
  10. ^ (EN) Raz Mirza, Emma Raducanu: US Open champion grinds out maiden WTA Tour win at Transylvania Open in Cluj, su skysports.com, Sky Sports, 26 ottobre 2021.
  11. ^ (EN) The London Gazette, n. 63571, 1º gennaio 2022, p. N23. URL consultato il 28 gennaio 2022.
  12. ^ (EN) New Year Honours 2022: Jason Kenny receives a knighthood and Laura Kenny made a dame, su bbc.com, 31 dicembre 2021. URL consultato il 28 gennaio 2022.

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN3168163159956101640004 · GND (DE1240974442