Ernesto Luigi d'Assia-Darmstadt

compositore tedesco
Ernesto Luigi
Johann Christian Fiedler - Bildnis des Landgrafen Ernst Ludwig von Hessen-Darmstadt.jpg
Ernesto Luigi d'Assia-Darmstadt in un ritratto di Johann Christian Fiedler
Langravio d'Assia-Darmstadt
Stemma
In carica 31 agosto 1678 –
12 settembre 1739
Predecessore Luigi VII
Successore Luigi VIII
Nascita Gotha, 15 dicembre 1667
Morte Darmstadt, 12 settembre 1739
Casa reale Casato d'Assia
Padre Luigi VI d'Assia-Darmstadt
Madre Elisabetta Dorotea di Sassonia-Gotha-Altenburg
Coniugi Dorotea Carlotta di Brandeburgo-Ansbach
Luise Sophie von Spiegel
Figli Dorotea Sofia
Luigi
Carlo Guglielmo
Francesco Ernesto
Federica Carlotta
Religione Protestantesimo

Ernesto Luigi d'Assia-Darmstadt (Gotha, 15 dicembre 1667Darmstadt, 12 settembre 1739) fu langravio d'Assia-Darmstadt dal 1678 al 1739.

BiografiaModifica

 
Ritratto del langravio Ernesto Luigi d'Assia-Darmstadt. Sullo sfondo è visibile il castello di Darmstadt da lui fatto ricostruire dopo il 1715.

Ernesto Luigi era figlio del langravio Luigi VI d'Assia-Darmstadt e di sua moglie, Elisabetta Dorotea di Sassonia-Gotha-Altenburg (1640-1709).

Alla morte del fratellastro Luigi VII, che regnò solo per un breve periodo dopo la morte del loro padre, Ernesto Luigi ascese al trono langraviale d'Assia-Darmstadt, rimanendo però sotto tutela della madre a causa della sua minore età sino al 1688. In quell'anno però l'Assia-Darmstadt venne occupata dalle truppe francesi e la stessa capitale venne occupata dai nemici, motivo per cui Ernesto Luigi dovette risiedere per i dieci anni successivi dapprima a Nidda e poi a Gießen. Dopo la morte della madre e della prima moglie, respinse categoricamente ogni forma di pietismo nel proprio stato, licenziando anche molti dei suoi ministri. Fu durante questi anni, ad ogni modo, che egli iniziò un rapporto di amore-odio verso la figura di Luigi XIV di Francia, il quale rappresentò sempre per Ernesto Luigi un modello di splendore da imitare, motivo per cui tornato in pieni poteri nel suo stato rinnovò il sistema fiscale con considerevoli aumenti di tasse atti a colmare le sempre più consistenti necessità di denaro per sostenere le spese per il mantenimento della grande corte creatasi attorno alla sua persona, portando così il suo paese alla rovina finanziaria a causa di un debito costante che, alla sua morte, constava di 4.000.000 di fiorini.

Patrono delle arti, Ernesto Luigi fu finanziatore del compositore barocco Johann Christoph Graupner che dal 1709 egli assunse anche quale maestro di cappella alla propria corte, impedendogli così di ottenere il prestigioso incarico di maestro del coro della Chiesa di San Tommaso a Lipsia (già a suo tempo ricoperto da Johann Sebastian Bach) a cui il compositore teneva particolarmente. Lo stesso langravio si dilettava nel suonare la viola da gamba e compose alcune brevi sinfonie e composizioni da chiesa assieme alle sorelle Maddalena Sibilla e Augusta Maddalena.

Per i suoi grandiosi progetti architettonici, chiamò al proprio servizio l'architetto francese Louis Remy de la Fosse, a cui diede l'incarico di ricostruire il palazzo langraviale di Darmstadt dopo che un rovinoso incendio nel 1715 aveva distrutto la costruzione precedente. Grande appassionato di caccia, investì gran parte dei propri averi nella costruzione di lussuose residenze per la caccia da inseguimento come i casini di caccia di Jägersburg e Kleudelsburg, ma il tracollo delle finanze di stato gli imposero il blocco totale di ogni iniziativa a partire dal 1718. Coltivò nel contempo anche la passione per l'alchimia.

Matrimonio ed erediModifica

 
Dorotea Carlotta di Brandeburgo-Ansbach, prima moglie di Ernesto Luigi

Ernesto Luigi, il 1º dicembre 1687 a Darmstadt, sposò Dorotea Carlotta di Brandeburgo-Ansbach (1661–1705), figlia di Alberto II di Brandeburgo-Ansbach (1620–1667). La coppia ebbe i seguenti figli:

 
Luise Sophie von Spiegel, moglie morganatica di Ernesto Luigi

Alla morte della prima moglie, Ernesto Luigi si risposò morganaticamente il 20 gennaio 1727 a Darmstadt con Luise Sophie von Spiegel (1690–1751), creata contessa di Eppstein. La coppia ebbe i seguenti figli:

  • Luisa Carlotta (1727–1753), contessa di Eppstein
  • Federica Sofia (1730–1770), contessa di Eppstein, sposò il barone Johann Carl Ludwig Christian von Pretlack (1716–1781) nel 1764

Ernesto Luigi ebbe inoltre un figlio con l'amante Charlotte von Forstner (1686–1727):

  • Federico Carlo Luigi di Hohenstein zu Fürstenfeld (1711 - c.1715)

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN54493910 · ISNI (EN0000 0000 0222 7015 · LCCN (ENno2015165507 · GND (DE100455840 · BNF (FRcb14976326p (data) · CERL cnp00976235 · WorldCat Identities (ENlccn-no2015165507