Apri il menu principale

Enrico Calcaterra

hockeista su ghiaccio e dirigente sportivo italiano
Enrico Calcaterra
Nazionalità Italia Italia
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Ruolo Portiere
Presa Destro
Ritirato 1938
Hall of fame IIHF Hall of Fame (1999)
Carriera
Periodo Squadra PG G A Pt
Squadre di club0
1924-1937 HC Milano ? 0 0 0
1937-1938 AMDG Milano ? 0 0 0
Nazionale
1926-1936 Italia Italia 32 0 0 0
0 Dati relativi al campionato e ai playoff.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 24 novembre 2015

Enrico Calcaterra (Milano, 1º gennaio 19058 giugno 1994) è stato un hockeista su ghiaccio e dirigente sportivo italiano.

Indice

CarrieraModifica

Calcaterra si avvicinò all'hockey su ghiaccio grazie all'italo-canadese Frank Roncarelli, marito della cugina.[1] Entrambi furono tra i fondatori dell'HC Milano.[2]

Con la maglia rossoblu disputò tutti i campionati dal primo, giocato nel 1925, al campionato 1936-1937 (la squadra aveva cambiato nome in ADG Milano nel 1935).[3]

Nella stagione 1937-1938 la federazione aveva imposto la fusione fra le due squadre di Milano, ADG Milano e Diavoli Rossoneri Milano, e Calcaterra si trovò a difendere la gabbia della nuova squadra, l'AMDG Milano, per quella che sarebbe stata la sua ultima stagione giocata.[3]

Con la nazionale azzurra scese in campo 32 volte, disputando due edizioni del campionato europeo (1926 e 1929), a quattro dei mondiali (1930, 1933, 1934 e 1935) e ad una dei Giochi Olimpici Invernali (Garmisch-Partenkirchen 1936).[3][4]

Dopo la Seconda Guerra Mondiale è stato presidente della Federazione Italiana Hockey su Ghiaccio (1946-1952). Nel 1952 la FIHG e la Federazione Italiana Pattinaggio su Ghiaccio furono fuse nella Federazione Italiana Sport del Ghiaccio, di cui Calcaterra fu il secondo presidente (1960-1972), dopo Remo Vigorelli.[5][6]

Dal 1933 al 1968, inoltre, fu il rappresentante italiano in seno all'federazione internazionale di hockey su ghiaccio, da membro del CONI.[3][7]

È scomparso nel 1994. Cinque anni dopo fu inserito, primo italiano, nella IIHF Hall of Fame, nella categoria Builder.[3][7][8]

PalmarèsModifica

HC Milano: 1925, 1926, 1927, 1930, 1931, 1933, 1934
ADG Milano: 1937
AMDG Milano: 1938

NoteModifica

  1. ^ Barbara Messina, Il semiprofessionismo nella F. I. S. G., Lulu.com, 2009, pp. 17-18, ISBN 978-1445203553. URL consultato il 24 novembre 2011.
  2. ^ Storia del Milano - Gli anni '20, su storiadelmilano.com. URL consultato il 24 novembre 2011 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2011).
  3. ^ a b c d e Enrico Calcaterra, su storiadelmilano.com. URL consultato il 24 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 24 novembre 2015).
  4. ^ Federazione Italiana Sport Ghiaccio - Hockey su ghiaccio - Nazionale italiana maschile - Dal 1924 al 1942 (PDF), su hockey.fisg.it. URL consultato il 24 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2006).
  5. ^ La storia della FISG, CONI.it. URL consultato il 24 novembre 2015.
  6. ^ Il successo nasce dall’idealismo e dall’impegno di tutti, su fisg.it, 9 settembre 2014. URL consultato il 24 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 25 novembre 2015).
  7. ^ a b (EN) Enrico Calcaterra, su legendsofhockey.net. URL consultato il 24 novembre 2015.
  8. ^ (EN) IIHF Hall of Fame, su iihf.com. URL consultato il 24 novembre 2015.

Collegamenti esterniModifica