Ennemondo di Lione

vescovo francese
Sant'Ennemondo di Lione

Vescovo e martire

 
Venerato daChiesa cattolica
Ricorrenza28 settembre

Ennemondo, o Annemondo (... – 659), fu vescovo di Lione tra il 652 e il 659 circa.

Morì assassinato per ordine di Ebroino e il suo nome è tra quello dei santi celebrati nel Martirologio romano al 28 settembre.

Cenni biograficiModifica

Figlio di Sigone, prefetto di Lione, crebbe alla corte di Dagoberto I. Attorno al 652 fu eletto vescovo di Lione e fu consigliere di Clodoveo II, figlio di Dagoberto.

Vilfrido, poi vescovo di York, fu suo discepolo e ricevette da lui la tonsura.

Dopo la morte di Clodoveo II, durante la reggenza di Batilde, fu fatto assassinare dal maggiordomo di palazzo Ebroino attorno al 659.

CultoModifica

È venerato come martire e il suo elogio si legge nel Martirologio romano al 28 settembre:

«A Lione in Francia, sant’Annemondo, vescovo e martire.»

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN84482022 · WorldCat Identities (ENviaf-84482022