Apri il menu principale

Ermanno Aebi

ex calciatore ed ex arbitro di calcio italiano
Ermanno Aebi
Ermanno Aebi.jpg
Nazionalità Svizzera Svizzera
Italia Italia
Altezza 173 cm[1] cm
Peso 73 kg[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista, attaccante
Ritirato 1922
Carriera
Squadre di club1
1910-1922Inter142 (106)
Nazionale
1920 Italia Italia 2 (3)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ermanno Aebi (Milano, 13 gennaio 189222 novembre 1976[2]) è stato un arbitro di calcio e calciatore svizzero naturalizzato italiano, di ruolo centrocampista o attaccante.

Ermanno Aebi
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Sezione Milano
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1923-1928 Prima Divisione Arbitro

BiografiaModifica

Benché potesse contare sulla cittadinanza svizzera, durante la prima guerra mondiale prestò servizio militare[3]; dopo il ritiro fu industriale[4]. Il figlio Giorgio, nato nel 1923, è stato anche lui calciatore, giocando nella stagione 1946-1947 sette partite in Serie A con il Genoa.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Nato a Milano da padre svizzero e madre italiana, dopo aver imparato lo sport in un college a Neuchâtel[5] a 18 anni venne convinto dall'allora presidente dell'Internazionale Giovanni Paramithiotti ad aggregarsi alla società nerazzurra, fondata da neanche due anni, dove già militavano molti giocatori svizzeri, per lo più impiegati di filiali locali di aziende elvetiche e commercianti. Giocò la sua prima partita in maglia nerazzurra il 10 aprile 1910 contro il Torino (vittoria dell'Inter per 7-2).

 
Aebi con la maglia dell'Inter (a destra), con il bolognese Vallesella (al centro), durante la sfida del 16 maggio 1910 ai Prati di Caprara.

Impiegato come interno destro dalle spiccate doti offensive, eccelleva nel gioco di testa, per cui era molto pericoloso nei calci d'angolo, che sfruttava con successo. Contribuì alla vittoria del primo scudetto nerazzurro nel 1910, giocando la finalissima contro la Pro Vercelli. Risultò poi decisivo nella conquista del secondo tricolore di dieci anni dopo, segnando ben 19 reti in 21 partite.

In dodici anni di maglia nerazzurra giocò complessivamente 142 partite, segnando 106 reti e rimanendo tuttora il nono miglior marcatore della squadra milanese. L'Inter fu la sua unica squadra, anche se nel maggio del 1917 accettò di partecipare a due amichevoli con la casacca del Milan (realizzando, tra l'altro, due reti)[1]. A causa dell'intelligenza tattica e dell'eleganza del suo stile, gli venne affibiato il nomignolo di «Signorina».[6]

NazionaleModifica

Aebi fu il primo oriundo ad indossare la maglia della nazionale italiana, scendendo in campo in due occasioni. L'esordio avvenne il 18 gennaio 1920, quando l'Italia giocò contro la Francia al Velodromo Sempione di Milano e contribuì con tre reti alla vittoria degli azzurri per 9-4. Giocò la sua seconda e ultima partita in maglia azzurra il 28 marzo 1920 a Berna nella sconfitta contro la Svizzera per 3-0; dal 1949 fu anche selezionatore degli azzurri con Ferruccio Novo e Roberto Copernico[5] con l'incarico di curare anche le giovanili[4].

ArbitroModifica

A fine carriera divenne arbitro, dirigendo anche partite della massima categoria[7].

PalmarèsModifica

StatisticheModifica

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
18-1-1920 Milano Italia   9 – 4   Francia Amichevole 3
28-3-1920 Berna Svizzera   3 – 0   Italia Amichevole -
Totale Presenze 2 Reti 3

NoteModifica

  1. ^ a b c Ermanno Aebi, magliarossonera.it.
  2. ^ Ermanno Aebi footballdatabase.eu
  3. ^ PICCOLA ENCICLOPEDIA DEGLI ORIUNDI IN AZZURRO Archiviato l'11 agosto 2011 in Internet Archive. golcalcio.it
  4. ^ a b La Nuova Stampa, 11 dicembre 1948, p. 4 archiviolastampa.it
  5. ^ a b Marco Sappino, Dizionario biografico enciclopedico di un secolo del calcio italiano - Volume 2, Milano, Baldini&Castoldi, 2000, ISBN 88-8089-862-0.
  6. ^ Vito Galasso, I campioni che hanno fatto grande l'Inter, Newton Compton editori, 2014.
  7. ^ La Stampa, 7 marzo 1927, p. 2 archiviolastampa.it

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica