Apri il menu principale
Erigavo
distretto
Ceerigabo
Erigavo – Veduta
Localizzazione
StatoSomalia Somalia
RegioneSanag
Territorio
Coordinate10°37′00″N 47°22′00″E / 10.616667°N 47.366667°E10.616667; 47.366667 (Erigavo)Coordinate: 10°37′00″N 47°22′00″E / 10.616667°N 47.366667°E10.616667; 47.366667 (Erigavo)
Abitanti41 000 (2000)
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+3
Cartografia
Mappa di localizzazione: Somalia
Erigavo
Erigavo

Erigavo talvolta citata anche come Erigabo (in somalo Ceerigabo), è una città della Somalia settentrionale, capitale della regione di Sanag e capoluogo della provincia omonima.

Indice

StoriaModifica

Erigavo in epoca coloniale fu parte della Somalia Britannica.

La città ed i suoi dintorni furono una delle aree più turbolente nella lotta tra la resistenza somala dei dervisci e le forze coloniali etiopi, britanniche ed italiane. Nella zona fu particolarmente attivo il leader religioso e patriota anticolonialista somalo Mohammed Abdullah Hassan.

Il controllo sulla città è conteso tra il Somaliland, macroregione proclamatasi unilateralmente indipendente nel 1991, il Puntland, altra macroregione proclamatasi però soltanto autonoma, ed il HBM-SSC (Hoggaanka Badbaadada iyo Mideynta SSC), gruppo locale il cui obiettivo è quello di riunire questi territori contesi in un'unica entità amministrativa autonoma ma non indipendente dalla Somalia[1], peraltro costituita dal gruppo nel 2012 con il nome di Khatumo. Infatti questa disputa territoriale è in realtà di portata ben più ampia, perché ha ad oggetto le intere regioni di Sanag e Sol ed anche la parte sudorientale della regione di Tug Dair, detta Ayn, che secondo il HBM-SSC, fondatore del Khatumo, ma anche secondo il Puntland sarebbe una regione distinta. Per chiarimenti vedi disputa Somaliland-Puntland.

Nel 1991, con la caduta del governo centrale somalo di Siad Barre, la città e la regione di Sanag erano entrate a far parte del Somaliland, ma nel 1998 il Puntland rivendicò l'intera regione di Sanag come parte del proprio territorio, dando origine alla una controversia territoriale che dura ancora oggi.

Economia e trasportiModifica

 
Erigavo

La pastorizia è la principale fonte di sussistenza della popolazione locale, tra cui abbondano pastori nomadi di capre, pecore e cammelli, che pascolano su campi aperti suddivisi tra i clan locali più che tra singole famiglie. Le rimesse dei somali originari della città ed emigrati all'estero sono un altro mezzo di sussistenza importante per i residenti.

Erigavo ha una moderna rete di servizi telefonici, e come in molte altre città somalo le telecomunicazioni hanno avuto uno sviluppo considerevole ed hanno contribuito a far crescere e modernizzare l'economia.

Erigavo è una città in rapida crescita soprattutto demografica, ma a causa della mancanza di un sistema stradale adeguato è collegata debolmente alle altre città somale, specialmente quelle del Somaliland. Tuttavia la città ha un aeroporto[2].

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

La città ha 41.000 abitanti secondo i dati del 2000[3], la maggior parte dei quali appartenenti al clan Isaaq.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN141964380 · LCCN (ENn85212934 · WorldCat Identities (ENn85-212934
  Portale Africa Orientale: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Africa Orientale