Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Eosinopteryx
Eosinopteryx.jpg
Intervallo geologico
Giurassico superiore
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Sauropsida
Superordine Dinosauria
Ordine Saurischia
Sottordine Theropoda
Famiglia † Anchiornithidae
Genere Eosinopteryx
Godefroit et al., 2013
Nomenclatura binomiale
† Eosinopteryx brevipenna
Godefroit et al., 2013

Eosinopteryx è un genere estinto di dinosauro teropode vissuto nel Giurassico superiore dell'odierna Cina. Il genere contiene una singola specie, Eosinopteryx brevipenna.[1]

Il nome Eosinopteryx deriva dal greco eos ("alba"), dal latino Sinae ("cinese") e dal greco pteryx ("piuma"). Il nome specifico brevipenna (dal latino brevis, "corto", e penna, "piuma") si riferisce al piumaggio ridotto conservato nell'olotipo, YFGP-T5197.[1]

ClassificazioneModifica

E. brevipenna è noto per un singolo esemplare fossile rinvenuto nella Formazione Tiaojishan della Provincia di Liaoning, in Cina, risalente a circa 160 milioni di anni fa, alla fine del periodo Giurassico (Oxfordiano).[2][3]

Sebbene inizialmente classificato come troodontide,[1] un'analisi filogenetica più completa ha permesso di identificare Eosinopteryx come un primitivo paraviano o un avialae.[4] A seguito di una rivalutazione dell'esemplare di Harlem di Archeopteryx avvenuta nel 2017, Eosinopteryx è risultato essere membro di Anchiornithidae.[5]

DescrizioneModifica

Eosinopteryx brevipenna è noto da un singolo esemplare fossile, uno scheletro quasi completo di un individuo subadulto o adulto. L'esemplare è di dimensioni molto contenute per un dinosauro non avialae, e misura circa 30 cm. A differenza della maggior parte dei troodontidi, il muso era molto corto, più corto del diametro dell'orbita oculare. Le ali avevano circa le stesse dimensioni di quelle dell'affine Anchiornis huxleyi, con le piume delle ali più lunghe dell'omero. Una disposizione insolita delle ossa delle ali avrebbe impedito qualsiasi movimento di volo battuto.

La coda era molto corta rispetto alla maggior parte dei troodontidi e dei dromaeosauridi e, a differenza dei membri di quei gruppi, i piedi e le dita erano molto snelli, privi di artigli particolarmente ricurvi usati per la predazione o l'arrampicata. Insolitamente, la coda dell'unico esemplare noto non mostra segni della presenza di piume complesse, e i tarsi e i piedi sembrano essere privi di piume, a differenza di molte specie imparentate che possiedono "ali posteriori" sulla parte inferiore delle gambe e piedi.[1]

Un ricercatore dell'Università di Southampton ha dichiarato nel 2013 che la scoperta di Eosinopteryx suggerisce "che l'origine del volo era molto più complessa di quanto si pensasse".[6]

NoteModifica

  1. ^ a b c d P. Godefroit, H. Demuynck e G. Dyke, Reduced plumage and flight ability of a new Jurassic paravian theropod from China, in Nature Communications, vol. 4, 2013, pp. 1394, Bibcode:2013NatCo...4E1394G, DOI:10.1038/ncomms2389, PMID 23340434.
  2. ^ D. Hu, L. Hou e L. Zhang, A pre-Archaeopteryx troodontid theropod from China with long feathers on the metatarsus, in Nature, vol. 461, nº 7264, 2009, pp. 640–643, Bibcode:2009Natur.461..640H, DOI:10.1038/nature08322, PMID 19794491.
  3. ^ Liu Y.-Q., Kuang H.-W. e Jiang X.-J., Timing of the earliest known feathered dinosaurs and transitional pterosaurs older than the Jehol Biota, in Palaeogeography, Palaeoclimatology, Palaeoecology, 323–325, 2012, pp. 1–12, DOI:10.1016/j.palaeo.2012.01.017.
  4. ^ U. Lefèvre, D. Hu e F. O. Escuillié, A new long-tailed basal bird from the Lower Cretaceous of north-eastern China, in Biological Journal of the Linnean Society, vol. 113, nº 3, 2014, pp. 790–804, DOI:10.1111/bij.12343.
  5. ^ C. Foth e O.W.M. Rauhut, Re-evaluation of the Haarlem Archaeopteryx and the radiation of maniraptoran theropod dinosaurs, in BMC Evolutionary Biology, vol. 17, nº 1, 2017, p. 236, DOI:10.1186/s12862-017-1076-y, PMID 29197327.
  6. ^ Feathered dinosaur puts theory in doubt, in 3 News NZ, January 25, 2013.

Collegamenti esterniModifica