Apri il menu principale

Esercito islamico dell'Iraq

lista di un progetto Wikimedia
Esercito Islamico dell'Iraq
Descrizione generale
NazioneIraq
Servizio2003-attuale
Battaglie/guerreGuerra d'Iraq
Reparti dipendenti
10,400 (2007)[1]
Comandanti
Comandante attualeIshmael Jubouri
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

L'Esercito islamico dell'Iraq è una organizzazione armata irachena attiva nel paese a seguito della guerra d'Iraq e del crollo del regime di Saddam Hussein.

Formata principalmente da esponenti sunniti appare per la prima volta il 1º aprile 2004, rivendicando l'uccisione di quattro contractors americani a Falluja. Raggiunge in seguito notorietà internazionale con la pratica dei sequestri, tra cui quello del filippino Angelo de la Cruz rilasciato dopo il ritiro del contingente filippino. Il gruppo ha sequestrato anche numerosi giornalisti, tra cui i francesi Georges Malbrunot e Christian Chesnot, rilasciati dopo alcuni mesi, e l'italiano Enzo Baldoni, ucciso pochi giorni dopo.

Ideologia e campo d'azioneModifica

L'Esercito islamico dell'Iraq è un gruppo di matrice islamico-nazionalista incentrato sulla liberazione dell'Iraq. In passato ha avuto contatti e alleanze con gruppi di stampo internazionale operanti in Iraq, ma successivamente, divergenze ideologiche e strategiche lo hanno prima allontanato e poi portato allo scontro con i suddetti gruppi. L'organizzazione opera principalmente nelle zone sunnite dell'Iraq, in particolare nel centro-nord e nelle zone circostanti la capitale. In tempi recenti ha ridotto moltissimo la sua attività a causa della creazione dei Sahwa, milizie sunnite alleate agli Stati Uniti, a cui partecipa attivamente.

NoteModifica

  1. ^ Daniel Cassman, Islamic Army in Iraq | Mapping Militant Organizations, Stanford.edu. URL consultato il 14 settembre 2012.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra