Eulogio d'Alessandria

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando un successivo patriarca omonimo, vedi Eulogio II di Alessandria.
Sant'Eulogio d'Alessandria
Eulogius of Alexandria (Menologion of Basil II).jpg
miniatura dal Menologio di Basilio
 

Patriarca

 
Morte608
Venerato daTutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza13 settembre

Eulogio d'Alessandria (Siria, ... – 13 settembre 608) è stato un patriarca greco-ortodosso della sede d'Alessandria d'Egitto, col nome di Eulogio I. È venerato come santo, e la sua ricorrenza è il 13 settembre.

BiografiaModifica

Combatté gli errori eretici del tempo in Egitto, soprattutto le varie fasi del monofisismo. Fu grande amico di papa Gregorio I, con il quale aveva una relazione epistolare, e dal quale ricevette molte attestazioni di stima ed ammirazione.

Eulogio rifiutò i Novaziani, antica setta di cui alcune comunità sopravvivono tuttora nella diocesi, rivendicando l'unione ipostatica delle due nature in Cristo, opponendosi sia a Nestorio che a Eutiche. Il cardinale Baronio[1] disse che Gregorio avrebbe voluto che Eulogio gli sopravvivesse, riconoscendo in lui la voce della verità.

Oltre alle opere in cui attaccava le varie sette monofisite (Severiani[2], Cainiti e Acefali) lasciò undici discorsi in difesa di papa Leone I e del concilio di Calcedonia, oltre ad un'opera contro gli Agnoeti[3]. Prima di pubblicarlo lo sottopose al giudizio di papa Gregorio I, che dopo qualche osservazione ne permise la pubblicazione nella sua forma non modificata. Con l'eccezione di un sermone e pochi altri frammenti, tutti gli scritti di Eulogio risalgono a questo periodo.

NoteModifica

  1. ^ ad ann. 600, no. 5.
  2. ^ Severo, in Dizionario di filosofia, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2009.
  3. ^ Agnoeti, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN24941326 · CERL cnp00107992 · WorldCat Identities (ENviaf-85490250