Apri il menu principale

Ernest Koliqi (Scutari, 20 maggio 1903Roma, 15 gennaio 1975) è stato uno scrittore, poeta e drammaturgo albanese.[1] In Italia, dove insegnò l'albanese nell’università di Roma, è più noto col nome tradotto in Ernesto.

Indice

BiografiaModifica

Nato a Scutari, dove ha frequentato le prime lezioni presso il Collegio dei Gesuiti, Koliqi si trasferisce in Italia per studiare a Brescia e poi all'Università di Padova, dove si dedica allo studio dell'epica popolare albanese. Ha iniziato a scrivere sotto pseudonimi, quali Hilushi, Hilush Vilza e Borizani.

Negli anni '20 e '30 Koliqi è stato il fondatore di importanti riviste in Albania, come le riviste Illyria e Ora e Maleve (La fata della montagna, 1923) e il periodico Shejzat (Pleiadi, Roam), che hanno riguardato la geografia e la cultura del Paese. Fu anche Ministro dell'Istruzione al tempo del regno albanese durante l'occupazione italiana dell'Albania (1939-1943), quando mandò duecento insegnanti a istituire scuole albanesi in Kosovo.

Insieme a Mitrush Kuteli è considerato il fondatore della prosa albanese moderna. Ha tradotto in albanese le opere dei grandi poeti italiani: Dante Alighieri, Petrarca, Ludovico Ariosto, Torquato Tasso, Giuseppe Parini, Vincenzo Monti e Ugo Foscolo. Si è distinto nella traduzione di un'antologia della poesia italiana nel 1963.

Nei suoi libri come Hija e Maleve (1929), Tregtar flamujsh (1935) e Pasqyrat e Narçizit (1946), Koliqi introduce una spiritualità unica alla letteratura albanese. Molte delle sue opere sono state poi censurate e vietate durante il regime comunista albanese di Enver Hoxha.

OpereModifica

  • Kushtrimi i Skanderbeut, 1924 (Il richiamo di Skanderbeg)[2]
  • Hija e maleve', 1929 (L'ombra delle montagne)[2]
  • Gjurmat e stinëve, 1933 (Le tracce delle stagioni)
  • Tregtar flamujsh, 1935 (Mercanti di bandiere) [2]
  • Pasqyrat e Narçizit, 1936 (Lo specchio del narciso)
  • Symfonia e shqypeve, 1936 (Sinfonia delle aquile)
  • Epika popullore shqiptare, 1937 (Epica popolare albanese), tesi di laurea all'Università di Roma[2]
  • Kangjelet e Rilindjes, 1959 (Le porte del risveglio)
  • Shija e bukës mbrume, 1960 (Il sapore del pane lievitato)
  • Albania (1965)

NoteModifica

  1. ^ Encyclopædia Britannica
  2. ^ a b c d Gjovalin Shkurtaj e Enver Hysa: Gjuha Shqipe për të huajt dhe shqiptarët jashtë atdheut

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN77206449 · ISNI (EN0000 0001 0918 2005 · LCCN (ENn88031781