Eonatator

specie di animale della famiglia Mosasauridae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Eonatator
Eonatator BW.jpg
Ricostruzione di Eonatator sternbergi
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Sauropsida
Ordine Squamata
Sottordine Lacertilia
Famiglia Mosasauridae
Genere Eonatator
Specie
  • E. sternbergi
  • E. coellensis

L'eonatator (gen. Eonatator) è un rettile marino estinto, appartenente ai mosasauri. Visse nel Cretaceo superiore (SantonianoCampaniano, 85 – 75 milioni di anni fa), e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Nordamerica (Kansas, Alabama), Sudamerica (Colombia) e in Svezia.

DescrizioneModifica

Questo animale rappresenta uno dei mosasauri più piccoli. La specie tipo (Eonatator sternbergi) è nota per un esemplare che in vita non doveva superare i 2,6 metri; di poco più grande doveva essere E. coellensis, lunga circa 2,8 - 3 metri e con un cranio di 41 centimetri. La forma del corpo presenta numerosi caratteri primitivi, benché fosse indubbiamente adattato alla vita acquatica. Le zampe, in particolare, richiamano quelle degli antenati varanoidi semiacquatici, come gli aigialosauridi. Il cranio era lungo e sottile, di forma triangolare, e le articolazioni craniche erano molto elastiche. In generale, la forma del corpo era sottile e allungata, e la coda era lunga quasi quanto la misura totale di testa e corpo.

ClassificazioneModifica

Questo animale è considerato uno dei mosasauri più primitivi. Il primo esemplare fossile fu scoperto da Charles H. Sternberg e da suo figlio Levi, e la specie tipo prende il nome da loro. Originariamente questo esemplare fu attribuito al mosasauro Clidastes, e in seguito venne riferito a Halisaurus. Solo nel 2005, dopo un'accurata ridescrizione del materiale, divenne chiaro che la specie Halisaurus sternbergi doveva essere ascritta a un nuovo genere, Eonatator. Questa forma è attualmente considerata il sister group di Halisaurus ed è ritenuta essere uno dei mosasauri più primitivi (il nome significa “nuotatore dell'alba”). Nel 2013 venne descritta un'altra specie, E. coellensis, proveniente dalla Colombia (Pàramo-Fonseca, 2013).

Stile di vitaModifica

È probabile che questo animale non fosse adatto alla vita in mare aperto, che richiedeva maggiori adattamenti scheletrici. Verosimilmente, l'eonatator viveva in acque costiere e basse, dove si cibava di una varietà di prede che dovevano includere pesci e molluschi.

L'esemplare tipo di E. coellensis è notevole perché conserva i resti di tessuti molli nelle zone dell'orecchio, del collo, del torace e della regione addominale. Sotto le vertebre pigali e la diciassettesima vertebra dorsale vi è una serie di 20 piccoli centri vertebrali e un osso appiattito, che insieme misurano 25 centimetri di lunghezza. Queste piccole ossa hanno caratteristiche dei mosasauroidi, con tre vertebre con archi emali e centri procelici, che suggeriscono la possibile appartenenza ad un embrione di questa specie. Potrebbe quindi essere il secondo caso di ovoviviparità riportato nei mosasauroidi, dopo quello di Carsosaurus (Páramo-Fonseca, 2013).

BibliografiaModifica

  • Bardet N, Suberbiola XP, Iarochene M, Bouyahyaoui F, Bouya B, Amaghzaz M. 2005. A new species of Halisaurus from the Late Cretaceous phosphates of Morocco, and the phylogenetical relationships of the Halisaurinae (Squamata: Mosasauridae). Zoological Journal of the Linnean Society 143: 447-472.
  • Lindgren J, Siverson M. 2005. Halisaurus sternbergii, a small mosasaur with an intercontinental distribution. Journal of Paleontology 79 (4): 763–773.
  • Páramo-Fonseca, María E. (2013). "Eonatator coellensis nov. sp. (Squamata: Mosasauridae), nueva especie del Cretácico Superior de Colombia" [Eonatator coellensis nov. sp. (Squamata: Mosasauridae), a new species from the Upper Cretaceous of Colombia] (PDF). Revista de la Academia Colombiana de Ciencias (in Spanish) 37 (145): 499–518.
  • Russell DA. 1970. The vertebrate fauna of the Selma Formation of Alabama. Part VII: The mosasaurs. Fieldiana, Geology Memoirs 3 (7): 369-380.
  • Wiman CJ. 1920. Some reptiles from the Niobrara group in Kansas. Bulletin of the Geological Institute of Uppsala 18: 9-18 (9 figs., pls. II-IV).
  • Wright KR. 1988. A new specimen of Halisaurus platyspondylus (Squamata: Mosasauridae) from the Navesink Formation (Maastrichtian) of New Jersey. Journal of Vertebrate Paleontology 8 (Supplement 3): 29A-30A.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica


  Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili