Apri il menu principale

Eugenio di Cartagine

vescovo e santo dalla Chiesa cattolica
Sant'Eugenio di Cartagine
Gougenheim StLaurent 44.jpg
Vetrata nella chiesa di St-Laurent di Gougenheim (Alsazia), opera di Ott Frères (1911).
 

Vescovo

 
Venerato daChiesa cattolica
Ricorrenza13 luglio

Eugenio (... – dintorni di Albi, 505) è stato un vescovo africano, venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Indice

AgiografiaModifica

Durante il regno dei Vandali, popolo di confessione ariana, la diocesi di Cartagine rimase a lungo vacante finché re Unnerico concesse agli abitanti di nominare il proprio vescovo. Venne quindi eletto Eugenio, uomo pio e caritatevole, che presto dovette soffrire le persecuzioni degli eretici e del dispotico monarca.[1]

Nel febbraio 484 Unnerico organizzò un concilio proprio a Cartagine[1] al quale convocò tutti i vescovi africani sperando nella loro adesione all'arianesimo. Assieme a numerosi altri, in quell'occasione Eugenio ribadì la sua fedeltà all'ortodossia cristiana e subì quindi le ire del sovrano: venne confinato a Turris Tamalleni (nei dintorni dell'attuale Kébili) sorvegliato dallo spietato Antonio, un vescovo eretico.[1]

Con la morte di Unnerico, nel dicembre del 484, Eugenio poté tornare a Cartagine; ma l'ascesa al trono di Trasamondo, nel 496, portò altre persecuzioni.[1] Eugenio venne nuovamente bandito e finì in Gallia dove morì nel 505.[1]

Una tradizione afferma invece che Eugenio avesse concluso la sua esistenza in esilio sull'isola di Bergeggi,[1] dove edificò una chiesa. Si dice che le sue reliquie, successivamente traslate nella chiesa di San Paragorio a Noli, ricomparvero miracolosamente nel luogo di culto da lui fondato.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g Eugenio di Cartagine, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

BibliografiaModifica

  • Pierre Pierrard, Dizionario Larousse dei nomi e dei santi, Roma, Gremese editore, 2003, p. 80, ISBN 88-8440-261-1.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica