Eurovision Song Contest 1979

Eurovision Song Contest 1979
EdizioneXXIV (24ª)
PeriodoFinale
31 marzo 1979
SedeInternational Convention Center, Gerusalemme, Israele Israele
PresentatoreDaniel Pe'er
Yardena Arazi
Trasmissione TVIBA in Eurovisione
Partecipanti19
Paesi debuttanti-
RitiriTurchia Turchia
VincitoreIsraele Israele (2°)
con la canzone:
Hallelujah
SecondoSpagna Spagna
TerzoFrancia Francia
Cronologia
19781980

Il ventiquattresimo Gran Premio Eurovisione della Canzone si tenne a Gerusalemme (Israele) il 31 marzo 1979.

StoriaModifica

La Turchia si ritirò dal concorso del 1979, poiché molti paesi arabi erano contrari ad una partecipazione turca in terra d'Israele. Questo era l'ultimo anno in cui l'Eurofestival si svolge in un giorno di marzo. 19 paesi parteciparono e alcuni di loro ebbero come rappresentanti artisti che avevano già partecipato al "Gran Premio dell'Eurovisione" o che vi avrebbero partecipato ancora negli anni a venire: Tommy Seebach per la Danimarca, Elpida per la Grecia, Katri-Elena per la Finlandia, Anne-Marie David per la Francia e Anita Skorgan per la Norvegia. A causa dei problemi politici nella città di Gerusalemme, in cui il concorso si tenne, tutti i delegati e gli artisti furono mantenuti sempre sotto stretta sicurezza, anche se non accadde nulla di spiacevole.

Israele vinse il "Gran Premio" per il secondo anno consecutivo, con il brano Hallelujah eseguito da Gali Atari & Milk & Honey. La Spagna è stato l'ultimo paese a votare e sino a quel momento era al primo posto con un punto in più d'Israele; proprio gli spagnoli assegnarono 10 punti al paese ospitante, dandogli così la vittoria. Fra le celebrità presenti in quell'edizione c'era Sandra Reemer, accreditata come "Xandra", che si è classificata al dodicesimo posto con Colorado per i Paesi Bassi; Jeanne Mason, al tredicesimo J'ai Deja Vu Ca Dans Tes Yeux, per il Lussemburgo e, per la terza volta, Peter, Sue e Mark, al decimo posto con Troedler und Co., per la Svizzera. Al quindicesimo posto, per l'Italia, i Matia Bazar col brano Raggio di luna.

Stati partecipantiModifica

 

     Stati partecipanti

     Paesi che hanno partecipato in passato ma non nel 1979

Stato Artista Brano Lingua Processo di selezione
  Austria Christina Simon Heute in Jerusalem Tedesco Interno
  Belgio Micha Marah Hey Nana Olandese Interno per l'artista; Eurosong 1979 per il brano, 3 marzo 1979
  Danimarca Tommy Seebach Disco Tango Danese Dansk Melodi Grand Prix 1979, 3 febbraio 1979
  Finlandia Katri Helena Katson sineen taivaan Finlandese Euroviisukarsinta 1979, 10 febbraio 1979
  Francia Anne Marie David Je suis l'enfant soleil Francese Concours de la Chanson Française pour l'Eurovision 1979[1]
  Germania Dschinghis Khan Dschinghis Khan Tedesco Vorentscheid 1979 (Ein Lied für Jerusalem), 17 marzo 1979
  Grecia Elpida Sokrati Greco Ellinikós Telikós 1979, 5 febbraio 1979
  Irlanda Cathal Dunne Happy Man Inglese National Song Contest 1979, 4 febbraio 1979
  Israele (organizzatore) Gali Atari & Milk & Honey Hallelujah Ebraico Israel Song Festival 1979
  Italia Matia Bazar Raggio di luna Italiano Interno
  Lussemburgo Jeane Manson J'ai déjà vu ça dans tes yeux Francese Interno
  Norvegia Anita Skorgan Oliver Norvegese Melodi Grand Prix 1979, 10 febbraio 1979
  Paesi Bassi Xandra Colorado Olandese Interno per l'artista; Nationaal Songfestival 1979 per il brano, 7 febbraio 1979
  Portogallo Manuela Bravo Sobe, sobe, balão sobe Portoghese Festival da Canção 1979, 23 febbraio 1979
  Principato di Monaco Laurent Vaguener Notre vie c'est la musique Francese Interno
  Regno Unito Black Lace Mary Ann Inglese A Song For Europe 1979, 9 marzo 1979
  Spagna Betty Missiego Su canción Spagnolo Interno
  Svezia Ted Gärdestad Satellit Svedese Melodifestivalen 1979, 17 febbraio 1979
  Svizzera Peter, Sue & Marc & Pfuri, Gorps & Kniri Trödler und Co Tedesco Concours Eurovision 1979, 27 gennaio 1979

Struttura di votoModifica

Ogni paese premia con dodici, dieci, otto e dal sette all'uno, punti per le proprie dieci canzoni preferite.

OrchestraModifica

Diretta dai maestri: Francis Bay (Belgio), Allan Botschinsky (Danimarca), Norbert Daum (Germania), Lefteris Halkiadakis (Grecia), Thilo Krassman (Portogallo), Sigurd Jansen (Norvegia), Ken Jones (Regno Unito), Guy Matteoni (Francia), José Luis Navarro (Spagna), Proinsias O'Duinn (Irlanda), Kobi Oshrat (Israele), Richard Österreicher (Austria), Hervé Roy (Lussemburgo), Ossi Runne (Finlandia), Gérard Salesse (Monaco), Lars Samuelson (Svezia), Rolf Zuckowski (Svizzera) e Harry van Hoof (Paesi Bassi). La canzone italiana quest'anno è stata la prima entrata nella storia del concorso che non ha utilizzato l'accompagnamento orchestrale.

ClassificaModifica

Stato Cantante Canzone Punti Posizione
01   Portogallo Manuela Bravo Sobe, sobe, balão sobe 68 9
02   Italia Matia Bazar Raggio di luna 27 15
03   Danimarca Tommy Seebach Disco Tango 76 6
04   Irlanda Cathal Dunne Happy Man 80 5
05   Finlandia Katri Helena Katson sineen taivann 38 14
06   Monaco Laurent Vieguener Notre vie c'est la musique 12 16
07   Grecia Elpida Socrati 69 8
08   Svizzera Peter, Sue & Marc & Pfuri, Gorps & Kniri Trödler und Co. 60 10
09   Germania Ovest Dschinghis Khan Dschinghis Khan 86 4
10   Israele Gali Atari & Milk & Honey Hallelujah 125 1
11   Francia Anne Marie David Je suis l'enfant-soleil 106 3
12   Belgio Micha Marah Hey nana 5 18
13   Lussemburgo Jeane Manson J'ai déjà vu ça dans tes yeux 44 13
14   Paesi Bassi Xandra Colorado 51 12
15   Svezia Ted Gärdestad Satellit 8 17
16   Norvegia Anita Skorgan Oliver 57 11
17   Regno Unito Black Lace Mary Ann 73 7
18   Austria Christine Simon Heute in Jerusalem 5 18
19   Spagna Betty Missiego Su canción 116 2

12 punti

N. A Da
6   Israele Finlandia, Irlanda, Norvegia, Portogallo, Regno Unito, Svezia
4   Germania Danimarca, Francia, Principato di Monaco, Spagna
4   Spagna Belgio, Germania, Italia, Svizzera
2   Danimarca Grecia, Israele
2   Francia Lussemburgo, Paesi Bassi
1   Svizzera Austria

NoteModifica

  1. ^ La finale non fu mai registrata per via di uno sciopero, il vincitore venne scelto internamente tramite una giuria.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica