Apri il menu principale

Eurovision Song Contest 2003

manifestazione musicale internazionale
Eurovision Song Contest 2003
Eurovision Song Contest 2003 logo.svg.png
EdizioneXLVIII (48ª)
PeriodoFinale
24 maggio 2003
SedeSkonto Hall, Riga, Lettonia Lettonia
PresentatoreRenārs Kaupers
Marija Naumova
Trasmissione TVLTV in Eurovisione
Partecipanti26
Paesi debuttantiUcraina Ucraina
RitiriDanimarca Danimarca
Finlandia Finlandia
Lituania Lituania
Macedonia Macedonia
Svizzera Svizzera
RitorniIrlanda Irlanda
Islanda Islanda
Paesi Bassi Paesi Bassi
Polonia Polonia
Portogallo Portogallo
Norvegia Norvegia
VincitoreTurchia Turchia (1°)
con la canzone:
Everyway That I Can
SecondoBelgio Belgio
TerzoRussia Russia
Cronologia
20022004

Il quarantottesimo Eurovision Song Contest si tenne a Riga (Lettonia) il 24 maggio 2003.

Indice

StoriaModifica

 

     Paesi partecipanti

     Paesi che hanno partecipato in passato ma non hanno partecipato nel 2003

Nel 2003 i paesi partecipanti diventano 26. Oltre ai paesi classificatisi nei primi 15 posti nel 2002 e ai Big Four, rientrano alcuni i partecipanti passivi dell'anno precedente: Irlanda, Islanda, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia e Portogallo. Per arrivare al numero di 26, a questi paesi si uniscono Austria, Grecia, Turchia (ripescati fra i partecipanti passivi del 2003) e l'Ucraina che partecipa per la prima volta. Pausa di un anno per Danimarca, Finlandia, Lituania, Ex Repubblica Iugoslava di Macedonia e Svizzera. Il tema dominante dello spettacolo di quest'anno è stato “Un appuntamento magico”. La green room, per la prima volta, non è in un luogo adiacente al palco, ma sul palco stesso. Il Belgio partecipa, e si classifica al secondo posto, con un brano scritto in una lingua immaginaria. Per la prima volta il Regno Unito non ottiene nemmeno un punto e si classifica all'ultimo posto. La vittoria va alla Turchia grazie a Sertab Erener e al brano Every way that i can.

Canzoni, autori, cantanti e nazioni in ordine di uscitaModifica

  1.   Open Your Heart (Hallgrímur Óskarsson & Birgitta Haukdal) Birgitta Haukdal - Islanda
  2.   Weil der mensch zählt (Alf Poier) Alf Poier - Austria
  3.   We've Got the World (Keith Molloy & Martin Brannigan) Mickey Harte - Irlanda
  4.   Everyway That I Can (Sertab Erener & Demir Demirkan) Sertab Erener - Turchia
  5.   To Dream Again (Cynthia Sammut & Alfred Zammit) Lynn Chircop - Malta
  6.   Ne brini (Arjana Kunštek & Ines Prajo) Mija Martina - Bosnia ed Erzegovina
  7.   Deixa-me sonhar (só mais una vez) (Paulo Martins) Rita Guerra - Portogallo
  8.   Više nisam tvoja (Andrej Babich) Claudia Beni - Croazia
  9.   Feeling Alive (Stelios Kōnstantas) Stelios Kōnstantas - Cipro
  10.   Let's Get Happy (Ralph Siegel & Bernd Meinunger) Lou - Germania
  11.   Ne ver', ne bojsja (Valerij Polienko & Mars Lasar) t.A.T.u. - Russia
  12.   Dime (Amaya Martinez & Jesūs-Maria Perez) Beth - Spagna
  13.   Milim la'ahava (Words for Love) (Yossi Gispan & Yoni Roeh) Lior Narkis - Israele
  14.   One More Night (Alan Micheal & Tjeerd van Zanen) Esther Hart - Paesi Bassi
  15.   Cry Baby (Martin Isherwood) Jemini - Regno Unito
  16.   Hasta la vista (Mirit Shem-Ur & Svika Pick) Oleksandr Ponomaryev - Ucraina
  17.   Never Let You Go (Terry Siganos & Mando) Mando - Grecia
  18.   I'm Not Afraid to Move On (Arve Furset) Jostein Hasselgård - Norvegia
  19.   Monts et merveilles (Hocine Hallaf) Louisa Baïleche - Francia
  20.   Keine Grenzen - Żadnych granic (Andre Franke, Joachim Horn-Bernges, Michal Wisniewski & Jacek Lagwa) Ich Troje - Polonia
  21.   Hello from Mars (Martin Freiman & Lauris Raynix) F.L.Y. - Lettonia
  22.   Sanomi (Yves Barbieux) Urban Trad - Belgio
  23.   Eighties Coming Back (Vaiko Eplik) Ruffus - Estonia
  24.   Don't Break My Heart (Mihai Alexandru & Nicola) Nicola - Romania
  25.   Give Me Your Love (Calle Kindbom & Carl Lösnitz) Fame - Svezia
  26.   Nanana (Karmen Stavec & Martin Stibernik) Karmen Stavec - Slovenia

Struttura di votoModifica

Ogni paese premia con dodici, dieci, otto e dal sette all'uno, punti per le proprie dieci canzoni preferite.

OrchestraModifica

Gli artisti cantano su basi musicali.

ClassificaModifica

I paesi in grassetto, si qualificano automaticamente per la finale dell'Eurovision Song Contest 2004.

Posizione Punti Canzone Artista Nazione
1. 167 Everyway That I Can Sertab Erener   Turchia
2. 165 Sanomi Urban Trad   Belgio
3. 164 Ne ver', ne bojsja t.A.T.u.   Russia
4. 123 I'm Not Afraid to Move On Jostein Hasselgård   Norvegia
5. 107 Give Me Your Love Fame   Svezia
6. 101 Weil der mensch zählt Alf Poier   Austria
7. 90 Keine Grenzen - Żadnych granic Ich Troje   Polonia
8. 81 Open Your Heart
Dime
Birgitta Haukdal
Beth
  Islanda
  Spagna
10. 73 Don't Break My Heart Nicola   Romania
11. 53 We've Got the World
Let's Get Happy
Mickey Harte
Lou
  Irlanda
  Germania
13. 45 One More Night Esther Hart   Paesi Bassi
14. 30 Hasta la vista Oleksandr Ponomar'ov   Ucraina
15. 29 Više nisam tvoja Claudia Beni   Croazia
16. 27 Ne brini Mija Martina   Bosnia ed Erzegovina
17. 25 Never Let You Go Mando   Grecia
18. 19 Monts et merveilles Louisa Baïleche   Francia
19. 17 Milim la'ahava (Words for Love) Lior Narkis   Israele
20. 15 Feeling Alive Stelios Kōnstantas   Cipro
21. 14 Eighties Coming Back Ruffus   Estonia
22. 13 Deixa-me sonhar (só mais una vez) Rita Guerra   Portogallo
23. 7 Nanana Karmen Stavec   Slovenia
24. 5 Hello from Mars F.L.Y.   Lettonia
25. 4 To Dream Again Lynn Chircop   Malta
26. 0 Cry Baby Jemini   Regno Unito

Marcel Bezençon AwardsModifica

I vincitori sono stati:[1]

Trasmissione in ItaliaModifica

Anche se non era presente, l'Italia ha trasmesso l'evento sulla TV satellitare GAY.tv, con il commento di Fabio Canino e Paolo Quilici.[2]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Winners of the Marcel Bezençon Awards 2003[collegamento interrotto], eurovision.tv
  2. ^ L'Eurofestival più gay, su Gay.it, 23 maggio 2003. URL consultato il 23 febbraio 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN125119749 · GND (DE10334359-3 · WorldCat Identities (EN125119749