Apri il menu principale

L'Esercito del Re di Hokuto è un esercito fittizio del manga e anime Ken il guerriero

In Ken il guerriero, il Re di Hokuto (che altri non è se non Raoul, fratello maggiore del protagonista Kenshiro) crea un vero e proprio impero per cui è circondato da generali ed ufficiali, affidando i villaggi conquistati a subalterni.

PersonaggiModifica

RaoulModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Raoul (Ken il guerriero).

Raoul (fratello maggiore di Kenshiro e principale nemico della prima serie), potentissimo praticante dell'Hokuto Shinken autoproclamatosi Re di Hokuto, è il comandante supremo dell'esercito.

RyugaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ryuga.

Fratello maggiore di Julia e fratellastro di Juza delle Nuvole, è il guerriero protetto da Sirio, una stella solitaria che in passato si è distaccata dalle Stelle Guida di Nanto. Per un certo periodo è stato il luogotenente più importante di Raoul e suo braccio destro. È un personaggio molto particolare perché non è ben schierato né da una parte né dall'altra: infatti è al servizio di Raoul pur stimando Kenshiro.

Re NeroModifica

Re Nero
Nome orig.黒王号 (Kokuō)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 63
  • Anime: Episodio 43
SpecieCavallo
SessoMaschio

Re Nero (黒王号 Kokuō?) è il gigantesco cavallo nero cavalcato da Raoul nella prima serie e da Kenshiro nella seconda. La caratteristica che più colpisce di lui è la stazza titanica, superando di parecchio l'altezza di un uomo medio solo al garrese; indossa spesso un'imbragatura sfarzosa. Secondo alcuni, Tetsuo Hara si sarebbe ispirato al dipinto fantasy Death Dealer di Frank Frazetta per creare Re Nero. Nonostante sia solo un cavallo, dimostra di possedere una forza erculea che gli consente di compiere azioni quali sfondare cancelli di ferro e travolgere intere armate senza problemi alcuni. Tuttavia le capacità di Re Nero non si limitano alla sola forza bruta, egli dimostra di possedere molta intelligenza in diverse occasioni ed è addirittura capace di riconoscere un avversario di degno valore, come accade per Juza: infatti, dopo la sua morte, fa capire che sarebbe auspicabile seppellirlo, versando sul suo corpo del terreno con lo zoccolo. Irascibile di carattere ma anche estremamente temerario, non si imbizzarrisce quasi mai, tanto da non battere ciglio neppure quando piovono le frecce infuocate dell'esercito delle Fiamme Rosse guidate da Shuren delle Fiamme. Eppure quando Kenshiro affronta Raoul per la prima volta, Re Nero si impenna di paura di fronte all'aura combattiva emessa dal giovane, stupendo addirittura Raoul perché non era mai successo prima. Per calmarlo Raoul lo accarezza e sprigiona a sua volta la propria aura, bilanciando quella di Ken. L'indole di Re Nero è estremamente indomabile, infatti si lascia cavalcare solo da chi ritiene degno: il primo a riuscirci è Raoul che, dopo averlo sconfitto in combattimento tempo addietro, ne guadagna la fiducia e, per certi versi, l'amicizia.

Tale episodio viene solo accennato nella storia originale ma il manga Raoh - Il conquistatore del cielo mostra lo svolgimento completo dei fatti: all'inizio del suo piano di conquista, Raoul avvia l'espansione del suo regno e manda le sue truppe a conquistare un territorio vicino. Il signorotto locale, non avendo speranze di bloccare l'attacco, ordina di deviare la loro avanzata in una vallata dove dimora una temibile mandria di cavalli selvatici, capeggiata da un enorme stallone nero (chiamato appunto Re Nero dai soldati locali) che uccide tutti i soldati. Un sopravvissuto torna indietro e riferisce tutto a Raoul, che si reca personalmente sul posto accompagnato da Souga e Reina, motivando la sua decisione con la frase "Un re deve sempre far visita ad un altro re!". Qui scoprono Re Nero incalzato da due tigri, che hanno ferito il suo puledro e lo hanno messo alle strette; comprendendo che il puledro morirà presto, Raoul lo uccide rapidamente senza provocargli dolore. Re Nero lo colpisce furiosamente con gli zoccoli scaraventandolo contro il fianco della vallata ma Raoul si rialza e gli spiega che sarebbero morti entrambi inutilmente, mentre adesso lui è libero di battersi senza preoccupazioni. Re Nero sembra capire e quando le due tigri attaccano le uccide istantaneamente con i suoi calci. Raoul gli chiede se è disposto ad accompagnarlo nel suo viaggio verso il dominio assoluto e Re Nero nitrisce, richiamando tutti i cavalli del branco; Raoul accetta di portarli tutti con sé come membri del suo esercito e poco dopo assalta e conquista la fortezza del signorotto (che vista la situazione cambia bandiera e dichiara di voler essere suo sottoposto), costringendolo a mostrare rispetto a Re Nero.

Da quel momento l'enorme destriero diventa l'unico mezzo di trasporto con cui Raoul si degni di viaggiare e da cui non scende mai, a meno che non gli si pari davanti un avversario davvero degno, cosa che accade in sole quattro occasioni: con Toki, con Juza delle Nuvole, con Fudo della Montagna e con Kenshiro; in Raoh - Il conquistatore del cielo ciò accade anche nel duello tra Raoul e Souther. Durante la prima fase dello scontro tra Kenshiro e Raoul, il Re di Hokuto volteggia in cielo al pari del fratello, restando sempre solidamente in sella al cavallo e si muove portandoselo appresso; poi, all'arrivo di Toki, Raoul decide finalmente di smontare. Re Nero è presente anche al duello finale fra Toki e Raoul.

Oltre a Raoul, le uniche persone che sono mai riuscite a montarlo sono proprio Juza e Kenshiro: il primo quando lo ruba a Raoul per ritardarne l'arrivo alla capitale di Nanto, il secondo quando viene accompagnato dallo stesso Re Nero nel luogo dello scontro finale con Raoul. Infatti per lo scontro definitivo tra Raoul e Kenshiro, viene mandato lui dal Re di Hokuto a prendere il fratello minore: questo può voler significare che Raoul abbia accettato il valore di Ken come avversario. Quando Raoul muore, Re Nero dà un ultimo saluto alla tomba del suo padrone per poi decidere di diventare il destriero di Kenshiro.

Nella seconda serie sembra aver perso un occhio (che porta bendato) e fa la sua apparizione durante l'esecuzione di una donna spacciata per Lynn, schiacciando una guardia imperiale. Alla fine della serie, a causa del continuo e stretto rapporto con Kenshiro, diventa più docile poiché accetta di essere cavalcato anche da Bart quando questi, a capo dell'Armata di Hokuto, si reca sull'Isola dei Demoni a salvare Ken e trasporta anche un moribondo Hyo fino al luogo dello scontro tra Kenshiro e Kaio, al termine del quale parte nuovamente con Ken in groppa fino al villaggio dove si trova Ryu (il figlio di Raoul) ed insieme a quest'ultimo prosegue nel viaggio con Kenshiro.

Nell'ultima parte del manga Ken perde la memoria per volere di Julia, cadendo da un precipizio assieme a Re Nero (nonostante la dinamica non sia ben chiara). Dopo aver riacquistato la memoria e salvato Bart, Ken riprende il suo cammino solitario verso il deserto. Le sorti di Re Nero restano ignote.

Re Nero compare anche nel film del 1986, dove si comporta più o meno allo stesso modo. Durante una parata trionfale di Raoul, è lui a notare la piccola Lynn tra la folla e si ferma autonomamente là vicino; Raoul gli chiede cosa succede e lui nitrisce voltando la testa in direzione della bambina, così Raoul segue il suo sguardo e incrocia gli occhi con Lynn. Dopo qualche secondo, Lynn si nasconde spaventata e Re Nero brontola per richiamare l'attenzione di Raoul, che prosegue la marcia. Il giorno dopo, Raoul cavalca Re Nero fino al duello con Kenshiro, durante il quale alla fine decidere di smontare. Negli ultimi momenti della pellicola, rimonta ferito in sella al suo fedele compagno e riparte.

Nei videogiochi Fist of the North Star: Ken's Rage e Fist of the North Star: Ken's Rage 2, Re Nero è utilizzabile in alcune fasi da Raoul e Kenshiro: una delle mosse finali di Raoul consiste proprio nel chiamare il cavallo che cade dal cielo; una volta in movimento, è difficile fermarlo perché è quasi inarrestabile e può anche saltare gli ostacoli.

SeekerModifica

Seeker
Nome orig.シーカー (Shiikā)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 61
  • Anime: Episodio 44
Voce orig.Shigeru Chiba
Voce italianaSergio Antonica
SpecieUmano
SessoMaschio
PoteriMimetismo

Seeker (シーカー Shiikā?) nel manga è una spia del Re di Hokuto inviata a stanare Toki (il suo nome vuol dire letteralmente "cercatore"), mentre nella serie TV è il capitano della Squadra di Ricognizione dell'Esercito del Re di Hokuto (拳王 偵察隊 Ken'ō Teisatsutai?). Ha l'aspetto di un uomo di grossa corporatura con indosso un'armatura di cuoio e alcune sue caratteristiche fisiche ricordano quelle di un camaleonte: porta un casco dotato di occhiali a raggi infrarossi aventi lenti telescopiche e mobili, ha una lunga lingua che fa sempre guizzare fuori dalla bocca ed è molto esperto nel mimetizzarsi con l'ambiente. Combatte utilizzando due sbarre di ferro.

Nella serie TV quando Seeker sta per raggiungere il gruppo, Mamiya escogita un diversivo lanciandogli dei suoi pugnali e scavalcandolo, per cercare di attirarlo lontano da Toki. Dietro di lui però trova i suoi cinque subordinati (nel manga non sono presenti), riuscendo anche a sopraffarli, prima di essere raggiunta proprio il capo della Squadra di Ricognizione. Seeker evita gli yo-yo di Mamiya e la attaccarla, costringendola a ritrovarsi spalle al muro. Mentre sta pensando ad una tortura lenta e dolorosa per la sua prigioniera, viene fermato da Kenshiro che, cadendo sulla sua testa, gli mozza la lingua. Seeker, adirato, risponde tentando di attaccare Ken con i suoi bastoni ma il maestro di Hokuto se ne appropria, colpendolo ripetutamente con le sue stesse armi fino ad ucciderlo.

SputafuocoModifica

Sputafuoco
Nome orig.ガロン (Garon)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 62
  • Anime: Episodio 45
Voce orig.Saburō Kamei
Voce italianaSandro Dori
SpecieUmano
SessoMaschio
PoteriTecnica del fuoco

Sputafuoco (ガロン Garon?), il cui vero nome è Gallon, è il Comandante della Squadra d'Invasione dell'Esercito del Re di Hokuto (拳王侵攻隊 Ken'ō Shinkōtai?). Ha l'aspetto di un uomo imponente con una barba nera, vestito con l'armatura e l'elmo dell'Esercito del Re di Hokuto, addobbato con un paio di ali. Il suo aspetto è probabilmente ispirato dal personaggio Principe Vultan del franchise Flash Gordon.

Con la sua squadra assalta il villaggio di Mamiya distruggendone le barricate e colpendo Bart alla schiena con una freccia. Una volta conquistato il villaggio, costringe gli abitanti a giurare fedeltà al Re di Hokuto marchiandoli a fuoco. Per chi si rifiuta, l'alternativa è quella di essere gettato su una piastra rovente e morire bruciando lentamente (nella serie TV si mostra più magnanimo rispetto al manga: una volta che uno dei paesani sulla piastra rovente giura fedeltà al Re, ordina ai suoi soldati di farlo scendere, cosa che in realtà non accade nel manga nonostante il ripensamento del condannato). Totalmente impassibile di carattere, non si lascia muovere a compassione neanche davanti ad una bambina come Lynn, nonostante effettivamente si stupisca che abbia la forza di andare a morire di sua spontanea volontà dopo aver deciso di non giurare fedeltà.

Si dimostra più sveglio della maggior parte dei nemici, visto che riconosce subito la tecnica di Rei nel momento in cui questi si presenta al villaggio giusto in tempo per salvare Lynn ed è a conoscenza del punto debole del maestro di Nanto. Ordina, infatti, di cercare sua sorella Aily per renderlo innocuo ma dopo che quest'ultima esce allo scoperto e si difende da sola, è costretto ad affrontare Rei. Combatte armato con una coppia di spade ed utilizzando la Tecnica del fuoco (火闘術 Katō Jutsu?) (nell'anime italiano Tecnica del drago fiammeggiante) che consiste nell'ingurgitare benzina per poi sputarla sul nemico dandole, appunto, fuoco con le scintille prodotte dalle sue spade (nel manga brucia anche diversi abitanti del villaggio con la sua tecnica). Viene fermato e ucciso da Rei che dopo aver evitato abilmente le fiamme gli apre il ventre con uno dei suoi colpi, facendo fuoriuscire la benzina che esplode a contatto con le fiamme esterne, carbonizzandolo.

Strega giganteModifica

Strega gigante
Nome orig.でかいババア (Dekai Babā)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 63
  • Anime: Episodio 46
Voce orig.Issei Futamata
Voce italianaBruno Cattaneo
SpecieUmano
SessoMaschio

La Strega gigante (でかいババア Dekai Babā?) è una donna dall'aspetto di un'anziana signora estremamente alta e corpulenta che si spaccia per un'innocente barista, offrendo ospitalità a Kenshiro, Toki e Mamiya subito dopo la loro partenza da Cassandra. In realtà altri non è che un membro dell'Esercito del Re di Hokuto sotto mentite spoglie, accompagnato da altri soldati che hanno inscenato un falso bar per prendere il gruppo di sorpresa. Nella serie TV è il capo del Reparto di Trasformisti dell'Esercito del Re di Hokuto (拳王特殊部隊 Ken'ō Tokushu Butai?); inoltre la sua corporatura non è così imponente come nel manga, ma il suo volto presenta tratti decisamente più maschili che fanno crollare il suo travestimento comunque.

Nel manga Ken si accorge subito che nel locale c'è qualcosa che non va e, per precauzione, prende l'appendiabiti appuntito tenendolo con sé. Nella serie, invece, sente dei rumori in soffitta ed è lui a sedersi vicino all'appendiabiti. La vecchia porta poi dell'acqua ai tre ospiti, ma Ken, accortosi dell'inganno dalla sua non accurata rasatura, le intima di bere per prima o di far bere l'acqua a qualcuno dei falsi clienti, intuendo che l'acqua sia avvelenata. Ormai apertamente scoperti, dal tetto piomba un soldato che tenta di attaccare il trio ma rimane infilzato nell'appendiabiti. Subito dopo, mentre Ken si occupa dei tre clienti del locale, la falsa vecchia tenta di uccidere Toki con una spada, il quale si fa scudo con il tavolo fino al sopraggiungere di Ken, che la affronta eliminandola velocemente.

Galf, Signore dei CaniModifica

Galf, Signore dei Cani
Nome orig.狗法眼 ガルフ (Kuhōgan Garufu)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 72
  • Anime: Episodio 50
Voci orig.
Voce italianaSandro Dori
SpecieUmano
SessoMaschio

Galf, Signore dei Cani (狗法眼 ガルフ Kuhōgan Garufu?), Gulf nell'anime italiano, è a capo dei soldati che occupano Medicine City, la farmacia personale del Re di Hokuto, della quale si è impadronito dopo che lo scontro tra Kenshiro e Raoul ha temporaneamente fatto sparire di scena quest'ultimo. Caratterizzato da una lunga cicatrice che lo ha reso cieco all'occhio destro, è un uomo molto alto e corpulento con un aspetto ripugnate: ha lunghi capelli neri solo ai lati della testa (bianchi nell'anime), dei baffetti ed un lungo naso appuntito; indossa un'armatura ed un collare con degli spunzoni. Ha una predilezione particolare per i cani, da qui il suo soprannome, e li considera più importanti e fedeli degli esseri umani al punto da mettere la vita di chi gli capita a tiro nelle mani del suo amato bulldog, "leggendo" attraverso le sue reazioni quello che il cane desidera, come accade per un cittadino che uccide un cane per salvare la vita ad un bambino e Galf lo giustizia su pubblica piazza. Combatte utilizzando proprio dei collari di metallo dotati di punte, che fa roteare con le mani e poi scaglia contro i nemici. Il suo attaccamento alla razza canina è stato ispirato dallo shogun dei cani, Tokugawa Tsunayoshi.

Quando anche Mamiya, giunta nella sua città alla ricerca di antidolorifici per Rei, uccide uno dei suoi cani per difendersi, le lancia uno dei suoi collari appuntiti, immobilizzandola. Catturata Mamiya e legatala in piazza, Galf assiste, mentre si spolpa un osso sbavando proprio come un cane, alla sua condanna a morte: i suoi uomini costringono un cittadino a lanciare collari appuntiti contro la donna e dopo che questi ha mancato il bersaglio, lo uccidono senza pietà; quando Mamiya, disgustata, cerca di giustificare le sue azioni, Galf ribadisce il suo pensiero di ritenere la vita dei cani più importante di quella degli esseri umani. Subito dopo, interpretando il latrato del suo bulldog come una condanna definitiva, cerca di far giustiziare Mamiya ma viene fermato e sfidato in combattimento da Kenshiro. L'uomo di Hokuto riesce facilmente a sottrargli i suoi collari e, dopo avergli graffiato una mano, lo colpisce ripetutamente al volto provocandogli diverse ferite sulla faccia per poi piantarglieli sulle spalle. Infine Kenshiro lo colpisce con una serie di calci, mettendolo fuori combattimento. Quando Galf si chiede chi possa essere, Rei gli rivela la sua identità e siccome dopo lo scontro con Raoul la fama di Kenshiro è accresciuta, Galf capisce di essere spacciato. Oramai senza speranza, chiede disperato aiuto e conforto al suo bulldog, che di tutta risposta gli orina sul viso (nella serie animata sulla mano), prima di esplodere per il colpo subito.

Galf appare anche in Ken il guerriero - Il film, dove è ancora alle dipendenze del Re di Hokuto ed al suo passaggio incita la popolazione a gridare il suo nome, fracassando il teschio di uno dei cittadini solo perché non andava a tempo.

SekiModifica

Seki
Nome orig.関 (Seki)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 72
  • Anime: Episodio 50
Voce orig.Yoshimitsu Shimoyama
SpecieBulldog
SessoMaschio

Seki ( Seki?), Siki nella versione italiana dell'anime, è un bulldog marroncino nonché cane prediletto di Galf, al quale il suo padrone concede di decidere la sorte dei malcapitati che vuole giustiziare, interpretando il suo latrato a proprio piacimento. Sempre in compagnia del suo padrone, si decide però ad abbandonarlo in seguito alla sua sconfitta per mano di Kenshiro: quando Galf, morente, lo implora di aiutarlo, in tutta risposta Seki gli orina sul viso (nell'anime su una mano).

Abida e GonzModifica

Abida
Nome orig.アビダ (Abida)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 104
  • Anime: Episodio 73
Voce orig.Ikuya Sawaki
SpecieUmano
SessoMaschio
Gonz
Nome orig.ゴンズ (Gonzu)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 104
  • Anime: Episodio 73
Voce orig.Yasuo Tanaka
SpecieUmano
SessoMaschio

Abida (アビダ Abida?) e Gonz (ゴンズ Gonzu?) sono due scagnozzi di Raoul che, sparito il loro Re, spadroneggiano sugli abitanti di un villaggio usandoli per i loro sadici divertimenti. Entrambi hanno una croce inclinata tatuata sulla fronte.

Gonz è il più forte degli uomini di Abida, anche se il più stupido (nella serie originale parla solo in dialetto), ed ha l'aspetto di un grosso uomo sgangherato, con una barbetta nera e con dei capelli neri raccolti in due code di cavallo. Indossa un'armatura di lacci di cuoio e placche di ferro. Il suo divertimento preferito è quello di incatenare gli abitanti del villaggio ed utilizzarli come pesi, in una sorta di crudele "lancio del martello umano". Dopo aver stabilito un nuovo record, viene sfidato dallo stesso Abida e quando l'uomo lanciato da quest'ultimo viene salvato da Kenshiro, Gonz si dichiara furioso nei confronti dell'intruso per aver interrotto il loro gioco e vuole affrontarlo personalmente. Viene ucciso da Ken, il quale gli indica un punto sulla parete di un palazzo lontano: quando Gonz guarda in quella direzione, Ken lo colpisce con un calcio facendolo volare fino alla parete indicata, uccidendolo.

Abida è a capo del villaggio in mancanza di Raoul. Egli è un uomo muscolo con indosso un'armatura, con lunghi capelli celesti e del trucco sulla parte superiore del volto. Il suo aspetto pare si rifaccia a quello di Gene Simmons, il cantante musicista membro dei Kiss. Abida, oltre ad essere estremamente opportunista (lui stesso sostiene che "quando il gatto non c'è i topi ballano", riferendosi a Raoul), è anche molto permaloso, dimostrando di disprezzare il Re di Hokuto e qualsiasi paragone fatto nei suoi confronti. Visto che gli piace bere è spesso ubriaco fradicio e si diverte ad assistere al crudele gioco di Gonz. Sfida il suo sottoposto cercando di battere il suo record e, quando il capo del villaggio gli implora di fermarsi dichiarando che queste cose non accadevano quando regnava il Re di Hokuto, Abida si offende per il paragone e decide di lanciare proprio il decano. Durante il lancio, probabilmente a causa della sua ubriachezza, gli sfugge la catena e l'uomo vola in alto anziché in lunghezza, finendo così per essere salvato da Kenshiro durante la ricaduta. Dopo che l'uomo di Hokuto ha ucciso Gonz, nell'anime, Abida lo sfida con i suoi tonfa affilati ma viene disarmato da Ken all'istante. Ciò non avviene nel manga, dove Abida viene subito interrotto dall'arrivo di Ryuga: furente con l'uomo di Sirio per questo, Abida lo attacca ma viene colpito alla gola dal colpo Zanna Ghiacciata del Lupo del Cielo (天狼凍牙拳 Tenrō Tōka Ken?) e subito ucciso.

JubronModifica

Jubron
Nome orig.(Jubron)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 106
  • Anime: Episodio 74
SpecieUmano
SessoMaschio

Jubron (?), il cui nome viene rivelato solo nell'edizione italiana dell'anime, è un sadico comandante muscoloso e dal fisico imponente, con una cresta di capelli radi e baffi rossi, che si diverte nel praticare un gioco disumano: dopo essersi bendato, rincorre le giovani donne del villaggio assegnatogli dal Re di Hokuto, che tiene rinchiuse in un recinto, per poi stritolarle con una stretta mortale appena riesce a raggiungerle. I suoi uomini si assicurano che le donne non scappino dal recinto in questione e si godono divertiti lo spettacolo, ignorando le suppliche dei paesani. Vengono tutti uccisi da un infuriato Kenshiro, che sopraggiunge sul luogo e decide di porre fine ad una simile atrocità. Jubron, correndo alla cieca, arrivato al confine del recinto lo sfonda per finire tra le braccia di Kenshiro. Credendo di aver catturato una ragazza particolarmente corpulenta, si toglie la benda per vedere di chi si tratta e, trovatosi di fronte lo sguardo glaciale di Kenshiro, finisce ucciso da questi con un sol colpo.

Nel manga compare una figura simile, ma non viene mai nominato. La vicenda narrata è analoga, qui però viene ucciso da Raoul con uno schiaffo vibrato con tanta veemenza da staccagli la testa; i suoi uomini, terrorizzati, si inginocchiano davanti a lui implorando perdono ma una buona parte di essi viene travolta a morte da Re Nero quando Raoul riprende il cammino.

JacobModifica

Jacob
Nome orig.ヤコブ (Yakobu)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 113
  • Anime: Episodio 90
Voce orig.Jūrōta Kosugi
SpecieUmano
SessoMaschio

Jacob (ヤコブ Yakobu?) è il Capitano della Divisione Lance Lunghe (長槍騎兵 Nagayari Kihei?) dell'Esercito del Re di Hokuto. Ha l'aspetto di un uomo muscoloso con indosso un'armatura completa con stampato sopra il suo stemma ed un elmo integrale adornato con tre piume, dal quale spunta soltanto il mento dotato di pizzetto nero.

Quando viene avvisato da un ex soldato di Amiba dell'arrivo di Kenshiro, promette a chi lo ucciderà una moto nuova fiammante (nell'anime aggiunge ulteriori premi: un rifornimento di benzina gratis a vita e parti di ricambio a chi eliminerà rispettivamente Fudo della Montagna e i due bambini, Lynn e Bart).

Dopo che la sua divisione incontra il gruppo e Ken e Fudo eliminano tutti i suoi uomini, il capitano affronta Kenshiro saltando con la propria moto per poi cercare di colpirlo al volo con la sua lancia, il quale però la evita facilmente per poi colpirlo con un calcio. Rialzatosi, si illude che Kenshiro non sia bravo quanto dicono ma appena cerca di attaccarlo di nuovo si accorge che Ken gli ha già colpito un punto di pressione, esplodendo prima di raggiungerlo.

ZakuModifica

Zaku
Nome orig.ザク (Zaku)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 113
  • Anime: Episodio 92
Voce orig.Masato Hirano
SpecieUmano
SessoMaschio

Zaku (ザク Zaku?) è uno dei generali del Re di Hokuto e durante lo scontro con i Cinque Astri in Cerchio di Nanto ricopre il ruolo di braccio destro del Re, infatti è proprio lui ad informarlo della possibilità che possa intervenire Juza delle Nuvole. Il suo compito è di rallentare l'avanzata di Kenshiro verso la Capitale di Nanto, dove lo attende il Sesto Generale. Il suo aspetto è quello di un uomo di normale statura, vestito con un'armatura completa e con in testa un elmo che ne copre quasi completamente il volto, dal quale si intravedono appena i suoi baffi.

Quando Juza ruba il cavallo di Raoul, Zaku gli fa portare l'armatura e gli propone una vettura per continuare la sua avanzata ma Raoul rifiuta di muoversi se non in groppa a Re Nero e gli ordina di fermare Kenshiro a qualunque costo. Zaku si mette a capo di un plotone e si dirige verso l'uomo di Hokuto ma viene fermato da Fudo della Montagna; a questo punto interviene Hiruka che gli propone un subdolo piano per sbarazzarsi di Fudo. Dopo lo scontro di Raoul con Fudo, Zaku è uno dei soldati attaccati dal Re di Hokuto per non aver rispettato i suoi ordini di colpirlo con delle potenti balliste nel caso fosse indietreggiato di fronte a Fudo. Viene curato e medicato da Julia e comprende l'importanza della carità di Nanto al punto tale da scagliare una freccia contro il suo padrone, in un disperato tentativo di evitare che questi uccida Julia.

Al concludersi dello scontro tra Ken e Raoul comprende le atrocità della guerra e, senza più un leader, insieme ai suoi uomini decide di bruciare le loro armi e torna con loro alle proprie famiglie.

HirukaModifica

Hiruka
Nome orig.ヒルカ (Hiruka)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 116
  • Anime: Episodio 94
Voce orig.Kan Tokumaru
Voce italianaVittorio Battarra
SpecieUmano
SessoMaschio
PoteriScuola Taishan

Hiruka (ヒルカ Hiruka?) è uno dei luogotenenti del Re di Hokuto e a detta degli uomini di Rihaku del Mare uno dei più crudeli, che interviene dopo che l'esercito di Raoul ha subito una grossa sconfitta ad opera di Fudo della Montagna.

Egli è l'ideatore del piano di rapimento di Danji e Jiro, due dei figli adottivi di Fudo, per sfruttare la bontà di quest'ultimo ed obbligarlo ad abbandonare Kenshiro. Maestro del Colpo Incantatore del Monte Taishan (泰山妖拳 Taizan Yōken?) ("Colpo mortale della lingua di vipera velenosa" nell'anime), una tecnica che sfrutta una moltitudine di coltelli nascosti nell'armatura per trafiggere a sorpresa il nemico dopo che Hiruka lo ha immobilizzato con delle fasce che lancia dall'armatura. Il suo aspetto è quello di un uomo slanciato, con indosso una pesante armatura, un elmo dotato di cresta ed avvolto in un mantello.

Con la sua tecnica uccide le guardie al villaggio di Fudo e dopo aver rapito i bambini, conduce il gigante di Nanto in una trappola. Qui veniamo a conoscenza di tutta la sua disumanità in quanto si scopre che lui è proprio il padre biologico dei due bambini e, insensibile al legame di sangue con Danji e Jiro, li lancia comunque in mezzo a delle profonde sabbie mobili, spingendo Fudo a lanciarcisi dentro a sua volta per salvarli. Poi ordina di uccidere Bart e Lynn, giunti sul luogo, ma a quel punto interviene Kenshiro prima che i suoi soldati riescano a prenderli. Mentre due degli uomini di Rihaku (nel manga sono uomini di Fudo) tentano di tirare fuori il gigante di Nanto, Hiruka da ordine ai suoi arcieri di attaccarli, uccidendoli. A questo punto Fudo, per mettere in salvo i suoi figli, soffia con forza sulla sabbia sollevandone una grossa quantità tanto da offuscare la visibilità degli arcieri di Hiruka, per poi lanciare a Ken i suoi due figli. Hiruka ordina lo stesso di lanciare le frecce ma Ken para con il proprio braccio le poche che sarebbero andate a segno, prima di tirare fuori Fudo dalle sabbie mobili con la propria forza sovrumana. A questo punto, Hiruka immobilizza Kenshiro con la sua tecnica ma quando gli salta addosso per infilzarlo, Kenshiro si libera dalle fasce, si fa scudo con un grosso masso e Hiruka finisce inchiodato su di esso. Hiruka ordina quindi ai suoi uomini di scoccare le freccia, ma Ken lancia il masso nella loro direzione e Hiruka viene colpito dai suoi stessi uomini, morendo. Nell'anime sopravvive alle frecce solo per cadere nelle sabbie mobili dalle quali viene inghiottito.

HusaModifica

Husa
Nome orig.ウサo (Huza)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 126
  • Anime: Episodio 102
Voce orig.Shigeru Chiba
SpecieUmano
SessoMaschio

Husa (ウサo Huza?) è un pavido servitore di Raoul che lo assiste dopo il combattimento con Kenshiro al castello di Nanto. Ha l'aspetto di un uomo calvo e di bassa statura, con due lunghe basette nere (viola nell'anime) ed indosso una lunga tunica.

Una volta ripresosi, Raoul gli chiede se è stato lui a bendargli le ferite ma Husa gli rivela che è stata Julia, la quale ribadisce di non aver cambiato idea e sostiene che la lotta tra i due fratelli deve finire. Dopo che la donna è andata via, Huza afferma spavaldamente che le donne non dicono mai ciò che pensano veramente e che Raoul è fortunato ad avere Julia che si prende cura di lui, suggerendogli di approfittare del momento ora che Julia è prigioniera. Pauroso e maschilista, il suo commento su Julia scaturisce l'ira del suo signore, che ritiene un affronto che una donna possa provare pietà per il Re di Hokuto e lo uccide.

YadoModifica

Yado
Nome orig.ジャドウ (Jadō)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 128
  • Anime: Episodio 102
Voce orig.Yukitoshi Hori
Voce italianaBruno Cattaneo
SpecieUmano
SessoMaschio

Yado (ジャドウ Jadō?) è il comandante di una divisione dell'Esercito del Re di Hokuto composta da motociclisti. Il suo aspetto è quello di un minaccioso e possente uomo muscoloso, con indosso un'armatura ed un elmo integrale medievale che ne copre il volto, adornato con lunghe piume sul collo. Come arma utilizza una grossa punta metallica che ha innestata sopra l'avambraccio sinistro.

Attacca l'uomo di Hokuto con la sua truppa e accorgendosi che Kenshiro è privo della vista dopo lo scontro con Raoul al castello di Nanto, ordina ai suoi uomini di far rumore con i motori delle moto per poi attaccarlo a sorpresa; tuttavia Ken utilizza la tecnica Nanto di Shu, sconfiggendoli tutti facilmente nonostante il fragore assordante. Yado lo attacca allora di persona ma Ken prima blocca la sua lancia poi, nonostante venga colpito al braccio da una seconda punta nascosta nell'elmo di Yado, attacca violentemente il suo avversario al volto.

Nel manga basta questo colpo ad uccidere Yado ed il suo sangue schizzato sul volto di Kenshiro gli fa riacquistare la vista. Nell'anime invece, Ken si fa indicare dove si trova il castello di Raoul, bloccando Yado con una tecnica Hokuto che ne avrebbe causato la morte se avesse tentato di rialzarsi subito. Credendo che Ken stia bluffando, Yado tenta di rialzarsi per attaccarlo, morendo all'istante.

Personaggi esclusivi dell'animeModifica

ZorigeModifica

Zorige
Nome orig.ゾリゲ (Zorige)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 51
Voce orig.Ikuya Sawaki
Voce italianaVittorio Battarra
SpecieUmano
SessoMaschio

Zorige (ゾリゲ Zorige?) è uno degli uomini al servizio di Galf, che ha ricevuto l'incarico di fare la guardia al magazzino principale di Medicine City. Ha i capelli corti violacei, una tunica bianca ed è caratterizzato da una lunga cicatrice che gli attraversa il volto dal lato sinistro della fronte fino alla guancia destra. Combatte utilizzando delle sfere di vetro, riempite di acido solforico, che maneggia come un giocoliere lanciandole a grande velocità; sembra inoltre possedere una discreta rapidità.

Sorprende Mamiya alla ricerca di medicine per Rei e l'attacca, venendo però subito interrotto dall'arrivo di Rei, riconoscendolo inoltre come maestro Nanto, e decide di affrontarlo. Dopo avergli lanciato una sfera, visto che Rei riesce ad evitarla facilmente, inizia a fare sul serio, maneggiandone più di una per volta. Un primo lancio di due sfere insieme viene neutralizzato da Rei, che le taglia con i suoi colpi; il secondo tentativo consiste in un tiro a effetto seguito subito da un ulteriore tiro, che va a segno sul coprispalla dell'uomo di Nanto. Al terzo tentativo, Rei raccoglie le sfere rilanciandole al mittente, ferendo Zorige alle spalle. Poi i due si incrociano in volo e, una volta atterrati, Zorige non ha il tempo di reagire poiché Rei nonostante il suo precario stato di salute lo attacca per primo, uccidendolo e salvando così Mamiya.

GaroModifica

Garo
Nome orig.ガロウ (Garō)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 73
Voce orig.Masato Hirano
Voce italianaSergio Antonica
SpecieUmano
SessoMaschio
Poteri

Garo (ガロウ Garō?) è un alto ufficiale dell'esercito di Raoul, divenuto col tempo il vice di Ryuga, nonché un abile spadaccino. Il suo aspetto è quello di un uomo sulla quarantina, con baffi e capelli neri, vestito con un'armatura dell'Esercito del Re di Hokuto ed in testa un caratteristico elmo aperto. In giapponese il suo nome vuol dire letteralmente "lupo affamato", un rimando alla scuola di Ryuga, suo signore.

Fa la sua prima comparsa al ritorno di Raoul al suo castello, dove affianca l'uomo di Sirio non fidandosi di lui fino in fondo e quindi pronto a sfoderare la sua spada in caso di un eventuale attacco al Re, ma Ryuga mette subito in chiaro che preferisce lasciare a Raoul il trono. Inizialmente non ha ancora inquadrato alla perfezione Ryuga e pensa che egli voglia fare il doppio gioco per impadronirsi delle terre del Re di Hokuto; tuttavia, dopo aver parlato con Junta, uno dei subalterni di Ryuga, per convincerlo a cedere indietro agli uomini del Re il villaggio che aveva in custodia, è costretto a ricredersi poiché vede Ryuga stesso sventare il tentativo di Junta di ribellarsi a Raoul. Si avvicina così all'uomo di Sirio, comprendendo finalmente quali sono le sue reali intenzioni e rimane talmente affascinato dalla sua filosofia da decidere di abbracciarla egli stesso, giurando fedeltà a Ryuga e diventando ufficialmente il suo braccio destro. Insieme all'uomo di Sirio comincia ad osservare i comportamenti di Kenshiro. Nonostante nutra un profondo rispetto per Ryuga, non riesce a comprendere bene chi secondo il suo signore sia il vero dominatore di questo secolo.

Quando Ryuga gli lascia in custodia un villaggio conquistato per il Re di Hokuto, Garo incrocia Kenshiro che gli chiede l'ubicazione di Ryuga. Pronto a proteggere il suo signore fino alla fine, promette di rivelargli il luogo in cui si trova solo se verrà battuto: Garo utilizza così la Tecnica ad estrazione Taishan trancia-uomini (泰山流斬刃抜刀術 Taizan-ryū Zanjin Battōjutsu?) (chiamata semplicemente Tecnica della Montagna nell'anime italiano) e cerca di colpire Ken con la sua spada, attaccandolo velocemente con una serie di fendenti fino a costringerlo con le spalle al muro; nonostante questo, il successore della Divina Scuola di Hokuto evita i colpi di Garo con un salto e lo attacca dall'alto spaccandogli l'elmo e ferendogli la fronte ma restando al contempo ferito al volto dalla sua spada. Garo chiede un momento di pausa, avendo constatato la potenza incredibile di Kenshiro, e decide quindi di attaccarlo col suo colpo migliore, un fendente portato all'ultimo secondo dopo aver tenuto la spada nascosta dietro la schiena, ma Ken lo intercetta frantumandogli la mano con un colpo. L'attacco di Garo era però solo un diversivo poiché con l'altra mano estrae a sorpresa un coltello e tenta di pugnalare Kenshiro, che riesce però a parare l'affondo con un braccio e travolge Garo con una raffica di pugni, mettendo fine al combattimento.

Prima di morire Garo mantiene la parola, rivelando a Ken che Ryuga si trova al villaggio di Toki, affermando inoltre che avrebbe tanto desiderato uccidere Kenshiro, per il bene di Ryuga, ma anche che adesso ha finalmente capito quale sarà il dominatore di questo secolo secondo l'uomo di Sirio e che lui si trova d'accordo.

JuntaModifica

Junta
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 74
SpecieUmano
SessoMaschio

Junta è uno degli uomini di Ryuga al quale viene affidato il compito di governare uno dei villaggi di Raoul durante l'assenza del Re di Hokuto. Al ritorno di quest'ultimo, quando Garo gli ordina di lasciare il villaggio nelle mani degli uomini del Re non sembra d'accordo di rinunciare così ai suoi domini e discute con Garo al riguardo. Poco dopo, durante il ritorno di Raoul al suo castello, Junta lo attacca con un gruppo di uomini tentando di detronizzarlo, ma la sua rivolta si infrange contro l'intervento di Ryuga a difesa del Re di Hokuto. Junta infatti viene facilmente ucciso da Ryuga ed i suoi uomini vengono messi in fuga.

SabatoModifica

Sabato
Nome orig.サバト (Sabato)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 75
Voce orig.Masahiro Anzai
Voce italianaVittorio Battarra
SpecieUmano
SessoMaschio

Sabato (サバト Sabato?) è un capitano dell'Esercito di Hokuto che, dopo il (momentaneo) ritiro dalla scena di Raoul a causa del pesante scontro con Kenshiro, ha preso dominio della zona affidatagli, divorando tutto il cibo che i paesani raccolgono e possiedono. Il suo aspetto fisico è a dir poco ripugnante: di corporatura enorme ed obesa, possiede lunghi e radi capelli biondi, lunghi baffetti arricciati, è sdentato e con un unico sopracciglio e inoltre il suo naso e mento sono brufolosi.

Perennemente affamato, una volta finito tutto il cibo viene supplicato dal capo del villaggio di fermarsi, ma questi punisce la sua audacia facendolo divorare dai corvi. Subito dopo ordina al giovane Jimon di andare a rubare con alcuni suoi coetanei altro da mangiare nei villaggi vicini: ma se i ragazzi non torneranno prima del tramonto egli darà anche la giovane Mami (fidanzata proprio di Jimon) in pasto ai corvi.

Durante l'attesa, la madre di Mami tenta di convincere Sabato a liberare sua figlia supplicandolo in lacrime ma per tutta risposta riceve solo un ceffone da quest'ultimo. A questo punto uno dei paesani, pieno di collera, tenta di fermare una simile ingiustizia affrontando apertamente Sabato, ma questi lo sormonta con la sua mole, schiacciandolo sotto il suo grasso, e lo soffoca morte. A questo punto soggiunge Kenshiro che, incontrati per strada i ragazzi, si fa accompagnare al villaggio e decide di sconfiggere il perfido tiranno. Sabato tenta di eliminare Ken con la sua tecnica personale, il Colpo dell'Uccisione del Re, che consiste nello sfruttare la propria mole per piombare sull'avversario e schiacciarlo, ma Ken grazie alla sua velocità riesce ad evitarlo prontamente. Sabato, dunque, tira fuori un bastone di ferro appuntito col quale tenta di colpire a gran velocità Kenshiro, che però riesce ad uscire incolume dall'attacco anche questa volta e colpisce l'avversario alle tempie, premendo uno speciale punto di pressione, immobilizzandolo e facendogli emanare odore di sangue, che attira proprio i suoi stessi corvi ai quali Sabato viene dato in pasto senza pietà.

BugalModifica

Bugal
Nome orig.ブーガル (Būgaru)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 83
Voce orig.Masaharu Satō
Voce italianaSandro Dori
SpecieUmano
SessoMaschio
PoteriTecnica del Regno del Vuoto

Bugal (ブーガル Būgaru?) è un sottoposto del Re di Hokuto che tortura gli abitanti del suo villaggio sottraendo loro l'acqua. Il suo aspetto è quello di un uomo dal fisico atletico, con lunghi capelli rossi ed indosso una tuta da combattimento. Amante della pulizia, Bugal può arrivare a fare anche cento bagni al giorno, sprecando così tutta la preziosa acqua, mentre gli abitanti del villaggio muoiono di sete. Tutto questo per annullare completamente il suo odore, utilizzando la Tecnica del Regno del Vuoto (転界無王拳 Tenkai Muō Ken?) (chiamata Tecnica della pietra rotolante nell'anime italiano) che consiste nello sfuggire totalmente ai sensi all'avversario, nascondendosi, per poi attaccarlo di sorpresa sfruttando varie mosse basate su piroette. È proprio con questa tecnica che si disfa di due rivoltosi giunti al suo palazzo per ucciderlo. Poi, sporco del loro sangue, richiede di farsi l'ennesimo bagno e non contento si fa accompagnare con la vasca vicino alla fontana che distribuisce le misere razioni agli abitanti del villaggio. Alla reazione di un suo soldato che gli fa notare che gli abitanti moriranno di sete, egli si indispettisce ed ordina che la razione venga loro dimezzata. Quando un vecchio lo supplica di farlo bere, egli gli concede di bere l'acqua della sua vasca ma quasi lo annega costringendolo a bere.

All'arrivo di Kenshiro, dopo che questi ha sbaragliato i suoi uomini, lo attacca con il suo colpo ma il successore della Divina Scuola di Hokuto evita l'attacco e lo colpisce al volto. A questo punto, Bugal distrae Ken con i suoi sgherri per potersi nascondere sotto terra e sferrare un attacco a sorpresa che però non inganna però Ken, dato che riesce grazie alle percezioni della sua aura a monitorare in ogni caso gli spostamenti di Bugal. A questo punto Kenshiro colpisce Bugal con il Colpo del cammino del pentimento (残悔積歩拳 Zankai Sekiho Ken?), costringendolo a camminare a ritroso fino a cadere ed annegare nella sua stessa vasca da bagno.

DavidModifica

David
Nome orig.ダビデ (Dabide)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 84
Voce orig.Hōchū Ōtsuka
Voce italianaBruno Cattaneo
SpecieUmano
SessoMaschio

David (ダビデ Dabide?), chiamato dai suoi uomini Lord David, è un sottoposto del Re di Hokuto è il Capo Arruolatore che ha il compito di reclutare giovani promettenti nell'esercito di Raoul con l'illusione di una vita piena di benefici. Caratterizzato da una protesi metallica ad un occhio posta a mo' di benda, è un anziano con capelli spioventi grigi ed indosso un'armatura dorata.

Costringe gli arruolati a battersi fra di loro scegliendo solo chi sopravvive; a chi si rifiuta viene impedita la fuga da Glenn, un potente cyborg da lui creato per essere una macchina da guerra. Codardo e pusillanime, non esita mai a tirarsi indietro nei combattimenti, mandando avanti i suoi scagnozzi.

Dopo aver incontrato Kenshiro, gli sguinzaglia contro i suoi tirapiedi. Appena l'uomo di Hokuto li sgomina tutti facilmente, decide di utilizzare Glenn ma anch'esso viene battuto e Ken ne azzoppa per sempre la forza, allo scopo farlo ritirare per sempre dagli scontri. A questa notizia David fa dare il colpo di grazia al suo stesso cyborg, ritenendolo ormai inutile. Poi, vista la rabbia di Ken scaturita per questa mossa, David tenta una disperata fuga, ma viene intercettato ed eliminato all'istante da Hyui del Vento.

GlennModifica

Glenn
Nome orig.グレン (Guren)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 84
Voce orig.Yuji Mikimoto
Voce italianaSergio Antonica
SpecieCyborg
SessoMaschio

Glenn (グレン Guren?) è un uomo gigantesco reso un cyborg da Lord David per essere una perfetta macchina da guerra; è infatti dotato di una forza incredibile ed addirittura indossa costantemente delle imbracature metalliche per contenerla. Il suo aspetto è quello di un colossale bruto dai corti capelli grigio-neri, con indosso degli occhiali da sole ed un giubbotto di pelle, e ricorda molto quello di Arnold Schwarzenegger nel ruolo di Terminator. David gli ha impartito il compito di impedire la fuga degli arruolati che si rifiutano di combattere tra loro ed è in grado di afferrarne tre in un sol colpo e schiacciarli a morte.

Quando Kenshiro si rivela a David, quest'ultimo lo affronta in combattimento e sembra non sentire dolore agli attacchi di Kenshiro. Dopo averlo colpito ripetutamente, mettendolo in difficoltà, tenta di stritolare l'uomo di Hokuto nella sua morsa ma la reazione di Kenshiro ribalta la situazione: scaturendo tutta la sua aura, Ken si libera subito dalla stretta di Glenn e diventa totalmente insensibile ai suoi colpi, dopodiché Ken gli afferra il polso fino a schiacciarlo, stritolando un suo particolare punto di pressione che ne riduce la forza ad 1/100 di quella che era. Kenshiro però, dopo averlo sconfitto, comprende il dramma di Glenn, manipolato dal crudele David poiché lo considera come un "padre". Ken lo lascia quindi libero di andare, facendosi promettere che da ora in poi vivrà come un uomo buono. Lord David però, dopo aver assistito alla totale sconfitta di Glenn, lo uccide senza pietà facendogli scagliare contro una pioggia di frecce, suscitando così l'ira di Kenshiro.

MorganModifica

Morgan
Nome orig.モーガン (Mōgan)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 86
Voce orig.Yasuo Tanaka
Voce italianaSergio Antonica
SpecieUmano
SessoMaschio

Morgan (モーガン Mōgan?) è un capitano al servizio del Re di Hokuto. Ha l'aspetto di un uomo corpulento, con lunghi capelli viola ed una cicatrice da ustione sulla parte destra del volto, vestito con un'armatura a blocchi. Egli è un uomo tanto inetto quanto superbo, infatti si considera il migliore pilota al mondo e anche quando è lui a sbagliare nella guida fa ricadere la colpa su qualcun altro: appena fa la sua prima apparizione esce di strada e incolpa uno dei suoi uomini che aveva riparato l'auto l'ultima volta, oppure quando in città va a finire contro un muro ed uccide due abitanti del villaggio, ritenendoli colpevoli di aver costruito un muro in mezzo alla strada.

Non permette a nessuno di superare la sua vettura, infatti ostacola l'auto di Bart durante una sorta di corsa in mezzo al deserto e quando questi riesce a sorpassarlo, tenta di raggiungerlo restando così senza benzina. L'unico caso in cui potrebbe fare un'eccezione è quello in cui la vettura che lo abbia superato appartenga al Re di Hokuto: quando, come nel caso di Bart, viene a sapere che non è così, ordina ai suoi uomini di farla distruggere. Morgan ritiene che la sua automobile sia più importante della vita delle persone e infatti spesso uccide senza motivo degli innocenti con la colpa di aver interrotto la sua corsa in macchina.

Quando incontra Kenshiro che blocca la sua vettura, ordina ai suoi uomini di ucciderlo mentre lui inizia a lucidare la macchina. Al termine del lavoro però, scopre che Ken ha ucciso tutti i suoi uomini e spaventato fugge via per avvisare il Re di Hokuto. Bart, però, si era vendicato manomettendogli l'automobile, che esplode senza lasciare scampo a Morgan.

Dorufu e ZendaModifica

Dorufu
Nome orig.ドルフィ (Dorufu)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 91
Voce orig.Ikuya Sawaki
SpecieUmano
SessoMaschio
PoteriScuola Taishan
Zenda
Nome orig.ゼンダ (Zenda)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 91
Voce orig.Ryōichi Tanaka
SpecieUmano
SessoMaschio
PoteriScuola Taishan

Dorufu (ドルフィ Dorufu?), chiamato Dolphy nell'anime italiano, e Zenda (ゼンダ Zenda?) sono due subordinati del Re di Hokuto, il primo un ufficiale dell'esercito di Raoul e il secondo il suo braccio destro, come molti altri ufficiali di Raoul tiranneggiano sul villaggio a loro assegnato. Dorufu è un uomo muscolo ed imponente, con lunghi capelli celestini ed un vestito di pelle e lacci di cuoio. Zenda è più minuto, con capelli più corti bluastri, un collare di ferro con spuntoni al collo e vestiti da teppista ed ha un uncino fatto con un artiglio di ferro.

Si spacciano per democratici interpellando sempre il parere dei paesani, ma di fatto obbligandoli dietro minaccia ad assecondare le loro decisioni. Quando infatti Dorufu chiede ai cittadini se qualcuno ha qualcosa da dire sulla gestione del paese, il membro più anziano del villaggio tenta di far presente le sue rimostranze ma Zenda clo minaccia alla schiena con il suo artiglio.

All'arrivo di Kenshiro, Fudo della Montagna, Bart e Lynn, sorpresi a bere l'acqua del villaggio, Dorufu ritiene che essi debbano pagare con la pena di morte e chiede alla popolazione di votare. Costretti da Zenda, tutti gli abitanti votano a favore tranne l'anziano, il quale, malgrado la minaccia, esprime giudizio contrario. A causa della sua scelta Zenda lo trafigge alla schiena uccidendolo. Questo scatena una serie di ripensamenti da parte degli abitanti del villaggio, che decidono infine di ribellarsi ma prima che Dorufu possa sedare la rivolta, Ken affronta tutti i suoi uomini eliminandoli. Dorufu riconosce Kenshiro e decide allora di affrontarlo, comprimendo al massimo il suo corpo muscoloso ed utilizzando in coppia con Zenda la Tecnica Taishan dell'ombra (泰山黒影拳 Taizan Kokuei Ken?) (chiamato Colpo dell'ombra della Grande Montagna Nera nell'anime italiano) nel quale Dorufu sferra attacchi contro il nemico mentre Zenda, di nascosto e dall'alto, sfrutta la luce del sole per accecare l'avversario con il riflesso del suo artiglio. Questo espediente permette a Dorufu di colpire Kenshiro per ben due volte al volto con un calcio, prima che Fudo scopra il trucco e scaraventi anche Zenda sul campo di battaglia. Scoperti, i due tentano di attaccare Ken insieme ma questi colpisce Zenda alla schiena e blocca Dorufu stimolando un suo punto di pressione. Sentenzia dunque Dorufu e quando chiede di votare per la pena capitale anche Zenda, colpito ad un punto segreto di pressione, alza la mano suo malgrado; Ken compie quindi l'esecuzione colpendo alla tempia Dorufu, il quale, risentito nei confronti di Zenda, tenta di attaccarlo ma esplode prima di poter fare alcunché insieme al suo braccio destro.

BarudaModifica

Baruda
Nome orig.ザク (Baruda)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 92
Voce orig.Michihiro Ikemizu
Voce italianaSandro Dori
SpecieUmano
SessoMaschio
Poteri

Baruda (ザク Baruda?) è un comandante di divisione del Re di Hokuto, con il compito di presidiare l'unico ponte che permette di raggiungere la città di Nanto. Con una piccola cicatrice sul mento, è vestito con un'armatura a piastre completa, tanto da sembrare un vero e proprio cavaliere. Egli è uno schermidore molto esperto che utilizza un lungo tridente per combattere, padroneggiando la Tecnica Kazan del tridente (華山三叉槍 Kazan Sansa Sō?). Gli viene dato l'ordine di bloccare Kenshiro, Fudo della Montagna, Lynn e Bart per dare il tempo a Raoul di raggiungere per primo la città. Per portare a termine il suo compito, ordina di piazzare dell'esplosivo sotto il ponte nel caso i quattro tentino di attraversarlo con la forza.

Tramite un espediente e grazie anche alla complicità di un giovane cittadino, Fudo, Bart e Lynn si travestono e fanno passare Kenshiro nascosto in un carico di fieno. Proprio quando sembrano avercela fatta, un vecchio paesano rivela ai soldati che il giovane ha in realtà visto qualcosa. Baruda, ritenendo che chi tradisce i propri compaesani possa arrivare a tradire anche il Re di Hokuto, condanna entrambi a morte, prima di ordinare la perquisizione del fieno. Quando Kenshiro viene fuori, Baruda lo affronta col suo tridente sferrando veloci affondi che Ken riesce ad evitare, bloccandone l'ultimo con un piede e sfruttando l'arma come perno per effettuare un salto col quale scavalca Baruda, ma quest'ultimo con un movimento improvviso del tridente riesce a provocargli una lunga ferita dal busto al volto. Baruda tenta di finire Ken con un potente affondo, ma l'uomo di Hokuto gli blocca l'arma e tramite essa lo scaraventa in aria, per poi colpirlo con una raffica di pugni fino ad ucciderlo, una volta ricaduto.

JemonyModifica

Jemony
Nome orig.ジェモニ (Jumoni)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 93
Voce orig.Yūji Mikimoto
Voce italianaSergio Antonica
SpecieUmano
SessoMaschio
Poteri

Jemony (ジェモニ Jumoni?), Jumoni nella versione italiana dell'anime, è un assassino al servizio del Re di Hokuto e si auto dichiara l'uomo più forte mai stato alle sue dipendenze, vantandosi di aver già ucciso 9.996 uomini. Caratterizzato dalla pelle mulatta ed una lunga cicatrice che gli attraversa tutta la parte sinistra del volto, ha una corporatura abbastanza imponente ed è vestito con abiti e armatura in stile orientale, combatte utilizzano due grosse spade con la Tecnica della danza delle spade Taishan (泰山流剣舞術 Taizan-ryū Kenbu Jutsu?). La sua figura pare ispirata vagamente a quella di Saitō Musashibō Benkei.

Nella serie viene fermato da tre banditi che cercano di ucciderlo ma egli utilizzando una delle sue spade uccide subito il primo avversario; evita poi la catena del secondo, che si attorciglia intorno alla sua spada, mentre il terzo spicca un balzo tentando un attacco dall'alto. Jemony sfrutta il corpo del secondo avversario, lanciandolo contro il terzo sfruttando proprio la sua catena, e disarmando così entrambi prima di ucciderli.

Deciso a raggiungere il record personale di 10.000 uccisioni, è felice dell'incontro con Kenshiro, perché vorrebbe fare dell'uomo dalle Sette Stelle la decimillesima vittima. Tenta un primo attacco ma riesce solo a tagliare una ciocca di capelli di Ken, poi in un secondo attacco Kenshiro lo colpisce al busto rompendogli l'armatura. A questo punto Jemony tenta un attacco dall'alto con le spade, ma Ken evita facilmente i suoi affondi fino a sparire dalla sua vista, per poi piombargli addosso dall'alto e colpirlo al volto. Alla fine la decimillesima vittima sarà Jemony stesso, perché in seguito alla tecnica Hokuto di Ken perderà il controllo del proprio corpo e si decapiterà da solo con le proprie spade.

ShadowModifica

Shadow
Nome orig.影 (Kage)
Lingua orig.Giapponese
1ª app.Anime: Episodio 99
Voce orig.Masato Hirano
Voce italianaVittorio Battarra
SpecieUmano
SessoMaschio
PoteriNinjutsu

Shadow ( Kage?) è il capo di un gruppo di ninja che si definiscono "l'Ombra del Re di Hokuto". Non si sa molto del suo aspetto fisico in quanto totalmente ricoperto da una tuta ninja nera.

Ha il compito di impedire a Kenshiro di raggiungere il palazzo dell'ultimo guerriero di Nanto prima di Raoul e utilizza in battaglia vari tipi di armi, tra cui una katana e pericolose cerbottane intrise di veleno. Inizialmente in vantaggio grazie al veleno delle sue armi, dopo che Ken utilizza una tecnica Hokuto per espellere dal corpo il veleno viene inesorabilmente ucciso insieme a tutti i suoi uomini.

Voci correlateModifica

  Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga