Apri il menu principale

Eugenio Bersellini

allenatore di calcio, calciatore e dirigente sportivo italiano
Eugenio Bersellini
Eugenio Bersellini 1978.jpg
Bersellini nel 1978 sulla panchina dell'Inter
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1968 - giocatore
2006 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1954-1955 Fidenza ? (?)
1955-1960 Brescia 98 (19)
1960-1962 Monza 60 (8)
1962-1963 Pro Patria 17 (1)
1963-1966 Monza 70 (5)
1966-1968 Lecce 37 (4)
Carriera da allenatore
1969-1971 Lecce
1971-1973 Como
1973-1975 Cesena
1975-1977 Sampdoria
1977-1982 Inter
1982-1984 Torino
1984-1986 Sampdoria
1986-1987 Fiorentina
1987-1988 Avellino
1988-1990 Ascoli
1990-1991 Como
1991-1992 Modena
1992-1993 Bologna
1994 Pisa
1995-1996 Saronno
1999 Libia Libia
2001 Al-Ahly Tripoli
2002 Al-Ittihad Tripoli
2006 Lavagnese
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Eugenio Bersellini (Borgo Val di Taro, 10 giugno 1936Prato, 17 settembre 2017[1]) è stato un allenatore di calcio, dirigente sportivo e calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Soprannominato Il sergente di ferro[2] per i suoi duri metodi d'allenamento, ottenne i maggiori successi della sua carriera alla guida dell'Inter, con la quale vinse un campionato italiano (1979-1980) e due Coppe Italia (1977-1978 e 1981-1982). Vinse inoltre un'altra Coppa Italia alla guida della Sampdoria.

Caratteristiche tecnicheModifica

AllenatoreModifica

Si segnalò come cultore di una «inflessibile» etica lavorativa, soprattutto in allenamento, nonché per una «profonda conoscenza» dei suoi giocatori, sul lato umano prim'ancora di quello professionale. Ne derivò un credo calcistico che fece del «pragmatismo» la sua arma migliore, con formazioni dall'atteggiamento «sparagnino» e dal gioco «muscolare e spigoloso»; nel solco di un calcio all'italiana «ruvido dietro e armonioso davanti», e di cui Bersellini, insieme a colleghi come Osvaldo Bagnoli, Ottavio Bianchi e Giovanni Trapattoni, è riconosciuto tra gli ultimi teorici in panchina.[3]

CarrieraModifica

AllenatoreModifica

Il suo debutto come allenatore risale alla stagione 1968-1969, quando venne chiamato a sedersi sulla panchina del Lecce nelle ultime 9 partite del campionato di Serie C. Dopo altre due annate in Salento, Bersellini passa ad allenare il Como in Serie B. Il debutto in Serie A arriva l'anno successivo con il Cesena, dove rimane dal 1973 al 1975, poi passa alla Sampdoria per il successivo biennio. Nel 1977 l'allora presidente dell'Inter, Ivanoe Fraizzoli, lo chiama ad allenare la sua squadra: il lustro trascorso a Milano, rimasto il più vittorioso nella carriera del tecnico, gli frutta uno scudetto (1979-1980) e due Coppe Italia.

 
Bersellini (a destra) alla guida della Sampdoria nel 1985, mentre saluta il collega milanista Liedholm prima della finale di andata della Coppa Italia.

Dal 1982 al 1984 allena il Torino e nelle due annate successive di nuovo la Sampdoria, con cui vince la Coppa Italia 1984-1985, primo trofeo nella storia del club blucerchiato. Seguono poi altre stagioni sempre in Serie A, con Fiorentina (1986-1987), Avellino (1987-1988) e Ascoli. Torna a Como (1990-1991) in Serie C1, poi siede sulle panchine di Modena (1991-1992), Bologna (1992-1993) e Pisa (dal febbraio al giugno del 1994) in B, e poi ancora in C1 al Saronno dal 1995 al 1997.

Dal 1998 al 1999 è chiamato a guidare da commissario tecnico la Libia, che lascia nel 2001 per allenare il club libico dell'Al-Ahly Tripoli; nel 2002, passato nel frattempo all'Al-Ittihad Tripoli, vince il campionato libico allenando tra gli altri Al-Sa'adi Gheddafi.

Tornato in Italia, nel 2006 gli viene affidato il compito di salvare la Lavagnese, nei bassifondi della Serie D. Sotto la sua guida la squadra si risolleva in classifica e ottiene la salvezza dopo i vittoriosi play-out contro la Narnese. Il suo ultimo incarico fu quello di direttore sportivo del Sestri Levante nella stagione 2006-2007, squadra ligure di D.

Conta 490 panchine nella Serie A italiana (148 vittorie, 197 pareggi e 145 sconfitte).

StatisticheModifica

Statistiche da allenatoreModifica

ClubModifica

In grassetto le competizioni vinte.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
1968-1969   Lecce C 9 1 3 5 - - - - - - - - - - - - - - - 9 1 3 5 11,11
1969-1970 C 38 16 10 12 - - - - - - - - - - - - - - - 38 16 10 12 42,11
1970-1971 C 38 16 14 8 - - - - - - - - - - - - - - - 38 16 14 8 42,11
Totale Lecce 85 33 27 25 - - - - - - - - - - - - 85 33 27 25 38,82
1971-1972   Como B 38 14 18 6 CI 4 2 1 1 - - - - - - - - - - 42 16 19 7 38,10
1972-1973 B 38 11 14 13 CI 4 0 2 2 - - - - - - - - - - 42 11 16 15 26,19
1973-1974   Cesena A 30 6 15 9 CI 10 3 5 2 - - - - - - - - - - 40 9 20 11 22,50
1974-1975 A 30 5 15 10 CI 4 1 3 0 - - - - - - - - - - 34 6 18 10 17,65
Totale Cesena 60 11 30 19 14 4 8 2 - - - - - - - - 74 15 38 21 20,27
1975-1976   Sampdoria A 30 8 8 14 CI 10 4 2 4 - - - - - - - - - - 40 12 10 18 30,00
1976-1977 A 30 6 12 12 CI 4 0 0 4 - - - - - - - - - - 34 6 12 16 17,65
1977-1978   Inter A 30 13 10 7 CI 11 7 4 0 CU 2 0 1 1 - - - - - 43 20 15 8 46,51
1978-1979 A 30 10 16 4 CI 2 1 0 1 CdC 6 4 1 1 - - - - - 38 15 17 6 39,47
1979-1980 A 30 14 13 3 CI 6 4 1 1 CU 4 1 1 2 - - - - - 40 19 15 6 47,50
1980-1981 A 30 14 8 8 CI 4 1 2 1 CC 8 4 3 1 TdC 2 1 0 1 44 20 13 11 45,45
1981-1982 A 30 11 13 6 CI 10 5 3 2 CU 4 2 1 1 - - - - - 44 18 17 9 40,91
Totale Inter 150 62 60 28 33 18 10 5 24 11 7 6 2 1 0 1 209 92 77 40 44,02
1982-1983   Torino A 30 9 12 9 CI 11 7 3 1 - - - - - - - - - - 41 16 15 10 39,02
1983-1984 A 30 11 11 8 CI 11 4 4 3 - - - - - - - - - - 41 15 15 11 36,59
Totale Torino 60 20 23 17 22 11 7 4 - - - - - - - - 82 31 30 21 37,80
1984-1985   Sampdoria A 30 12 13 5 CI 13 9 4 0 - - - - - - - - - - 43 21 17 5 48,84
1985-1986 A 30 8 11 11 CI 13 7 5 1 CdC 4 2 1 1 - - - - - 47 17 17 13 36,17
Totale Sampdoria 120 34 44 42 40 20 11 9 4 2 1 1 - - - - 164 56 56 52 34,15
1986-1987   Fiorentina A 30 8 10 12 CI 5 1 3 1 CU 2 1 0 1 - - - - - 37 10 13 14 27,03
1987-1988   Avellino A 25 4 13 8 CI 4 1 2 1 - - - - - - - - - - 29 5 15 9 17,24
1988-1989   Ascoli A 24 7 9 8 CI 2 1 0 1 - - - - - - - - - - 26 8 9 9 30,77
1989-1990 A 21 2 8 11 CI 3 1 1 1 - - - - - - - - - - 24 3 9 12 12,50
Totale Ascoli 45 9 17 19 5 2 1 2 - - - - - - - - 50 11 18 21 22,00
1990-1991   Como C1 34+1[4] 15 14 5+1 CI+CI-C 2+6 1+2 0+3 1+1 - - - - - - - - - - 43 18 17 8 41,86
Totale Como 110+1 40 46 24+1 16 5 6 5 - - - - - - - - 117 45 52 30 38,46
1991-1992   Modena B 19 6 4 9 CI 4 1 1 2 - - - - - - - - - - 23 7 5 11 30,43
1992-1993   Bologna B 23 7 5 11 CI 1 0 0 1 - - - - - - - - - - 24 7 5 12 29,17
feb.-giu. 1994   Pisa B 16+1[5] 5 6+1 5 - - - - - - - - - - - - - - - 17 5 7 5 29,41
dic. 1995-1996   Saronno C1 21 6 8 7 - - - - - - - - - - - - - - - 21 6 8 7 28,57
2001   Al-Ahly Tripoli LBL ? ? ? ? - - - - - - - - - - - - - - - 0 0 0 0 !
ott. 2001-gen. 2002   Al-Ittihad Tripoli LBL 7 5 1 1 - - - - - - - - - - - - - - - 7 5 1 1 71,43
mar.-mag. 2006   Lavagnese D 5+2[6] 2+1 1 2+1 - - - - - - - - - - - - - - - 7 3 1 3 42,86
Totale carriera 780+ 253+ 296+ 231+ 144 63 49 32 30 14 8 8 2 1 0 1 956 331 353 272 34,62

PalmarèsModifica

AllenatoreModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica
Inter: 1977-1978, 1981-1982
Sampdoria: 1984-1985
Inter: 1979-1980
Al-Ittihad Tripoli: 2001-2002

NoteModifica

  1. ^ Serie A, è morto Eugenio Bersellini, guidò l'Inter al 12º scudetto, su gazzetta.it, 17 settembre 2017.
  2. ^ Carlo Grandini, Bersellini, il sergente che piace al Colonnello, in Corriere della Sera, 9 febbraio 2001, p. 47 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013).
  3. ^ Michele Dalai, Tanta anima e zero moine nel calcio del Sergente (buono), in SportWeek (Milano, La Gazzetta dello Sport), nº 38 (851), 23 settembre 2017, p. 98.
  4. ^ Spareggio per la promozione.
  5. ^ Spareggio per la salvezza.
  6. ^ Play-out..

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica