Ermanno II di Colonia

arcivescovo cattolico
Ermanno II
cardinale di Santa Romana Chiesa
Herman II (Archbishop of Cologne).jpg
Ermanno II nella Chronica sancti Pantaleonis
 
Incarichi ricopertiArcivescovo di Colonia (1036-1056)
 
Nato995 circa
Creato cardinale1036
Nominato vescovo1036
Deceduto11 febbraio 1056, Colonia
 

Ermanno II (995 circa – Colonia, 11 febbraio 1056) fu arcivescovo di Colonia e cardinale dal 1036 alla morte.

BiografiaModifica

 
Ermanno con sua madre Matilda e i suoi fratelli Liudolfo e Ottone nella Chronica sancti Pantaleonis

Era figlio del conte palatino di Lotaringia Azzo (955-1043) e di Matilde di Germania (979-1025), una figlia dell'imperatore Ottone II e la sua consorte Teofano[1]. Era un membro della dinastia degli Azzoni. Il fratello minore di Ermanno, Ottone, divenne duca di Svevia nel 1045; tra le sue sorelle c'erano Richeza, che sposò il re polacco Mieszko II Lambert e Teofano, badessa di Essen.

Papa Benedetto IX lo introdusse nel collegio cardinalizio intorno al 1036 e nello stesso anno l'imperatore della dinastia salica Corrado II lo nominò arcivescovo e concesse importanti privilegi alla chiesa di Colonia. Ermanno accompagnò Corrado nella sua campagna italiana e rimase fedele al suo successore Enrico III. Nel 1049 ricevette papa Leone IX a Colonia e nel 1051 consacrò il duomo di Goslar. La sua claritas generis gli permise di battezzare e incoronare il figlio dell'imperatore, Enrico IV, un privilegio contestato dall'arcivescovo di Magonza di Luitpoldo I. Ermanno sostenne anche l'imperatore durante la rivolta guidata da suo nipote e duca della dinastia degli Azzoni Corrado I di Baviera.

In qualità di arcivescovo di Colonia, fu arcicancelliere del regno d'Italia ed è anche citato come protettore dell'abbazia di Brauweiler (1053). Progettò la ricostruzione la cattedrale di Colonia, prendendo a modello la basilica di san Pietro a Roma. Lui e sua sorella Ida fecero costruire la chiesa romanica di Santa Maria in Campidoglio a partire dal 1040 circa, seguendo il modello della basilica di Santa Maria Maggiore.

 
Dettaglio da una croce processionale dell'XI secolo (Hermann-Ida-Kreuz), museo Kolumba

L'arcivescovo Ermanno II morì a Colonia ed è sepolto nella cattedrale di Colonia. Nel XIII secolo, l'attuale città rumena di Sibiu ricevette il suo nome tedesco, Hermannstadt, probabilmente in suo onore.

NoteModifica

  1. ^ "The Konradiner", p. 100, ultimo accesso 21 ottobre 2009.

BibliografiaModifica

  • Lewald, Ursula, 'Die Ezzonen. Das Schicksal eines rheinischen Fürstengeschlechts', in Rheinische Vierteljahrsblätter 43 (1979) pp. 120–168

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN81607363 · GND (DE137412711 · CERL cnp01461104