Apri il menu principale
Erik Umberto Pretto
Erik Umberto Pretto daticamera 2018.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Lega - Salvini Premier
Coalizione Coalizione di centro-destra del 2018
Sito istituzionale

Erik Umberto Pretto (Schio, 24 dicembre 1984) è un politico italiano eletto alla Camera dei deputati nelle liste della Lega Nord alle elezioni del 4 marzo 2018, membro della Commissione IV “Difesa”[1].

BiografiaModifica

Già assessore alla cultura e consigliere capogruppo nel comune di Marano Vicentino, nel corso del 2016 si occupa del coordinamento provinciale del Comitato per il no alla riforma costituzionale voluta dal Governo Renzi, in vista del Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016.

Nel gennaio 2017 viene eletto segretario provinciale della Lega Nord – Liga Veneta di Vicenza, e nel maggio 2017 entra a far parte del Consiglio federale della Lega Nord. Nel corso del 2017 si interessa del coordinamento provinciale del Comitato per il sì all’Autonomia del Veneto, in vista del Referendum regionale del 22 ottobre 2017[2] promosso dalla Giunta Zaia.

Alle elezioni politiche del 4 marzo 2018 viene eletto alla Camera dei deputati nel collegio plurinominale Veneto 2 – 02 di Vicenza. Già membro della Commissione V “Bilancio, Tesoro e Programmazione”, ora fa parte della Commissione IV "Difesa". [1]

Dal 31 ottobre 2018 fa parte anche della Commissione bicamerale di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere.

Imprenditore, ha ricoperto importanti incarichi aziendali. Appassionato delle tematiche legate all’identità, alla storia ed alla tradizione del territorio veneto, ha pubblicato un libro scritto interamente in lingua veneta dal titolo Ła storia de Joanìn sensa paura.

NoteModifica

  1. ^ a b XVIII Legislatura - Deputati e Organi - Commissioni, su www.camera.it. URL consultato il 1º settembre 2018.
  2. ^ Referendum Autonomia Veneto, su Referendum Autonomia Veneto. URL consultato il 1º settembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica