Apri il menu principale

Con il termine Envers (pron. alla francese, Anvèr; in italiano «inverso» o «rovescio») in Valle d'Aosta s'intende la destra orografica della valle centrale, solcata dalla Dora Baltea: vista la disposizione Ovest-Est della valle, l'Envers è il versante a sud.

In francese lo stesso concetto viene espresso anche dal termine ubac, termine franco-provenzale derivante dall'aggettivo latino "opacus", con il senso di opaco, oscuro o in ombra.

La definizione si contrappone a quella di Adret, ovvero la sinistra orografica della valle centrale.

Indice

CaratteristicheModifica

 
Anche il versante esposto a nord della Valsusa (sulla sinistra nella foto), ricoperto di estesissimi boschi, si contrappone al versante opposto, dove fino a quote relativamente alte viene praticata la viticoltura.

Il termine envers in francese significa inverso o rovescio: l'envers indica quindi per estensione il versante svantaggiato di una valle, quello meno favorito dall'esposizione al sole e in cui una buona produttività agricola risulta impedita o ridotta. In italiano, le parti esposte a nord si chiamano popolarmente tra gli agricoltori, specie delle regioni orientali dell'Alto e Medio Adriatico anche Bore, dal nome del vento freddo che spira da nord-est.

In alcune zone dei versanti all'envers, i raggi solari colpiscono il terreno con una inclinazione molto bassa arrivando fino a essere paralleli al suolo stesso. Questa bassa inclinazione riduce di molto il potere calorifico del sole e consente in queste aree il permanere della neve sul terreno per un tempo molto maggiore di quello che ci si aspetterebbe considerando solo l'altitudine e le quantità di precipitazioni nevose.[1] Del resto, a parità di precipitazioni l'enver non soffre dei problemi di aridità che hanno a lungo caratterizzato e talvolta caratterizzano l'adret, e che hanno portato nei secoli allo sviluppo del sistema di canali dei ru.[2]

Il termine è connotato anche dalle conseguenze geografiche e climatiche sulla biodiversità: la flora, la fauna e le attività dell'uomo ne vengono influenzate.

Il versante envers è soprattutto occupato dai boschi.

ToponomasticaModifica

Il nome di varie località montane (ad esempio la frazione di Inverso nel comune di Vico Canavese, o il comune di Inverso Pinasca, in Val Chisone, oppure la frazione Envers du Fontenil a Briançon o quella di Revers[3] nel comune di Pré-Saint-Didier nel vallone di La Thuile) devono il loro nome alla collocazione all'inverso della vallata nella quale sono collocate.

ValliModifica

NoteModifica

  1. ^ Regione Autonoma Valle d'Aosta, 4.3 - Caratteristiche climatiche (PDF), in Piano di tutela delle acque, p. 94. URL consultato il 9 maggio 2012.
  2. ^ Enea Fiorentini, I RU valdostani e i sistemi d'irrigazione dell'arco alpino.
  3. ^ Robert Berton, Toponymie valdôtaine: La Thuile - Recherches sur l'origine, la signification et l'évolution des noms des villages, hameaux, écarts, lieux-dits, complétées d'une étude historique et étymologique des oronymes et hydronymes de La Thuile.

Voci correlateModifica

  Portale Valle d'Aosta: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Valle d'Aosta