Apri il menu principale
Ettore Romoli

Presidente del Consiglio regionale del Friuli-Venezia Giulia
Durata mandato 22 maggio 2018 –
14 giugno 2018
Predecessore Franco Iacop
Successore Piero Mauro Zanin

Sindaco di Gorizia
Durata mandato 29 maggio 2007 –
26 giugno 2017
Predecessore Vittorio Brancati
Successore Rodolfo Ziberna

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato 30 maggio 2001 –
27 aprile 2006
Legislature XIV
Gruppo
parlamentare
Forza Italia
Circoscrizione IX Friuli-Venezia Giulia
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
Durata mandato 15 aprile 1994 –
8 maggio 1996
Legislature XII
Gruppo
parlamentare
Forza Italia
Collegio 2-Friuli orientale
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico FI (1994-2009)
PdL (2009-2013)
FI (2013-2018)
Titolo di studio Laurea in economia e commercio
Professione Dottore commercialista

Ettore Romoli (Firenze, 9 aprile 1938Udine, 14 giugno 2018) è stato un politico italiano. Dapprima senatore e in seguito deputato, è stato sindaco di Gorizia dal 2007 al 2017. Dal 22 maggio 2018 fino alla sua morte ha ricoperto anche la carica di presidente del Consiglio regionale del Friuli-Venezia Giulia.

BiografiaModifica

Dal 2007 al 2017 ha ricoperto la carica di sindaco di Gorizia, contribuendo a rendere la città un centro nevralgico per le relazioni europee, aderendo al GECT. Nel 1994 è stato uno dei fondatori di Forza Italia in Friuli-Venezia Giulia, venendo eletto dapprima senatore nel medesimo anno e nel 2001 deputato, assumendo anche il ruolo di coordinatore regionale di Forza Italia.

Dopo il suo decennio di sindacatura, in occasione delle elezioni regionali del 2018, si candida a sostegno del candidato governatore leghista Massimiliano Fedriga e viene eletto presidente del Consiglio regionale, entrando in carica il 22 maggio. Tuttavia, morì improvvisamente nelle prime ore del 14 giugno successivo all'età di 80 anni a seguito dell'aggravarsi delle sue condizioni di salute dopo essere stato sottoposto a un intervento chirurgico.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica