Ernesto II di Hohenlohe-Langenburg

Ernesto II di Hohenlohe-Langenburg
Erbprinz Ernst zu Hohenlohe Langenburg.jpg
Il principe Ernesto II di Hohenlohe-Langenburg in una fotografia del XIX secolo
Principe di Hohenlohe-Langenburg
Stemma
In carica 9 marzo 1913 –
11 dicembre 1950
Predecessore Ermanno
Successore Goffredo
Reggente del Ducato di Sassonia-Coburgo-Gotha
In carica 30 luglio 1900 –
19 luglio 1905
(per il nipote Carlo Edoardo)
Trattamento Sua Altezza Serenissima
Nascita Langenburg, 13 settembre 1863
Morte Langenburg, 11 dicembre 1950
Dinastia Hohenlohe-Langenburg
Padre Ermanno di Hohenlohe-Langenburg
Madre Leopoldina di Baden
Consorte Alessandra di Sassonia-Coburgo-Gotha
Religione Protestantesimo

Ernesto II di Hohenlohe-Langenburg (Langenburg, 13 settembre 1863Langenburg, 11 dicembre 1950) fu principe di Hohenlohe-Langenburg e, sino alla maggiore età del duca Carlo Edoardo di Sassonia-Coburgo-Gotha, fu duca reggente di Sassonia-Coburgo-Gotha (dal 1900 al 1905).

BiografiaModifica

Ernesto era il figlio primogenito del Principe Ermanno di Hohenlohe-Langenburg e di sua moglie, la Principessa Leopoldina di Baden.

Dopo i primi studi a Karlsruhe, studiò diritto a Parigi, Bonn, Tubinga e Lipsia, passando il primo esame legale a Naumburg nel 1885. Dopo alcuni incarichi a Berlino (1886-91) sostenne l'esame di diplomatica (1890-91) divenendo in seguito segretario dell'ambasciata a San Pietroburgo e Londra (1891-94). Negli anni successivi collaborò col padre nel governo delle province di Alsazia e Lorena, risiedendo a Strasburgo.

Per parentela della moglie, la principessa Alessandra di Sassonia-Coburgo-Gotha, alla morte del duca Alfredo di Sassonia-Coburgo-Gotha, divenne reggente per il giovane principe Carlo Edoardo ancora in minore età dal 30 luglio 1900 al 18 luglio 1905. Dopo essersi introdotto negli affari esteri dell'Impero Tedesco tra il (1905-06), divenne delegato del parlamento tedesco (1907-11) e quindi vicepresidente (1909-10). Durante la prima guerra mondiale il Principe lavorò come volontario nella croce rossa internazionale e fu Generale delegato per la frontiera dell'Est, venendo nominato nel 1918 commissario imperiale ed ispettore militare. Dal 1915 era stato inoltre inviato come emissario speciale a Costantinopoli e nei Balcani.

Dopo la guerra, si ritirò a vita privata e si dedicò all'Ordine di San Giovanni, divennendo Commendatore dell'area del Württemberg. Morì l'11 dicembre 1950 a Langenburg.

Matrimonio e figliModifica

Il 20 aprile 1896 egli sposò al Castello di Ehrenburg di Coburgo, la Principessa Alessandra di Sassonia-Coburgo-Gotha, pronipote della Regina Vittoria d'Inghilterra. La coppia ebbe i seguenti figli:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Carlo Ludovico I di Hohenlohe-Langenburg Cristiano Alberto di Hohenlohe-Langenburg  
 
Carolina di Stolberg-Gedern  
Ernesto I di Hohenlohe-Langenburg  
Amalia Enrichetta di Solms-Baruth Giovanni Cristiano II di Solms-Baruth  
 
Federica Luisa di Reuss-Köstritz  
Ermanno di Hohenlohe-Langenburg  
Emilio Carlo di Leiningen Carlo Federico Guglielmo di Leiningen  
 
Cristiana di Solms-Rödelheim-Assenheim  
Feodora di Leiningen  
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld Francesco Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld  
 
Augusta di Reuss-Ebersdorf  
Ernesto II di Hohenlohe-Langenburg  
Carlo Federico di Baden Federico di Baden-Durlach  
 
Amalia di Nassau-Dietz  
Guglielmo di Baden  
Baronessa Luisa Carolina Geyer di Geyersberg Luigi Enrico, Barone Geyer di Geyersberg  
 
Contessa Massimiliana Cristiana di Sponeck  
Leopoldina di Baden  
Ludovico di Württemberg Federico II Eugenio di Württemberg  
 
Federica Dorotea di Brandeburgo-Schwedt  
Elisabetta Alessandrina di Württemberg  
Enrichetta di Nassau-Weilburg Carlo Cristiano di Nassau-Weilburg  
 
Carolina d'Orange-Nassau  
 

OnorificenzeModifica

  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della corona del Württemberg (Regno del Württemberg)

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN56705019 · ISNI (EN0000 0000 4160 8419 · CERL cnp02028391 · LCCN (ENno96026065 · GND (DE116954868 · BNF (FRcb12448786c (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no96026065
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie