Apri il menu principale

Eugen Coșeriu, conosciuto anche con il nome di Eugenio Coseriu (Mihăileni, 27 luglio 1921Tubinga, 7 settembre 2002), è stato un linguista rumeno.

BiografiaModifica

Coșeriu è stato uno dei massimi linguisti e filosofi del linguaggio del secolo XX. Fu cattedratico all'Università di Tubinga dal 1963[1][2], nonché presidente della Société de Linguistique Romane tra il 1980 e il 1983.[3] Fu anche membro onorario della Accademia rumena.[senza fonte]

Oltre al rumeno, lingua materna, conosceva perfettamente italiano e spagnolo e diverse altre lingue indoeuropee (francese, russo, tedesco, inglese, ma anche le lingue classiche latino e greco): insieme a Roman Jakobson fu uno dei più grandi poliglotti del Novecento[2]. Concentrò i suoi studi sulla teoria linguistica generale.[1] Trasferitosi in Italia a diciott'anni, vi conseguì due lauree, una a Roma, in lettere, con lo slavista Giovanni Maver, un'altra a Milano, in filosofia, con Antonio Banfi.[2] In quel periodo fu influenzato da Antonino Pagliaro.

Conosciutissimo in Sud America e Spagna, dove ebbe modo di insegnare (in particolare a Montevideo linguistica generale, tra il 1950-1963; successivamente all'Università di Málaga e all'Universidad de Navarra). Dopo alcune esperienze come visiting professor alle università di Coimbra, Bonn e Francoforte, nel 1963 gli fu affidata la cattedra di Linguistica e filologia romanza dell'Università di Tubinga[2]: è in questo periodo che acquisì fama mondiale. Gli vengono offerti più di quaranta titoli di dottore honoris causa; divenne inoltre membro di diverse società scientifiche (tra cui la Linguistic Society of America e l'Accademia delle Scienze di Heidelberg).[2]

Nel 2001 ricevette la Gran Croce di Alfonso X.[1]

Nelle sue Lezioni di linguistica generale del 1973 (pubblicate in Italia da Boringhieri) integrò il concetto saussuriano di diacronia coniando i concetti di diastratia, diafasia e diatopia e predisponendo un sistema delle variabili sociolinguistiche.[4]

NoteModifica

  1. ^ a b c (ES) Miguel Ángel Garrido Gallardo, Eugenio Coseriu, lingüista, articolo del 10 settembre 2010 in occasione della morte di Coșeriu, da elpais.com.
  2. ^ a b c d e Donatella Di Cesare, Un linguista integrale, articolo de il manifesto del 14 settembre 2002, in sissco.it (http://www.sissco.it/index.php?id=1291&tx_wfqbe_pi1[idrassegna]=481).
  3. ^ Elenco dei presidenti, dal sito ufficiale della SLR Archiviato il 14 agosto 2012 in Internet Archive..
  4. ^ Gian Luigi Beccaria (a cura di), Dizionario di linguistica, ed. Einaudi, Torino, 2004, ISBN 978-88-06-16942-8, alle voci diastratico, diafasico e diatopico; il concetto di diamesia è stato invece coniato da Alberto Mioni (in «Italiano tendenziale: osservazioni su alcuni aspetti della standardizzazione», in AA.VV., Scritti linguistici in onore di Giovan Battista Pellegrini, Pacini, Pisa, pp. 495-517).

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN44313816 · ISNI (EN0000 0001 0892 7220 · LCCN (ENn79029793 · GND (DE118522345 · BNF (FRcb12030771h (data) · NDL (ENJA00436699 · WorldCat Identities (ENn79-029793