Episodi di Xena - Principessa guerriera (quinta stagione)

lista di episodi della quinta stagione

1leftarrow blue.svgVoce principale: Xena - Principessa guerriera.

La quinta stagione della serie televisiva Xena - Principessa guerriera è stata trasmessa per la prima volta negli Stati Uniti dal 27 settembre 1999 al 15 maggio 2000. Il DVD della stagione è stato pubblicato a partire dal 19 ottobre 2004; in Italia è stata trasmessa da Rai4.

Questa stagione inizia con una première a dir poco eccezionale ambientata tra Inferno e Paradiso e prosegue con la resurrezione di Xena e Olimpia e con la gravidanza di Xena incinta dello spirito reincarnato (e purificato) di Callisto. È la stagione che prelude (e si concluderà con) il crepuscolo degli dei profetizzato dalle Parche: avverrà quando un bimbo non generato dall'uomo verrà alla luce. Giove identifica il bambino: è il figlio di Xena. Inizia così una lotta tra Xena e Olimpia, che difendono Evi (figlia di Xena), e gli dei, che cercano di ucciderla. Le uniche divinità che aiutano le eroine sono Venere (che definisce Olimpia come sua migliore amica) e Marte (innamorato di Xena). Per salvare Evi, Xena e Olimpia si fingono morte e vengono ibernate in una grotta di ghiaccio da Marte, dove rimangono per 25 anni. Al loro risveglio scoprono che Evi è ora Livia, figlia di Roma e persecutrice dei seguaci di Belur (morto per mano di Marte in Xena e il trionfo dell'amore). La sua redenzione dà a Xena il potere di uccidere gli dèi e la possibilità di liberare il genere umano dal loro dominio, risparmiando però Marte e Venere.

Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA #
1 Fallen Angel Xena e il ritorno dall'Aldilà 27 settembre 1999 91
2 Chakram Xena ritrova sé stessa 4 ottobre 1999 92
3 Succession Xena e l'erede di Marte 11 ottobre 1999 93
4 Animal Attraction Xena e il villaggio termale 18 ottobre 1999 94
5 Them Bones, Them Bones Xena contro lo spirito dannato 1º novembre 1999 95
6 Purity Xena e la polvere nera 8 novembre 1999 96
7 Back in the Bottle Xena e la sconfitta del dragone verde 15 novembre 1999 97
8 Little Problems Xena e il sortilegio di Venere 22 novembre 1999 98
9 Seeds of Faith Xena e il trionfo dell'amore 10 gennaio 2000 99
10 Lyre, Lyre, Hearts of Fire Xena e la lira di Tersicore 17 gennaio 2000 100
11 Punch Lines Xena e la risata di Lacrimante 24 gennaio 2000 101
12 God Fearing Child Xena e la fine di Giunone e Giove 31 gennaio 2000 102
13 Eternal Bonds Xena e la minaccia degli dèi 7 febbraio 2000 103
14 Amphipolis Under Siege Xena e Marte contro Minerva 14 febbraio 2000 104
15 Married with Fishsticks Xena e l'amnesia di Olimpia 21 febbraio 2000 105
16 Lifeblood Xena e la leggenda delle amazzoni 13 marzo 2000 106
17 Kindred Spirits Xena e la punizione di Corilo 20 marzo 2000 107
18 Antony & Cleopatra Xena e Antonio e Cleopatra 17 aprile 2000 108
19 Looking Death in the Eye Xena e le lacrime della Morte 24 aprile 2000 109
20 Livia Xena e la sfida di Livia 1º maggio 2000 110
21 Eve Xena e il ricatto di Marte 8 maggio 2000 111
22 Motherhood Xena e la caduta degli dèi 15 maggio 2000 112

Xena e il ritorno dall'AldilàModifica

TramaModifica

Corilo in montagna incontra Andromeda e le chiede notizia di Xena e Olimpia, l'amazzone gli mostra i loro corpi ancora appesi alle croci. Il guerriero sconvolto prende la decisione di riportare i corpi delle sue amiche in Grecia facendosi aiutare dall'amazzone e Belur. Intanto gli spiriti di Xena e Olimpia, volati via nell'ultima puntata, sono in una specie di Limbo (che assomiglia al Gran Canyon) dove all'improvviso compaiono degli angeli da una Luce i quali le sollevano in volo, quando all'improvviso dei demoni attaccano gli angeli e le fanno precipitare. Mentre cade, Xena viene afferrata da un demone con le sembianze di Callisto, però viene salvata da angeli dalle ali nere, gli arcangeli; uno di loro, Michele, le comunica che Olimpia è precipitata negli inferi, Xena è decisa a salvarla ma l'arcangelo le dice che non può scendere negli inferi finché non espierà tutte le sue colpe o rischierà di rimanere intrappolata laggiù per sempre. La principessa guerriera lo avverte che non le interessa e andrà a salvare la sua amica. Olimpia si risveglia accanto al demone Callisto che le fa capire che se mangerà diventerà come lei. Olimpia rifiuta, è fiduciosa che la sua amica la verrà a salvare. Nel mondo terreno Corilo, Andromeda e Belur disperati, dopo aver messo fuori gioco le guardie, tolgono dalle croci i corpi delle loro amiche, mentre nel Limbo Michele spiega a Xena che, se vuole un paio di ali per andare a salvare la sua amica, deve diventare un arcangelo e per farlo deve entrare in una grotta dove l'aspetta una scelta: un percorso di fuoco o uno di pioggia. La principessa guerriera sceglie il fuoco, l'arcangelo le spiega che quello è il fuoco purificatore e che quando l'acqua prodigiosa avrà lavato le sue colpe lei sarà un arcangelo. Mentre gli arcangeli si preparano al salvataggio Callisto forza Olimpia a mangiare così diventa un demone, subito dopo fanno incursione gli arcangeli che portano in salvo Olimpia ma, mentre combattono, Xena decide di donare la sua luce a Callisto perdendo così i suoi poteri di arcangelo e diventando un demone. La scena riprende con gli angeli che cercano di salvare lo spirito di Olimpia immergendola nell'acqua prodigiosa, ma Xena come demone è pericolosa, infatti sta preparando l'invasione dei cieli da parte dei demoni. In cielo Olimpia incontra Callisto che sembra aver dimenticato tutto il male compiuto, Michele le spiega che è così che Callisto doveva essere se la principessa guerriera non avesse sterminato la sua famiglia. Intanto, nel mondo terreno, i loro amici hanno deciso di seppellirle in quelle montagne perché il ritorno in Grecia sarebbe troppo pericoloso. Anche Olimpia diventa un arcangelo, la sua prova consisteva nel perdonare Callisto; la battaglia tra demoni e arcangeli inizia, Xena va a cercare Olimpia chiedendole di andare con lei all'Inferno per restare insieme ma l'amica rifiuta, così iniziano a combattere; nel mondo terreno Belur, allontanatosi dagli amici, si sente in colpa per gli insegnamenti dati a Olimpia che l'hanno portata alla morte, così inizia a pregare; la preghiera arriva a Callisto angelo che lo esorta a curare i corpi suo e di Xena con il suo tocco. Belur, raggiunti i corpi delle due donne, cerca di curarle e ci riesce proprio quando la Xena demone stava per portare con sé Olimpia arcangelo nel regno delle tenebre. Le due amiche si svegliano tra la gioia degli amici Belur, Andromeda e Corilo; Callisto arcangelo, come ultimo gesto, cura la ferita che ha procurato a Xena alla schiena, in questo modo guadagna la possibilità di raggiungere la sua famiglia in cielo.

Xena ritrova sé stessaModifica

TramaModifica

Dopo essere tornata in vita, Xena dimentica la sua vita di guerriera. Nel frattempo, Marte e un altro dio della guerra, Kal, cercano di ottenere un nuovo cerchio rotante, il Cerchio della Luce, che ha il potere di uccidere gli dei, ma può essere preso solo da un'anima assolutamente pura.

Xena e l'erede di MarteModifica

TramaModifica

Fuse insieme in un unico corpo dallo spietato Marte, Xena e Olimpia sono costrette a combattere fino alla morte la guerriera Mavican.

Xena e il villaggio termaleModifica

TramaModifica

Durante il soggiorno nella città di Spamona con Olimpia, Amarice, Corilo e il suo amico Arman, Xena inizia a dare segni di essere incinta.

Xena contro lo spirito dannatoModifica

TramaModifica

Gli incubi di Xena sul suo imminente bambino la portano insieme a Olimpia ed Amarice nelle terre delle Amazzoni del Nord, dove dovranno affrontare Antinea ancora una volta.

Xena e la polvere neraModifica

TramaModifica

Con Olimpia e Corilo al seguito, Xena torna nella città di Chin per strappare il libro del potere di Lao Ma dalle mani di un gemello malvagio.

Xena e la sconfitta del dragone verdeModifica

  • Titolo originale: Back in the Bottle
  • Diretto da: Rick Jacobson
  • Scritto da: Steven L. Sears (sceneggiatura), Steven L. Sears (accreditato per errore come Buddy Williers)(storia)

TramaModifica

Una visione inquietante riporta Xena, Olimpia e Corilo nella città di Chin, dove il signore della guerra assetato di potere Khan ha unito le forze con gli spiriti maligni di Pao Ssu e suo fratello, Ming T'ien.

Xena e il sortilegio di VenereModifica

TramaModifica

A causa di un equivoco la dea Venere tenta di scambiare il corpo di Xena con quello di una giovane ragazza morente. Ma non è esattamente quello che aveva in mente la principessa guerriera.

Xena e il trionfo dell'amoreModifica

TramaModifica

Quando Belur predica la morte degli dei dell'Olimpo, Xena e Olimpia tentano di proteggerlo da Marte, ma senza successo, mentre l'angelo Callisto fornisce la guida e svela il segreto del concepimento della figlia di Xena.

Xena e la lira di TersicoreModifica

TramaModifica

Xena e Olimpia organizzano un concorso musicale a Melodia, capitale musicale della Grecia, per decidere chi riceverà la Lira di Tersicore. Xena deve affrontare sua madre, Cyrene, che sta cercando un padre per il suo nipotino non ancora nato; Olimpia deve affrontare Draco, che è ancora innamorato di lei; e Corilo deve affrontare suo fratello Jack, perché il loro rapporto non è ancora chiuso.

Xena e la risata di LacrimanteModifica

TramaModifica

Soffrendo del blocco dello scrittore, Olimpia racconta a Venere della sua giornata in cui un dio depresso ha rimpicciolito lei e Argo e di come ha tentato di rimediare alla situazione prima che Xena, molto lunatica, se ne accorgesse. Nel frattempo, Xena cerca di controllare il suo temperamento indotto dagli ormoni, ma senza successo.

Xena e la fine di Giunone e GioveModifica

TramaModifica

Xena e Olimpia si alleano con Hercules, quando Giove dichiara che il nascituro di Xena deve morire affinché la profezia non si avveri. Nel frattempo, Xena decide di recarsi negli inferi per recuperare l'elmo dell'invisibilità di Plutone, permettendo a lei e alla sua bambina di nascondersi. Negli inferi incontra suo figlio Seleuco che ha rinunciato volontariamente ai Campi Elisi.

Xena e la minaccia degli dèiModifica

TramaModifica

Dopo la nascita della piccola Evi, Xena e Olimpia devono proteggere la bambina dagli dei dell'Olimpo che vogliono ucciderla, mentre Xena cerca di liberarsi di un appicicoso Marte e Olimpia cerca di recuperare l'antidoto per il veleno che sta lentamente uccidendo Corilo.

Xena e Marte contro MinervaModifica

TramaModifica

Durante una visita a casa per vedere sua madre, Xena, Olimpia e la piccola Evi sono intrappolate ad Anfipoli quando Atena e il suo esercito circondano il villaggio e pianificano di uccidere la figlia di Xena.

Xena e l'amnesia di OlimpiaModifica

TramaModifica

Quando Olimpia batte la testa e cade nell'oceano, le viene un'amnesia e un tritone cerca di convincerla che è sua moglie nonché madre della sua prole pesce.

Xena e la leggenda delle amazzoniModifica

TramaModifica

Xena e Olimpia si recano al villaggio delle amazzoni per fare della piccola Evi una principessa amazzone e scoprono che devono invece fermare una guerra.

Xena e la punizione di CoriloModifica

TramaModifica

Al villaggio delle amazzoni, Olimpia è combattuta tra restare come Regina delle Amazzoni e condividere avventure con Xena e la piccola Evi.

Xena e Antonio e CleopatraModifica

TramaModifica

Quando Cleopatra viene assassinata, Xena si finge la regina egiziana per scoprire l'identità dell'assassino, mentre fa la corte a Marco Antonio.

Xena e le lacrime della MorteModifica

TramaModifica

In futuro, un vecchio Corilo ottiene una pergamena che racconta come Xena e Olimpia abbiano ingannato il destino per mettere in moto il crepuscolo degli dei, come Olimpia e Xena siano state ritenute morte per 25 anni e come la piccola Evi sia scomparsa.

Xena e la sfida di LiviaModifica

TramaModifica

Ai piedi del monte Vulcano, un'improvvisa valanga crea una voragine nella grotta dove Xena ed Olimpia sono state seppellite da Marte. La luce del sole inizia a sciogliere le tombe di ghiaccio e le due amiche si risvegliano dal sonno indotto dalle Lacrime della Morte. La preoccupazione della principessa guerriera va subito a sua figlia Evi, la quale, presa in custodia da Ottaviano, non si vede da nessuna parte. Vagando in un vicino villaggio, Xena e Olimpia non hanno memorie di codesto luogo ed una donna le informa del fatto che 25 anni sono passati dalla morte di Xena e che da allora il Dio della guerra (di cui Xena urla il nome a gran voce) è scomparso. Preoccupata e confusa, Xena e la sua amica arrivano ad una taverna gestita da Corilo e Melania, che nel frattempo si sono sposati ed hanno avuto un figlio. Lo stupore del loro vecchio compagno di avventure nel rivedere le sue amiche dopo 5 lunghi lustri è a dir poco indescrivibile. Argo è morto, ma Corilo ha allevato il suo discendente Argo II, che subito si fa cavalcare da Xena. Passata la generale sorpresa, Xena, Olimpia, Corilo e suo figlio si recano alla volta di Roma per cercare Ottaviano e quindi Evi. Le cose a Roma sono cambiate: la guerriera Livia, campione della città, è una ragazza crudele e sanguinaria e potrebbe creare non pochi problemi alla missione di Xena. Trovato Ottaviano, l'uomo informa Xena che in realtà Livia non è altri che Evi e che, molto presto, la sposerà. Accecata dalla rabbia, Xena si reca nell'arena dei guerrieri, dove sorprende Marte in procinto di baciare appassionatamente Evi. Xena è disgustata da tutto ciò, e dopo uno scambio di battute cariche di rancore con Marte, si reca subito da Ottaviano, per informarlo che la sua amata Livia è sull'orlo di un baratro: accecata dalla brama di potere, non distingue più cosa è giusto e cosa è sbagliato e Marte, approfittando della situazione, l'ha completamente soggiogata. Proprio per questo motivo, Xena escogita un piano con Ottaviano, per fare in modo che Evi ascolti con le proprie orecchie quali reali sentimenti alberghino davvero nel cuore del Dio della Guerra, sperando, tra l'altro, di avere l'occasione di parlare con sua figlia, per dirle tutta la verità. Nel frattempo, Olimpia, Corilo e suo figlio vengono catturati dai soldati romani, dopo essersi ribellati al loro volere. Livia fa loro visita, dicendo che è disposta a sfidare il campione dei seguaci di Belur, scelto dai prigionieri stessi. Se il campione vincerà contro di lei, saranno liberi, altrimenti verranno tutti uccisi. Livia ascolta in seguito la conversazione tra Marte e Xena e quest'ultima, raggiunta sua figlia nelle stanze reali, la informa del fatto che lei è sua madre e che le vuole bene. Però Livia, non sente ragioni ed ancora più furiosa, le lancia una sfida diretta nell'arena dei gladiatori. Sarà quindi Xena il campione dei seguaci di Belur. Arriva il giorno del combattimento. Madre e figlia si destreggiano ad armi pari sotto gli occhi di Roma, finché Xena, utilizzando il suo colpo immobilizzante, non stende Evi al tappeto. La folla chiede sangue e Livia stessa prega la sua avversaria di ucciderla, ma Xena sa che non potrà mai rinunciare a sua figlia, quindi la risparmia. Ottaviano guarda Xena e le rivolge il segno del pollice alzato. Il campione di Belur ha vinto e i prigionieri sono liberi. Accecata dalla sete di vendetta, Livia minaccia Xena e fugge dall'arena. Ora sarà compito di Xena ed Olimpia ritrovarla, per tentare di farla tornare sulla retta via prima che possa distruggersi o con le sue mani, o prima che gli déi la annientino.

Xena e il ricatto di MarteModifica

TramaModifica

In preda al furore, Livia massacra e crocifigge gli abitanti di un intero villaggio, come esempio di imposizione della sua forza contro sua madre e contro tutti i seguaci di Belur. Xena e gli altri accorrono sul posto, prestando soccorso alle vittime. Marte, parlando con la principessa guerriera, le dice che il suo desiderio di avere un figlio da lei, non è più una questione di scelta, ma un vero e proprio ordine. La situazione diventa ancora più complicata quando, in seguito ad un altro scontro tra Xena e Livia, quest'ultima uccide Corilo a sangue freddo. L'uomo, da sempre innamorato di Olimpia, cercava solo di proteggere le sue amiche, in onore del forte legame che da sempre li aveva uniti. Virgilio, il figlio di Corilo, è assetato di vendetta ed Olimpia, addolorata, inizia a rendersi conto che forse la tanto amata Evi non esiste più. La dolce bambina allevata insieme alla sua migliore amica è diventata una minaccia che necessita assolutamente di essere fermata, prima che possa versare il sangue di altre vittime innocenti. Anche Xena prende coscienza di questo, ed isolatasi vicino ad un albero, rivolge gli occhi al cielo, chiedendo l'aiuto di Belur e pregandolo di guidarla ancora una volta con i suoi insegnamenti attraverso il dolore, perché la guerriera proprio non riesce a comprendere come possa esser possibile che si trovi costretta ad uccidere sua figlia. Nonostante ciò, Xena organizza un contrattacco contro Livia: nascostasi insieme ad un pugno di guerrieri all'interno di uno dei templi costruiti in onore di Belur, attende l'arrivo di sua figlia. Livia arriva e lo scontro è inevitabile. Ancora una volta la principessa guerriera ha la meglio, ma, sul più bello, non riesce ad utilizzare il cerchio rotante per togliere la vita alla sua creatura: nuovamente, sembra che la compassione segni la fine di tutto, visto che Livia, ribellatasi, butta a terra sua madre, pronta a trafiggerla con la sua spada. A quel punto dal tetto del tempio penetra un accecante raggio di energia luminosa: è Belur, che per aiutare Xena mostra a Livia tutto ciò che accadde prima che lei si trasformasse in una feroce assassina. La luce svanisce e Livia, dopo essere fuggita via sconvolta per le sue illazioni, torna ad essere Evi. Xena sorride ad Olimpia, dicendole che forse è accaduto un miracolo.

Xena e la caduta degli dèiModifica

TramaModifica

Xena affronta gli dei dell'Olimpo in una battaglia all'ultimo sangue quando acquisisce nuovi poteri. Nel frattempo, Olimpia ed Evi stanno combattendo battaglie per conto loro.

Collegamenti esterniModifica