Emre Can

calciatore tedesco
Emre Can
Germany VS. Cameroon (3) (cropped).jpg
Can in azione con la nazionale tedesca nella Confederations Cup 2017
Nazionalità Germania Germania
Altezza 184 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Borussia Dortmund
Carriera
Giovanili
2000-2006Yellow and Blue Flag.svg SV Blau-Gelb Frankfurt
2006-2009Eintracht Francoforte
2009-2011Bayern Monaco
Squadre di club1
2011-2013Bayern Monaco II31 (3)
2012-2013Bayern Monaco4 (1)
2013-2014Bayer Leverkusen29 (3)
2014-2018Liverpool115 (10)
2018-2020Juventus37 (4)
2020-Borussia Dortmund12 (2)
Nazionale
2009Germania Germania U-151 (0)
2009-2010Germania Germania U-168 (2)
2010-2011Germania Germania U-1723 (3)
2012-2013Germania Germania U-195 (0)
2013-2015Germania Germania U-2113 (1)
2015-Germania Germania27 (1)
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Bronzo Francia 2016
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Bronzo Repubblica Ceca 2015
Transparent.png Confederations Cup
Oro Russia 2017
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 6 settembre 2020

Emre Can (IPA: /ˈɛmrɛ ˈd͡ʒɑn/; Francoforte sul Meno, 12 gennaio 1994) è un calciatore tedesco di origine turca, centrocampista del Borussia Dortmund e della nazionale tedesca.

Caratteristiche tecnicheModifica

Centrocampista combattivo, gioca come mezzala,[1] e fa della forza fisica e della cattiveria agonistica i suoi maggiori punti di forza. In possesso di una buona tecnica individuale, è bravo nel partecipare alla manovra e nella fase difensiva.[1][2][3] Dispone di una buona progressione,[4] e grazie alla sua duttilità tattica può ricoprire più ruoli del centrocampo[1][3][4] e, all'occorrenza, può essere schierato anche come difensore centrale o terzino.[1][3][4] È anche un buon tiratore da fuori area,[1] oltre a essere bravo in pressing,[3] nei contrasti[1] e a recuperare palloni.[3]

CarrieraModifica

ClubModifica

Bayern MonacoModifica

Dopo avere giocato nel settore giovanile dell'Eintracht Francoforte,[2] nel 2009 passa al Bayern Monaco. Esordisce in prima squadra nella vittoriosa DFL-Supercup del 2012. Esordisce in campionato il 13 aprile 2013, nella sfida della 26ª giornata di Bundesliga giocata all'Allianz Arena contro il Norimberga e vinta per 4-0. Nella stessa stagione gioca anche altre tre partite di campionato, con un gol segnato, e due gare nella coppa nazionale.

Il 6 aprile 2013, con ben sei giornate di anticipo rispetto alla fine del campionato, vince il suo primo titolo di Bundesliga.[5] Il 25 maggio 2013 vince la Champions League, grazie alla vittoria per 2-1 nella finale contro il Borussia Dortmund.[6] Il 1º giugno 2013 vince anche la Coppa di Germania, ottenendo con la compagine bavarese uno storico treble.[7]

Bayer LeverkusenModifica

Il 2 agosto 2013 si lega al Bayer Leverkusen, con diritto di controriscatto a favore della società bavarese.[8] La prima presenza con la nuova squadra la trova nella partita persa per 2-0 sul campo dello Schalke 04. Il primo gol arriva il 26 ottobre 2013, nella partita vinta 2-1 contro l'Augusta. Conclude la sua unica stagione a Leverkusen con 39 presenze e 4 gol.

LiverpoolModifica

 
Can al Liverpool nel 2014

Il 5 giugno 2014 viene acquistato dagli inglesi del Liverpool per circa 15 milioni di euro.[9] La prima presenza con la maglia dei Reds giunge con la sconfitta per 3-1 sul campo del Manchester City, mentre l'8 novembre 2014 arriva il primo gol inglese per lui, nella sconfitta interna contro il Chelsea. Dopo un primo periodo in cui è spesso relegato in panchina, scala le gerarchie del tecnico Brendan Rodgers divenendo tra gli inamovibili della squadra titolare. Conclude la sua prima stagione in Inghilterra con 40 presenze e 1 gol.

Nella stagione successiva, nonostante il cambio di tecnico, da Rodgers a Jürgen Klopp, mantiene il posto da titolare. Il primo gol in Premier League lo trova nella vittoria esterna per 6-0 contro l'Aston Villa, mentre nella fase a gironi dell'Europa League trova il primo gol in campo continentale, nella partita pareggiata 1-1 in casa del Rubin Kazan'. Conclude la sua seconda stagione a Liverpool con 49 presenze e 2 gol.

Esordisce nell'annata 2016-2017 con la vittoria per 4-3 sul campo dell'Arsenal. Realizza il primo gol stagionale il 29 ottobre 2016, nella partita vinta 4-2 sul terreno del Crystal Palace. Il 6 novembre 2016 trova il secondo gol stagionale, e secondo consecutivo in campionato, nella goleada 6-1 ad Anfield ai danni del Watford, valevole per il momentaneo primo posto in classifica. Il 19 novembre, giocando la partita pareggiata 0-0 sul campo del Southampton, raggiunge quota 100 presenze con la maglia dei Reds.

JuventusModifica

In scadenza di contratto con il Liverpool, il 21 giugno 2018 si trasferisce a parametro zero agli italiani della Juventus.[10] Esordisce in maglia bianconera il successivo 18 agosto, nella vittoriosa trasferta di Serie A contro il Chievo (3-2), subentrando allo scadere al connazionale Khedira.[11] Il suo impatto con la realtà torinese subisce tuttavia un brusco stop in ottobre, quando è costretto a operarsi per un nodulo tiroideo benigno, rimanendo temporaneamente lontano dall'attività agonistica fino al termine dell'anno.[12] Una volta ristabilitosi, ancora contro i succitati clivensi trova, il 21 gennaio 2019, la prima rete di marca juventina, siglando il raddoppio nel vittorioso incontro casalingo di campionato (3-0).[13] Nel frattempo, cinque giorni prima aveva vinto la sua prima Supercoppa italiana, a Gedda contro il Milan (1-0), match in cui il tedesco subentra a Pjanic nella ripresa. Segna 4 reti complessive nella sua prima stagione juventina, di cui una nel vittorioso big match esterno contro il Napoli (2-1),[14] vincendo a fine campionato il suo primo scudetto.

L'avvio della stagione successiva è più complicato per Can, causa l'avvicendamento tecnico tra Massimiliano Allegri e il nuovo allenatore Maurizio Sarri, il quale impiega il giocatore con minore frequenza.[15]

Borussia DortmundModifica

Il 31 gennaio 2020 passa al Borussia Dortmund in prestito oneroso di un milione di euro.[16] Debutta con i gialloneri il successivo l'8 febbraio, andando in gol nella partita di Bundesliga persa 4-3 contro il Bayer Leverkusen.[17] Il successivo 18 febbraio la squadra tedesca esercita l'obbligo di riscatto, acquisendo il centrocampista a titolo definitivo per 25 milioni di euro.[18]

NazionaleModifica

Come capitano della nazionale tedesca Under-17, nel 2011 ha guidato la squadra alla conquista del terzo posto nel campionato mondiale di categoria, vincendo sei delle sette partite del torneo e venendo battuti solo in semifinale dai futuri vincitori del Messico per 3-2: in quella partita Can segnò il suo unico gol della competizione. In questa fase, nonostante le sue origine turche e quindi la possibilità di optare anche per la nazionale turca, Can ha dichiarato di volere proseguire il suo percorso nazionale nelle file tedesche.[19]

Esordisce con la nazionale maggiore il 4 settembre 2015, nella sua città natale di Francoforte sul Meno, giocando tutti i 90' in un match valido per le qualificazioni al campionato d'Europa 2016 contro la Polonia; nell'estate seguente viene convocato per la fase finale della competizione in Francia,[20] scendendo in campo in occasione della semifinale giocata contro i padroni di casa. A causa di un infortunio alla schiena, non viene convocato per il campionato del mondo 2018 in Russia,[21] venendo comunque riconfermato nella rosa tedesca una volta ristabilitosi.

Il 13 ottobre 2019, in occasione della vittoria 3-0 a Tallinn contro l'Estonia e valevole per le qualificazioni al campionato d'Europa 2020, viene espulso dopo soli 14': è il cartellino rosso più veloce nella storia della Germania[22] e, in generale, il più precoce in una gara di qualificazione a un campionato d'Europa da quello dell'olandese Edgar Davids nel 2003.[23]

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Statistiche aggiornate al 20 giugno 2020.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2011-2012   Bayern Monaco II RLS 17 1 - - - - - - - - - 17 1
2012-2013 RLB 14 2 - - - - - - - - - 14 2
Totale Bayern Monaco II 31 3 - - - - - - 31 3
2012-2013   Bayern Monaco BL 4 1 CG 2 0 UCL 0 0 SG 1 0 7 1
2013-2014   Bayer Leverkusen BL 29 3 CG 3 1 UCL 7 0 - - - 39 4
2014-2015   Liverpool PL 27 1 FACup+CdL 6+3 0 UCL+UEL 2+2 0 - - - 40 1
2015-2016 PL 30 1 FACup+CdL 0+5 0 UEL 14 1 - - - 49 2
2016-2017 PL 32 5 FACup+CdL 6+2 0 - - - - - - 40 5
2017-2018 PL 26 3 FACup+CdL 2+0 0 UCL 10[24] 3[25] - - - 38 6
Totale Liverpool 115 10 24 0 28 4 - - 167 14
2018-2019   Juventus A 29 4 CI 1 0 UCL 6 0 SI 1 0 37 4
2019-gen. 2020 A 8 0 CI 0 0 UCL[26] - - SI 0 0 8 0
Totale Juventus 37 4 1 0 6 0 1 0 45 4
gen.-giu. 2020   Borussia Dortmund BL 12 2 CG 1 0 UCL 2 0 - - - 15 2
Totale carriera 224 22 30 1 43 4 2 0 303 27

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Germania
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
4-9-2015 Francoforte Germania   3 – 1   Polonia Qual. Euro 2016 -
7-9-2015 Glasgow Scozia   2 – 3   Germania Qual. Euro 2016 -
13-11-2015 Saint-Denis Francia   2 – 0   Germania Amichevole -   33’
26-3-2016 Berlino Germania   2 – 3   Inghilterra Amichevole -   39’
29-3-2016 Monaco di Baviera Germania   4 – 1   Italia Amichevole -   68’
4-6-2016 Gelsenkirchen Germania   2 – 0   Ungheria Amichevole -   46’
7-7-2016 Marsiglia Germania   0 – 2   Francia Euro 2016 - Semifinale -   36’ -   67’
22-3-2017 Dortmund Germania   1 – 0   Inghilterra Amichevole -   66’
6-6-2017 Brøndby Danimarca   1 – 1   Germania Amichevole -   58’
10-6-2017 Norimberga Germania   7 – 0   San Marino Qual. Mondiali 2018 -
19-6-2017 Soči Australia   2 – 3   Germania Conf. Cup 2017 - 1º turno -   78’
22-6-2017 Kazan' Germania   1 – 1   Cile Conf. Cup 2017 - 1º turno -
25-6-2017 Soči Germania   3 – 1   Camerun Conf. Cup 2017 - 1º turno -
29-6-2017 Soči Germania   4 – 1   Messico Conf. Cup 2017 - Semifinale -   67’ -   72’
2-7-2017 San Pietroburgo Cile   0 – 1   Germania Conf. Cup 2017 - Finale -   79’ -   90’
1-9-2017 Praga Rep. Ceca   1 – 2   Germania Qual. Mondiali 2018 -   79’
5-10-2017 Belfast Irlanda del Nord   1 – 3   Germania Qual. Mondiali 2018 -   66’
8-10-2017 Kaiserslautern Germania   5 – 1   Azerbaigian Qual. Mondiali 2018 1
10-11-2017 Londra Inghilterra   1 – 1   Germania Amichevole -   67’
14-11-2017 Colonia Germania   2 – 2   Francia Amichevole -   83’
13-10-2018 Amsterdam Paesi Bassi   3 – 0   Germania UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -   57’
9-9-2019 Belfast Irlanda del Nord   0 – 2   Germania Qual. Euro 2020 -   85’
9-10-2019 Dortmund Germania   2 – 2   Argentina Amichevole -
13-10-2019 Tallinn Estonia   0 – 3   Germania Qual. Euro 2020 -   14’
19-11-2019 Francoforte sul Meno Germania   6 – 1   Irlanda del Nord Qual. Euro 2020 -
3-9-2020 Stoccarda Germania   1 – 1   Spagna UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -
6-9-2020 Basilea Svizzera   1 – 1   Germania UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -   78’
Totale Presenze 27 Reti 1

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Bayern Monaco: 2012
Bayern Monaco: 2012-2013
Bayern Monaco: 2012-2013
Juventus: 2018-2019
Juventus: 2018

Competizioni internazionaliModifica

Bayern Monaco: 2012-2013

NazionaleModifica

Russia 2017

IndividualeModifica

2015-2016

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Marco D'Ottavi, Come distinguere Sami Khedira da Emre Can, su ultimouomo.com, 17 dicembre 2018.
  2. ^ a b Fabio Barcellona, Chi è davvero Emre Can, su ultimouomo.com, 12 gennaio 2018.
  3. ^ a b c d e Charles Onwuakpa, Quale futuro per Emre Can?, su ultimouomo.com, 12 luglio 2019.
  4. ^ a b c Jacopo Gerna, Juve, Emre Can è giovane, completo e gioca in 4 ruoli. Così aiuterà Allegri, su gazzetta.it, 13 gennaio 2018.
  5. ^ Bayern campione di Germania con 6 turni d'anticipo: è il trionfo numero 23, su gazzetta.it, 6 aprile 2013. URL consultato il 22 maggio 2015.
  6. ^ Borussia-Bayern 1-2, festa con Robben sul filo di lana, su gazzetta.it, 25 maggio 2013. URL consultato il 22 maggio 2015.
  7. ^ Bayern nella storia: tripletta. Vince anche la Coppa di Germania, su gazzetta.it, 1º giugno 2013. URL consultato il 22 maggio 2015.
  8. ^ (DE) Can kickt für Leverkusen - für mindestens zwei Jahre, su kicker.de, 2 agosto 2013. URL consultato il 22 maggio 2015.
  9. ^ Liverpool, Emre Can è il secondo acquisto, su gazzetta.it, 5 giugno 2015. URL consultato il 22 maggio 2015.
  10. ^ Ufficiale: Emre Can è bianconero!, su juventus.com, 21 giugno 2018. URL consultato il 21 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2018).
  11. ^ Mattia Fontana, Bernardeschi al 93' salva il debutto di Cristiano Ronaldo: la Juventus vince 3-2 al Bentegodi, su it.eurosport.com, 18 agosto 2018.
  12. ^ Emre Can operato alla tiroide. La Juve: "Intervento riuscito", su sport.sky.it, 29 ottobre 2018.
  13. ^ Emre Can: «Avremmo potuto segnare più gol», su juventus.com, 21 gennaio 2019.
  14. ^ Fabiana Della Valle, Napoli-Juventus 1-2: gol di Pjanic, Emre Can e Callejon. Insigne sbaglia il rigore del pari, su gazzetta.it, 3 marzo 2019.
  15. ^ Juventus, Emre Can: 'Non sono felice, ho giocato poco. Ma continuo a lavorare', su sport.sky.it, 18 novembre 2019.
  16. ^ Grazie di tutto, Emre!, su juventus.com, 31 gennaio 2020. URL consultato il 31 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2020).
  17. ^ Emre Can, che debutto: splendido gol, ma il Dortmund perde 4-3 a Leverkusen. E Piatek..., su gazzetta.it, 8 febbraio 2020.
  18. ^ Emre Can ceduto a titolo definitivo al Borussia Dortmund, su juventus.com, 18 febbraio 2020.
  19. ^ (DE) Emre Can: Ich will für Deutschland spielen, su tz.de, 14 luglio 2011. URL consultato il 22 maggio 2015.
  20. ^ (DE) Löw streicht Bellarabi, Brandt, Reus und Rudy, su dfb.de, 31 maggio 2016. URL consultato il 20 luglio 2017.
  21. ^ (EN) Emre Can out of Germany's provisional World Cup squad, su skysports.com. URL consultato il 21 giugno 2018.
  22. ^ Matteo Pierelli, La Germania porta male a Emre Can: espulsione record, su gazzetta.it, 13 ottobre 2019.
  23. ^ Estonia-Germania, Emre Can espulso al 14': tedeschi in 10, su goal.com, 13 ottobre 2019.
  24. ^ 2 presenze nei turni preliminari.
  25. ^ 2 reti nei turni preliminari.
  26. ^ Non inserito in lista UEFA.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica