Apri il menu principale

Ernesto Ghiotti (Torino, 1847Torino, 1938) è stato un ingegnere e architetto italiano, Ingegnere Capo dei LL.PP. del Comune di Torino (1903)[1], Socio fondatore della Associazione Ingegneri e Architetti ex-allievi del Politecnico di Torino (1908).

Alcuni suoi lavori sono considerati esempi di particolare liberty italiano[2].
Il suo lavoro sul ponte in muratura Duchessa Isabella è considerato tra i più significativi della Torino di allora[3].
Progetta, oltre a ponti e dighe, la prima linea tranviaria a Torino, edifici universitari, scuole, l'apertura di varie vie e strade comunali e svariati ampliamenti[4]. Opera particolare è la ricostruzione con sopraelevazione della guglia della Mole Antonelliana (1904) con una Stella al posto del Genio Alato[5].

Scrive un Trattato di Aritmetica e Geometria applicata alle Arti per Scuole Tecniche Professionali, e studi sulla progettazione dei ponti.

Opere principali a TorinoModifica

  • Ponte Regina Margherita (1880-81)[6] e ponte Duchessa Isabella sul fiume Po,
  • Ponte sulla Dora in Corso Principe Oddone,
  • il palazzo liberty delle Poste e Telegrafi in Via Alfieri[7], quello dei Telefoni in Via Confienza.

NoteModifica

  1. ^ lastampa.it
  2. ^ coupdefouet.eu
  3. ^ anelloverde.org
  4. ^ L'ampliamento del Cimitero Monumentale, del Cimitero di Sassi, e dell'Osservatorio Astronomico di Pino Torinese
  5. ^ Studi piemontesi, Volume 5
  6. ^ Il Politecnico vol.36
  7. ^ lulu.com

BibliografiaModifica

  • M.De Marino, La mole antonelliana e il museo del cinema - Inarcassa nº 2 anno 31
  • F.Rosso, "La Mole Antonelliana" - Museo civico di Torino 1976
  • GAM, "Antonelli e la Mole" - Torino 1976

t

2