Enrico II di Navarra

politico spagnolo
Enrico II di Navarra
Henry II of Navarre by L.Limosin (Musee Conde).jpg
Enrico II di Navarra ritratto da Léonard Limosin nel XVI secolo, Museo Condé, Castello di Chantilly
Re di Navarra[1]
Stemma
In carica 12 febbraio 1517 –
25 maggio 1555
Predecessore Caterina
Successore Giovanna III con Antonio
Altri titoli Conte di Foix e Bigorre
Visconte di Béarn e di Marsan
Duca di Nemours e di Montblanc
Nascita Sangüesa, 18 aprile 1503
Morte Hagetmau en Béarn, 25 maggio 1555
Luogo di sepoltura Cattedrale di Notre-Dame, Lescar
Casa reale Albret
Padre Giovanni III di Navarra
Madre Caterina di Navarra
Consorte Margherita di Valois-Angoulême
Figli Giovanna
Giovanni
Religione Cattolicesimo[2]

Enrico d'Albret (Sangüesa, 18 aprile 1503Hagetmau en Béarn, 25 maggio 1555) fu Re di Navarra dal 1517 alla sua morte.

Origini familiariModifica

Era figlio secondogenito[3] di Caterina di Foix-Béarn[4], regina di Navarra, contessa di Foix e del Béarn, e di Giovanni d'Albret[5], conte di Périgord, visconte di Limoges e re consorte di Navarra.[6][7][8][9][10]

BiografiaModifica

Alla morte del padre, nel 1516, divenne l'erede della signoria d'Albret[6]. Alla morte della madre, nel 1517, Enrico ereditò i titoli di re di Navarra e conte di Foix e Bigorre e visconte del Béarn, Nébouzan, Villemeur e Lautrec[6].

Nel corso del 1520, riuscì a riconquistare buona parte del regno di Navarra[6], che, nel 1515, era stato annesso al regno di Spagna. Fu però una conquista di breve durata[6], in quanto il nuovo re di Spagna, Carlo I (l'Imperatore del Sacro Romano Impero, Carlo V), lo respinse al di là dei Pirenei. Alla morte del nonno, Alain I d'Albret, nel 1522, Enrico divenne signore d'Albret conte di Gâvres e di Castres e visconte di Tartas[11].

Enrico fu tra i cavalieri che accompagnarono il re di Francia, Francesco I, nella campagna d'Italia, dove si distinse, guadagnandosi la reputazione di audace e coraggioso cavaliere[11], che, nel 1525, fu fatto prigioniero, assieme al suo re, alla battaglia di Pavia[11] e che dalla prigionia riuscì a fuggire in modo spettacolare[11].

 Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Pavia (1525).

Nel 1527, divenne il secondo marito della sorella di Francesco I, Margherita d'Angoulême (1492-1549).
Il 3 gennaio fu stipulato il contratto e il 24 gennaio, a Saint-Germain-en-Laye, fu celebrato il matrimonio tra Enrico e la duchessa d'Alençon, contessa di Perche e contessa d'Armagnac, Fénezac e Rodez, Margherita d'Angoulême, figlia di Carlo di Valois, conte di Angoulême, e di Luisa di Savoia[6]. Margherita era vedova di Carlo IV di Alençon[6], da cui Margherita aveva ereditato tutti i suoi titoli.

Dopo il matrimonio con Margherita d'Angoulême, Enrico visse quasi sempre alla corte di Francesco I di Francia, con cui continuò a collaborare[11]. Francesco I lo ricompensò riconoscendogli i titoli di Conte del Périgord e del Rodez e visconte di Limoges[11].

Enrico, per tutta la vita, continuò, con l'aiuto del cognato Francesco I, a combattere il re di Spagna, Carlo I (l'Imperatore del Sacro Romano Impero, Carlo V)[11]. Enrico morì a Hagetmau en Béarn, Landes, il 29 maggio 1555 e fu tumulato nella cattedrale di Lescar[6].
A Enrico successe la figlia Giovanna[6].

DiscendenzaModifica

Enrico da Margherita di Valois-Angoulême ebbe due figli:[6][7][8][11]

  • Giovanna (1528 - 1572), regina di Navarra, che ereditò i possedimenti dei genitori;
  • Giovanni (dopo il 1530 -morto giovane).

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Giovanni I d'Albret Carlo II d'Albret  
 
Anna d'Armagnac  
Alain I d'Albret  
Catherine de Rohan Alain IX de Rohan  
 
Margherita di Bretagna  
Giovanni III di Navarra  
Guillaume de Châtillon de Blois Jean I de Châtillon  
 
Marguerite de Clisson  
Françoise de Châtillon  
Isabelle de La Tour d'Auvergne Bertrand V de La Tour d'Auvergne  
 
Jacquette Du Peschin  
Enrico II di Navarra  
Gastone IV di Foix Giovanni I di Foix  
 
Giovanna di Navarra  
Gastone di Foix-Navarra  
Eleonora di Navarra Giovanni II d'Aragona  
 
Bianca I di Navarra  
Caterina di Navarra  
Carlo VII di Francia Carlo VI di Francia  
 
Isabella di Baviera  
Maddalena di Valois  
Maria d'Angiò Luigi II d'Angiò  
 
Iolanda di Aragona  
 

NoteModifica

  1. ^ de facto Re di Alta Navarra, poiché la Bassa Navarra era stata annessa alla Corona di Castiglia.
  2. ^ Mostrò tuttavia interesse per il calvinismo.
  3. ^ In effetti fu investito dalla nascita del titolo di principe di Viana, in quanto il fratello primogenito era morto da alcuni giorni.
  4. ^ Caterina di Foix-Béarn era la figlia secondogenita di Gastone di Foix-Navarra, visconte di Castelbon, principe di Viana de jure e futuro luogotenente del regno di Navarra e di Maddalena di Francia, sorella del re di Francia, Luigi XI.
  5. ^ Giovanni d'Albret era il figlio maschio quartogenito del signore d'Albret conte di Gâvres e di Castres e visconte di Tartas, Alain I d'Albret e della Contessa del Périgord, viscontessa di Limoges e signora d'Avesnes e di Châlus, Françoise de Châtillon (?-1481), figlia del conte di Penthièvre, visconte di Limoges e signore di Payzac, Guglielmo di Châtillon-Blois e di Isabella de la Tour d´Auvergne.
  6. ^ a b c d e f g h i j (EN) Reali di Navarra
  7. ^ a b (EN) Casa di Albret- genealogy
  8. ^ a b (EN) Enrico II di Navarra PEDIGREE
  9. ^ (DE) Giovanni III di Navarra genealogie mittelalter Archiviato il 13 agosto 2004 in Internet Archive.
  10. ^ (DE) Caterina di Navarra genealogie mittelalter Archiviato il 13 agosto 2004 in Internet Archive.
  11. ^ a b c d e f g h (DE) Enrico II di Navarra genealogie mittelalter Archiviato il 13 agosto 2004 in Internet Archive.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN44408465 · ISNI (EN0000 0001 2279 1446 · LCCN (ENn87137946 · GND (DE132311151 · BNF (FRcb12527257x (data) · BAV (EN495/182515 · CERL cnp00866095 · WorldCat Identities (ENlccn-n87137946