Apri il menu principale

L'emphlora è la patata OGM creata dal colosso industriale nel campo chimico BASF. Il vegetale soprannominato "superpatata" è stato oggetto di numerosi discussioni all'interno dell'Unione europea. Il tubero non dovrebbe entrare nella catena alimentare, ma sarebbe destinato alle industrie ed utilizzato per la produzione di amido. Nella patata geneticamente modificata il contenuto di amilopectina arriva al 100%. L'amilopectina, grazie alla sua particolare struttura di zucchero ramificato, trova largo impiego nell'industria come addensante. La patata Amflora non è destinata al consumo umano ma è stato creata per avere in quantità questa componente dell'amido che sarà utilizzata nella produzione di carta e cemento, e persino nell'industria estrattiva. Poi, una volta estratto l'amido, la polpa del tubero finirà come mangime per gli animali.[1]

NoteModifica