Eurovision Song Contest 1963

L'ottavo Gran Premio Eurovisione della Canzone si tenne a Londra (Regno Unito) il 23 marzo 1963.

Eurovision Song Contest 1963
ESC 1963 Map.svg
EdizioneVIII (8ª)
PeriodoFinale
23 marzo 1963
SedeBBC Television Centre, Londra, Regno Unito Regno Unito
PresentatoreKatie Boyle
Emittente TVBBC in Eurovisione
Partecipanti16
Paesi debuttanti-
VincitoreDanimarca Danimarca (1º)
con la canzone:
Dansevise
SecondoSvizzera Svizzera
TerzoItalia Italia
Cronologia
19621964

StoriaModifica

Come i Paesi Bassi nel 1960, la Francia rifiutò di organizzare il concorso nel 1963. Il Regno Unito assunse la direzione del “Gran Premio dell'Eurovisione” e per la prima volta il programma fu prodotto da una donna. La BBC fece un esperimento in questo concorso. Le canzoni furono trasmesse via radio da uno studio, il pubblico e la giuria fu situata in un'altra posizione. Ogni canzone ebbe una scenografia differente, il cambiamento dello scenario avvenne molto rapidamente. Al tempo girarono voci, mai verificate, che le esibizione fossero registrate. Per la terza volta consecutiva, gli stessi 16 paesi parteciparono al concorso.

In seguito a quelli dell'anno precedente, ulteriori cambiamenti furono fatti al sistema di voto, in particolare espandendo il numero di giurati per ogni paese partecipante a 20. Il numero di punti assegnati da ogni membro fu aumentato da 3 a 5; ciò diede alle giurie l'occasione di votare per le loro cinque canzoni favorite. Il sistema fu esattamente lo stesso del 1962, l'unico cambiamento fu che i membri della giuria poterono ora votare per cinque canzoni anziché tre. Dopo il conteggio dei voti, sembrò che avesse vinto la Svizzera a causa dell'impreparazione e dell'errata comunicazione dei voti della giuria norvegese, ma la Norvegia fu richiamata al termine di tutte le votazioni (i risultati arrivavano via telefono) e comunicò i propri voti nel modo corretto.

Il vincitore fu la Danimarca con il brano Dansevise, eseguito da Grethe e Jørgen Ingmann. Due dei più celebrati cantanti parteciparono al concorso, Nana Mouskouri, che si esibì per il Lussemburgo e si classificò al settimo posto e Françoise Hardy che rappresentò Monaco e si piazzò il quinto posto. Il brano Uno per tutte permise a Emilio Pericoli di classificare l'Italia al terzo posto.

 
I vincitori per la Danimarca, Grethe & Jørgen Ingmann, primi al Dansk Melodi Grand Prix 1963

Stati partecipantiModifica

 

     Stati partecipanti

Stato Artista Brano Lingua Processo di selezione
  Austria Carmela Corren Vielleicht geschieht ein Wunder Tedesco, Inglese Interno
  Belgio Jacques Raymond Waarom? Olandese Eurosong 1963, 16 febbraio 1963
  Danimarca Grethe & Jørgen Ingmann Dansevise Danese Dansk Melodi Grand Prix 1963, 24 febbraio 1963
  Finlandia Laila Halme Muistojeni laulu Finlandese Euroviisukarsinta 1963, 14 febbraio 1963
  Francia Alain Barrière Elle était si jolie Francese Interno
  Germania Heidi Brühl Marcel Tedesco Finale nazionale, 28 febbraio 1963
  Italia Emilio Pericoli Uno per tutte Italiano Festival di Sanremo 1963, 9 febbraio 1963
  Jugoslavia Vice Vukov Brodovi Croato Jugovizija 1963
  Lussemburgo Nana Mouskouri À force de prier Francese Interno
  Norvegia Anita Thallaug Solhverv Norvegese Melodi Grand Prix 1963, 10 febbraio 1963
  Paesi Bassi Annie Palmen Een speeldoos Olandese Interno per l'artista; Nationaal Songfestival 1963 per il brano, 23 febbraio 1963
  Principato di Monaco Françoise Hardy L'amour s'en va Francese Interno
  Regno Unito (organizzatore) Ronnie Carroll Say Wonderful Things Inglese A Song For Europe 1963, 24 febbraio 1963
  Spagna José Guardiola Algo prodigioso Spagnolo Interno
  Svezia Monica Zetterlund En gång i Stockholm Svedese Melodifestivalen 1963, 16 febbraio 1963
  Svizzera Esther Ofarim T'en va pas Francese Concours Eurovision 1963, 9 febbraio 1963

Struttura di votoModifica

Ogni nazione attribuisce cinque, quattro, tre, due e un punto alle sue cinque canzoni preferite.

OrchestraModifica

Diretta dai maestri: Francis Bay (Belgio), Øivind Bergh (Norvegia), Willy Berking (Germania), Gigi Cichellero (Italia), George de Godzinsky (Finlandia), Rafael Ibarbia (Spagna), Raymond Lefèvre (Monaco), William Lind (Svezia), Kai Mortensen (Danimarca), Franck Pourcel (Francia), Miljenko Prohaska (Jugoslavia), Eric Robinson (Regno Unito, Paesi Bassi, Svizzera e Lussemburgo) e Erwin Halletz (Austria).

ClassificaModifica

Stato Cantante Canzone Punti Posizione
01   Regno Unito Ronnie Carroll Say Wonderful Things 28 4
02   Paesi Bassi Annie Palmen Een Speeldoos 0 13
03   Germania Ovest Heidi Brühl Marcel 5 9
04   Austria Carmela Corren Vielleicht geschieht ein Wunder 16 7
05   Norvegia Anita Thallaug Solhverv 0 13
06   Italia Emilio Pericoli Uno Per Tutte 37 3
07   Finlandia Laila Halme Muistojeni Laulu 0 13
08   Danimarca Grethe & Jørgen Ingman Dansevise 42 1
09   Jugoslavia Vice Vukov Brodovi 3 11
10   Svizzera Esther Ofarim T'en Va Pas 40 2
11   Francia Alain Barrière Elle était Si Jolie 25 5
12   Spagna José Guardiola Algo Prodigioso 2 12
13   Svezia Monica Zetterlund En Gång I Stockholm 0 13
14   Belgio Jacques Raymond Waarom 4 10
15   Principato di Monaco Françoise Hardy L'amour S'en Va 25 5
16   Lussemburgo Nana Mouskouri A Force De Prier 13 8

3 punti

N. A Da
5   Danimarca Belgio, Finlandia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Svezia
3   Italia Danimarca, Principato di Monaco, Svizzera
3   Svizzera Austria, Italia, Regno Unito
2   Principato di Monaco Francia, Germania
2   Regno Unito Norvegia, Spagna
1   Francia Jugoslavia

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica