Episodi di Breaking Bad (terza stagione)

lista di episodi della terza stagione

1leftarrow blue.svgVoce principale: Breaking Bad.

Logo

La terza stagione della serie televisiva Breaking Bad, composta da 13 episodi, è stata originariamente trasmessa dal canale statunitense AMC dal 21 marzo al 13 giugno 2010.

In Italia la terza stagione è stata trasmessa dal 9 luglio al 1º ottobre 2011 su AXN; in chiaro è stata trasmessa su Rai 4 dal 16 novembre al 28 dicembre 2011.

Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
1 No Mas Ora basta 21 marzo 2010 9 luglio 2011
2 Caballo sin Nombre Cavallo senza nome 28 marzo 2010 16 luglio 2011
3 I.F.T. Tradimento 4 aprile 2010 23 luglio 2011
4 Green Light Luce verde 11 aprile 2010 30 luglio 2011
5 Mas Di più 18 aprile 2010 6 agosto 2011
6 Sunset Al tramonto 25 aprile 2010 13 agosto 2011
7 One Minute Un minuto 2 maggio 2010 20 agosto 2011
8 I See You Ti vedo 9 maggio 2010 27 agosto 2011
9 Kafkaesque Atmosfere 16 maggio 2010 3 settembre 2011
10 Fly Caccia grossa 23 maggio 2010 10 settembre 2011
11 Abiquiu Scrupoli 30 maggio 2010 17 settembre 2011
12 Half Measures Mezze misure 6 giugno 2010 24 settembre 2011
13 Full Measure Niente mezze misure 13 giugno 2010 1º ottobre 2011

Ora bastaModifica

TramaModifica

In un minuscolo villaggio in Messico, due misteriosi gemelli ben vestiti avanzano carponi insieme ad abitanti del villaggio verso una specie di santuario dedicato alla dea della morte. Giunti all'interno, uno dei due posiziona vicino alla divinità un disegno raffigurante Heisenberg.

Tutta Albuquerque è sotto shock per l'incidente aereo avvenuto a causa dell'errore del padre di Jane. Walter White, chiaramente disorientato dai vari eventi, dopo essere stato solo a casa nei giorni seguenti al disastro aereo, è costretto a prendere le sue cose e trasferirsi e va a vivere da solo in un appartamento. Intanto sua moglie Skyler si rivolge ad un avvocato per il divorzio, spiegandole che i figli Walter Jr. e la neonata Holly dovranno rimanere con lei; Skyler però appare insicura quando l'avvocato dice che dovrà rivelare tutti i soldi che il marito possiede.

Intanto Jesse Pinkman prosegue la riabilitazione nel centro di recupero dalle droghe, dove impara ad accettarsi e viene incoraggiato a cambiare sè stesso. Nel suo appartamento, Walt riceve un SMS con scritto "POLLOS". A scuola, studenti e insegnanti si riuniscono nella palestra per riflettere sull'incidente aereo. Walt prende la parola e, con eccessiva razionalità, suggerisce a tutti di superare lo shock e guardare il lato positivo della tragedia, che avrebbe potuto fare molte più vittime, e comincia a snocciolare numeri. Trovando queste parole inappropriate, la preside Carmen gli toglie il microfono.

Walter Jr. inizia ad arrabbiarsi con Skyler per il modo in cui tratta Walt, e Marie tenta di farsi raccontare dalla sorella il motivo della separazione, ma senza successo. Skyler si reca da Walt per parlargli della volontà di divorziare, e lo accusa di essere uno spacciatore, vista la grande quantità di denaro che aveva guadagnato per pagarsi le cure. A quel punto Walt ammette di essere produttore di metanfetamina: Skyler chiede quindi di divorziare e in cambio non riferirà a nulla a Hank e al resto della famiglia.

Jesse esce dal centro e viene ospitato da Walt, ma è in depressione perché si sente responsabile per la morte della fidanzata e per l'incidente aereo. Walter, a seguito dei fatti, decide di smettere di cucinare: si reca a Los Pollos Hermanos e lo riferisce a Gus, nonostante questi gli avesse chiesto di produrre ancora per tre mesi dietro un compenso di 3 milioni di dollari. Intanto i due messicani misteriosi, dopo essersi disfatti della loro auto e dei loro distinti vestiti, si mettono in viaggio con un gruppo di clandestini per superare il confine Messico-USA. Durante il viaggio in un camion, un ragazzo riconosce dai loro stivali la loro appartenenza ad un cartello: una volta scoperti, i due uccidono brutalmente tutti i passeggeri e l'autista.

Cavallo senza nomeModifica

TramaModifica

Walt sta avendo difficoltà a relazionarsi con la sua nuova vita perché non vuole essere un criminale e rifiuta di tornare alla produzione di meth. Mentre è in macchina viene fermato da un'auto della polizia a causa del parabrezza visibilmente danneggiato dai detriti caduti in seguito alla collisione aerea. Per un eccesso di ira, Walt inizia ad inveire contro il poliziotto, costringendolo a usare lo spray al peperoncino e ad arrestarlo. Più tardi viene rilasciato per l'intervento del cognato Hank. Nonostante il tentativo di riappacificarsi con la moglie, questa gli impedisce di tornare a casa e Walter Jr. continua a chiederle perché stia trattando suo padre in quel modo. L'avvocato di Walt, Saul Goodman, vuole che egli ricominci a produrre metanfetamina e cerca di persuaderlo.

Nel frattempo, i due misteriosi uomini messicani vanno a trovare lo zio Hector Salamanca e con l'ausilio di una tavola Ouija (strumento usato per le comunicazioni medianiche) riescono a scoprire il nome di Walter White, colpevole di tradimento ai danni di Tuco e quindi della sua morte. Si scopre quindi che i due sono i cugini di Tuco, giunti in New Mexico per vendicare la sua morte.

Intanto Jesse, uscito dal centro di riabilitazione, passa di fronte alla sua ex casa e scopre che, dopo averla ristrutturata, i suoi genitori hanno intenzione di venderla. Con l'aiuto di Saul, che ricatta i genitori e il loro avvocato minacciando di riferire dell'esistenza del laboratorio di metanfetamina che era nel seminterrato, riesce ad acquistarla alla metà del prezzo, vendicandosi dei genitori che l'avevano cacciato fuori di casa. Intanto Saul chiede a Mike, suo investigatore privato, di porre delle microspie a casa di Walter per tenere sotto sorveglianza Skyler. Appena Mike finisce il lavoro arriva lo stesso Walter, deciso a ristabilirsi in casa contro il volere della moglie. Mentre Walt è a farsi una doccia, arrivano i due messicani con la chiara intenzione di eliminarlo. Mike però assiste al tutto e avvisa per telefono Gus (si scopre quindi che Mike era l'anello di congiunzione tra Saul e Gus che ha permesso a quest'ultimo di fare l'affare con Walt). Dopodiché arriva un criptico messaggio - "POLLOS" - al cellulare di uno dei due sicari, facendoli desistere e andare via.

TradimentoModifica

TramaModifica

L'episodio si apre con un flashback che mostra come i cugini Salamanca, aiutati da un uomo del cartello, hanno ucciso Tortuga e posto la sua testa sulla tartaruga che in seguito sarebbe esplosa di fronte alla squadra di Hank.

Intanto la presenza di Walt a casa provoca la felicità di Walter Jr. ma l'irritazione della madre che telefona alla polizia. Gli agenti però, dal momento che la casa è intestata a entrambi, non possono cacciare Walter. Skyler continua quindi con la pratica legale. Jesse intanto, tornato nella sua casa, non riesce a dimenticare la sua fidanzata e chiama in continuazione il suo numero per ascoltarne la voce registrata sulla segreteria telefonica. Quando però il telefono viene disconnesso, Jesse reagisce e torna nel deserto con il camper per cucinare da solo. Walt intanto mostra il borsone pieno dei soldi guadagnati con la vendita di meth a Skyler e le spiega che li ha messi da parte per permetterle di pagare il college ai figli, il mutuo della casa, l'assistenza sanitaria ecc. quando lui non ci sarà più a causa del cancro e le chiede se è disposta ad accettarli.

Nel frattempo Gus ha un incontro con i fratelli Marco e Leonel Salamanca, Bolsa (l'uomo del Cartello visto nel flashback) e Hector: essi gli riferiscono il loro desiderio di vendetta per la morte, ma lui chiede ancora tempo visto che è in affari con Walter. Hank intanto è richiamato a lavorare a El Paso, ma ciò segretamente lo stressa e si sfoga facendo a botte con alcuni spacciatori in un bar. Infine, al ritorno dal lavoro, Skyler in risposta alla domanda di Walt di accettare i suoi soldi, gli riferisce con atteggiamento vendicativo e volgare come sia appena andata a letto con Ted, il suo datore di lavoro.

Luce verdeModifica

TramaModifica

Di ritorno dal deserto, Jesse si ferma in una stazione di servizio e, senza soldi, paga la giovane cassiera con la meth da lui prodotta.

Mike e Saul ascoltano la registrazione della discussione tra Walt e Skyler dovuta alla tresca con Ted e capiscono che Walt ha intenzione di affrontare Ted. Infatti, contemporaneamente Walt si reca all'azienda di quest'ultimo, che però evita di vederlo. Allora Walt tenta di entrare nel suo ufficio lanciando un vaso contro la vetrata e viene mandato via dalla sicurezza; poco dopo arriva Mike che lo conduce di forza da Saul. Saul rimprovera Walt per il suo comportamento e tenta ancora una volta di convincerlo a riprendere a cucinare. Walt, furioso per essere stato spiato e per una battuta di Saul su Skyler, si lancia contro l'avvocato, licenziandolo, e fa rimuovere le cimici da Mike.

In seguito a questi eventi Walt si dimostra assente durante le lezioni e, quando viene convocato dalla preside, tenta un approccio con lei e viene licenziato. Poco dopo incontra Jesse che lo informa di aver ripreso a cucinare sfruttando la sua formula per produrre la Blue Sky e chiede di essere messo in contatto con Gus per venderla. Walt, infastidito dal fatto che la sua meth venga prodotta da qualcun altro, si altera e rifiuta. Intanto Hank, in procinto di prendere l'aereo per El Paso, riceve una chiamata che lo informa dell'arresto di un ragazzo in possesso di metanfetamina blu (prodotta da Jesse e consegnata alla cassiera): Hank decide quindi di rimandare la partenza per interrogarlo.

Jesse si reca da Saul, il quale fa pervenire a Gus, tramite Mike, l'offerta del ragazzo. Gus, saputo del litigio tra Walt e Jesse, accetta lo scambio, consapevole che Walt verrà a conoscenza dell'affare, avrà uno scatto d'orgoglio e cambierà idea, tornando a cucinare. Mentre Skyler continua la sua relazione con Ted, Hank interroga il tossico, che però non ricorda bene chi gli ha dato la droga.

Con le poche informazioni a disposizione, l'agente riesce ugualmente a stringere il cerchio e arriva alla cassiera: messa alle strette, la ragazza confessa di aver ricevuto la bustina e di averla data ad un amico. Dai filmati della telecamera di un bancomat della stazione di servizio, Hank vede il camper e capisce che è un laboratorio mobile. Informa quindi il suo capo Merkert dei passi in avanti. Questi però gli dice che non può più rimandare la partenza per El Paso. Hank rifiuta il trasferimento per seguire la nuova pista riguardante Heisenberg. Jesse riceve solo metà dei soldi della vendita; mentre Walt è in auto e ascolta alla radio la notizia del tentato suicidio del padre di Jane, riceve l'altra metà del denaro.

Di piùModifica

TramaModifica

L'episodio inizia con un flashback che mostra il giorno in cui Walter diede a Jesse i soldi per comprare il camper. Jesse però ne spese la maggior parte in un locale notturno. La mattina dopo con l'aiuto di Combo riuscì ad ottenere il veicolo ad un prezzo bassissimo rubandolo alla madre del ragazzo.

Intanto Hank si chiude in se stesso e non parla con la moglie dopo che ha saputo che il suo collega Gomez sarà trasferito a El Paso al suo posto. Jesse pretende da Walt il denaro consegnato a lui. Walter si reca da Gus e gli dice di aver capito il suo progetto: l'uomo infatti sta cercando di farlo tornare a cucinare colpendolo nell'orgoglio, ovvero facendogli avere i soldi guadagnati con il lavoro di Jesse; per tutta risposta Gus chiede a Walt di andare a fare un giro con lui. Egli lo conduce ad una lavanderia di sua proprietà e gli mostra un laboratorio sotterraneo adibito alla produzione di metanfetamina. Walt rimane colpito ma rifiuta ancora la proposta, dicendo di aver perso la propria famiglia per questo, Gus cerca di convincerlo, dicendogli che il ruolo di un uomo è provvedere per la propria famiglia anche se non si è più amati.

In seguito Walt si reca da Jesse e Saul e restituisce al ragazzo tutto il denaro che gli era stato consegnato. Riferisce inoltre che Jesse non guadagnerà più niente perché è stato solo uno strumento per convincerlo ad accettare l'offerta. Walt infatti ha accettato di lavorare per Gus. Saul ne approfitta per ritornare in affari con Walt e ricevere una percentuale dei suoi profitti con il proposito di aiutarlo al riciclare i soldi, mentre Jesse, uscito dall'ufficio, frantuma il parabrezza della macchina di Walt con una grossa pietra. Nel frattempo Hank si reca all'abitazione dove nel flashback si vedeva il camper; apre una donna e dice che il camper è stato rubato da suo figlio: Christian Ortega, meglio conosciuto come Combo, ormai morto (Mandala, seconda stagione). Hank connette subito il furto del camper alla metanfetamina blu, che Combo stava spacciando quando fu ucciso, e a conferma di ciò scopre che il ragazzo era amico di Jesse.

Al tramontoModifica

TramaModifica

Un poliziotto si reca in una casa sperduta nel deserto dopo aver ricevuto una segnalazione. Dietro un capanno trova un cadavere in evidente stato di putrefazione e dopo aver dato l'allarme viene ucciso a colpi d'ascia dai fratelli Salamanca, che avevano preso possesso della casa (nell'attesa del permesso per poter uccidere Walt).

Walter e Skyler decidono di divorziare e l'uomo trova un nuovo appartamento dove abitare. Jesse intanto convoca Badger e Skinny Pete, e propone loro di ricominciare a spacciare per lui, stavolta in modo molto più cauto. I fratelli messicani vanno a Los Pollos Hermanos di Gus e rimangono lì finché Gus non si reca da loro e, parlando in spagnolo, dice di incontrarsi al tramonto.

Walt inizia a lavorare nel nuovo laboratorio e conosce il suo assistente, Gale Boetticher, che si rivela essere molto preciso e competente. Hank intanto ha ricollegato il camper a Jesse e comincia a sorvegliare casa sua, trovando conferma ai suoi sospetti quando vede uscirne Badger (arrestato qualche mese prima per spaccio). Ricordando che Walt aveva raccontato di comprare marijuana da Jesse, Hank lo chiama e gli chiede del camper. Walt non avverte Jesse perché pensa che Hank abbia intercettato il suo cellulare. Si precipita invece al deposito del camper, trovandovi Badger e il cugino, e si fa mettere in contatto con il proprietario di uno sfasciacarrozze per distruggerlo. Arriva anche Jesse, avvertito da Badger, ma non sa che è stato seguito da Hank: Walt e Jesse sono costretti a chiudersi nel camper. Il poliziotto tenta di entrare, ma Joe (il proprietario) e Jesse lo costringono ad attendere un mandato di perquisizione. Walt, che si trova all'interno, chiama urgentemente Saul per chiedere aiuto: la segretaria di Saul chiama Hank e, fingendosi un'ufficiale di polizia, riferisce che Marie è stata coinvolta in un incidente stradale. Hank si allontana dal luogo in tutta fretta, mentre Walt e Jesse possono finalmente assistere con un velo di tristezza alla distruzione del camper. Al tramonto Gus incontra nuovamente i messicani e dice loro di non rivolgere le loro attenzioni verso Walter White ma verso chi realmente ha ucciso Tuco, ovvero Hank.

Un minutoModifica

TramaModifica

In un flashback si vedono i due cugini di Tuco da bambini e il loro zio Hector Salamanca. L'uomo è al telefono con un altro membro del cartello e si dice contrario alla decisione di far entrare Gus in affari con loro, anche se Gus sembra avere importanti conoscenze e un passato misterioso in Cile. Hector chiude la chiamata dicendo di non fidarsi dei sudamericani. Dopo un dispetto tra fratellini, uno dei due bambini dice all'uomo che desidera che il fratello muoia; allora Hector affonda il viso del bimbo in una bacinella d'acqua, mostrando al bambino cosa significhi desiderare la morte di una persona cara. Tornando al presente si vede come il nuovo obiettivo dei due sia diventato Hank, vero assassino di Tuco.

Tornato a casa, Jesse viene brutalmente picchiato da Hank, arrabbiato per l'inganno subito. Il giovane viene portato in ospedale e lì Saul vuole usare l'accaduto per porre fine alla carriera del poliziotto. Jesse è desideroso di vendetta e promette di non dare pace ad Hank e riprendere a cucinare, minacciando Walt di rivelare la vera identità di Heisenberg qualora venisse arrestato. Nel frattempo i fratelli messicani comprano dei giubbotti antiproiettile. Walt contatta Gus e chiede di cambiare assistente per poter lavorare meglio e Gus accetta. Walt poi chiede a Jesse di ricominciare a cucinare insieme a lui, ma egli rifiuta. Tornato a casa riceve una telefonata dal ragazzo che accetta la sua offerta.

Hank intanto viene sospeso dal suo lavoro e deve riconsegnare la pistola. Mentre è in un parcheggio riceve una chiamata anonima da parte di Gus, che lo informa dell'imminente arrivo dei sicari. Quando i cugini Salamanca arrivano e iniziano a sparare, Hank investe Leonel con l'auto e prende la sua pistola, quindi inizia a sparare a Marco, che però è protetto dal giubbotto antiproiettile. Il messicano gli spara due volte e si appresta a finirlo con l'ascia: mentre va a prenderla, Hank ha il tempo di recuperare un proiettile e ricaricare la pistola e riesce a uccidere Marco con un colpo alla testa.

Ti vedoModifica

TramaModifica

Jesse viene dimesso dall'ospedale e di fronte a lui arriva l'ambulanza con a bordo Hank ferito: in seguito si reca in laboratorio per cominciare a lavorare. Qui, Walt è visibilmente imbarazzato nello spiegare a Gale i motivi del suo licenziamento. Rimasti soli, Jesse informa Walt dell'agguato a Hank.

Walter e il resto della famiglia sono in ospedale ad attendere notizie sulle condizioni di salute di Hank, gravissimo; Marie sconvolta dà la colpa di tutto prima al suo capo che aveva tolto la pistola a Hank dopo averlo sospeso, poi a Gomez, reo di averlo lasciato solo per andare a El Paso e per ultimo a Walt, che aveva fatto sì che Jesse entrasse nella vita di Hank. I colleghi dell'uomo intanto, tra cui anche Gomez, donano sangue in suo favore.

Jesse nel frattempo attende in laboratorio il ritorno di Walt. Nei corridoi dell'ospedale Walter incontra Gomez: la DEA tiene sotto vigilanza la stanza in cui è ricoverato il cugino di Tuco, sopravvissuto alla sparatoria, al quale sono state amputate entrambe le gambe. Risvegliandosi, questi riconosce Walter fuori dalla stanza e cerca di assalirlo, ma viene fermato dai medici. A quel punto Walt realizza che i due aggressori sono i cugini di Tuco, ed è fortemente preoccupato che anche i suoi familiari siano in pericolo. Poco dopo riceve la visita di Gus, il quale, fingendosi amico e sostenitore della DEA, si crea un'immagine insospettabile, e ne approfitta per comunicargli che non corre nessun pericolo. Mentre tutti gli agenti della DEA sono impegnati a mangiare il cibo portato da Gus, Mike si infila nella stanza di Leonel e lo uccide con un'iniezione letale.

Gus riceve una chiamata da Bolsa, che lo accusa di aver indirizzato i cugini su Hank, facendo sì che le attenzioni del governo americano si spostassero sui cartelli messicani e avendo quindi campo libero negli Stati Uniti, rendendosi allo stesso tempo indipendente dal cartello. Bolsa dice a Gustavo che la sua casa è accerchiata dalla polizia messicana, ma che grazie alle sue influenze riuscirà a farsi scagionare e rivelerà al resto del cartello il disegno di Gus; mentre parlano, la polizia irrompe nella casa e Bolsa viene ucciso: Gus sente gli spari e soddisfatto rompe il cellulare. Nell'ospedale il dottore rivela alla famiglia di Hank che il loro congiunto è fuori pericolo.

AtmosfereModifica

TramaModifica

In apertura si vede come Gus e i suoi uomini riescono a smerciare le grandissime quantità di meth che vengono prodotte settimanalmente da Walt e Jesse. Jesse intanto inizia ad essere scontento del fatto che Walt si sia sottomesso a Gus e di come quest'ultimo guadagni molto più di loro. Saul propone a Jesse di acquistare un centro di manicure e utilizzarlo per riciclare il suo denaro. Walt va a parlare con Gus e gli dice di aver capito ancora una volta il piano dell'uomo, ovvero quello di scatenare fra gli uomini messicani e Hank un conflitto a fuoco, in modo che la polizia centrale concentrasse le sue attenzioni alla frontiera e lui avesse libero il mercato. Skyler ha un piano per pagare le cure mediche di Hank: rivela alla sorella che Walt è diventato milionario dopo una vincita illegale al casinò. Jesse individua una nuova opportunità di guadagno nel gruppo di recupero dei tossici.

Caccia grossaModifica

TramaModifica

Walt non riesce a dormire. Arrivato in laboratorio si dedica alla manutenzione dei macchinari con Jesse. Walt scopre come le quantità da loro prodotte siano leggermente inferiori di quanto dovrebbero essere (a causa di sottrazioni da parte di Jesse), ma il giovane tenta di far capire all'uomo che si può trattare di qualche sedimentazione. Finita la manutenzione Jesse se ne va, mentre Walt rimane nel laboratorio. Poco dopo intravede una mosca e tenta in tutti i modi di ucciderla; nel corso dei numerosi tentativi cade anche dal pianerottolo delle scale.

Il giorno dopo Jesse scopre che Walt ha pressurizzato il laboratorio ed è rimasto l'intera notte lì per tentare di uccidere la mosca, inizialmente definita come una "contaminazione". Jesse, stupefatto, inizialmente aiuta Walt e poi vedendolo stanco gli consiglia di prendere una boccata d'aria. Giunti sulla porta Walt lo chiude fuori e così Jesse per vendetta gli toglie la corrente elettrica. L'uomo quindi è costretto a far rientrare il ragazzo. Jesse gli prepara un caffè e ci mette dentro un'abbondante dose di sonnifero. Aspettando che il narcotico faccia effetto, Jesse parla di sua zia, malata di cancro, ed è allora che Walt gli riferisce di essere andato dall'oncologo, il quale gli ha detto che il suo tumore è ancora in regressione. Inizia allora a parlare della sua famiglia, di Skyler e anche del suo incontro con il padre di Jane la notte in cui la ragazza morì. Jesse riesce poi finalmente ad uccidere la mosca proprio quando Walt si addormenta. Il ragazzo lo sdraia su un divano, lo copre e cucina l'intera notte da solo. Partendo per far ritorno a casa, Walt riferisce a Jesse di aver capito che è lui a sottrarre la meth e che se si venisse a sapere non potrebbe proteggerlo.

  • Curiosità: questo è l'episodio della serie in cui compare il minor numero di personaggi, vale a dire due.

ScrupoliModifica

TramaModifica

In un flashback si vede la visita al museo di Jesse e Jane e come poco dopo discutono di una porta dipinta su un quadro.

Hank comincia a fatica la costosa riabilitazione. Walter intanto tiene sotto controllo Jesse verificando di persona le quantità di meth prodotta. Jesse e i suoi amici tentano di vendere la meth ai membri del gruppo di recupero, senza successo. Jesse allora inizia a frequentare una ragazza del gruppo, Andrea, e tenta di venderle la metanfetamina rubata dal laboratorio, ma scopre che ha un figlio e cambia così idea. Skyler, dubbiosa riguardo al metodo di riciclaggio di Walter e Saul, decide di conoscere l'avvocato e propone di riciclare i soldi comprando l'autolavaggio dove lavorava Walt. Andrea racconta a Jesse di Tomás, il suo fratello piccolo reclutato da una pericolosa gang del quartiere. Dal suo racconto, Jesse scopre che è stato Tomàs a uccidere il suo amico Combo qualche mese prima, come iniziazione alla gang. Finge così di comprare la metanfetamina per scoprire chi sono i mandanti. Hank ha la possibilità di tornare a casa dall'ospedale ma decide di rimanerci fin quando non riuscirà ad uscire sulle sue gambe. Walt viene invitato a cena da Gus, che gli dà dei consigli su come investire i soldi guadagnati.

Mezze misureModifica

TramaModifica

Jesse segue i movimenti degli spacciatori responsabili della morte di Combo e scopre che spacciano la droga prodotta da lui e Walt: da qui capisce che lavorano per il suo stesso capo, Gus. Walt concede a Skyler di gestire l'autolavaggio ma in cambio vuole poter partecipare di più alla vita familiare. Jesse chiede a Walt di procuragli la ricina per avvelenare i due spacciatori, ma Walt si rifiuta e si rivolge a Saul per trovare una soluzione: i due decidono di incastrare Jesse, facendolo finire in prigione per qualche giorno per farlo calmare e dissuaderlo dai suoi propositi. Saul spiega la faccenda e chiede aiuto a Mike, suo investigatore ma anche tuttofare di Gus, che però rifiuta e avverte Walter dicendogli che Gus prenderebbe la questione molto sul serio se Jesse dovesse finire in prigione.

Jesse mette lo stesso in atto il suo piano, ma viene sequestrato da Mike, che lo porta ad un incontro tra Walt, i due spacciatori e lo stesso Gus. Giungono alla pace e Gus impone ai due di non usare più i bambini per gli omicidi. Jesse si arrabbia con Walt per averlo tradito. Hank viene dimesso dopo aver perso una scommessa con la moglie, che prevedeva che nel caso in cui lei fosse riuscita ad eccitarlo sessualmente, lui sarebbe dovuto uscire. Tomás, il fratello di Andrea, viene giustiziato dalla gang: Jesse decide quindi di andare ad uccidere i due spacciatori da solo. Di sera, Walt ascolta la notizia al telegiornale e intuisce le intenzioni di Jesse. Il giovane inala della droga e si avvia verso i due con la pistola in mano. Quando sta per iniziare la sparatoria arriva Walt che investe brutalmente i due uccidendone uno sul colpo e finendo l'altro sparandogli un colpo alla testa con la sua stessa pistola, e dopodiché dice a Jesse di scappare.

Niente mezze misureModifica

TramaModifica

Il flashback iniziale mostra il giorno in cui Walter e Skyler (incinta di Walter Jr.) visitarono la loro futura casa. Walt, che all'epoca lavorava nei Sandia National Laboratories, era tentennante nell'acquistarla, avendo in mente grandi progetti per la sua famiglia, ben diversi dalla vita che poi si sono trovati a fare.

Tornando al presente, Walt è nel deserto con la sua macchina, danneggiata per via dell'investimento, e attende l'arrivo di qualcuno. Al telefono Mike lo invita a scendere dall'auto: Walter scende e si avvia verso un'auto appena arrivata e rimasta a distanza. All'interno di essa sono presenti Gus, Mike e un altro suo scagnozzo, Victor. Gus è visibilmente arrabbiato per il comportamento di Walter, che ha investito due suoi spacciatori, e per l'inaffidabilità di Jesse, troppo impulsivo e ancora dipendente dalle droghe. Chiede a Walter dove si trova il suo assistente ma Walt gli risponde di non sapere dove sia Jesse, di aver chiuso con lui e di averlo mandato via. I due giungono quindi ad un accordo: Walt continuerà a produrre, ma con l'aiuto di Gale.

Walt ricomincia così a lavorare con il nuovo assistente. Mike uccide alcuni uomini del cartello messicano che tentavano di sabotare la produzione. Mentre Gale è intento a cantare "Crapa Pelada" del Quartetto Cetra riceve la visita di Gus che lo informa che molto probabilmente presto dovrà cucinare da solo, con la scusa che Walt sta morendo di cancro, e lo esorta ad apprendere il più velocemente possibile la formula di Walt. Mike si reca all'ufficio di Saul e, minacciandolo, gli chiede di dirgli dove si trova Jesse: l'avvocato è costretto a farlo venendo meno al segreto professionale e fa capire a Mike che se vuole saperlo, deve frugare nelle sue scartoffie. Mike, controllando, trova un indirizzo della Virginia.

Saul conduce Walter nella sala giochi che gli aveva suggerito per il riciclaggio e una volta entrati gli dice di essere stato pedinato e minacciato da Mike. Nella sala giochi incontrano Jesse, rimasto in città. Saul chiede ai due di risolvere la questione prima che Mike scopra che l'indirizzo di Jesse è falso. Walt gli dice di aver capito che Gus vuole farli fuori, ma non può permettersi di fermare la produzione e questa è la chiave per salvarsi. Propone allora di uccidere Gale, così Gus sarà costretto a non uccidere Walt per continuare a cucinare, ma visto che Jesse si rifiuta di farlo dovrà essere lui stesso ad occuparsene. Chiede però a Jesse di seguire Gale e scoprire il suo indirizzo.

Quella sera, Jesse chiama Walt e gli riferisce l'indirizzo di Gale, ma mentre esce di casa per andare a ucciderlo, Walt viene prelevato da Victor e portato alla lavanderia dove Mike lo sta aspettando per ucciderlo. Walt prega disperatamente di essere risparmiato, e si mostra disponibile a consegnare Jesse pur di salvarsi, rivelando che il ragazzo non è scappato ma si trova ad Albuquerque: Mike consente quindi a Walt di chiamarlo, ma durante la chiamata Walt dice a Jesse di uccidere immediatamente Gale. Mike, dopo questa mossa, gli punta contro la pistola, ma Walt gli dice di fermarsi perché Gus avrà bisogno di lui, e poi rivela l'indirizzo di casa di Gale: 6353 Juan Tabo. Mike e Victor capiscono che Gale sta per essere ucciso e senza di lui Walt rimarrà l'unico a poter portare avanti la produzione. Victor allora parte per andare a salvare il chimico, ma Jesse arriva prima: si presenta a casa di Gale e gli punta la pistola in faccia. Gale lo supplica di non fargli del male e Jesse è chiaramente restio a macchiarsi di un crimine così atroce. La stagione si chiude con uno sparo.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione