Etterbeek

comune belga
Etterbeek
comune
Etterbeek – Stemma Etterbeek – Bandiera
Etterbeek – Veduta
Localizzazione
StatoBelgio Belgio
RegioneFlag Belgium brussels.svg Bruxelles-Capitale
ProvinciaNon presente
ArrondissementBruxelles-Capitale
Amministrazione
SindacoVincent De Wolf
Territorio
Coordinate50°49′N 4°23′E / 50.816667°N 4.383333°E50.816667; 4.383333 (Etterbeek)Coordinate: 50°49′N 4°23′E / 50.816667°N 4.383333°E50.816667; 4.383333 (Etterbeek)
Altitudine65 m s.l.m.
Superficie3,15 km²
Abitanti45 655 (01-01-2013)
Densità14 493,65 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale1040
Prefisso02
Fuso orarioUTC+1
Codice INS21005
Cartografia
Mappa di localizzazione: Belgio
Etterbeek
Etterbeek
Etterbeek – Mappa
Sito istituzionale

Etterbeek è un comune belga di 42 342 abitanti, uno dei 19 comuni della Regione di Bruxelles-Capitale, confinante con i comuni di Bruxelles-ville, Ixelles, Auderghem, Woluwe-Saint-Pierre, Woluwe-Saint-Lambert e Schaerbeek.

StoriaModifica

Origini ed etimologiaModifica

Secondo la leggenda, Santa Gertrude, figlia di Pipino di Landen, vi fondò una cappella nell'VIII secolo. Il nome deriva forse dalla radice celtica ett che significa "movimento rapido" e la parola olandese beek che significa "flusso" - si trova per la prima volta in un documento datato 1127. L'ortografia attuale compare undici anni dopo, nel 1138, periodo in cui fu costruita una chiesa più nuova e più grande.

MedioevoModifica

Nel Medioevo, Etterbeek era un borgo rurale per lo più indipendente da Bruxelles, a parte i diritti di tassazione sulla birra concessi a Bruxelles intorno al 1300 da Giovanni II, duca di Brabante. I due secoli successivi contarono diversi momenti dolorosi: nel 1489, Alberto III, duca di Sassonia, devastò Etterbeek nel suo inseguimento dei ribelli che combatterono contro Massimiliano d'Austria; nel 1580, il villaggio fu nuovamente distrutto, questa volta dagli iconoclasti durante le guerre della Riforma protestante. La pace è tornata sotto il regno degli arciduchi Alberto e Isabella.

Baronia e comuneModifica

Nel 1673 Etterbeek ottenne l'indipendenza dalla vicina Sint-Genesius-Rode, quando Carlo II di Spagna la promosse a baronia. Il primo barone fu Don Diego-Henriquez de Castro, tesoriere generale degli eserciti olandesi. La casa della Baronia fu venduta nel 1767 e può ancora essere vista oggi come l'edificio più antico di Etterbeek.

Sotto il regime francese, Etterbeek fu trasformato in un comune, all'interno del cantone di Sint-Stevens-Woluwe. Da quel momento in poi, e soprattutto dopo la rivoluzione belga del 1830 e lo sviluppo di Bruxelles come capitale, la popolazione di Etterbeek crebbe rapidamente. Nel 1876 c'erano più di 410 000 abitanti, nel 1900 più di 420 000 e nel 1910 più di 433 000. Nel primo decennio del XX secolo, sotto il regno di Leopoldo II, la costruzione esplose e cambiò il carattere della città con l'aggiunta degli ampi viali e delle aree residenziali che conosciamo oggi.

Luoghi di interesseModifica

La casa CauchieModifica

La casa Cauchie, costruita nel 1905 dall'architetto, pittore e designer Art Nouveau Paul Cauchie. La sua facciata è notevole per i suoi graffiti allegorici. La casa Cauchie (in francese: Maison Cauchie, in olandese: Cauchiehuis) fu costruita nel 1905 dall'architetto, pittore e designer Art Nouveau Paul Cauchie, a Etterbeek, Bruxelles (Belgio), vicino al Parco del Cinquantenario. La sua facciata è notevole per i suoi graffiti allegorici.

Di carattere completamente diverso, la casa Baronia risale al 1680, fu venduta nel 1767 e può ancora essere vista oggi come l'edificio più antico di Etterbeek.

La Fondation René Carcan, una fondazione e un museo nel vecchio studio di René Carcan, si trovava a Etterbeek.

Chaussée de Wavre dal 27 settembre 2014 presenta una serie di disegni Le Chat su larga scala del fumettista belga Philippe Geluck, nato e cresciuto in questo quartiere. I 24 disegni si estendono su una lunghezza totale di 120 metri.

AmministrazioneModifica

GemellaggiModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN130782156 · GND (DE127679-7
  Portale Belgio: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Belgio