Apri il menu principale

«Il voto di dodici secoli è compiuto... le ceneri dell'Eroe di Gavinana inaffiate di sangue di tanti martiri han fatto risorgere la Libertà, l'Unità, l'Indipendenza italiana. Al cantico marziale di questa Epopea, l'Italia, la nobile e classica terra, da serva fatta Reina, siede anch'essa al banchetto delle nazioni destinata a glorioso avvenire. La prima domenica di giugno prossimo venturo è destinata dal Parlamento a celebrare questo gran fatto, memorabile nei fatti più lumosi della storia [...]»

(Il 29 maggio 1861 Maestrazzi, da poco sindaco, annunciò dal palazzo comunale la prossima proclamazione del Regno d'Italia)

Eugenio Maestrazzi (18231901) è stato un politico e scrittore italiano. Fu per 15 anni sindaco di Orzinuovi, il primo unitario[1], e comandò anche le truppe che nel 1860 presero la città. Fu anche un romanziere.[2]

OpereModifica

  • Eugenio Maestrazzi, La Lega Lombarda Copertina, Borroni e Scotti, 1851, ISBN 978-5519200394.
  • Eugenio Maestrazzi, Giovanna d'Angiò: racconto storico del Quattrocento, Milano, Borroni e Scotti, 1852.

NoteModifica

  1. ^ Comune di Orzinuovi, su italiaimprese.it. URL consultato il 9 gennaio 2015.
  2. ^ Storia di Orzinuovi (PDF), su comune.orzinuovi.bs.it. URL consultato il 9 gennaio 2015.