Apri il menu principale

Eric Saade

cantante e conduttore televisivo svedese

BiografiaModifica

Nato e cresciuto a Kattarp, (area urbana di Helsingborg, in Svezia) è il secondo di 8 figli, di Walid Saade, cittadino svedese di origini palestinesi-libanesi, e Marlene Jacobsson. Al divorzio dei genitori, nel 1994, rimase a vivere con la madre.[1]

Inizia a scrivere canzoni a 13 anni, firmando il suo primo contratto discografico due anni dopo.

È venuto alla ribalta dopo la vittoria nel concorso musicale svedese Joker.

Ha risentito dell'influenza di cantanti come Michael Jackson, Robbie Williams, Bryan Adams, i Backstreet Boys e Justin Timberlake.

Carriera musicaleModifica

 
Eric in concerto a Stoccolma

Con i What's UpModifica

Nel 2007 ha preso parte ad un concorso per formare una boyband chiamata "What's Up", diventando uno dei 15 candidati scelti per esibirsi all'Ericsson Globe di Stoccolma. Arrivato tra i 4 finalisti conquista la possibilità di far parte di questa nuova boyband con Robin Stjenberg, Ludwig Keijser e Johan Yngvesson.
La band inizia dalla Svezia il suo tour a partire dalla primavera 2008, e lo stesso anno cantano la versione svedese della sigla di Camp Rock

Sempre nel 2008 pubblicano il loro album intitolato In pose e due singoli dal nome Go Girl e If I told you once.[2]

Nel febbraio 2009 Eric lasciò la band per intraprendere la carriera da solista e fu rimpiazzato da Johannes Magnusson.

Carriera da solista e Eurovision Song ContestModifica

 
Eric durante l'esibizione al Melodifestivalen 2010

Nell'agosto 2009 firma un contratto con la Roxy Recordings e pubblica nel mese di dicembre il singolo Sleepless, scritto da Friedrik Kempe e Peter Boström.[3]

Nel 2010 partecipa per la prima volta al Melodifestivalen con il singolo Manboy, scritto da Fredrik Kempe (musica e testo) e Peter Boström (musica), con cui si piazza terzo.

Pur non partecipando all'Eurovision Song Contest 2010 presenta i voti della Svezia, facendo parte della giuria svedese. Vince il premio artistico dei Marcel Bezençon Awards (assegnati da SVT).[4]

Il 19 maggio pubblica il suo primo album, Masquerade, che ottiene il disco d'oro in Svezia[5], mentre nel mese di giugno Manboy raggiunge il disco di platino in Svezia.[6]

Da giugno a settembre organizza il Masquerade Tour, il suo primo tour di concerti come solista.

 
Eric nel 2011

Nel 2011 partecipa nuovamente al Melodifestivalen con il singolo Popular, che vincerà la selezione svedese e si classificherà terzo all'Eurovision Song Contest 2011, sancendo il miglior risultato per la Svezia dal 1999 (prima della vittoria di Loreen nel 2012). Ha vinto anche il Premio della Stampa dei Marcel Bezençon Awards.

Popular, pubblicato in Svezia nel febbraio 2011, raggiunge il doppio disco di platino in Svezia con 40 000 copie vendute.[7]

Il 29 giugno 2011 pubblica Saade Vol. 1, che ottiene il disco d'oro una settimana dopo l'uscita.

Da giugno a novembre prende parte ad un nuovo tour, chiamato Made of Pop Concert.

Nel mese di luglio ha partecipato alla cerimonia inaugurale della Gothia Cup a Göteborg, e il 14 luglio ha cantato per la principessa Vittoria di Svezia e per la famiglia reale svedese.[8]

Il 30 novembre pubblica Saade Vol. 2, contenente il singolo Hotter Than Fire, in collaborazione con la cantante statunitense Dev.

 
Eric nel 2012

Nel 2012 collabora con la cantante norvegese Tone Damli, rilasciando il singolo Imagine.

Come da tradizione si esibisce al Melodifestivalen 2012 (non come concorrente), cantando Hotter than Fire, mentre Popular (canzone con cui ha vinto l'edizione precedente) sarà cantata in una nuova versione jazz dalla cantante greco-svedese Helena Paparizou.

Nel 2013 rilascia un nuovo album, intitolato Forgive Me.[9]

Durante l'Eurovision Song Contest 2013, ospitato a Malmö, viene scelto come co-conduttore di Petra Mede nella Green Room (dove i concorrenti, dopo essersi esibiti, aspettano i risultati).

Partecipa nuovamente al Melodifestivalen nel 2015, con la canzone Sting, scritta da Sam Arash Fahmi, Fredrik Kempe, Hamed Pirouzpanah e David Kreuger. La canzone si qualifica per la finale, dove si piazza quinto.

Carriera televisivaModifica

Durante l'estate del 2009 ha presentato, come conduttore, la trasmissione Disney My Camp Rock, un concorso musicale internazionale basato su Camp Rock.

Ha inoltre condotto Julias Stjärnskott, un concorso musicale per giovani.

Nel 2017 ha partecipato al Så Mycket Bättre.

Nel 2019 ha presentato il Melodifestivalen con Sarah Dawn Finer, Kodjo Akolor e Marika Carlsson.

Vita privataModifica

Eric vive a Stoccolma.

Ha avuto una relazione con la cantante svedese Molly Sandén, conclusasi ufficialmente il 9 gennaio 2012.[10]

Dal 2015 è fidanzato con la fashion blogger italo-svedese Nicole Falciani con cui convive.

DiscografiaModifica

Con i What's UpModifica

AlbumModifica

  • 2008 - In Pose

SingoliModifica

  • 2008 - Go Girl
  • 2008 - If I Told You Once

SolistaModifica

AlbumModifica

SingoliModifica

  • 2009 - Sleepless
  • 2010 - Manboy
  • 2010 - Break of Dawn
  • 2010 - Masquerade
  • 2011 - Popular
  • 2011 - Hearts in the Air (con J-Son)
  • 2011 - Hotter Than Fire (con Dev)
  • 2012 - Imagine (con Tone Damli)
  • 2012 - Marching (In the name of love)
  • 2012 - Miss Unknown
  • 2013 - Coming Home
  • 2014 - Take A Ride
  • 2016 - Colors
  • 2016 - Wide Awake
  • 2018 - Så Jävla Fel
  • 2018 - Vill
  • 2019 - Skit För Varandra

Singoli PromozionaliModifica

  • 2010 - It's Gonna Rain
  • 2011 - Still Loving It
  • 2016 - Wide Awake
  • 2018 - Så Jävla Fel
  • 2019 - Skit För Varandra

TourModifica

  • 2010 - Masquerade Tour[11]
  • 2011 - Made of Pop Tour[12]
  • 2012 - Pop Explosion Tour[13]
  • 2013 - Coming Home Tour
  • 2015 - Saade Stripped Live

NoteModifica

  1. ^ (SV) Söndagsintervjun: Eric Saade, su nyheter24.se, 10 luglio 2011. URL consultato il 6 marzo 2019.
  2. ^ Swedish Charts: What's Up band page
  3. ^ (EN) Eric Saade - 'Sleepless' » Scandipop.co.uk, in Scandipop.co.uk, 21 dicembre 2009. URL consultato il 3 agosto 2018.
  4. ^ (EN) a thread for Swedish megastar ERIC SAADE, in Moopy. URL consultato il 3 agosto 2018.
  5. ^ Steffen Hung, swedishcharts.com - Eric Saade - Masquerade, su swedishcharts.com. URL consultato il 3 agosto 2018.
  6. ^ (EN) The man(boy) behind the Masquerade... » Scandipop.co.uk, in Scandipop.co.uk, 10 giugno 2010. URL consultato il 3 agosto 2018.
  7. ^ iTunes - Music - Popular - Single by Eric Saade, su itunes.apple.com, 7 febbraio 2012. URL consultato il 3 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2012).
  8. ^ (SV) Saade till Victoria: ”Du är sjukt snygg”, in Aftonbladet. URL consultato il 3 agosto 2018.
  9. ^ Eric Saade : Forgive me - hd.se, su hd.se, 1º settembre 2013. URL consultato il 3 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 1º settembre 2013).
  10. ^ Scandipop.co.uk - Eric Saade at Allsång På Skansen!, scandipop.co.uk, 7 luglio 2010. URL consultato il 18 dicembre 2011.
  11. ^ MASQUERADE TOUR DRAR VIDARE! Glöm inte rösta!, EricSaade.com. URL consultato il 24 settembre 2011.
  12. ^ Hectic Times Young, Mr.Saade, EuroVisionary.com. URL consultato il 24 settembre 2011.
  13. ^ ERIC SAADE POP EXPLOSION CONCERT 2012, Eric Saade's official site. URL consultato il 14 dicembre 2011.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica