Apri il menu principale
Enrico I
Siège d’Acre.png
Assedio di San Giovanni d'Acri (1189-1191)
Conte di Bar
In carica 1170 - 1190
Predecessore Rinaldo II
Successore Teobaldo I
Nome completo Enrico di Bar
Nascita 1158 circa
Morte San Giovanni d'Acri, 1190
Padre Rinaldo II
Madre Agnese di Blois o di Champagne
Religione cattolica

Enrico I di Bar o di Mousson in francese Henri Ier de Bar (1158 circa – San Giovanni d'Acri, 1190), fu Conte di Bar, di Mousson, dal 1170 alla sua morte.

Indice

OrigineModifica

Sia secondo la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium , che secondo la Genealogica ex Stirpe Sancti Arnulfi descendentium Mettensis, Enrico era il figlio primogenito del Conte di Bar, di Mousson, Rinaldo II e della moglie, Agnese di Blois o di Champagne[1][2], che era la figlia femmina secondogenita[3] del conte di Blois, di Chartres e di Châteaudun, Provins, signore di Sancerre e Amboise (Tebaldo IV), e poi conte di Conte di Champagne (conte di Troyes e conte di Meaux Tebaldo II), Tebaldo (filia comitis Campanie)[4] e della moglie, che sempre secondo la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium era Matilde di Carinzia[5] ( ca. 1106; † 1160) del Casato degli Sponheim, figlia del Margravio d'Istria, duca di Carinzia e reggente della Marca di Verona, Enghelberto[6] e di Uta di Passau.
Secondo la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium Rinaldo II di Bar era il figlio maschio secondogenito[7] del Conte di Bar, di Mousson, Rinaldo I[8], e della sua seconda moglie, Gisela di Vaudémont, figlia di Gerardo I, Conte di Vaudémont e della sua seconda moglie Heilwig von Egisheim, nipote di papa Leone IX[9].

BiografiaModifica

Molto probabilmente alla nascita gli fu imposto il nome di Giacomo, ma poi fu chiamato, Enrico[10].

Suo padre, Rinaldo II morì il 25 luglio[11]/25 Novembre[12] 1170; la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium riporta che morì il giorno della festività di San Lorenzo[13] del 1170 (in festo sancti Laurentii mortus est comes Barri iunior Raynaldus)[1]; secondo gli Obituaires de la province de Sens. Tome 2, Rinaldo (Rainaldus comes Barrensis pater Rainaldi Carnotensis episcopi) morì il, 26 luglio (VII Kal Aug)[14]. Sempre secondo la Chronica Albrici Monachi Trium Fontium fu sepolto nell'Abbazia di Saint-Mihiel[15].
Alla morte di Rinaldo II, Enrico, il figlio primogenito, gli succedette come Enrico I, Conte di Bar, di Mousson; essendo Enrico ancora minorenne la madre, Agnese di Blois o di Champagne, per circa quattro anni ebbe la reggenza delle contee.

Enrico governò direttamente le sue contee dal 1174, come si può notare da un documento di quegli anni inerente una donazione[10].

Enrico partecipò alla terza crociata, e morì all'Assedio di San Giovanni d'Acri (1189-1191)[10]; infatti secondo lettera n° CCCXLVI delle Epistolæ Cantuarienses, il suo nome viene riportato tra coloro che morirono nel 1190 a San Giovanni d'Acri, come la regina di Gerusalemme, Sibilla, Stefano I di Sancerre, Ranulf de Glanvill ed altri[16], a seguito delle ferite riportate in combattimento.
Dopo la morte di Enrico I, essendo quest'ultimo privo di discendenza[2], gli succedette il fratello Teobaldo, come Teobaldo I, Conte di Bar, di Mousson[2].

DiscendenzaModifica

Di Enrico non si conosce alcuna discendenza, né si conosce il nome di una eventuale moglie[10][17]; anche la Genealogica ex Stirpe Sancti Arnulfi descendentium Mettensis conferma che Enrico morì senza alcuna discendenza[18].

NoteModifica

  1. ^ a b (LA) Monumenta germanica Historica, tomus XXIII; Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1170, Pag 853
  2. ^ a b c (LA) Monumenta germanica Historica, tomus XXV; Genealogica ex Stirpe Sancti Arnulfi descendentium Mettensis, par. 3, Pag 383
  3. ^ (LA) Monumenta germanica Historica, tomus XXIII; Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1152, Pag 841
  4. ^ (LA) Monumenta germanica Historica, tomus XXV; Genealogica ex Stirpe Sancti Arnulfi descendentium Mettensis, par. 3, Pag 383, nota 8
  5. ^ (LA) #ES Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus XXIII, Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1150, pag 840
  6. ^ (LA) #ES Monumenta Germaniae Historica, Scriptores, tomus XXIII, Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1126, pag 826
  7. ^ (LA) Monumenta germanica Historica, tomus XXIII; Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1141, Pag 836
  8. ^ (LA) Monumenta germanica Historica, tomus XXIII; Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1158, Pag 844
  9. ^ (LA) Monumenta germanica Historica, tomus XXIII; Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1070, Pag 797
  10. ^ a b c d (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy : COMTES de BAR - JACQUES (Henri) de Bar
  11. ^ (EN) #ES Genealogy : Bar 1 - Reinald II
  12. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy : COMTES de BAR - RENAUD de Bar
  13. ^ Ai nostri giorni sarebbe il 10 agosto
  14. ^ (LA) Obituaires de Sens Tome II, Eglise cathédrale de Chartres, Pag 192, 26 jul
  15. ^ (LA) Monumenta germanica Historica, tomus XXIII; Chronica Albrici Monachi Trium Fontium, anno 1214, Pag 899
  16. ^ (LA) Epistolae cantuarienses: the letters of the prior and convent of Christ Church, Canterbury, lettera n° CCCXLVI, pagine 329
  17. ^ (EN) #ES Genealogy : Bar 1 - Henry I
  18. ^ (LA) Monumenta germanica Historica, tomus XXV; Genealogica ex Stirpe Sancti Arnulfi descendentium Mettensis, par. 3, Pag 383, nota 12

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica