Esarcato apostolico d'Italia

Esarcato apostolico d'Italia
Exarchatus Apostolicus Italiae
Chiesa ucraina
Eglise Santi Sergio e Bacco degli Ucraini.JPG
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Sede vacante
Amministratore apostolico cardinale Angelo De Donatis
Sacerdoti 62
1.129 battezzati per sacerdote
Battezzati 70.000
Superficie 302.072 km² in Italia
Erezione 11 luglio 2019
Rito bizantino
Cattedrale Santi Sergio e Bacco degli Ucraini
Sito web www.chiesaucraina.it
Dati dall'Annuario pontificio (ch · gc)
Chiesa cattolica in Italia

L'esarcato apostolico d'Italia (in latino: Exarchatus Apostolicus Italiae) è una sede della Chiesa greco-cattolica ucraina, immediatamente soggetta alla Santa Sede. Nel 2019 contava 70.000 battezzati. La sede è vacante.

TerritorioModifica

L'esarcato apostolico si estende a tutti i fedeli della Chiesa greco-cattolica ucraina in Italia.

Sede dell'esarca è la città di Roma, dove si trova la cattedrale dei Santi Sergio e Bacco degli Ucraini.

StoriaModifica

L'esarcato apostolico per i fedeli cattolici ucraini di rito bizantino residenti in Italia è stato eretto da papa Francesco l'11 luglio 2019.

Il 3 settembre seguente l'amministratore apostolico Angelo De Donatis ha nominato suo delegato ad omnia il vescovo Dionisij Ljachovič, già visitatore apostolico per i fedeli cattolici ucraini di rito bizantino residenti in Italia, affidandogli la guida dell'esarcato[1].

Cronotassi degli esarchiModifica

StatisticheModifica

Al momento dell'erezione l'esarcato apostolico conta all'incirca 70.000 fedeli, raggruppati in 145 comunità assistite da 62 sacerdoti.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi