Apri il menu principale

1leftarrow blue.svgVoce principale: Star Wars Rebels.

Logo della serie

La seconda stagione della serie televisiva animata Star Wars Rebels è stata trasmessa negli Stati Uniti su Disney XD dal 20 giugno 2015 al 30 marzo 2016.

Un film introduttivo di un'ora, L'assedio di Lothal, è stato trasmesso in anteprima il 18 aprile 2015 durante la Star Wars Celebration che si è svolta nel Anaheim Convention Center in California dal 16 al 19 aprile 2015.

In Italia la serie è andata in onda dal 12 ottobre 2015 su Disney XD[1] e si è conclusa il 2 maggio del 2016.


(serie)

(stagione)
Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
16 01 The Siege of Lothal: Part 1 L'assedio di Lothal (prima parte) 20 giugno 2015 12 ottobre 2015
17 02 The Siege of Lothal: Part 2 L'assedio di Lothal (seconda parte) 20 giugno 2015 12 ottobre 2015
18 03 The Lost Commanders (1) I comandanti perduti 14 ottobre 2015 19 ottobre 2015
19 04 Relics of the Old Republic (2) Resti della vecchia Repubblica 21 ottobre 2015 26 ottobre 2015
20 05 Always Two There Are Ce ne sono sempre due 28 ottobre 2015 2 novembre 2015
21 06 Brothers of the Broken Horn I fratelli del Corno Rotto 4 novembre 2015 9 novembre 2015
22 07 Wings of the Master Le ali del maestro 11 novembre 2015 16 novembre 2015
23 08 Blood Sisters Sorelle di sangue 18 novembre 2015 23 novembre 2015
24 09 Stealth Strike Sotto copertura 25 novembre 2015 30 novembre 2015
25 10 The Future of the Force Il futuro della Forza 2 dicembre 2015 7 dicembre 2015
26 11 Legacy Radici 9 dicembre 2015 14 dicembre 2015
27 12 A Princess on Lothal Una principessa su Lothal 20 gennaio 2016 29 febbraio 2016
28 13 The Protector of Concord Dawn Il protettore di Concord Dawn 27 gennaio 2016 7 marzo 2016
29 14 Legends of the Lasat Leggende dei Lasat 3 febbraio 2016 14 marzo 2016
30 15 The Call I Purrgil 10 febbraio 2016 21 marzo 2016
31 16 Homecoming Ritorno a casa 17 febbraio 2016 28 marzo 2016
32 17 The Honorable Ones L'unione fa la forza 24 febbraio 2016 4 aprile 2016
33 18 Shroud of Darkness Velo dell'oscurità 2 marzo 2016 11 aprile 2016
34 19 The Forgotten Droid Il droide dimenticato 16 marzo 2016 18 aprile 2016
35 20 The Mystery of Chopper Base Il mistero della Base Chopper 23 marzo 2016 25 aprile 2016
36 21 Twilight of the Apprentice: Part 1 Il crepuscolo dell'apprendista (prima parte) 30 marzo 2016 2 maggio 2016
37 22 Twilight of the Apprentice: Part 2 Il crepuscolo dell'apprendista (seconda parte) 30 marzo 2016 2 maggio 2016

L'assedio di LothalModifica

TramaModifica

Dopo la sconfitta del Grande Inquisitore su Mustafar, l'Imperatore Palpatine ha mandato il suo allievo malvagio, Dart Fener, su Lothal per fermare i Ribelli; il ministro Maketh Tua, terrorizzata dall'idea di venire uccisa dal Signore Oscuro dei Sith, decide di chiedere aiuto a Kanan e agli altri, che si sono riuniti con la flotta ribelle di caccia A-Wing del comandante Jun Sato e di Ahsoka Tano. Giunti sul pianeta, Ezra, Kanan ed Hera raggiungono Tua ma non appena cercano di fuggire la donna rimane uccisa nell'esplosione della grande navetta imperiale, sotto gli occhi del perfido agente Kallus (che era lì come scorta di Tua). Kanan e gli altri fuggono e scoprono che la morte di Maketh Tua era già stata organizzata da Fener per attirare i Ribelli in trappola e incolparli così della morte del primo ministro, per far sì che venissero considerati dalla popolazione dei criminali. I nostri riescono poi a recuperare numerose apparecchiature e generatori di scudi ma vengono bloccati da Fener e da un manipolo di Stormtroopers: Ezra e Kanan affrontano in duello il Sith ma è evidente la loro inferiorità al confronto del potente e tenebroso avversario, e Kanan viene ferito ad una spalla. Nonostante questo, però, i due riescono a fuggire ed Hera chiede aiuto a Lando Calrissian che fornisce loro uno stratagemma per poter uscire dal pianeta senza farsi notare dagli Star Destroyer in orbita; ed è lì, nei pressi del campo di Lando, che Ezra e Kanan si accorgono che Tarkintown è stata completamente bruciata dall'Impero, come monito per i Ribelli. I nostri si ricongiungono con la flotta del comandante Sato e non si accorgono che la loro navetta era stata tracciata da Fener, il quale poco dopo attacca lo Squadrone Phoenix di A-Wing con il suo caccia avanzato TIE abbattendone un numero considerevole. Tornati sullo Spettro, i nostri eroi cercano di fermare Fener, e Ahsoka si rende improvvisamente conto che tra lei e il misterioso assalitore c'è un nesso, il che la fa brevemente svenire. Anche Fener, distratto da Ahsoka, non riesce a concludere l'attacco all'incrociatore di Sato che riesce a salvarsi, come del resto anche Kanan e gli altri ribelli. Scampata la minaccia Ahsoka si chiede chi possa essere quel misterioso individuo ma un sospetto si annida con forza nella sua mente. Sul Destroyer, intanto, Fener riceve una comunicazione olografica da Palpatine, rivelandogli che l'apprendista Padawan di Anakin Skywalker è ancora viva. L'Imperatore, appresa questa notizia, ordina a Fener di cercarla perché in questo modo avrebbero automaticamente trovato agli Jedi superstiti; per far questo ordina inoltre al suo apprendista di inviare ben due Inquisitori su Lothal per dargli la caccia: Quinto Fratello e Settima Sorella.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.59 milioni[2]

I comandanti perdutiModifica

TramaModifica

Dopo che Dart Fener ha distrutto la nave comando del comandante Sato, i Ribelli devono cercare nuovi rinforzi per la loro causa oltre che una nuova base. Ahsoka suggerisce di cercare un grande comandante di cui si sono perse le tracce molto tempo fa, utilizzando la testa di un droide tattico usato dai Separatisti durante le guerre dei cloni, il quale riporta le tracce direttamente sul remoto sistema di Seelos; tuttavia Ahsoka decide di non partecipare alla missione poiché vuole investigare sul misterioso Signore dei Sith che ha distrutto la loro nave comando. Una volta giunti su Seelos, Ezra, Kanan, Sabine e Zeb prendono il Fantasma e scendono sul pianeta e seguono le coordinate della testa del droide tattico finché non s'imbattono in un AT-TE della Vecchia Repubblica. Non appena atterrano, i nostri fanno la conoscenza del valoroso comandante descritto da Ahsoka: Rex, ovvero il clone di Jango Fett CT-7567, grande amico della Tano durante le guerre dei cloni; assieme a lui ci sono i suoi fratelli Wolffe e Gregor. Non appena Ezra chiede a Rex di unirsi alla causa della Ribellione questi rifiuta, dicendo di essere troppo vecchio per combattere. Tuttavia, in cambio di informazioni su delle basi segrete nell'Orlo Esterno, l'equipaggio dello Spettro viene convinto da Gregor a partecipare alla caccia dei Joopas. Kanan non è molto sicuro di accettare i tre, dato che i cloni sono stati i responsabili dell'eccidio dei Jedi durante l'Ordine 66 e a quel punto Rex, sentita la conversazione tra lui ed Ezra, spiega al Jedi che non tutti i cloni hanno eseguito l'ordine e che lui, Wolffe e Gregor hanno rimosso il chip che gli avrebbe impartito automaticamente l'ordine di uccidere i Jedi. Frattanto, l'agente Kallus ha ordinato di mandare in ricognizione delle sonde per cercare i Ribelli e una di queste è arrivata proprio su Seelos. Durante la caccia Zeb viene collegato ad una specie di "canna da pesca" (creata tramite il cannone superiore dell'AT-TE) con un filo laser e usato dai cloni come esca per il Joopa; alla fine Rex riesce a liberare Zeb e ad uccidere il Joopa, oltre che a catturarlo. Il gruppo decide di rimanere sull'AT-TE per la cena e Sabine scopre che incredibilmente Wolffe ha contattato l'Impero, rivelando tale informazione a Ezra e Kanan. Wolffe confessa di averlo fatto unicamente per timore che l'Impero gli desse la caccia per aver aiutato dei Jedi e per questo motivo ha anche nascosto il messaggio che Ahsoka aveva mandato a Rex. I nostri scoprono il droide sonda sul punto di fuggire ma esso viene distrutto da Rex con un colpo di blaster, prima che riuscisse a scappare con le informazioni. Purtroppo il Fantasma è stato danneggiato dal droide sonda e così il gruppo è costretto a restare sul pianeta, in attesa di un'invasione da parte dell'Impero.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.46 milioni[3]

Resti della vecchia RepubblicaModifica

TramaModifica

Mentre l'agente Kallus e l'ammiraglio Konstantine si preparano per attaccare i Ribelli su Seelos, Rex dà ad Ezra un datachip contenente le ubicazioni di basi della Vecchia Repubblica nell'Orlo Esterno e su Mandalore. In quel momento ricevono una trasmissione da Kallus che intima loro di arrendersi e, di fronte al rifiuto dei cloni, dei caccia TIE attaccano l'AT-TE. Ezra e Kanan e i tre cloni riescono a respingerli e, a quel punto, Kallus decide di attaccarli utilizzando tre AT-AT. In inferiorità numerica, il gruppo decide di nascondersi in una tempesta di sabbia per disorientare gli Imperiali e, grazie all'uso della Forza da parte di Ezra e Kanan riesce ad abbattere col cannone laser principale dell'AT-TE uno degli AT-AT, sebbene questi tre avessero accerchiato il mezzo dei cloni in una morsa. Usciti dalla tempesta e avendo riparato lo Spettro, Ezra, Kanan, Zeb e Sabine decidono di fuggire, anche se quest'ultimo non è per niente intenzionato a lasciare da soli i tre cloni contro il malvagio Impero. Una volta partito lo Spettro, con un coraggio incredibile, il trio di cloni affronta i restanti due AT-AT sebbene il loro AT-TE venga terribilmente danneggiato dai laser nemici. In quel momento però, quando tutto sembra perduto, Ezra, Kanan e Zeb sopraggiungono e conquistano uno degli AT-AT, distruggendo quello di Kallus (che stava per distruggere Rex, Wolffe e Gregor). L'agente Kallus è costretto a fuggire con una speeder bike mentre, nell'orbita di Seelos, l'ammiraglio Konstantine viene richiamato da Dart Fener. Sopraggiunta Hera con lo Spettro, i tre cloni si uniscono al gruppo dei Ribelli e Ahsoka e Rex si rivedono dopo tanto tempo. Nel frattempo Fener, al suo posto, ha mandato un freddo e spietato Inquisitore noto come Quinto Fratello per rimediare dove Kallus e Konstantine hanno fallito.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.54 milioni[4]

Ce ne sono sempre dueModifica

TramaModifica

Hera manda Sabine, Zeb e Chopper in missione in una stazione medica della Vecchia Repubblica, abbandonata durante le guerre dei cloni, per recuperare del materiale e forniture mediche. Alla missione si aggiunge anche Ezra e il gruppo raggiunge dunque la stazione medica. Nel frattempo Kallus e Konstantine localizzano un segnale dalla stazione medica e Quinto Fratello decide di recarsi lì per scovare i Ribelli. Mentre il gruppo comincia la ricerca del materiale, Chopper viene immobilizzato da un piccolo droide sonda imperiale con numerosi arti meccanici. Zeb va a raggiungerlo, lasciando soli Ezra e Sabine, i quali incontrano successivamente una misteriosa donna mascherata con altri droidi: ella è un'Inquisitrice nota come Settima Sorella; i due fuggono ma vengono braccati da Quinto Fratello. Ezra si sacrifica per Sabine facendola scappare e viene catturato dai due Inquisitori. Mentre Ezra è tenuto prigioniero da Settima Sorella, Sabine viene catturata da Quinto Fratello ma Zeb riesce a sfuggire ai due droidi e a trovare le forniture di cui il gruppo necessitava. Successivamente, per salvare i suoi amici, Zeb si finge un comandante ribelle contattando Ezra e convincendo i due Inquisitori a presentarsi nell'hangar con Ezra stesso e Sabine. Là i due vengono attaccati da Zeb col Fantasma a colpi di laser, mentre Ezra e Sabine si mettono in salvo. I due Inquisitori cercano di fermare il Fantasma mediante la Forza ma non ci riescono e il gruppo si salva, riuscendo a fuggire in tempo dall'hangar.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.54 milioni[5]

I fratelli del Corno RottoModifica

TramaModifica

Ezra riceve tramite Chopper una richiesta di aiuto dalla nave di Cikatro Vizago e, mentre il resto del gruppo è impegnato ad aiutare la popolazione del pianeta Rinn, egli prende il Fantasma e si reca verso l'astronave del Devaroniano nell'orbita di Garel. Ezra e Chopper si recano all'interno e il ragazzo trova i droidi di Vizago disattivati. Nella cabina di pilotaggio Ezra incontra il pirata Hondo Ohnaka, il quale riferisce al ragazzo che ha vinto la nave e i droidi di Vizago in una partita a sabacc contro di lui. Ezra, non fidandosi del Weequay, gli mente dicendo di chiamarsi Lando Calrissian. I due poi fuggono via nell'iperspazio dopo che una nave imperiale li ha attaccati. Successivamente, i due fanno un accordo: Ezra aiuterà Hondo in una trattativa in cambio di due casse di generatori di potenza che servono al gruppo dei Ribelli. Hondo ed Ezra arrivano su Nixus, in uno spazioporto, dove Ohnaka riceve il suo cliente: Azmorigan. Questi, però, prende in ostaggio Hondo ed Ezra, poiché ha intenzione di uccidere il Weequay per riscuotere la taglia che pende sulla sua testa oltre che prendere le casse contenenti i generatori. In questa situazione, però, Azmorigan smaschera Ezra davanti ad Hondo, il quale comprende che egli non è Lando. Poco prima che Azmorigan possa uccidere i due, però, interviene Chopper che riesce a far liberare Hondo ed Ezra e si scatena una lotta: Chopper riesce a fermare Azmorigan mentre Ezra, recuperata la sua spada laser/blaster, riesce ad uccidere gli scagnozzi del Jablogian e ad utilizzare la Forza per salvare Hondo, il quale stava per finire nello spazio aperto, mentre Azmorigan riesce a fuggire. Hondo ed Ezra (il quale ha rivelato al pirata il suo vero nome) partono da Nixus con i crediti di Azmorigan e Bridger convince Ohnaka a cedergli i generatori, in cambio della sua accettazione ad unirsi all'equipaggio del pirata Weequay. In una cella della nave, però, Ezra trova Vizago intrappolato e questi gli dice che Hondo lo ha stordito e preso il controllo della sua nave. Erza lo libera, dato che doveva restituirgli il favore per averlo aiutato durante la missione per liberare Kanan; raggiunto Hondo, Ezra propone ai due di prendersi i crediti di Azmorigan in cambio dei generatori ma i due non accettano e Vizago ordina ai suoi droidi di attaccare il giovane Jedi. Egli riesce a distruggere i droidi, mentre Hondo fugge via con il Fantasma e i generatori. Alla fine però, una volta arrivato su Garel, Ezra scopre che Hondo ha donato i generatori al gruppo dei Ribelli, come segno di ringraziamento per averlo salvato da Azmorigan.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.55 milioni[6]

Le ali del maestroModifica

TramaModifica

Il gruppo dei ribelli dello Spettro, assieme ad alcune navi della flotta Ribelle, si avvicina al sistema di Ibaar, per prestare soccorso alla popolazione. Nell'orbita del pianeta, però, è situato un gruppo di navi d'assalto dell'Impero, guidate dall'agente Kallus. Gli attacchi delle navi imperiali riescono a distruggere una delle navi cargo dirette sul pianeta e i Ribelli sono costretti alla fuga. Poiché i Ribelli dovevano aiutare la popolazione di Ibaar sotto il gioco dell'Impero, Rex consiglia al gruppo di recarsi nel sistema di Shantipole per cercare un famoso ingegnere di astronavi, Quarrie, il quale non nutre simpatia per l'Impero e ha progettato un nuovo tipo di caccia stellare; inoltre Hera viene incaricata di recarsi sul pianeta per completare la missione, così lei, Zeb e Sabine si recano su Shantipole col Fantasma. Atterrati sulla piattaforma di atterraggio, i tre rischiano di precipitare nel vuoto col Fantasma a causa di un brusco atterraggio ma vengono salvati dal Calamariano Quarrie, il quale li conduce in un hangar vicino per mostrargli la sua creazione: un prototipo di caccia B-Wing rosso. Il Calamariano, però, non sembra essere molto intenzionato a cedere il suo prototipo ai Ribelli. I tre scoprono inoltre di essere bloccati lì a causa di un guasto al Fantasma e, durante le riparazioni, Hera racconta a Quarrie della sua infanzia, di com'è cresciuta sul suo pianeta d'origine Ryloth e di come ha deciso di abbandonare la sua famiglia dopo l'occupazione del suo pianeta durante le guerre dei cloni per diventare una pilota. Alla fine della conversazione, Hera riesce a convincere Quarrie a cedergli il B-Wing e così la Twi'lek prova per la prima volta il caccia, in una sorta di allenamento. Avendo appurato l'efficienza e la grande velocità del caccia, Hera informa Kanan, il quale le comunica che il comandante Sato ha ordinato un secondo attacco al blocco su Ibaar, dato che la popolazione Ibaariana è in grave difficoltà. Durante la battaglia, inaspettatamente, Hera raggiunge il gruppo a bordo del B-Wing, e il caccia, con una grande potenza di fuoco, distrugge una delle navi imperiali sotto lo sguardo attonito di Kallus. Così facendo, il gruppo riesce a portare agli Ibaariani i rifornimenti necessari per la sopravvivenza.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.55 milioni[7]

Sorelle di sangueModifica

TramaModifica

Hera incarica Sabine, Ezra e Chopper di prendere un corriere con delle informazioni segrete e condurlo all'avamposto di Havoc, aspettandolo nello spazioporto di Garel e usando la frase in codice "è un lungo viaggio per Alderaan". Alla fine, dopo tanti buchi nell'acqua, i due trovano un droide generatore che è il vero corriere. All'improvviso i due incontrano una misteriosa cacciatrice di taglie, Ketsu Onyo, una vecchia conoscenza di Sabine, che intende rubare il droide. Ezra scopre che Sabine e Ketsu erano vecchie compagne all'accademia imperiale di Mandalore, con la differenza che la prima si è unita alla Ribellione e la seconda al sindacato del crimine del Sole Nero, e Onyo aveva tradito Sabine dandola per morta. Ora Ketsu intende non solo catturare il droide ma anche riscuotere la taglia messa dall'Impero su Sabine. Ad un tratto le due vengono circondate da un manipolo di Stormtrooper e insieme riescono a respingerli, fino a che Ezra, Sabine e Chopper non fuggono assieme al droide generatore su una nave di trasporto; Ezra però cade dalla nave e resta sul pianeta, mentre Sabine si reca al punto di rendez-vous. Kestu, invece, riesce a sconfiggere un'intera squadra di Stormtrooper e a fuggire via sulla sua astronave, inseguendo Sabine nell'orbita di Garel e attaccandola. La cacciatrice riesce a mettere Sabine con le spalle al muro, tenendo la sua astronave sotto i suoi cannoni, ma Chopper (in precedenza sbalzato nello spazio a causa dell'attacco di Ketsu che aveva distrutto la porta d'accesso alla cabina di pilotaggio) riesce a manomettere i cannoni, consentendo a Sabine di fuggire. All'ultimo, però, proprio mentre Chopper sta per tornare a bordo della nave, viene preso dal raggio traente di Ketsu. Le due poi si incontrano sulla nave e si riconciliano, proprio nel momento in cui un incrociatore imperiale sta per attaccarle. Le due riescono a mandare addosso all'incrociatore imperiale la nave trasporto carica di esplosivi, impedendo loro di catturare la nave di Ketsu, e fuggono via nell'iperspazio. Raggiungono in seguito l'avamposto di Havoc e consegnano il droide generatore a R2-D2, per poterlo dare al senatore Bail Organa. Tornate su Garel, Ketsu promette a Sabine di rifletterci sull'unirsi alla causa ribelle.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.47 milioni[8]

Sotto coperturaModifica

TramaModifica

Usciti dall'iperspazio con la loro nave, il comandante Sato ed Ezra si ritrovano davanti ad un incrociatore Imperiale e vengono catturati tramite un raggio di gravità. Ricevendo la richiesta di aiuto di Sato, prima che venisse interrotta, Hera manda Kanan, Rex e Chopper per salvare Ezra e Sato, i quali sono stati catturati dall'ammiraglio Brom Titus. I due, travestitisi da Stormtrooper, salgono su una navetta imperiale rubata da Sabine e raggiungono l'incrociatore di Titus. Mentre gli Stormtrooper stanno portando Ezra nella sua cella, questi riesce a recuperare la sua spada laser e a sconfiggere i soldati, rinchiudendoli al suo posto in cella. Proprio in quel momento sopraggiungono Kanan, Rex e Chopper e i tre corrono a cercare Sato, con l'intento anche di distruggere l'incrociatore. Ezra e Chopper raggiungono la sala del generatore di gravità che tiene bloccata la nave di Sato e disattivano il raggio di gravità, mentre Kanan e Rex liberano Sato e gli altri piloti ribelli dalla loro cella di detenzione. Durante la fuga, però, Rex decide di dividersi dal gruppo per affrontare gli Stormtrooper ma viene da essi catturato per mezzo di un raggio stordente; Titus poi tortura Rex dopo il rifiuto di questi ad unirsi all'armata Imperiale. Il supplizio dura poco, poiché Kanan accorre e salva il clone dalla tortura di Titus. I due fuggono tramite un guscio di salvataggio verso la nave di Sato e ma il raggio di gravità cattura nuovamente la loro nave, insieme ad altri due incrociatori imperiali: quando ormai la grande collisione tra le quattro navi sembra imminente, la nave ribelle riesce a staccarsi e a fuggire nell'iperspazio, mentre l'incrociatore imperiale viene distrutto; Titus riesce tuttavia a salvarsi grazie ad un guscio di salvataggio, recuperato dalla navetta imperiale di Kallus.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.55 milioni[9]

Il futuro della ForzaModifica

TramaModifica

Una nave civile dal pianeta Chandel viene attaccata da Quinto Fratello e Settima Sorella, i quali prelevano da una donna anziana la sua nipotina neonata. Frattanto Ahsoka invia Ezra, Kanan, Zeb e Chopper su Takobo per cercare informazioni sui due Inquisitori mentre lei, a bordo di un caccia A-Wing, scopre la nave attaccata dai due Inquisitori e la nonna della piccola, la quale la supplica di trovare la neonata. Nella città di Hammertown, su Takobo, Kanan ed Ezra trovano una madre Ithoriana a cui è stato rapito il figlioletto, il quale viene trovato poco dopo da Zeb (il quale aveva trovato anche la neonata in uno dei TIE degli Inquisitori). Egli però viene inseguito dai due Inquisitori e, ricongiuntosi con Ezra e Kanan, i tre si rifugiano in edificio e vengono braccati dai due pericolosi individui, scoprendo che stanno cercando neonati sensibili alla Forza. Riescono però a fuggire su di speeder di fortuna ma vengono nuovamente inseguiti e costretti ad un brusco atterraggio. Ezra e Kanan si vedono dunque costretti ad affrontare i due malvagi Inquisitori a colpi di spada laser ma vengono subito messi fuorigioco. In quell'istante, però, sopraggiunge Ahsoka che riesce a sconfiggere Quinto Fratello e Settima Sorella, salvo poi fuggire col Fantasma assieme agli altri a causa dell'arrivo dei trasporti truppe carichi di Stormtrooper. Il gruppo riporta i neonati alle rispettive donne, non sapendo però che i due Inquisitori hanno scoperto (grazie ad uno dei droidi sonda di Settima Sorella) che il loro rifugio è su Garel.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.49 milioni[10]

RadiciModifica

TramaModifica

Ezra ha una visione in un cui vede i suoi genitori, vivi, oltre che un Lothgatto bianco e decide di informare Kanan dell'accaduto. Hera informa il ragazzo che, grazie a Tseebo, hanno scoperto che i suoi genitori sono in una prigione imperiale, localizzata tuttavia su un pianeta imprecisato. Durante una ricerca sul database dei prigionieri imperiali, però, Ezra trova un misterioso prigioniero arrestato con l'accusa di tradimento su Lothal, il prigioniero X10. Il gruppo decide dunque di partire per Lothal ma, improvvisamente, l'esercito imperiale approda su Garel; Kanan, Ezra e Zeb vengono accerchiati dagli Stormtrooper e da Kallus ma l'aspirante Jedi riesce a sconfiggerli, mettendo fuori combattimento l'agente imperiale. In quel momento, però, sopraggiungono Quinto Fratello e Settima Sorella ed Ezra, in preda alla rabbia, gli si scaglia contro ma viene bloccato da Kanan. Il gruppo poi riesce a fuggire sullo Spettro assieme alle altre navi ribelli ma la nave di Sato viene catturata dal raggio traente dello Star Destroyer dell'ammiraglio Konstantine, prima di venire liberata da Hera. Nel frattempo, una volta messa al sicuro la flotta, Kanan, Ezra e Chopper partono col Fantasma verso Lothal e, una volta atterrati, trovano la casa dei Bridger completamente rasa al suolo. Dai rottami, però, spunta il Lothgatto bianco che Ezra aveva visto nella sua visione e, inseguitolo, scopre il suo proprietario: il misterioso prigioniero X10. Egli prima attacca Kanan e Ezra e, una volta scoperto che quest'ultimo è figlio dei Bridger, rivela il suo vero nome, Ryder Azadi. Questi è l'ex-governatore di Lothal e appoggiava le trasmissioni dei Bridger contro l'Impero ma tutti e tre vennero catturati e i Bridger uccisi. Ezra chiede come sia successo e Ryder gli spiega che anche in prigione, i Bridger, prendevano le difese dei più deboli in seguito alla trasmissione di loro figlio, Ezra. Infatti la sera in cui Ezra ha avuti la visione dei suoi ci è stata in coincidenza con un'evasione di massa di prigionieri imperiali alla quale i Bridger hanno partecipato, dopo essersi assicurati che tutti i prigionieri fossero evasi rimasero in disparte, ma per loro era ormai troppo tardi: erano stati uccisi. Ezra, in lacrime, accetta la dolorosa verità e quella sera ha una nuova visione in cui vede i suoi genitori al suo fianco; Kanan gli spiega che sono vivi dentro di lui ed è per questo che riesce a vederli.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.55 milioni[11]

Una principessa su LothalModifica

TramaModifica

Leila Organa, principessa di Alderaan, giunge su Lothal per consegnare delle forniture alimentari per la popolazione per ordine del Senato Imperiale; in realtà s'incontra segretamente con Kanan (travestito da Stormtrooper) e Ezra (travestito invece da cadetto) per consegnare loro le sue tre astronavi da dare alla loro flotta. Il luogotenente Yogar Lyste, per garantire una maggiore sicurezza alla principessa, ha posto delle ganasce gravitazionali alle sue navi e chiamato due AT-AT. I tre giungono all'accampamento di Rayder Azadi e lo trovano circondato dagli Stormtrooper, i quali hanno intenzione di ucciderlo poiché un fuggitivo; in quel momento però sopraggiunge Hera con lo Spettro e il gruppo riesce a salvare Azadi e a fuggire via, inscenando un finto rapimento della principessa per convincere gli Stormtrooper che questa non fosse collusa coi Ribelli (e rischiando quindi di compromettere la sua reputazione nel Senato). Il gruppo decide quindi di attaccare il campo per liberare le tre astronavi della principessa. Sabine e Rayder liberano la prima nave ma vengono attaccati da uno dei due AT-AT che viene successivamente attaccato e danneggiato da Hera. Kanan ed Ezra intanto mettono fuori gioco Lyste e il Jedi abbatte uno degli AT-AT utilizzando unicamente la sua spada laser. Dopo che Rayder ha astutamente messo fuori gioco il secondo AT-AT, Ezra colpisce Leila con un raggio paralizzante (sempre per non far notare la compartecipazione della principessa coi Ribelli) e il gruppo fugge con le tre navi.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.60 milioni[12]

Il protettore di Concord DawnModifica

TramaModifica

Sabine propone al gruppo di raggiungere il pianeta Concord Dawn per evitare incontri spiacevoli con le pattuglie imperiali, dato che esse hanno occupato le rotte dell'Orlo Esterno. Concord Dawn, tuttavia, è sotto il controllo dei "protettori", guerrieri Mandaloriani che si sono distaccati da Mandalore e sono indipendenti sia da esso che dall'Impero. Hera tuttavia propone di cercare di stringere un'alleanza con questi guerrieri per aumentare il numero di ribelli contro l'Impero, oltre che per ottenere le rotte commerciali e ottenere un potente alleato contro la tirannide imperiale. Hera e Sabine vengono dunque incaricate di raggiungere Concord Dawn e il loro squadrone di A-Wing viene immediatamente circondato dai caccia Mandaloriani dei "protettori", finché non scoprono che essi sono affiliati all'Impero e vengono attaccati; l'A-Wing di Hera viene colpito diverse volte ma riesce comunque a fuggire assieme a Sabine e ad avvertire il gruppo. Mentre Hera è in coma, Kanan decide di tornare su Concord Dawn per affrontare i "protettori" e il loro leader, Fenn Rau, assieme a Sabine e Chopper. I due riescono a raggiungere l'accampamento di Rau, il quale aveva combattuto durante le guerre dei cloni su Mygeeto salvando Kanan e la sua maestra Depa Billaba dai droidi Separatisti, e mentre Kanan s'incontra col leader dei "protettori", Sabine viene circondata dai suoi accoliti, venendo creduta una cacciatrice di taglie, senza però sapere che Sabine fa parte del clan Wren della casa dei Vizsla. A quel punto Sabine sfida Rau ad un combattimento, per vendicare Hera, e riesce a disarmarlo velocemente e a distruggere le navi Mandaloriane lì presenti (avendo piazzato dei detonatori su di esse poco prima). Sabine e Kanan in seguito combattono contro i "protettori", mentre Rau fugge, e il Jedi lo insegue aggrappandosi al suo caccia e a metterlo fuori uso, catturando il "protettore". Alla fine, scortato sull'incrociatore di Jun Sato, Rau decide di unirsi alla ribellione seppur riluttante (concedendo quindi ai Ribelli di passare attraverso il suo sistema), mentre Hera si risveglia.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.48 milioni[13]

Leggende dei LasatModifica

TramaModifica

Mandati in missione su Nixus per salvare alcuni rifugiati catturati dall'Impero, Zeb e gli altri trovano Chava e Gron, due Lasat, e li salvano da un manipolo di Stormtrooper che voleva rinchiuderli in prigione. Sopraggiunto Hondo Ohnaka, il quale aveva contattato Ezra in merito ai rifugiati, scopriamo che Zeb era stato uno dei capitani della Guardia d'Onore di Lasan. Hondo, tuttavia, li tradisce informando gli Imperiali (per guadagnarci un compenso) per poi informare Ezra che sono inseguiti; accerchiati dai soldati Imperiali, il gruppo, dopo un combattimento a fuoco, riesce a salvarsi grazie ad Hondo e a fuggire sullo Spettro, senza accorgersi però che Ohnaka è stato catturato dall'agente Kallus. Sulla nave, intanto, Chava e Gron vorrebbero raggiungere il loro vero pianeta natale, Lirasan, ma Zeb (e la maggior parte dei Lasat) credono che questo pianeta faccia parte solo dei miti e, allora, Chava disegna sul pavimento tre figure che rappresentano coloro che realizzeranno la profezia che salverà i Lasat e troveranno un nuovo mondo. Secondo Chava, i tre che realizzeranno la profezia sono lo sciocco, il guerriero e il bambino. Zeb, insicuro di questo rituale, rivela ad Ezra che durante l'attacco a Lasan lui doveva proteggere il suo popolo ma fallì nell'impresa, venendo salvato da Kanan; Ezra, però, lo sprona a reagire ricordandogli le sue origini di guerriero. Grazie al bo-rifle di Zeb (adibito come antico uso alla localizzazione di Lirasan) e al bastone di Chava, il gruppo localizza Lirasan, situato nello Spazio Selvaggio (e dunque non presente sulle mappe). Il gruppo raggiunge Lirasan, localizzato in un immenso ammasso stellare collassato, ma per colpa della soffiata di Hondo è inseguito dall'incrociatore Imperiale di Kallus; Zeb, utilizzando il suo bo-rifle, guida lo Spettro dentro l'ammasso stellare senza farlo distruggere, mentre i caccia TIE vengono annientati. Kallus, per evitare la distruzione dell'incrociatore, preferisce ritirarsi ed assistere alla distruzione dello Spettro ma la nave riesce a superare la nebulosa e a raggiungere il leggendario Lirasan. Chava e Gron rimangono là e Zeb rivela al gruppo che Lirasan è il vero pianeta natale dei Lasat e che molti di loro sono riusciti a sopravvivere rimanendo là, anziché trasferirsi su Lasan.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.56 milioni[14]

I PurrgilModifica

TramaModifica

L'equipaggio dello Spettro si ritrova a corto di carburante e perso in una fredda cintura di asteroidi. Ad un certo punto vengono raggiunti da un gruppo di Purrgil, delle creature simili a balene con dei tentacoli; il gruppo decide di seguirle e queste si spaventano a causa dell'arrivo di due strani caccia TIE gialli modificati che però vengono facilmente abbattuti dallo Spettro. I Purrgil li conducono ad uno spazioporto situato su un gigantesco asteroide, sul quale sono presenti numerosi contenitori di carburante e alcuni dei caccia TIE gialli che li avevano attaccati. Poiché il carburante dello Spettro non è sufficiente per atterrare, Ezra, Kanan, Sabine e Chopper si lanciano dall'astronave a atterrano sulla passerella dello spazioporto, ma vengono attaccati da due tecnici Rodiani, riuscendo a sconfiggerli. Sabine e Kanan vorrebbero far saltare lo spazioporto ma Ezra glielo nega, essendo il gas lì presente vitale per i Purrgil. I tre cercano di raggiungere il carburante ma vengono attaccati da altri Rodiani; nel frattempo lo Spettro atterra e Zeb e Sabine caricano il carburante, mentre la battaglia è in corso. Ezra, sbalzato da un colpo di cannone, precipita giù dalla piattaforma nelle nubi di gas, rischiando di morire soffocato, ma viene salvato da uno dei Purrgil che gli restituisce il casco. Intanto Kanan e gli altri vengono accerchiati dai Rodiani e dal loro capo Yushyn, un alieno, ma l'inaspettato arrivo di Ezra con un gruppo di Purrgil risolve la situazione: Ezra distrugge i TIE mentre lo Spettro prende quota e Yushyn, nel tentativo di fuggire, viene preso da uno dei Purrgil e portato nelle nebbie di gas sottostanti, morendo. Hera in seguito abbatte la stazione di Yushyn, distruggendola, e il gruppo fugge, scoprendo che i Purrgil possono viaggiare nell'iperspazio come se fossero astronavi.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.59 milioni[15]

Ritorno a casaModifica

TramaModifica

Dopo l'ennesimo attacco da parte dell'Impero, in cui i Ribelli hanno perso facilmente molti piloti, il comandante Sato invia Hera e il resto del gruppo su Ryloth per aiutare alcuni combattenti per la libertà e ottenere un carrier d'assalto Imperiale. Il gruppo fa poi la conoscenza di Cham Syndulla, padre di Hera, e dei suoi aiutanti Numa e Gobi Glie; Cham aveva combattuto durante le guerre dei cloni assieme al Maestro Jedi Mace Windu per liberare Ryloth dai Separatisti. Durante i preparativi per l'attacco al carrier, Ezra scopre di alcuni "dissapori" tra Hera e suo padre, i quali non si sono visti da anni e hanno idee molto differenti: Cham disapprova la Ribellione visto il "tradimento" della Repubblica (trasformatasi poi nel malvagio Impero) mentre Hera è fermamente convinta della sua unione alla Ribellione. Hera, Kanan, Cham e il resto del gruppo, a bordo di un bombardiere TIE, fingono di essere attaccati da due A-Wing per poter salire a bordo del carrier, come di fatto avviene. Una volta atterrati nell'hangar, però, Cham, Gobi e Numa si rivelano essere traditori e colpiscono Kanan, Ezra, Sabine, Zeb e Chopper con colpi stordenti, dicendo che non hanno bisogno del loro aiuto e ammanettano Hera al sedile del pilota. I tre scendono dal caccia e sconfiggono facilmente il manipolo di Stormtrooper accorso sul posto, mentre Hera e si libera grazie a Chopper e gli altri si risvegliano. Kanan ed Hera riescono a raggiungere il ponte di comando, sconfiggendo le guardie, mentre Ezra, usando un trucco mentale Jedi, ordina al comandante Imperiale di ordinare a tutto l'equipaggio di abbandonare il carrier, isolandolo. Nell'hangar, grazie ad un droide topo, Sabine e Zeb catturano Numa e Gobi mentre Cham, convinto dalle parole della figlia e di Ezra, decide di aiutarli definitivamente a prendere il carrier (anziché distruggerlo come lui voleva), mentre i rinforzi imperiali arrivano. Ezra, Kanan, Sabine, Numa e Gobi, ai cannoni, riescono a distruggere la navetta Imperiale e alcuni bombardieri TIE ma questi riescono a distruggere gli stabilizzatori del carrier, rischiando di farlo precipitare. Grazie però allo sforzo combinato di Hera e suo padre il carrier non precipita, mentre gli ultimi due bombardieri vengono abbattuti. In quel momento, però, sopraggiunge un incrociatore Imperiale che viene però facilmente abbattuto utilizzando un bombardiere TIE carico di esplosivi, con l'aiuto di Ezra, Sabine e Cham. A seguito di questa vittoria, dopo che i Ribelli hanno finalmente ottenuto il carrier, Hera e suo padre si riappacificano definitivamente.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.51 milioni0.51[16]

L'unione fa la forzaModifica

TramaModifica

L'equipaggio dello Spettro raggiunge Geonosis, pianeta in cui sono scoppiate le guerre dei cloni, per investigare sulla presenza di alcuni stazioni Imperiali orbitanti sul pianeta. Mentre stanno cercando la banca dati della stazione, però, nei corridoi vengono intrappolati dall'agente Kallus e dagli Stormtrooper. Durante il combattimento, Kanan, Ezra e Sabine, grazie all'aiuto di Chopper, si mettono in salvo mentre Zeb resta per affrontare Kallus, decidendo in seguito di fuggire utilizzando un guscio di salvataggio. Proprio nel momento in cui sta per lanciare il guscio, però, viene raggiunto da Kallus e i due rimango intrappolati nel guscio, mentre questo sta precipitando su Geonosis. A causa di un malfunzionamento, dovuto alla lotta tra Zeb e Kallus, il guscio cambia rotta e precipita su una delle lune di Geonosis, Bahryn. Intrappolati in un crepaccio ghiacciato, con Kallus ferito ad una gamba, i due devono cercare di collaborare per sopravvivere al freddo e ad eventuali pericoli. Mentre Zeb cerca di arrampicarsi ad una parete un Bonzami, una mostruosa creatura, lo attacca ma incredibilmente i due collaborano per scacciarlo via, riuscendoci. Durante una conversazione con Zeb, inoltre, Kallus ammette che il Lasat a cui aveva preso il Bo-rifle non lo aveva ucciso per cattiveria ma unicamente perché lo aveva onorevolmente battuto in duello ed era stato lo stesso Lasat, sconfitto, a consegnargli il Bo-rifle come segno di vittoria (secondo un'antica usanza dei Lasat). Kallus rivela inoltre che aveva combattuto su Onderon per fermare i ribelli per portare la libertà sul pianeta, ed è proprio da qui che sarebbe nato il suo astio verso i Lasat: un mercenario di questa specie, infatti, uccise tutto il suo gruppo e Kallus si salvò per miracolo. Anche se, tuttavia, Kallus rivela inoltre che l'Impero attaccò Lasan per dare una dimostrazione di forza e Kallus se ne assunse la responsabilità per quell'eccidio insensato. Successivamente i due cercano di arrampicarsi su una delle pareti ghiacciate ma vengono circondati questa volta da due Bonzami ma Zeb, con grande destrezza, sale sulla schiena di uno dei Bonzami e lancia Kallus verso l'apertura del crepaccio, portandolo fuori; quando Zeb si aggrappa all'orlo dell'apertura vede Kallus puntargli contro il suo Bo-rifle, apparentemente per colpirlo ma in realtà colpisce il Bonzami alle sue spalle, salvandolo. I due camminano a lungo e, dopo essersi riparati in una caverna, Zeb viene salvato dall'equipaggio dello Spettro mentre Kallus decide di restare lì, in attesa dei rinforzi Imperiali, salutandosi con Zeb con il saluto dei Lasat. In seguito, tornato sul suo Star Destroyer, l'agente imperiale decide di tenere il pezzo di meteorite preso da Zeb (usato per riscaldarsi) come ricordo.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.56 milioni[17]

Velo dell'oscuritàModifica

TramaModifica

Su Oosalon, pianeta montuoso su cui i Ribelli si sono recati per cercare una base, Kanan ed Ezra si scontrano con Quinto Fratello e Settima Sorella ma, messi alle strette dagli Inquisitori, i due fuggono grazie ad un Tibidee, una creatura volante del luogo. Tornati sullo Spettro, Ezra vede Ahsoka osservare un ologramma, contenuto in un holocron, del suo ex-maestro Anakin Skywalker. Vista la situazione di crisi con il perfido Dart Fener e gli Inquisitori che danno loro la caccia, Ahsoka, Kanan, Ezra e Chopper decidono di partire col Fantasma alla volta di Lothal per raggiungere il Tempio Jedi perduto e cercare di comunicare tramite la Forza con il maestro Yoda. Giunti al tempio i tre iniziano la meditazione ed il primo ad allontanarsi per seguire la sua visione è Kanan: si ritrova in una sala di addestramento dinanzi ad una vecchia Guardia del Tempio (usate nel Tempio Jedi durante la Vecchia Repubblica) con cui inizia uno scontro e, dopo essere stato sconfitto, si ritrova davanti il perfido Grande Inquisitore, un tempo una delle Guardie del Tempio, che lo promuove al rango di Cavaliere. Il secondo è Ezra, che si ritrova davanti proprio in maestro Yoda tramite una visione, in cui lo mette in guardia di non cedere alla paura e di raggiungere il pianeta Malachor. Ahsoka invece ha una spaventosa visione in cui vede Anakin Skywalker diventare Dart Fener. Quinto Fratello e Settima Sorella, però, li hanno inseguiti e, una volta penetrati nel tempio, si ritrovano circondati dalla visione del Grande Inquisitore e delle altre Guardie del Tempio che li attaccano, mentre Ahsoka, Kanan ed Ezra fuggono via col Fantasma. Quando Dart Fener raggiunge il tempio, Quinto Fratello e Settima Sorella gli riferiscono che i Jedi sono cresciuti nel loro potere ma il Sith, con calma, risponde a loro che presto saranno sconfitti.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.68 milioni[18]

Il droide dimenticatoModifica

TramaModifica

Scegliendo tra i vari pianeti come possibili basi, i Ribelli, sotto consiglio di Ketsu Onyo, si recano alla Base Horizon per rubare carburante all'Impero. Una volta atterrati Chopper vede tra i rottami di un robivecchi locale una gamba robotica nuova e, nel tentativo di prenderla da un venditore Ugnaught, rimane bloccato sulla Base Horizon mentre il gruppo, rubato il carburante, fugge dagli Stormtrooper. Deciso a prendere quella gamba e non potendo pagarla, Chopper la ruba e fugge via inseguito dagli Stormtrooper, allertati dal venditore. Senza accorgersene, però, s'imbarca clandestinamente su un trasporto-merci e qui s'imbatte nel droide protocollare RA-7 Imperiale di nome AP-5, un droide bistrattato dal suo baffuto comandante Imperiale e che ha servito la Repubblica durante la battaglia di Ryloth ma che è stato dimenticato dopo aver perso il suo comandante. Tra i due nasce una sorta di amicizia dopo che AP-5 non denuncia Chopper al suo comandante e il piccolo droide gli rimuove il bullone di costrizione per sdebitarsi. I due però s'incontrano improvvisamente col comandante Imperiale, il quale toglie la gamba rubata a Chopper e questi riesce a stordirlo, fuggendo dagli Stormtrooper assieme ad AP-5, riuscendo poi ad intrappolarli nel magazzino, riuscendo addirittura a "staccarlo" dal cargo e lasciarlo alla deriva nello spazio. Frattanto il gruppo dello Spettro si accorge dell'assenza di Chopper ma la loro scoperta viene bruscamente interrotta dall'arrivo dello Star Destroyer dell'ammiraglio Konstantine, iniziando quindi una battaglia contro gli Imperiali. Durante la battaglia, aiutati anche da Ketsu, Hera e il gruppo riescono a portare il carburante sul cargo ribelle e si accorgono che Chopper e AP-5 hanno rubato il trasporto-merci e cercano, tramite loro, di trovare un sistema su cui poter fuggire dall'Impero. In quel momento, però, sopraggiunge il comandante Imperiale e Chopper riesce a tenerlo a bada mentre AP-5 manda le coordinate ad Hera; purtroppo però il comandante riesce a divincolarsi e a colpire AP-5 con un colpo di blaster, non prima però che il droide riesca ad inviare le coordinate. Chopper riesce infine a stordirlo e, nel frattempo, la flotta ribelle riesce a saltare nell'iperspazio verso Atollon. Una volta al sicuro AP-5 viene riparato da Sabine utilizzando i componenti meccanici della gamba che Chopper aveva rubato (deciso a salvare il suo amico).

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.58 milioni[19]

Il mistero della Base ChopperModifica

TramaModifica

I Ribelli decidono di stabilirsi sul pianeta Atollon per costruirci una base. Mentre Ezra e Kanan si allenano a colpi di spada laser, lo Spettro atterra sul pianeta raggiungendo la nuova base. Poiché una dei piloti, Dicer, non ha risposto al segnale di ritorno della base, Sabine e Rex vengono mandati col Fantasma a cercarla. I due giungono sul luogo della scomparsa e trovano il casco di volo di Dicer, scoprendo subito dopo che i colpevoli della sua morte sono stati i Krynka, giganteschi ragni giganti che vivono su Atollon. Sabine viene salvata dallo Spettro ma Rex viene catturato dai Krynka e portato nella loro tana sotterranea. Ezra, Kanan, Hera, Sabine e Zeb esplorano la tana per cercare Rex e si dividono in due gruppi; Hera, Sabine e Zeb trovano Rex e, ritrovatisi con Ezra e Kanan, vengono attaccati dai Krynka ma riescono a fuggire dalla tana e a rifugiarsi nello Spettro, salvo accorgersi che l'astronave è stata immobilizzata dalle ragnatele emesse dai mostruosi ragni. Mentre sono circondati dai Krynka e rinchiusi nella nave, Sabine si accorge che i ragni si allontanano appena sono vicini al trasmettitore che Dicer aveva piazzato e il gruppo decide quindi di recuperarlo uscendo allo scoperto e combattendo contro i ragni. Sabine riesce a recuperare il trasmettitore e, dopo che Ezra e Kanan hanno rimosso le ragnatele con le loro spade laser, il gruppo fugge. Dopo aver protetto la base utilizzando i trasmettitori come scudo contro i Krynka, Kanan rassicura Hera sul fatto che lei non perderà lui ed Ezra e i due si abbracciano al tramonto. Frattanto Ezra cerca di entrare in connessione con uno dei Krynka, fallendo, e viene raggiunto da Ahsoka, e i due tornano alla base.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.53 milioni[20]

Il crepuscolo dell'apprendistaModifica

TramaModifica

 
Ahsoka Tano poco prima di affrontare Dart Fener in duello, in una scena dell'episodio

Ezra, Kanan e Ahsoka partono con Chopper e il Fantasma alla volta di Malachor, il misterioso pianeta che Yoda ha detto ad Ezra di cercare. I tre atterrano e si ritrovano davanti degli strani monoliti con delle scritte antiche incise sopra; mentre Ahsoka prova a leggerle Ezra tocca inavvertitamente uno di quei monoliti, il quale crea una voragine nel terreno dove i tre precipitano. Una volta caduti i tre vedono una grande struttura piramidale dalla sommità rossa e Ahsoka riconosce essa come un Tempio Sith; mentre camminano vedono diverse figure umane/aliene di pietra: Kanan spiega che tanti anni prima su quel pianeta era avvenuta un'importante battaglia tra i Jedi e i Sith, senza però sapere chi di questi abbia trionfato. Improvvisamente, però, una delle statue si anima e attacca Kanan: è un misterioso Inquisitore mascherato noto come Ottavo Fratello. Durante la lotta Ezra precipita in un'altra voragine, mentre Kanan e Ahsoka inseguono Ottavo Fratello; qui Ezra trova un vecchio, che si fa chiamare "Vecchio maestro", che gli rivela di essere stato un utilizzatore della Forza molto tempo addietro e che vorrebbe solo vendicarsi dei Sith, dato che gli hanno portato via suo fratello e la sua vita, proponendo ad Ezra di cercare la conoscenza nel Tempio Sith. Nel frattempo Ahsoka e Kanan raggiungono Ottavo Fratello mentre Chopper riesce a prendere il controllo del suo prototipo avanzato di caccia TIE, sparandogli addosso e disarmandolo, permettendo ad Ahsoka e Kanan di catturarlo. Ezra e il vecchio giungono dinanzi alla porta del Tempio e il ragazzo, dando sfogo alla sua rabbia, riesce ad aprirla: una volta all'interno del Tempio, il vecchio si rivela essere Darth Maul. I due giungono dinanzi ad una gigantesca piattaforma sulla quale vi è posto un antico Olocrone Sith che Ezra riesce a recuperare; nel frattempo Ahsoka, Kanan e Ottavo Fratello giungono dinanzi alla porta del Tempio ma vengono attaccati da Quinto Fratello e Settima Sorella, i quali liberano il loro compagno catturato. In quel momento sopraggiungono Maul ed Ezra, i quali si aggregano a Kanan e Ahsoka e riescono a scacciare i tre Inquisitori. I quattro raggiungono la sommità del Tempio ma vengono attaccati dagli Inquisitori: qui, mentre Ahsoka e Kanan combattono contro Quinto Fratello, Maul uccide a sangue freddo Settima Sorella dopo aver inutilmente ordinato ad Ezra di farlo al suo posto. Successivamente Maul ordina ad Ezra di raggiungere la sommità del Tempio e corre in soccorso di Ahsoka e Kanan, uccidendo a sangue freddo Quinto Fratello mentre Ottavo Fratello, nel disperato tentativo di fuggire, muore cadendo nel baratro sottostante a causa di un malfunzionamento della sua spada laser. In quel momento, però, Maul acceca Kanan e dichiara a gran voce di voler prendere Ezra come suo nuovo apprendista e che in realtà il Tempio è una gigantesca e antica stazione da battaglia adibita a super-arma; aveva infatti bisogno dell'olocrone Sith per poterla azionare, per poter così distruggere i suoi nemici. Mentre Ahsoka corre da Ezra, Kanan, utilizzando una maschera per coprirsi gli occhi sfigurati, affronta Maul e riesce a sconfiggerlo (nonostante la cecità) facendolo precipitare nel baratro. Ezra, frattanto, ha utilizzato l'olocrone per aprire una struttura interna della camera sulla sommità del Tempio, dove scopre che in realtà è una potente super-arma. Ezra capisce che Maul li ha ingannati e cerca di avvertire Kanan e Ahsoka ma viene interrotto dall'inaspettato arrivo del malvagio Dart Fener. Questi, intenzionato ad apprendere i segreti dell'Olocrone, ingaggia un combattimento con Ezra, che brevemente viene sconfitto dal Sith. Poco prima che Ezra venga però ucciso, sopraggiunge Ahsoka; Fener, visibilmente stupito dall'arrivo della sua vecchia allieva, tenta di portarla a se, promettendole clemenza a cambio di informazioni sugli Jedi rimasti e ribadendole che Anakin, essendo un debole era stato distrutto da Fener stesso. Ahsoka gli risponde che il suo maestro non sarebbe mai potuto essere tanto cattivo e che lo avrebbe vendicato. Poco dopo inizia un furioso combattimento tra maestro e apprendista. Nel mentre, sopraggiunge Kanan che, pur essendo ferito, aiuta il suo Padawan a recuperare l'Olocrone, tale atto però fa collassare il tempio. Ahsoka, intanto, continua a combattere col vecchio maestro, ma questi, con un gioco di astuzia riesce a farla cadere in un baratro; Fener è inizialmente intenzionato a seguire la ragazza, ma vedendo che il tempio stava collassando decide di andare a recuperare il prezioso Olocrone. Ahsoka è però sopravvissuta e prontamente si dirige anche lei verso la stanza dell'Olocrone per salvare i suoi amici da Fener e vedendo questi cercare di catturare Ezra e Kanan, interviene colpendo Fener all'elmo, spaccandogliene una parte. Ezra e Kanan scappano verso la nave di Chopper (arrivato anch'egli con Kanan), ma prima che Ahsoka possa fare un passo, Fener la chiama per nome ed essendo il suo elmo danneggiato, la ragazza ne riconosce la voce e dopo essersi girata, anche l'occhio; Ahsoka riconosciuto in Anakin, decide di rimanere con lui; il Sith in un primo momento è titubante sul da farsi, ma poco dopo le intima che se decide di rimanere con lui, allora dovrà andare incontro al suo destino. Inizia così un altro combattimento e poco dopo il tempio crolla ed Ezra e Kanan fuggono. Maul, anch'egli sopravvissuto, fugge utilizzando il TIE del defunto Ottavo Fratello e Fener, visibilmente provato dal combattimento, esce zoppicando dal Tempio, mentre Ahsoka scompare nell'oscurità. Ezra, invece, tornato sullo Spettro insieme ai suoi compagni, decide di tenere con sé l'olocrone. Nel finale dell'episodio si nota l'inquietante sguardo del ragazzo mentre riesce ad aprire l'olocrone.

NoteModifica

  • Ascolti USA: telespettatori 0.69 milioni[21]

NoteModifica

  1. ^ Sonja Della Ragione, Star Wars Rebels: l'arrivo di Darth Vader nella seconda stagione, su movieplayer.it, 8 ottobre 2015. URL consultato l'8 maggio 2019.
  2. ^ (EN) The Siege of Lothal Had 591,000 Viewers, su Rebels Hidden Fortress, 23 giugno 2015. URL consultato il 23 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2015).
  3. ^ (EN) Mitch Metcalf, SHOWBUZZDAILY's Top 100 Wednesday Cable Originals (& Network Update): 10.14.2015, in Showbuzz Daily, 15 ottobre 2015. URL consultato il 15 ottobre 2015.
  4. ^ (EN) Mitch Metcalf, SHOWBUZZDAILY's Top 100 Wednesday Cable Originals (& Network Update): 10.21.2015, in Showbuzz Daily, 22 ottobre 2015. URL consultato il 22 ottobre 2015.
  5. ^ (EN) Mitch Metcalf, SHOWBUZZDAILY's Top 100 Wednesday Cable Ratings (& Network Update): 10.28.2015, in SHOWBUZZDAILY, 29 ottobre 2015. URL consultato il 29 ottobre 2015.
  6. ^ (EN) Mitch Metcalf, SHOWBUZZDAILY's Top 100 Wednesday Cable Originals (& Network Update): 11.4.2015, in Showbuzz Daily, 5 novembre 2015. URL consultato il 5 novembre 2015.
  7. ^ (EN) Mitch Metcalf, SHOWBUZZDAILY's Top 100 Wednesday Cable Originals (& Network Update): 11.11.2015, in Showbuzz Daily, 12 novembre 2015. URL consultato il 12 novembre 2015.
  8. ^ (EN) Mitch Metcalf, EXPANDED SHOWBUZZDAILY's Top 150 Tuesday Cable Originals (& Network Update): 11.18.2015, in Showbuzz Daily, 19 novembre 2015. URL consultato il 19 novembre 2015.
  9. ^ (EN) Mitch Metcalf, SHOWBUZZDAILY's Top 150 Wednesday Cable Originals (& Network Update): 11.25.2015, in Showbuzz Daily, 30 novembre 2015. URL consultato il 30 novembre 2015.
  10. ^ (EN) Mitch Metcalf, SHOWBUZZDAILY's Top 150 Wednesday Cable Originals (& Network Update): 12.2.2015, in Showbuzz Daily, 3 dicembre 2015. URL consultato il 3 dicembre 2015.
  11. ^ (EN) Mitch Metcalf, SHOWBUZZDAILY's Top 150 Wednesday Cable Originals (& Network Update): 12.9.2015, in Showbuzz Daily, 10 dicembre 2015. URL consultato il 10 dicembre 2015.
  12. ^ (EN) UPDATED: SHOWBUZZDAILY’s Top 150 Wednesday Cable Originals & Network Update: 1.20.2016, su Showbuzz Daily, 21 gennaio 2016. URL consultato il 5 aprile 2016.
  13. ^ (EN) UPDATED: SHOWBUZZDAILY’s Top 150 Wednesday Cable Originals & Network Finals: 1.27.2016, su Showbuzz Daily, 28 gennaio 2016. URL consultato il 5 aprile 2016.
  14. ^ (EN) UPDATED: SHOWBUZZDAILY’s Top 150 Wednesday Cable Originals & Network Finals: 2.3.2016, su Showbuzz Daily, 4 febbraio 2016. URL consultato il 5 aprile 2016.
  15. ^ (EN) UPDATED: SHOWBUZZDAILY’s Top 150 Wednesday Cable Originals & Network Finals: 2.10.2016, su Showbuzz Daily, 11 febbraio 2016. URL consultato il 5 aprile 2016.
  16. ^ (EN) UPDATED: SHOWBUZZDAILY’s Top 150 Wednesday Cable Originals & Network Finals: 2.17.2016, su Showbuzz Daily, 18 febbraio 2016. URL consultato il 5 aprile 2016.
  17. ^ (EN) UPDATED: SHOWBUZZDAILY’s Top 150 Wednesday Cable Originals & Network Finals: 2.24.2016, su Showbuzz Daily, 25 febbraio 2016. URL consultato il 5 aprile 2016.
  18. ^ (EN) UPDATED: SHOWBUZZDAILY’s Top 150 Wednesday Cable Originals & Network Finals: 3.2.2016, su Showbuzz Daily, 3 marzo 2016. URL consultato il 5 aprile 2016.
  19. ^ (EN) UPDATED: SHOWBUZZDAILY’s Top 150 Wednesday Cable Originals & Network Finals: 3.16.2016, su Showbuzz Daily, 17 marzo 2016. URL consultato il 5 aprile 2016.
  20. ^ (EN) UPDATED: SHOWBUZZDAILY’s Top 150 Wednesday Cable Originals & Network Finals: 3.23.2016, su Showbuzz Daily, 24 marzo 2016. URL consultato il 5 aprile 2016.
  21. ^ (EN) UPDATED: SHOWBUZZDAILY’s Top 150 Wednesday Cable Originals & Network Finals: 3.30.2016, su Showbuzz Daily, 31 marzo 2016. URL consultato il 5 aprile 2016.

Altri progettiModifica