Eriprando Visconti

regista cinematografico italiano

Eriprando Visconti di Modrone (Milano, 24 settembre 1932Mortara, 26 maggio 1995) è stato un regista e sceneggiatore italiano, membro della famiglia milanese dei Visconti.

Biografia modifica

Infanzia modifica

Era figlio di Edoardo Visconti e di Nicoletta Arrivabene-Valenti Gonzaga; il regista Luchino Visconti era suo zio paterno.

Matrimoni modifica

Nel 1952, dall'unione con l'attrice Fulvia Mammi, nacque il primogenito Guido; dal suo matrimonio con Francesca Patrizia Ruspoli, nacquero Edoardo jr. e Ortensia.

Carriera cinematografica modifica

A 22 anni fece il suo esordio come assistente volontario dello zio nel film a episodi Siamo donne e recitò nel ruolo di Carlo Moretti nel film Terza liceo diretto nel 1954 da Luciano Emmer. Nel 1955 scrisse soggetto e sceneggiatura dell'opera prima di Francesco Maselli, Gli sbandati, per il quale collaborò anche come aiuto regista, mentre cinque anni dopo assistette Renato Castellani sul set del film Il brigante. Nel 1961 compì il suo esordio dietro la macchina da presa con Una storia milanese, per il quale vinse il Premio della Critica alla Mostra del Cinema di Venezia. Durante gli anni sessanta diresse un documentario e tre originali per la televisione.

Rientrò sul grande schermo nel 1969 dirigendo quattro opere. Dal 1976 / 1977 in avanti, a partire dal celebre dittico La orca e Oedipus orca (che incontrò notevoli vicissitudini censorie) il suo cinema tenta di sviluppare temi più complessi, abbandonando il puro intreccio narrativo e privilegiando l'indagine psicologica dei personaggi. In particolare si segnala Una spirale di nebbia, del 1977, tratto dal romanzo di Michele Prisco, che è un'analisi della corruzione del mondo borghese. Nel film recitano attori famosi come Claude Jade, Marc Porel, Duilio Del Prete, Flavio Bucci, Eleonora Giorgi, Marina Berti e Stefano Satta Flores. Inoltre, appare per la seconda volta come attore occasionale nel film Caro Michele, diretto nel 1976 da Mario Monicelli.

Ultimi anni e morte modifica

Dopo l'ultimo film da lui diretto, Malamore, del 1982, fu costretto a ritirarsi dal mondo del cinema per ragioni di salute.

Morì a 62 anni, di enfisema polmonare.[1]

Filmografia modifica

Film modifica

Documentari modifica

Originali televisivi modifica

Collaborazioni modifica

Note modifica

  1. ^ Domani i funerali di Visconti, in La Stampa, 28 maggio 1995, p. 25.

Bibliografia modifica

  • Prandino, l'altro Visconti. Vita e film di Eriprando Visconti, regista milanese, a cura di Corrado Colombo e Mario Gerosa, Ed. Il Foglio, 2018,
  • Dizionario dei registi, di Pino Farinotti, SugarCo, Milano, 1993.
  • Dizionario Bolaffi dei registi italiani, Torino, 1979.
  • Pietro Bianchi (a cura di), Copioni cinematografici. Strogoff, IDPL, Milano, 1971.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN87276347 · ISNI (EN0000 0000 7246 0293 · LCCN (ENno2018067582 · GND (DE139792686 · BNE (ESXX1547270 (data) · BNF (FRcb14144217z (data)