Eurovision Song Contest 2023

concorso canoro televisivo europeo

L'Eurovision Song Contest 2023 è stata la 67ª edizione dell'Eurovision Song Contest, vinta dalla cantante svedese Loreen con la canzone Tattoo. Il concorso si è svolto presso la Liverpool Arena a Liverpool, nel Regno Unito, dal 9 al 13 maggio 2023, dopo che l'Ucraina, vincitrice dell'edizione precedente in seguito alla vittoria della Kalush Orchestra con Stefania, è stata dichiarata non in grado di ospitare il concorso a causa dell'invasione russa del territorio ucraino; è stata la nona edizione della manifestazione musicale a svolgersi in terra britannica, dopo le edizioni del 1960, 1963, 1968, 1972, 1974, 1977, 1982 e 1998.

Eurovision Song Contest 2023
Loreen, vincitrice dell'edizione 2023
EdizioneLXVII (67ª)
PeriodoSemifinali
9 maggio 2023
11 maggio 2023
Finale
13 maggio 2023
SedeLiverpool Arena, Liverpool, Bandiera del Regno Unito Regno Unito
PresentatoreAlesha Dixon
Hannah Waddingham
Julija Sanina
Graham Norton (finale)
Emittente TVBBC e UA:PBC in Eurovisione
Partecipanti37
RitiriBandiera della Bulgaria Bulgaria
Bandiera della Macedonia del Nord Macedonia del Nord
Bandiera del Montenegro Montenegro
VincitoreBandiera della Svezia Svezia (7º)
con la canzone:
Tattoo
SecondoBandiera della Finlandia Finlandia
TerzoBandiera d'Israele Israele
Cronologia
20222024

Il concorso è stato articolato, come dal 2008, in due semifinali e una finale.

Organizzazione

modifica

Produzione e presentazione

modifica

I partner ufficiali di questa edizione sono stati l'azienda di prodotti cosmetici israeliana Moroccanoil e l'agenzia di viaggi online Booking.com, già sponsor dell'edizione precedente, e la compagnia aerea EasyJet.[1]

Il 2 febbraio 2023 è stato annunciato che la scenografia sarebbe stata curata dallo statunitense Julio Himede, già ideatore della scenografia dell'American Song Contest e dei Grammy Awards 2022.[2] Il design della scenografia è stato ideato sui "principi di unione, celebrazione e comunità", traendo ispirazione dagli aspetti culturali e dalle similitudini tra l'Ucraina e il Regno Unito.[3] Il palcoscenico principale è stato inaugurato il successivo 26 aprile da Carlo III e Camilla Shand durante una visita ufficiale a Liverpool.[4]

Il 22 febbraio 2023 sono stati annunciati i conduttori dell'evento: la cantante Alesha Dixon, l'attrice Hannah Waddingham e la cantante ucraina Julija Sanina hanno presentato tutte le serate dell'evento, mentre il conduttore televisivo irlandese Graham Norton, storico commentatore per il Regno Unito, si è unito come co-presentatore per la finale.[5]

Per la prima volta dall'edizione 2016, viene profondamente cambiato il sistema di voto del concorso, riprendendo in parte quello usato nel 2009: durante le semifinali i paesi finalisti, 10 per ogni semifinale, saranno votati esclusivamente dal pubblico attraverso il televoto, escludendo quindi il voto delle giurie nazionali in vigore dall'edizione 2010; i risultati della finale, come tradizione, saranno invece determinati dalla somma del voto delle giurie nazionali e del pubblico. Inoltre, per la prima volta nella storia del concorso, anche i telespettatori dai paesi non partecipanti potranno votare durante l'evento attraverso la piattaforma online del concorso. I loro voti saranno aggregati a quelli del televoto e saranno presentati come un unico set di 58 punti (la stessa quantità a disposizione di ciascun singolo paese) denominato "Resto del mondo".[6][7]

Logo e slogan

modifica

Lo slogan dell'edizione, United by Music, è stato reso noto il 31 gennaio 2023 tramite un comunicato stampa congiunto della BBC e dell'UER. Il logo dell'evento, nato dalla collaborazione tra lo studio inglese Superunion Agency e quello ucraino Starlight Creative, raffigura un elettrocardiogramma, i cui colori sono ispirati ai colori delle bandiere dei paesi organizzatori. Le pulsazioni producono una serie di cuori, ciascuno sensibile al ritmo della musica.[8]

Scelta del Paese ospitante

modifica
Le città candidate per ospitare l'evento; in verde le città finaliste, in blu la città designata

A seguito della vittoria ucraina all'edizione 2022, ospitata dalla città italiana di Torino, l'UER ha invitato il paese, come da tradizione, a ospitare l'evento l'anno seguente,[9][10] divenendo così la terza edizione della manifestazione musicale a svolgersi in Ucraina dopo quelle del 2005 e del 2017. Tuttavia, alla luce dell'invasione russa del territorio ucraino, è stato ipotizzato che un paese facente parte dei Big Five (Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna) avrebbe ospitato l'evento in cooperazione con l'emittente UA:PBC.[11] A stretto giro ha seguito l'interesse ad ospitare l'evento di diversi paesi tra cui il Belgio (RTBF),[12] l'Italia (Rai),[13] i Paesi Bassi (NPO/AVROTROS),[14] la Polonia (TVP),[15] il Regno Unito (BBC)[16] e la Svezia (SVT).[17] Originariamente anche la Spagna (RTVE)[18] aveva mostrato interesse a ospitare l'evento ma il 14 giugno 2022 ha ufficialmente ritirato la sua candidatura.[19]

Il 16 maggio 2022 Mykola Černotyts'syj, presidente dell'emittente ucraina UA:PBC, ha dichiarato di voler ospitare il concorso in un'Ucraina pacifica, augurando inoltre di essere in grado di garantire la sicurezza di tutti i partecipanti e delle loro delegazioni durante l'evento.[20] Černotyts'syj ha successivamente dichiarato che l'emittente avrebbe avviato le discussioni con l'UER in merito all'organizzazione del concorso il successivo 20 maggio.[21] All'indomani della vittoria, inoltre, il presidente ucraino Volodymyr Zelens'kyj aveva auspicato di ospitare la manifestazione a Mariupol', una delle principali città colpite durante l'invasione, come simbolo di rinascita per il popolo ucraino.[22]

Il 26 maggio 2022 Mykola Povoroznyk, vicepresidente dell'amministrazione statale di Kiev, ha confermato l'interesse della capitale ucraina nell'ospitare l'evento su richiesta dell'UER.[23] Il successivo 3 giugno il Ministro della cultura Oleksandr Tkačenko ha dichiarato la sua intenzione di discutere con l'UER riguardo alcune condizioni per consentire lo svolgimento del concorso nel paese.[24][25] Il 10 giugno il rappresentante della Verchovna Rada Taras Melnyčuk ha comunicato che è stato istituito un comitato a supporto dell'organizzazione dell'evento in Ucraina.[26]

Il 17 giugno 2022 l'UER tramite un comunicato ha annunciato che l'Ucraina non sarebbe stata in grado di ospitare l'evento, facendone così la prima edizione dal 1980 a non essere ospitata dal paese vincitore, e che sarebbero state avviate discussioni con la BBC per una potenziale organizzazione nel Regno Unito, secondo classificato nell'edizione 2022.[27]

Il 25 luglio successivo l'UER ha annunciato che il Regno Unito, con un'organizzazione congiunta tra BBC e UA:PBC, avrebbe organizzato la manifestazione, confermando inoltre che l'Ucraina avrebbe avuto un posto automatico nella finale in qualità di vincitrice dell’edizione precedente e rendendo questa la prima edizione con due paesi organizzatori, uno ufficiale, l'Ucraina, e uno di fatto, il Regno Unito.[28]

Scelta della sede

modifica
 
La Liverpool Arena, sede della 67ª edizione dell'Eurovision Song Contest

Dopo che l'UER ha annunciato che sarebbero iniziate le discussioni con la BBC, a stretto giro ha seguito l'interesse a ospitare l'evento di venti città britanniche: Aberdeen (P&J Live),[29] Belfast (SSE Odyssey Arena),[30] Birmingham (Resorts World Arena e Utilita Arena Birmingham),[31][32] Brighton (Brighton Centre),[33] Bristol (YTL Arena),[34] Cardiff (Principality Stadium),[35] Darlington (Darlington Arena),[36] Derry (Millennium Forum),[37] Edimburgo (Highland Hall),[38] Glasgow (OVO Hydro),[39] Leeds (First Direct Arena),[40] Liverpool (Liverpool Arena),[41] Londra (O2 Arena, Copper Box e Wembley Arena),[42] Manchester (Manchester Arena),[43] Newcastle (Utilita Arena),[44] Nottingham (Motorpoint Arena),[45] Prudhoe,[46] Sheffield (Sheffield Arena),[47] Sunderland (Stadium of Light)[48] e Wolverhampton (Molineux Stadium, Dunstall Park e Civic Halls).[49]

Il 5 agosto la BBC e l'UER hanno annunciato e presentato il bando per ospitare la manifestazione, tramite il quale tutte le città interessate avrebbero potuto presentare ufficialmente la propria candidatura.[50][51] Le prime città ad annunciare una mancanza d'interesse sono state Cardiff (citando la lista già ampia degli eventi previsti all'interno della città),[52] Derry (che avrebbe appoggiato la candidatura di Belfast in assenza di una sede adatta),[53] Nottingham (poiché la città non rispettava i criteri di disponibilità),[54] Brighton (per la mancanza di una sede idonea)[55] e Sunderland (per la mancanza di disponibilità della sede proposta).[56]

Il 12 agosto la BBC e l'UER hanno annunciato che la scelta era stata ristretta alle città di Birmingham, Glasgow, Leeds, Liverpool, Manchester, Newcastle e Sheffield.[57] Queste città sono passate alla seconda fase della selezione, dove hanno avuto tempo fino all'8 settembre per sviluppare un dossier dettagliato, che rispettava tutte le necessità per ospitare il concorso, da sottoporre alla valutazione della BBC, che avrebbe successivamente visitato le città candidate.[58]

Il 27 settembre la BBC e l'UER hanno comunicato che la scelta era stata ristretta ulteriormente alle città di Glasgow e Liverpool, che rispettavano tutte le necessità del concorso, scartando di conseguenza Birmingham, Leeds, Manchester, Newcastle e Sheffield.[59]

Il successivo 7 ottobre, durante il programma di BBC One The One Show, è stato confermato che la sede dell'Eurovision Song Contest 2023 sarebbe stata la Liverpool Arena dell'omonima città.[60]

Articolazione del processo

modifica

Il processo di selezione della scelta si articolerà nel seguente modo:

  • le città interessate avrebbero preso visione dei criteri fondamentali per ospitare la manifestazione;
  • alle stesse città sarebbero state poi concesse quattro settimane per preparare i propri piani e progetti per ospitare l'evento;
  • nel mese di agosto l'emittente organizzatrice avrebbe valutato le candidature in base ai criteri fondamentali;
  • entro la metà di settembre l'emittente organizzatrice avrebbe visitato le città selezionate, i progetti preparati sarebbero stati inviati all'Unione europea di radiodiffusione che avrebbe decretato, di concerto con le emittenti organizzatrici ed entro il mese di ottobre, la città ospitante.

Criteri fondamentali

modifica
  • la sede deve essere al coperto, dotata di aria condizionata secondo gli standard vigenti, e inoltre ben perimetrabile;
  • la sede deve avere una capacità al 70% della capienza massima compresa tra gli 8 000 e i 10 000 spettatori;
  • la sede deve essere dotata di un'area principale che consenta la realizzazione di un allestimento di alto livello con altezze disponibili di almeno 18 metri, buone capacità di carico sul tetto e facile accesso al carico;
  • la sede deve essere disponibile per 6 settimane prima dell'evento, le 2 settimane dello show e quella successiva per il disallestimento;
  • la sede deve avere a disposizione una vicina sala stampa che possa accogliere almeno 1 000 giornalisti;
  • la sede deve avere aree a raso e di facile accesso, contigue e integrate nel perimetro dell'infrastruttura per il supporto tecnico-logistico di 5 000 metri quadrati;
  • la città deve avere a disposizione oltre 2 000 camere d'albergo nelle aree contigue all'evento;
  • la città deve avere un aeroporto internazionale non più lontano di un'ora e mezza dalla sede dell'evento.
Città Sede Capacità Note
Birmingham Resorts World Arena 15 685
Utilita Arena Birmingham 15 800 Ha ospitato l'Eurovision Song Contest 1998, oltre ad ospitare annualmente il Birmingham Indoor Grand Prix
Glasgow OVO Hydro 14 500 Ha ospitato i Campionati mondiali di ginnastica artistica 2015; l'esterno dell'arena è stato utilizzato come location per le riprese del film Eurovision Song Contest - La storia dei Fire Saga
Leeds First Direct Arena 13 000 Ha ospitato la Premier League Darts 2014 e 2015
Liverpool Liverpool Arena 11 000 Ha ospitato gli MTV Europe Music Awards 2008
Manchester Manchester Arena 21 000 Ha ospitato i XVII Giochi del Commonwealth e i Campionati mondiali di taekwondo 2019
Newcastle Utilita Arena 11 000 Ha ospitato l'Insurrextion 2003 e la UFC 80: Rapid Fire
Sheffield Sheffield Arena 13 600 Ospita annualmente la Premier League Darts

Cartoline

modifica

Le cartoline sono dei video introduttivi di circa 40 secondi mostrate in tv, mentre sul palco vengono preparate le varie scenografie dei paesi in gara. Le registrazioni, organizzate dalla BBC, in collaborazione con la Windfall Films e 23/32, e supervisionate dal regista Tom Cook, sono partite a febbraio 2023 per poi proseguire in diverse città e siti in tutte le nazioni partecipanti.[61] Ogni cartolina è suddivisa in tre sezioni: nella prima viene mostrata una località selezionata dell'Ucraina, poi una del Regno Unito, prima di spostarsi in una località dello Stato d'origine dell'artista, dove quest'ultimo ha partecipato ad un'attività a sua scelta. Le tre località che compaiono in ogni cartolina sono collegate da un unico tema in comune.[62]

I seguenti luoghi sono stati confermati tra le cartoline:[63][64][65]

Stato Località delle cartoline
Cartolina dall'Ucraina Cartolina dal Regno Unito Cartolina locale
  Albania Sofiïvka (Uman') Sefton Park (Liverpool) Parku i Madh (Tirana)
  Armenia Giardino Botanico dell'Università di Leopoli Eden Project (Cornovaglia) Giardino Botanico di Erevan
  Australia Ponte di vetro di Kiev Ponte sospeso di Clifton Matagarup Zip & Climb (Perth)
  Austria Municipio di Leopoli Municipio di Sheffield Municipio di Vienna
  Azerbaigian Majdan Nezaležnosti (Kiev) Centenary Square (Birmingham) Lungomare di Baku
  Belgio Monumento all'Indipendenza (Kiev) Angelo del Nord (Gateshead) Atomium (Bruxelles)
  Cipro Spiaggia del mare Kiev Spiaggia di Brighton Molos Promenade Park (Limassol)
  Croazia Porto fluviale di Kiev Whitby Harbour (North Yorkshire) Porto di Fiume
  Danimarca Teatro dell'Opera e del Balletto di Leopoli Wales Millennium Centre (Cardiff) Teatro dell'Opera di Copenaghen
  Estonia Torre di Vinnycja Blackpool Tower (Lancashire) Torre televisiva di Tallinn
  Finlandia Podil (Kiev) Ruota panoramica di Liverpool SkyWheel Helsinki
  Francia Palazzo Potocki (Leopoli) Houstoun House (Lothian Occidentale) Castello di Fontainebleau
  Georgia Centro storico di Leopoli Port Sunlight (Merseyside) Città vecchia di Tbilisi
  Germania Rusanivka (Kiev) Canale di Bridgewater (Grande Manchester) Porto di Amburgo
  Grecia Fortezza di Tarakaniv (Oblast' di Rivne) Castello di Dunluce (Contea di Antrim) Tempio di Poseidone (Capo Sunio)
  Irlanda Strada militare (Oblast' di Ivano-Frankivs'k) Strada A3055 (Isola di Wight) Strada R759 (Wicklow)
  Islanda Cascata di Maniava (Gorgany) Pistyll Rhaeadr (Powys) Kvernufoss (Skógar)
  Israele Skole Beskids (Oblast' di Leopoli) Stonehenge (Wiltshire) Masada (Distretto Meridionale)
  Italia Velodromo di Kiev Power Wales Tacks (Galles del nord) Circo Massimo (Roma)
  Lettonia Cisterna di Kiev Spiaggia di Boscombe (Bournemouth) Melnsils (Talsi)
  Lituania Fortezza di Chotyn (Oblast' di Černivci) Eilean Donan (Highlands) Castello di Trakai
  Malta Autobus di Leopoli Autobus a due piani (Londra) Baia di San Paolo (Melleha)
  Moldavia Parco nazionale naturale Skole Beskids (Leopoli) Foresta di Sherwood (Nottinghamshire) Canyon di Orheiul Vechi (Trebujeni)
  Norvegia Biblioteca nazionale ucraina Vernadskij (Kiev) Biblioteca centrale di Liverpool Biblioteca Deichman (Oslo)
  Paesi Bassi Comfort Town (Kiev) Portmeirion (Gwynedd) Zaandam (Olanda Settentrionale)
  Polonia Università nazionale Jurіj Fed'kovič di Černivci Trinity College (Cambridge) Facoltà di Fisica dell'Università di Varsavia
  Portogallo Cattedrale di Santa Sofia (Kiev) Cattedrale di Ely (Cambridgeshire) Chiesa di Santa Engrácia (Lisbona)
  Regno Unito Dnepr (Kiev) Mersey (Liverpool) Tamigi (Londra)
  Repubblica Ceca Green Haze (Žytomyr) Peace Maze (Castlewellan) Castello di Loučeň (Boemia Centrale)
  Romania Monumento a Taras Ševčenko (Kiev) Monumento ai Beatles (Liverpool) Teatro Nazionale di Bucarest
  San Marino Castello di Kam"janec'-Podil's'kyj Castello di Herstmonceux (East Sussex) Prima Torre e Monte Titano (Città di San Marino)
  Serbia Park3020 (Oblast' di Leopoli) Tate Liverpool Museo di arte contemporanea (Belgrado)
  Slovenia Tetris Hall (Kiev) Goodness Gracious Roof Bar (Liverpool) Edificio di Radio Slovenija (Lubiana)
  Spagna Anfiteatro (Užhorod) Minack Theatre (Cornovaglia) Teatro romano (Sagunto)
  Svezia Isola Anti-Circe (Uman') Isola di Santa Caterina (Tenby) Enholmen (Gotland)
  Svizzera Lago di Bučak (Oblast' di Čerkasy) Loch Ness (Highlands) Lago di Zurigo
  Ucraina Murali di Kiev Murales di Belfast Art-Zavod Platforma (Kiev)

Stati partecipanti

modifica
 

     Stati partecipanti che si sono qualificati alla finale

     Stati partecipanti che non si sono qualificati per la finale

     Stati che hanno partecipato in passato ma non nel 2023

Il 20 ottobre 2022 è stata ufficializzata la lista definitiva degli Stati partecipanti a questa edizione, che ne prevede 37.[66]

Stato[67] Artista[67] Brano[67] Lingua Processo di selezione Note
  Albania Albina & Familja Kelmendi Duje Albanese ghega Festivali i Këngës 61, 23 dicembre 2022[68] Il brano in gara è una versione modificata rispetto a quello che ha vinto la selezione nazionale.[69]
  Armenia Brunette Future Lover Inglese,
armeno
Interno; cantante annunciata il 1º febbraio 2023,[70] brano annunciato il 10 marzo 2023 e presentato il 15 marzo 2023[71] Il brano in gara è una versione modificata rispetto a quello inizialmente presentato.
  Australia Voyager Promise Inglese Interno; gruppo e brano annunciati il 21 febbraio 2023[72] In caso di vittoria dell'Australia la SBS produrrà l'evento in Europa assieme a un altro membro dell'UER.
  Austria Teya & Salena Who the Hell Is Edgar? Inglese Interno; cantanti annunciate il 31 gennaio 2023,[73] brano annunciato il 6 marzo 2023 e presentato l'8 marzo 2023[74] Il brano contiene alcune parole in italiano.
  Azerbaigian TuralTuranX Tell Me More Inglese Interno; gruppo e brano annunciati il 9 marzo 2023,[75] brano presentato il 13 marzo 2023[76]
  Belgio Gustaph Because of You Inglese Eurosong 2023, 14 gennaio 2023[77]
  Cipro Andrew Lambrou Break a Broken Heart Inglese Interno; cantante annunciato il 17 ottobre 2022,[78] brano annunciato il 19 febbraio 2023 e presentato il 2 marzo 2023[79]
  Croazia Let 3 Mama šč! Croato Dora 2023, 11 febbraio 2023[80]
  Danimarca Reiley Breaking My Heart Inglese Dansk Melodi Grand Prix 2023, 11 febbraio 2023[81]
  Estonia Alika Bridges Inglese Eesti Laul 2023, 11 febbraio 2023[82]
  Finlandia Käärijä Cha cha cha Finlandese UMK 2023, 25 febbraio 2023[83]
  Francia La Zarra Évidemment Francese Interno; cantante annunciata il 12 gennaio 2023,[84] brano annunciato il 15 febbraio 2023 e presentato il 19 febbraio 2023[85]
  Georgia Iru Echo Inglese The Voice Georgia 5 per l'artista, 2 febbraio 2023;[86] interno per il brano, annunciato il 13 marzo 2023 e presentato il 16 marzo 2023[87]
  Germania Lord of the Lost Blood & Glitter Inglese Unser Lied für Liverpool, 3 marzo 2023[88]
  Grecia Victor Vernicos What They Say Inglese Interno; cantante e brano annunciati il 30 gennaio 2023,[89] brano presentato il 12 marzo 2023[90]
  Irlanda Wild Youth We Are One Inglese Eurosong 2023, 3 febbraio 2023[91] Il brano in gara è una versione modificata rispetto a quello che ha vinto la selezione nazionale.[92]
  Islanda Diljá Power Inglese Söngvakeppnin 2023, 4 marzo 2023[93]
  Israele Noa Kirel Unicorn Inglese Interno; cantante annunciata il 10 agosto 2022,[94] brano annunciato il 17 gennaio 2023 e presentato l'8 marzo 2023[95] Il brano contiene alcune parole in ebraico.
  Italia Marco Mengoni Due vite Italiano Festival di Sanremo 2023, 11 febbraio 2023[96] Il brano in gara è una versione modificata rispetto a quello che ha vinto la selezione nazionale.[97]
  Lettonia Sudden Lights Aijā Inglese Supernova 2023, 11 febbraio 2023[98] Il brano contiene alcune parole in lettone.
  Lituania Monika Linkytė Stay Inglese Pabandom iš naujo! 2023, 18 febbraio 2023[99] Il brano contiene alcune parole in lituano.
  Malta The Busker Dance (Our Own Party) Inglese Malta Eurovision Song Contest 2023, 11 febbraio 2023[100] Il brano in gara è una versione modificata rispetto a quello che ha vinto la selezione nazionale.[101]
  Moldavia Pasha Parfeni Soarele și Luna Rumeno Etapa Națională 2023, 4 marzo 2023[102]
  Norvegia Alessandra Queen of Kings Inglese Melodi Grand Prix 2023, 4 febbraio 2023[103] Il brano contiene alcune parole in italiano e latino.
  Paesi Bassi Mia Nicolai & Dion Cooper Burning Daylight Inglese Interno; cantanti annunciati il 1º novembre 2022,[104] brano annunciato il 28 febbraio 2023 e presentato il 1º marzo 2023[105] Il brano in gara è una versione modificata rispetto a quello inizialmente selezionato.[106]
  Polonia Blanka Solo Inglese Tu bije serce Europy! Wybieramy hit na Eurowizję 2023, 26 febbraio 2023[107] Il brano in gara è una versione modificata rispetto a quello che ha vinto la selezione nazionale.[108]
  Portogallo Mimicat Ai coração Portoghese Festival da Canção 2023, 11 marzo 2023[109]
  Regno Unito
(organizzatore)
Mae Muller I Wrote a Song Inglese Interno, cantante e brano annunciati il 9 marzo 2023[110]
  Repubblica Ceca Vesna My Sister's Crown Inglese, ceco,
ucraino, bulgaro
Eurovision Song CZ 2023, 7 febbraio 2023[111]
  Romania Theodor Andrei D.G.T. (Off and On) Rumeno,
inglese
Selecția Națională 2023, 11 febbraio 2023[112] Il brano in gara è una versione modificata rispetto a quello che ha vinto la selezione nazionale.[108]
  San Marino Piqued Jacks Like an Animal Inglese Una voce per San Marino 2023, 25 febbraio 2023[113] Il brano in gara è una versione modificata rispetto a quello che ha vinto la selezione nazionale.[114]
  Serbia Luke Black Samo mi se spava Inglese,
serbo
Pesma za Evroviziju '23, 4 marzo 2023[115]
  Slovenia Joker Out Carpe diem Sloveno Interno; gruppo annunciato l'8 dicembre 2022,[116] brano annunciato il 28 gennaio 2023 e presentato il 4 febbraio 2023[117]
  Spagna Blanca Paloma Eaea Spagnolo Benidorm Fest 2023, 4 febbraio 2023[118] Il brano in gara è una versione modificata rispetto a quello che ha vinto la selezione nazionale.[119]
  Svezia Loreen Tattoo Inglese Melodifestivalen 2023, 11 marzo 2023[120]
  Svizzera Remo Forrer Watergun Inglese Interno; cantante annunciato il 20 febbraio 2023,[121] brano presentato il 7 marzo 2023[122]
  Ucraina
(organizzatore)
Tvorchi Heart of Steel Inglese,
ucraino
Vidbir 2023, 17 dicembre 2022[123] Il brano in gara è una versione bilingue e modificata rispetto a quello che ha vinto la selezione nazionale.[124]

Verso l'evento

modifica

Melfest WKND 2023

modifica

La seconda edizione dell'evento che anticipa l'Eurovision si è tenuto da 9 all'11 marzo 2023 presso il Nalen di Stoccolma. Ufficialmente, l'evento si è tenuto come precursore della finale del Melodifestivalen. Vi hanno partecipato:[125]

Hanno parteciapto inoltre Shirley Clamp (partecipante a Melodifestivalen 2003, 2004, 2005, 2009, 2011, 2014 e 2022), Anna Bergendahl (rappresentante della Svezia all'Eurovision Song Contest 2010), Ronny Larsson, DJ Carro, DJ Ohrmeister, DJ Panica Tax, Klara Hammarström (partecipante a Melodifestivalen 2020, 2021 e 2022), Emil Henrohn (partecipante a Melodifestivalen 2023), Senhit (rappresentante di San Marino all'Eurovision Song Contest 2011, 2020 e 2021), Reine, Miss Tobi, Brenda Mandlar, Kurt Calleja (rappresentante di Malta all'Eurovision Song Contest 2012), Claudia Faniello (rappresentante di Malta all'Eurovision Song Contest 2017), Filip Baloš (partecipante a Pesma za Evroviziju '23), Jann (partecipante a Tu bije serce Europy! Wybieramy hit na Eurowizję 2023) e Bragi (partecipante a Söngvakeppnin 2023).

Barcelona Eurovision Party 2023

modifica

La seconda edizione dell'evento che anticipa l'Eurovision si è tenuto dal 23 al 25 marzo 2023 presso la Sant Jordi Club a Barcellona ed è stato presentato da Sharonne, Giuseppe Di Bella e Alex Marteen.[126] Vi hanno partecipato:[127]

Hanno partecipato inoltre Poli Genova (rappresentante della Bulgaria all'Eurovision Song Contest 2011 e 2016), Barei (rappresentante della Spagna all'Eurovision Song Contest 2016), WRS (rappresentante della Romania all'Eurovision Song Contest 2022), Efendi (rappresentante dell'Azerbaigian all'Eurovision Song Contest 2020 e 2021), Eva Santamaría (rappresentante della Spagna all'Eurovision Song Contest 1993), Beth (rappresentante della Spagna all'Eurovision Song Contest 2003), Suzy (rappresentante del Portogallo all'Eurovision Song Contest 2014), Destiny (rappresentante di Malta all'Eurovision Song Contest 2020 e 2021), Ronela Hajati (rappresentante dell'Albania all'Eurovision Song Contest 2022), Rosa López (rappresentante della Spagna all'Eurovision Song Contest 2002), Susanne Georgi (rappresentante dell'Andorra all'Eurovision Song Contest 2002), Ruslana (vincitrice dell'Eurovision Song Contest 2004), José Otero, le E'Femme, i Megara e i Siderland (partecipanti al Benidorm Fest 2023).

Polish Eurovision Party 2023

modifica

La seconda edizione dell'evento (la prima non postuma) che anticipa l'Eurovision si è tenuto il 1º aprile 2023 presso il Praga Centrum a Varsavia ed è stata presentata da Poli Genova (rappresentante della Bulgaria all'Eurovision Song Contest 2011 e 2016) e Konrad Zemlik. Vi hanno parteciperanno:[128]

Hanno partecipato inoltre Ochman (rappresentante della Polonia all'Eurovision Song Contest 2022), Oceana (partecipante a Unser Song für Dänemark 2014), Senhit (rappresentante di San Marino all'Eurovision Song Contest 2011, 2020 e 2021), Viki Gabor (vincitore del Junior Eurovision Song Contest 2019), Gromee (rappresentante della Polonia all'Eurovision Song Contest 2018), Jamala (vincitrice dell'Eurovision Song Contest 2016), Anne-Marie David (vincitrice dell'Eurovision Song Contest 1973), i Felivers (partecipanti a Tu bije serce Europy! Wybieramy hit na Eurowizję 2023), gli Eye Cue (rappresentanti della Macedonia del Nord all'Eurovision Song Contest 2018), Lindsay Dracass (rappresentante del Regno Unito all'Eurovision Song Contest 2001), Filip Baloš (partecipante a Pesma za Evroviziju '23), Mélovin (rappresentante dell'Ucraina all'Eurovision Song Contest 2018), Suzy (rappresentante del Portogallo all'Eurovision Song Contest 2014), Slavko Kalezić (rappresentante dell'Montenegro all'Eurovision Song Contest 2017), i SunStroke Project (rappresentanti della Moldavia all'Eurovision Song Contest 2010 e 2017), Inis Neziri (partecipante al Festivali i Këngës 2017 e 2020) e Kuba Szmajkowski (partecipante a Tu bije serce Europy! Wybieramy hit na Eurowizję 2022 e 2023).

Israel Calling 2023

modifica

La quinta edizione dell'evento che anticipa l'Eurovision si è tenuto dal 2 al 4 aprile 2023 con il concerto principale previsto per il 3 aprile al Hangar 11 del porto di Tel Aviv. È stato presentato da Dafna Dekel e Sigal Shachamon (presentatori dell'Eurovision Song Contest 1999) e vi hanno partecipato:[129][130][131]

Hanno partecipato inoltre Katrina Leskanich (vincitrice dell'Eurovision Song Contest 1997 come parte di Katrina and the Waves), Ilanit (rappresentante di Israele all'Eurovision Song Contest 1973 e 1977), Shlomit Aharon (rappresentante di Israele all'Eurovision Song Contest 1981 come parte degli Hakol Over Habibi), Mei Finegold (rappresentante di Israele all'Eurovision Song Contest 2014), Imri (rappresentante di Israele all'Eurovision Song Contest 2017), Eden Alene (rappresentante di Israele all'Eurovision Song Contest 2020 e 2021), Johnny Logan (vincitore dell'Eurovision Song Contest 1980 e 1987) e Anne-Marie David (vincitrice dell'Eurovision Song Contest 1973).

Eurovision Spain Pre-Party 2023

modifica

Il primo giorno della quinta edizione dell'evento è stato il 7 aprile 2023 presso la Sala La Rivera di Madrid con il Welcome ESPreParty, condotto da Soraya (rappresentante della Spagna all'Eurovision Song Contest 2009),[132] dove si sono esibiti Blanca Paloma (rappresentante della Spagna all'Eurovision Song Contest 2023), Alfred García (rappresentante della Spagna all'Eurovision Song Contest 2018), Aritz Arén, le E'Femme, Famous, Fusa Nocta, José Otero, Karmento, i Megara, i Meler, Rakky Ripper, i Siderland, Sofía Martín, le Twin Melody e Vicco (partecipanti al Benidorm Fest 2023), Kaliopi (rappresentante della Macedonia del Nord all'Eurovision Song Contest 2012 e 2016), Diodato (rappresentante dell'Italia all'Eurovision Song Contest 2020), Īvī Adamou (rappresentante di Cipro all'Eurovision Song Contest 2012) e Cláudia Pascoal (rappresentante del Portogallo all'Eurovision Song Contest 2018).

Il giorno successivo, il 8 aprile 2023, si è tenuto l'Eurovision Spain Pre-Party 2023 presso lo stesso stabilimento, condotto da Ruslana (vincitrice dell'Eurovision Song Contest 2004), SuRie (rappresentante del Regno Unito all'Eurovision Song Contest 2018) e Víctor Escudero.[132] Vi hanno partecipato:[133]

Hanno partecipato inoltre i D'Nash (rappresentanti della Spagna all'Eurovision Song Contest 2007), Karina (rappresentante della Spagna all'Eurovision Song Contest 1971), Poli Genova (rappresentante della Bulgaria all'Eurovision Song Contest 2011 e 2016), Konstrakta (rappresentante della Serbia all'Eurovision Song Contest 2022) e Soleá (rappresentante della Spagna al Junior Eurovision Song Contest 2020).

Eurovision in Concert 2023

modifica

La tredicesima edizione dell'evento che anticipa l'Eurovision si è tenuto presso l'AFAS Live di Amsterdam il 15 aprile 2023 ed è stato presentato da Cornald Maas e Hila Noorzai. Vi hanno partecipato:[134]

Ha partecipato inoltre Katrina Leskanich (vincitrice dell'Eurovision Song Contest 1997 come parte di Katrina and the Waves).

London Eurovision Party 2023

modifica

La quattordicesima edizione dell'evento che anticipa l'Eurovision si è tenuto presso l'Here at Outernet di Londra il 16 aprile 2023 ed è stato presentato da Nicki French (rappresentante del Regno Unito all'Eurovision Song Contest 2000) e Paddy O'Connell. Vi hanno partecipato:[135]

Hanno partecipato inoltre Tamara Todevska (rappresentante della Macedonia del Nord all'Eurovision Song Contest 2008 e 2019), Senhit (rappresentante di San Marino all'Eurovision Song Contest 2011, 2020 e 2021), i Keiino (rappresentanti della Norvegia all'Eurovision Song Contest 2019), Freya Skye (rappresentante del Regno Unito al Junior Eurovision Song Contest 2022), Mélovin (rappresentante dell'Ucraina all'Eurovision Song Contest 2018), Bilal Hassani (rappresentante della Francia all'Eurovision Song Contest 2019) e Eldar Qasımov (vincitore dell'Eurovision Song Contest 2011).

Eurovision... A Little Bit More

modifica

Parallelamente ai pre-eventi ospitati da organizzazioni di terze parti, l'UER ha tenuto un'iniziativa denominata Eurovision... A Little Bit More. Gli artisti partecipanti hanno avuto l'opportunità di cantare da casa i loro brani in gara, cover di altri brani o loro altri brani originali, che sono stati presentati sul canale YouTube ufficiale dell'evento in tre parti, in onda rispettivamente il 14, 21 e 28 aprile 2023.[136]

Episodio Data Partecipanti Brani
1 14 aprile 2023   Joker Out Carpe diem
  Käärijä Cha cha cha (Reggae Mix)
  Voyager Break a Broken Heart
  Remo Forrer feat. Luca Hänni She Got Me
  La Zarra Évidemment (Acustica)
  Luke Black Samo mi se spava (Acustica)
  Albina & Familja Kelmendi My Number One
  Andrew Lambrou Molitva
  Alessandra Queen of Kings (Acustica)
  Diljá feat. Choir of Lindakirkja Hallelujah
  Blanka Solo (Acustica)
  Victor Vernicos What They Say (Acustica)
  The Busker Dance (Our Own Party) (Versione orchestrale)
  Gustaph Because of You
  Teya & Salena Who the Hell Is Edgar? (Acustica)
  Let 3 Ero s onoga svijeta
  Sudden Lights Backwards in Time
  Lord of the Lost One Last Song
2 21 aprile 2023   Voyager Promise (House Mix)
  Blanca Paloma Eaea (Live)
  Teya & Salena Molitva
Arcade
Euphoria
Heroes
Rise like a Phoenix
  Theodor Andrei Stefania
Fairytale
Arcade
Rise like a Phoenix
Zitti e buoni
Heroes
Amar pelos dois
  Wild Youth We Are One (Acustica)
  Sudden Lights Aijā (Acustica)
  TuralTuranX Gəl ey səhər
  Tvorchi Heart of Steel (Remix)
  Mae Muller I Wrote a Song (The Glory)
  Lord of the Lost Blood & Glitter (Acustica)
  Let 3 Mama šč! (Live)
  Piqued Jacks Sunflower (Unplugged at Grandma's)
  Mimicat Nobody Knows
  Blanka Satellite
  Monika Linkytė 1944
  Alika Arcade
  Brunette Amar pelos dois
  Loreen Euphoria (Acustica)
  Victor Vernicos The Winner Takes It All
3 28 aprile 2023   Reiley Breaking My Heart (Acustica)
  Alika Bridges (Acustica)
  Mia Nicolai & Dion Cooper Burning Daylight (Remix)
  Vesna My Sister's Crown (Versione alternativa)
  Loreen Tattoo (Acustica)
  Joker Out Carpe diem (Party Version)
  Pasha Parfeni Soarele și Luna (Versione Fireside)
  Marco Mengoni Luce
  Lord of the Lost Satellite
  Blanca Paloma Secreto de agua
  Mae Muller S.O.S.
  La Zarra L'oiseau et l'enfant
  Monika Linkytė Stay
  Remo Forrer Watergun (Acustica)
  Gustaph Where Are You?
  Diljá Hold Me Closer
  Andrew Lambrou Break a Broken Heart (Acustica)
  Mimicat Ai coração (Acustica)
  Iru Echo
  Brunette Future Lover (Acustica)

Ulteriori performance che sono state pubblicate separatamente sul canale YouTube ufficiale sono state:

Partecipanti Brani
  Albina & Familja Kelmendi Duje
  Diljá Power
  The Busker Loose
  TuralTuranX Tell Me More (Acustica)
  Theodor Andrei D.G.T. (Off and On) (Theodor's Jam)
  Piqued Jacks Like an Animal (Unplugged in the Bathroom)
  Mia Nicolai & Dion Cooper The Loneliest
  Marco Mengoni Mi fiderò
  Pasha Parfeni feat. Capela Corală Moldova Soarele și Luna

L'evento

modifica

Semifinali

modifica

Digame ha composto le urne nelle quali sono stati divisi gli stati partecipanti, determinate in base allo storico delle votazioni. La loro composizione è stata così definita:[137]

Urna 1 Urna 2 Urna 3 Urna 4 Urna 5

Il 31 gennaio 2023, presso la Saint George's Hall di Liverpool, si è svolto il sorteggio (presentato da AJ Odudu e Rylan Clark) per determinare in quale metà di quale semifinale si esibiranno gli stati e la semifinale in cui avranno il diritto di voto gli stati già qualificati alla finale.[138] Nel sorteggio è stato inoltre esplicitato che la prima semifinale sarebbe stata composta da 15 stati, mentre la seconda da 16, e che l'ordine di esibizione esatto sarebbe stato stabilito dalla produzione del programma e approvato dal supervisore UER e dal Gruppo di Controllo. In base all'esito del sorteggio, le semifinali sono state quindi così composte:[139]

 

     Stati partecipanti alla prima semifinale

     Stati con diritto di voto nella prima semifinale

     Stati partecipanti alla seconda semifinale

     Stati con diritto di voto alla seconda semifinale

1ª semifinale
9 maggio 2023
2ª semifinale
11 maggio 2023
  Serbia
  Lettonia
  Irlanda
  Norvegia
  Portogallo
  Croazia
  Malta
  Svezia
  Moldavia
  Svizzera
  Israele
  Paesi Bassi
  Finlandia
  Azerbaigian
  Repubblica Ceca
  Armenia
  Cipro
  Romania
  Danimarca
  Belgio
  Islanda
  Grecia
  Estonia
  Albania
  Australia
  Austria
  Lituania
  San Marino
  Slovenia
  Georgia
  Polonia
Con diritto di voto:
  Francia
  Germania
  Italia
Con diritto di voto:
  Regno Unito
  Spagna
  Ucraina

L'ordine di uscita di entrambe le semifinali è stato reso noto il 22 marzo 2023,[140] mentre quello della finale è stato reso noto il successivo 12 maggio.[141]

Prima semifinale

modifica

La prima semifinale si è svolta il 9 maggio 2023 alle 21:00 CEST; vi hanno gareggiato 15 paesi e hanno votato anche Francia, Germania, Italia e il "Resto del mondo".

La semifinale è stata aperta con un'esibizione di danza sulle note di Together in Electric Dreams di Giorgio Moroder e Philip Oakey[142], a seguire la presentatrice Julija Sanina ha eseguito Mayak insieme al marito Valeriy Bebko, membro degli Hardkiss Valeriy Bebko.[143]

Nell'intervallo si sono esibiti: Alyosha con Ordinary World dei Duran Duran e il duo composto da Rebecca Ferguson e Rita Ora con un medley di Ritual, Anywhere, I Will Never Let You Down e Praising You.[144]

Stato Artista Canzone Punti Posizione
1   Norvegia Alessandra Queen of Kings 102 6
2   Malta The Busker Dance (Our Own Party) 3 15
3   Serbia Luke Black Samo mi se spava 37 10
4   Lettonia Sudden Lights Aijā 34 11
5   Portogallo Mimicat Ai coração 74 9
6   Irlanda Wild Youth We Are One 10 12
7   Croazia Let 3 Mama šč! 76 8
8   Svizzera Remo Forrer Watergun 97 7
9   Israele Noa Kirel Unicorn 127 3
10   Moldavia Pasha Parfeni Soarele și Luna 109 5
11   Svezia Loreen Tattoo 135 2
12   Azerbaigian TuralTuranX Tell Me More 4 14
13   Repubblica Ceca Vesna My Sister's Crown 110 4
14   Paesi Bassi Mia Nicolai & Dion Cooper Burning Daylight 7 13
15   Finlandia Käärijä Cha cha cha 177 1
12 punti (Televoto)[145]
N. A Da
7   Finlandia Croazia, Germania, Irlanda, Israele, Lettonia, Norvegia, Svezia
4   Israele Azerbaigian, Moldavia, Repubblica Ceca, Resto del mondo
2   Moldavia Italia, Portogallo
  Portogallo Francia, Svizzera
  Svezia Malta, Paesi Bassi
1   Croazia Serbia
  Repubblica Ceca Finlandia

Seconda semifinale

modifica

La seconda semifinale si è svolta il 11 maggio 2023 alle 21:00 CEST; vi hanno gareggiato 16 paesi e hanno votato anche Regno Unito, Spagna, Ucraina e il "Resto del mondo".

Nell'intervallo si sono esibite: Mariya Yaremchuk, Otoy e Zlata Dziunka con Music Unites Generations, un medley di famose opere musicali ucraine.[146] Inoltre, il trio composto dalle drag queen Miss Demeanour, Miss Mercedes Bends e Tomara Thomas insieme alla Podilya dance ensemble ha eseguito Be Who You Wanna Be, un medley di Free Yourself, Free Your Mind, Free e We Got Love'.[147]

Stato Artista Canzone Punti Posizione
1   Danimarca Reiley Breaking My Heart 6 14
2   Armenia Brunette Future Lover 99 6
3   Romania Theodor Andrei D.G.T. (Off and On) 0 15
4   Estonia Alika Bridges 74 10
5   Belgio Gustaph Because of You 90 8
6   Cipro Andrew Lambrou Break a Broken Heart 94 7
7   Islanda Diljá Power 44 11
8   Grecia Victor Vernicos What They Say 14 13
9   Polonia Blanka Solo 124 3
10   Slovenia Joker Out Carpe diem 103 5
11   Georgia Iru Echo 33 12
12   San Marino Piqued Jacks Like an Animal 0 16
13   Austria Teya & Salena Who the Hell Is Edgar? 137 2
14   Albania Albina & Familja Kelmendi Duje 83 9
15   Lituania Monika Linkytė Stay 110 4
16   Australia Voyager Promise 149 1
12 punti (Televoto)[148]
N. A Da
3   Australia Albania, Estonia, Islanda
  Slovenia Polonia, Romania, Spagna
2   Albania Slovenia, Resto del mondo
  Armenia Belgio, Georgia
  Lituania San Marino, Regno Unito
  Polonia Lituania, Ucraina
1   Austria Australia
  Belgio Austria
  Cipro Grecia
  Georgia Armenia
  Grecia Cipro
  Islanda Danimarca

La finale si è svolta il 13 maggio 2023 alle 21:00 CEST. Vi hanno gareggiato 26 paesi di cui:

In seguito a un sorteggio, è stato stabilito che l'Ucraina e il Regno Unito, gli stati organizzatori, si sarebbero esibiti rispettivamente al 19º e al 26º posto.[149]

Hanno aperto la finale i Kalush Orchestra con Stefania e Changes.[150] Inoltre, durante la parata delle bandiere, che ha presentato tutti i ventisei finalisti, si sono esibiti i Go_A, Jamala, Tina Karol e Verka Serduchka che hanno rivisitato i brani con cui hanno partecipato alla manifestazione –Shum, 1944, Show Me Your Love e Dancing Lasha Tumbai - mixati con classici britannici.

L'intervallo includeva: Sam Ryder insieme a Roger Taylor dei Queen con Mountain[151], e The Liverpool Songbook, un medley di famosi brani britannici eseguiti da ex partecipanti della competizione - Mahmood con Imagine, Netta con You Spin Me Round (Like a Record), Daði Freyr con Whole Again, Cornelia Jakobs con I Turn to You e Sonia con Better the Devil You Know. Sempre i suddetti artisti insieme ai presentatori e a Ruslana in un'apparizione preregistrata alla Porta d'Oro di Kiev, hanno eseguito You'll Never Walk Alone.[152]

Stato Artista Canzone Punti Posizione
1   Austria Teya & Salena Who the Hell Is Edgar? 120 15
2   Portogallo Mimicat Ai coração 59 23
3   Svizzera Remo Forrer Watergun 92 20
4   Polonia Blanka Solo 93 19
5   Serbia Luke Black Samo mi se spava 30 24
6   Francia La Zarra Évidemment 104 16
7   Cipro Andrew Lambrou Break a Broken Heart 126 12
8   Spagna Blanca Paloma Eaea 100 17
9   Svezia Loreen Tattoo 583 1
10   Albania Albina & Familja Kelmendi Duje 76 22
11   Italia Marco Mengoni Due vite 350 4
12   Estonia Alika Bridges 168 8
13   Finlandia Käärijä Cha cha cha 526 2
14   Repubblica Ceca Vesna My Sister's Crown 129 10
15   Australia Voyager Promise 151 9
16   Belgio Gustaph Because of You 182 7
17   Armenia Brunette Future Lover 122 14
18   Moldavia Pasha Parfeni Soarele și Luna 96 18
19   Ucraina Tvorchi Heart of Steel 243 6
20   Norvegia Alessandra Queen of Kings 268 5
21   Germania Lord of the Lost Blood & Glitter 18 26
22   Lituania Monika Linkytė Stay 127 11
23   Israele Noa Kirel Unicorn 362 3
24   Slovenia Joker Out Carpe diem 78 21
25   Croazia Let 3 Mama šč! 123 13
26   Regno Unito Mae Muller I Wrote a Song 24 25
Finale
Voti separati televoto/giuria[153]
Pos. Televoto Punti Giuria Punti
1   Finlandia 376   Svezia 340
2   Svezia 243   Israele 177
3   Norvegia 216   Italia 176
4   Ucraina 189   Finlandia 150
5   Israele 185   Estonia 146
6   Italia 174   Australia 130
7   Croazia 112   Belgio 127
8   Polonia 81   Austria 104
9   Moldavia 76   Spagna 95
10   Albania 59   Repubblica Ceca 94
11   Cipro 58   Lituania 81
12   Belgio 55   Armenia 69
13   Armenia 53   Cipro 68
14   Francia 50   Svizzera 61
15   Lituania 46   Francia 54
16   Slovenia 45   Ucraina 54
17   Repubblica Ceca 35   Norvegia 52
18   Svizzera 31   Portogallo 43
19   Estonia 22   Slovenia 33
20   Australia 21   Moldavia 20
21   Austria 16   Albania 17
22   Portogallo 16   Regno Unito 15
23   Serbia 16   Serbia 14
24   Germania 15   Polonia 12
25   Regno Unito 9   Croazia 11
26   Spagna 5   Germania 3
12 punti (Giuria)[153]
N. A Da
15   Svezia Albania, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Irlanda, Israele,
Lituania, Malta, Moldavia, Paesi Bassi, Regno Unito, Spagna, Ucraina
5   Israele Armenia, Azerbaigian, Francia, Italia, Polonia
  Italia Austria, Croazia, Romania, San Marino, Slovenia
3   Belgio Australia, Georgia, Grecia
2   Australia Islanda, Portogallo
  Finlandia Norvegia, Svezia
1   Austria Belgio
  Estonia Lettonia
  Repubblica Ceca Svizzera
  Slovenia Serbia
  Ucraina Repubblica Ceca
12 punti (Televoto)[153]
N. A Da
18   Finlandia Australia, Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Germania, Irlanda, Islanda, Israele,
Lituania, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito, San Marino, Serbia, Spagna, Svezia
4   Israele Armenia, Azerbaigian, Cipro, Resto del mondo
  Ucraina Moldavia, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca
2   Armenia Francia, Georgia
  Italia Albania, Malta
  Moldavia Italia, Romania
1   Albania Svizzera
  Croazia Slovenia
  Cipro Grecia
  Norvegia Finlandia
  Polonia Ucraina
  Slovenia Croazia

Premi Marcel Bezençon

modifica

I vincitori dei premi sono stati:[154]

OGAE 2023

modifica

I membri dell'OGAE, organizzazione internazionale che consiste in una rete di gruppi fan della competizione, di paesi europei e non, come ogni anno hanno avuto l'opportunità di votare dal 1º al 28 aprile per la loro canzone preferita prima della gara e i risultati sono stati pubblicati sul sito web dell'organizzazione.[155]

La tabella raffigura il voto di 42 gruppi OGAE.[156]

Posizione Paese Cantante Canzone Punti
1   Svezia Loreen Tattoo 423
2   Finlandia Käärijä Cha cha cha 394
3   Francia La Zarra Évidemment 302
4   Norvegia Alessandra Queen of Kings 263
5   Austria Teya & Salena Who the Hell Is Edgar? 228

Il 14 maggio 2023 l'UER ha reso nota la lista dei membri delle giurie nazionali, che hanno stilato parte della classifica durante la finale dell'evento.[157]

  •   Albania: Haig Zacharian, Josif Gjipali, Sokol Marsi, Eneda Tarifa, Sonila Djepaxhia
  •   Armenia: Arsen Grigoryan, David Badalyan, Hrach Keshishyan, Vahagn Gevorgyan, Sona Rubenyan
  •   Australia: Andrew Farriss, Edmund Perfect, Latifa Tee, Toni Pearen, Brihony Dawson
  •   Austria: Christian Andreas Ude, Peter Schreiber, Thomas Traint, Elke Kaufmann, Alica Ouschan
  •   Azerbaigian: Anar Yusufov, Emin Useynov, Gülyaz Məmmədova, Təranə Muradova, Zümrüd Dadaşzadə
  •   Belgio: Alex Callier, Lester William Senior, Sam Jaspers, Laura Govaerts, Laura Groeseneken
  •   Cipro: Nikolas Markantōnīs, Pantelī Panagiōtou, Alexia Moutafidou, Antrī Aggelidou, Marilenī Staurou
  •   Croazia: Branimir Mihaljević, Damir Kedžo, Nikša Bratoš, Albina Grčić, Jelena Balent
  •   Danimarca: Anders Øhrstrøm, Andreas Hemmeth, Brigitte Naess-Schmidt, Ericka Jane Pedersen, Lise Cabble
  •   Estonia: Bert Järvet, Gevin Niglas, Tambet Mumma, Dagmar Oja, Liis Lemsalu
  •   Finlandia: Ilkka Juhani Mattila, Roy Jonas Olsson, Kaisa Korhonen, Niina Jokiaho, Saara Aliisa Amanda Everi
  •   Francia: Alexandre Pipieri, Julien Comblat, Catherine Sadok, Elsa Najar, Zaïa Haddouche
  •   Georgia: David Tsintsadze, Giorgi Toradze, Anri Jokhadze, Lana Kutateladze, Sopho Khalvashi
  •   Germania: Arne Surendra Ghosh, Kai Tölke, Alina Süggeler, Anica Russo, Katja Ebstein
  •   Grecia: Chrīstos Giakoumopoulos, Fōtios Giannoutsos, Nikolaos Nikolakopoulos, Claudia Matola, Evanthia Theotokatou
  •   Irlanda: Paul McLoone, Brooke Scullion, Erica-Cody, Kellie Lewis
  •   Islanda: Arnar Eggert Thoroddsen, Sigurjón Örn Böðvarsson, Heiða Eiríksdóttir, Kristjana Stefánsdóttir, Lovísa Rut Kristjánsdóttir
  •   Israele: Amir Ben-David, Ron Biton, Adi Perry Cohen, Tal Argaman Peleg, Yasmin Ishbi
  •   Italia: Carlo Massarini, Fabrizio D'Alessio, Maria Grazia Fontana, Stefania Zizzari, Tiziana Tosca Donati
  •   Lettonia: Jānis Stībelis, Kristaps Vanadziņš, Aminata Savadogo, Asnate Rancāne
  •   Lituania: Jonas Nainys, Julijus Grickevičius, Vaidotas Valiukevičius, Eglė Juozapaitienė, Nombeko Augustė Khotseng
  •   Malta: Emil Calleja Bayliss, Gerard James Borg, Ludwig Galea, Brooke Borg, Moira Stafrace
  •   Moldavia: Leonid Melnic, Liviu Știrbu, Aliona Moon, Aliona Triboi, Viorica Atanasov-Tăbârță
  •   Norvegia: Jonas Nes Steinset, Raymond Enoksen, Eli Kristin Hanssveen, Emmy Kristine Guttulsrud Kristiansen, Mimmi Tamba
  •   Paesi Bassi: Jeroen Kijk in de Vegte, Rob DeKay, Froukje Veenstra, Samya Hafsaoui, Sjamke de Voogd
  •   Polonia: Grzegorz Urban, Marcin Kusy, Zygmunt Kukla, Kamila Sowińska, Agnieszka Wilczynska
  •   Portogallo: Gustavo Almeida, Nuno Rafael Mota, Ana Carina de Almeida, Milhanas, Patricia Antunes
  •   Regno Unito: Jack Francis Hawitt, Jim Robert Spencer, Theo Augustus Johnson, Heidi Range, Shaznay Lewis
  •   Repubblica Ceca: Lukáš Chromek, Miloš Dvořáček, Annamária d'Almeida, Elizabeth Kopecká, Kateřina Králová
  •   Romania: Bogdan Stratula, Razvan Petre, Alexandra Cepraga, Christina Nicoleta Savulescu, Monica Anghel
  •   San Marino: Francesco Stefanelli, Lewis Busignani, Luca Zucchi, Barbara Andreini, Sabrina Minguzzi
  •   Serbia: Dragan Đorđević, Žika Zana, Konstrakta, Sandra Perović, Sara Jo
  •   Slovenia: Hugo Smeh, Jernej Sobočan Ivanovič, Matjaž Vlaši, Edita Čepin, Lara-B
  •   Spagna: Aaron Sáez Escolano, Francisco Viñolo Linares, Estefanía García, Marta Sango, Vicky Gómez
  •   Svezia: Fredrik Lars Kempe, Robert Sehlberg, Arantxa Álvarez, Clara Klingenström,
  •   Svizzera: Benjamin Jon Alasu, Mauro Rossi, Thierry Epiney, Roxane Lara Debora Ischi, Zoë Kressler
  •   Ucraina: Jevhen Chmara, Oleh Sobčuk, Oleksandr Sydorenko, Antonina Matvijenko, Svitlana Tarabarova

Stati non partecipanti

modifica
  •   Andorra: il 26 maggio 2022 Dani Ortolà, gestore dei contenuti dell'emittente RTVA, ha confermato che il ritorno del principato alla manifestazione era al momento improbabile.[158] Il successivo 29 maggio l'emittente ha confermato che il paese non avrebbe preso parte all'edizione 2023.[159]
  •   Bielorussia: in seguito all'espulsione dell'emittente bielorussa BTRC dall'Unione europea di radiodiffusione, avvenuta il 1º luglio 2021, la nazione non dispone dei diritti di partecipazione e trasmissione del concorso fino al 2024.[160]
  •   Bosnia ed Erzegovina: il 14 ottobre 2022 BHRT ha confermato che il paese non sarebbe tornato a partecipare in quest'edizione, citando i forti debiti verso l'UER.[161]
  •   Bulgaria: il 14 ottobre 2022 BNT ha confermato che il paese non sarebbe tornato a partecipare in quest'edizione, citando mancanza d'interesse da parte dell'emittente.[162]
  •   Kazakistan: il 5 ottobre 2022 Jan Muqanov, produttore televisivo kazako, ha confermato che l'emittente KA ha tutte le intenzioni di debuttare al concorso nell'edizione 2023. Tuttavia, la decisione finale sarebbe stata presa esclusivamente dall'UER poiché l'emittente necessita di un invito di partecipazione in quanto membro associato.[163] Il successivo 20 ottobre l'UER ha annunciato la non partecipazione del paese.
  •   Kosovo: il 16 maggio 2022 Shkumbin Ahmetxhekaj, direttore dell'emittente RTK, ha confermato che l'emittente kosovara mira a fare domanda per l'adesione all'UER entro la fine dell'anno; confermando inoltre che, con l'adesione all'ente paneuropeo, il paese sarebbe in grado di partecipare alla manifestazione canora.[164] Il successivo 20 ottobre l'UER ha annunciato la non partecipazione del paese.
  •   Lussemburgo: il 2 agosto 2022 RTL ha confermato che il paese non sarebbe tornato a partecipare in quest'edizione.[165]
  •   Macedonia del Nord: dopo aver valutato un ritiro in seguito ad alcune controversie avvenute durante l'edizione 2022,[166] il 14 ottobre 2022 l'emittente macedone MRT ha confermato la decisione, citando dei problemi finanziari.[167]
  •   Montenegro: il 30 giugno 2022 l'emittente RTCG ha confermato che non avrebbe partecipato al Junior Eurovision Song Contest 2022 citando la concentrazione sulla partecipazione all'Eurovision.[168] Tuttavia, il successivo 13 ottobre l'emittente ha dichiarato che non avrebbe preso parte a quest'edizione per via di problemi finanziari.[169]
  •   Principato di Monaco: il 22 novembre 2021 il Consiglio di governo del Principato di Monaco aveva dichiarato che una parte del bilancio statale del microstato era stato riservato alla partecipazione al concorso nel 2023.[170] Tuttavia, il 5 settembre 2022, MMD ha confermato che il paese non sarebbe tornato a partecipare, citando che la nuova rete televisiva nazionale TV Monaco, incaricata alla partecipazione del concorso, sarà lanciata non prima del 1º settembre 2023, rispetto al periodo inizialmente pianificato per la fine del 2022.[171][172][173]
  •   Russia: il 26 febbraio 2022 tutte le emittenti russe hanno interrotto l'affiliazione con l'UER, in seguito alla decisione di quest'ultima di escludere la nazione dal partecipare all'Eurovision Song Contest 2022 dovuto alla crisi russo-ucraina, con la successiva invasione del territorio ucraino da parte delle forze armate russe.[174][175] Il successivo 26 maggio l'UER ha confermato ufficialmente l'espulsione a tempo indeterminato delle emittenti russe dall'affiliazione, facendo perdere alla nazione i diritti di partecipazione e trasmissione del concorso.[176]
  •   Slovacchia: il 10 giugno 2022 RTVS ha confermato che il paese non sarebbe tornato a partecipare in quest'edizione.[177]

Trasmissione dell'evento e commentatori

modifica

Televisione e radio

modifica
Paese Trasmissione Emittente Stazione Commentatori Note
  Albania Completa RTSH RTSH 1
RTSH Muzikë
Radio Tirana
Andri Xhahu [178]
  Armenia Completa ARMTV Armenia 1 Hrachuhi Utmazyan
Hamlet Arakelyan
[179][180]
  Australia Completa SBS SBS Television Myf Warhurst
Joel Creasey
[181]
  Austria Completa ORF ORF 1 Andi Knoll [182][183][184]
Finale FM4 Jan Böhmermann
Olli Schulz
  Azerbaigian Completa İTV İctimai Televiziya Azər Süleymanlı [185]
  Belgio Prima semifinale RTBF[N 2] Tipik Jean-Louis Lahaye
Maureen Louys
[186][187][188]
Seconda semifinale e
finale
La Une
Completa VivaCité
Completa VRT[N 3] VRT 1 Peter Van de Veire
Finale Radio 2
  Cile Finale Canal 13 Sergio Lagos
Rayén Araya
[189][190]
  Cipro Completa CyBC CyBC 1
CyBC HD
CyBC Sat
Melina Karageōrgiou
Alexandros Taramountas
[191]
  Croazia Completa HRT HRT 1
HR 2
Duško Ćurlić [192]
  Danimarca Completa DR DR1 Nicolai Molbech [193][194]
  Estonia Completa ERR ETV[N 4] Marko Reikop [195][196]
ETV+[N 5] Aleksandr Hobotov
Julia Kalenda
Finale ETV2[N 6] Interpreti vari
  Fær Øer Completa KVF[N 7] Gunnar Nolsøe
Siri Súsonnudóttir Hansen
[197]
Nicolai Molbech
  Finlandia Completa Yle Yle TV1[N 8] Mikko Silvennoinen [198]
Yle Radio Suomi[N 9] Sanna Pirkkalainen
Jorma Hietamäki
Yle X3M[N 10] Eva Frantz
Johan Lindroos
Prima semifinale e
finale
YleX[N 9] Sini Laitinen
  Francia Semifinali France Télévisions France 4 Anggun
André Manoukian
[199]
Finale France 2 Stéphane Bern
Laurence Boccolini
  Georgia Completa GPB 1TV Nika Lobiladze [200][201]
  Germania Completa ARD/NDR One Peter Urban [202][203][204]
Finale Das Erste
Deutsche Welle DW Deutsch
DW Deutsch+
  Grecia Completa ERT ERT1 Maria Kozakou
Jenny Melita
Dīmītrīs Meidanīs[N 11]
[205][206]
Deftero Programma
  Irlanda Prima semifinale e
finale
RTÉ RTÉ One Marty Whelan [207][208][209]
Seconda semifinale RTÉ 2
Prima semifinale e
finale
RTÉ 2FM Neil Doherty
Zbyszek Zalinski
  Islanda Completa RÚV RÚV 1[N 12]
RÚV 2[N 13]
Gísli Marteinn Baldursson [210]
  Israele Semifinali IPBC Kan 11
Kan Educational
Kan 88
Asaf Liberman
Akiva Novick
Doron Medalie[N 14]
[211][212][213]
Finale Kan 11
Kan Tarbut
Kan Bet
Kan 88 Kobi Manora
Sharon Kantor
  Italia Semifinali Rai Rai 2 Gabriele Corsi
Mara Maionchi
[214][215][216][217]
Finale Rai 1
Completa Rai Radio 2 LaMario
Diletta Parlangeli
Saverio Raimondo
  Kosovo Completa RTK RTK 1 Jeta Çitaku
Ylber Asllanaj
[218]
  Lettonia Completa LTV LTV1 Toms Grēviņš
Lauris Reiniks[N 14]
[219]
  Lituania Completa LRT LRT Televizija
LRT Radijas
Ramūnas Zilnys [220]
  Macedonia del Nord Completa MRT MRT 1
MRT 2
Radio Skopje
Aleksandra Jovanovska
Eli Tanaskovska
[221][222]
  Malta Completa PBS TVM Nessuno [223]
  Moldavia Completa TRM Moldova 1
Radio Moldova
Radio Moldova Muzical
Ion Jalbă [224]
  Montenegro Completa RTCG TVCG 2 Dražen Bauković
Tijana Mišković
[225][226]
  Norvegia Completa NRK NRK1 Marte Stokstad [227]
  Paesi Bassi Completa NPO NPO 1
BVN
Cornald Maas
Jan Smit
[228][229][230][231]
Finale NPO Radio 2 Wouter van der Goes
Frank van 't Hof
  Polonia Completa TVP TVP1
TVP Polonia
Aleksander Sikora
Marek Sierocki
[232][233][234]
  Portogallo Completa[N 15] RTP RTP1
RTP Internacional
RTP África
José Carlos Malato
Nuno Galopim
[235][236][237]
  Regno Unito Semifinali BBC BBC One Scott Mills
Rylan Clark
[238][239][240][241]
Finale Mel Giedroyc
Graham Norton[N 16]
Semifinali BBC Radio 2
BBC Radio Merseyside
BBC Red Button
Paddy O'Connell
Finale BBC Radio 2 Scott Mills
Rylan Clark
BBC Radio Merseyside
BBC Red Button
Claire Sweeney
Paul Quinn[N 17]
  Repubblica Ceca Completa ČT ČT 2 Jan Maxián [242][243][244]
  Romania Completa TVR TVR 1
TVRi
Bogdan Stănescu
Kyrie Mendél
[245]
  San Marino Completa SMRTV San Marino RTV
Radio San Marino
Lia Fiorio
Gigi Restivo
[246][247]
  Serbia Semifinali RTS RTS3 Duška Vučinić [248][249]
Finale RTS1
Completa RTS Svet
  Slovacchia Finale RTVS Rádio FM Daniel Baláž
Lucia Haverlík
Pavol Hubinák
Juraj Malíček
[250][251]
  Slovenia Semifinali RTV SLO TV SLO 2 Andrej Hofer [252]
Finale TV SLO 1
Seconda semifinale e
finale
Radio Val 202
Radio Maribor
Maja Stepančič
Maruša Kerec
Uršula Zaletelj
Neja Jerant[N 18]
  Spagna Prima semifinale RTVE La 2 Tony Aguilar
Julia Varela
[253][254][255][256]
Seconda semifinale e
finale
La 1
Completa TVE Internacional
Finale Radio Nacional David Asensio
Imanol Durán
Irene Vaquero
Ángela Fernández
  Svezia Completa SVT SVT1 Edward af Sillén
Måns Zelmerlöw[N 14]
[257][258]
SR SR P4 Carolina Norén
  Svizzera Semifinali SRF[N 19] SRF zwei Sven Epiney [259][260][261]
Finale SRF 1
Semifinali RTS[N 20] RTS 2 Jean-Marc Richard
Nicolas Tanner
Priscilla Formaz
Finale RTS 1
Semifinali RSI[N 21] RSI LA2 Ellis Cavallini
Gian-Andrea Costa
Finale RSI LA1
  Ucraina Completa UA:PBC Suspil'ne Kul'tura Timur Mirošnyčenko [262][263]

Streaming

modifica
Paese Emittente Piattaforma
  Belgio RTBF Auvio
VRT VRT MAX[N 22]
  Finlandia Yle Yle Areena[N 23]
  Francia France Télévisions Culturebox[N 24]
  Germania ARD/NDR Eurovision.de
  Irlanda RTÉ RTÉ Player
  Islanda RÚV RUV.is[N 25]
  Israele IPBC KAN
  Italia Rai RaiPlay[N 26]
  Regno Unito BBC BBC iPlayer[N 27]
BBC Sounds
  Stati Uniti NBC Peacock[N 28]
  Svezia SVT SVT Play
  Mondo TikTok
YouTube

Ascolti

modifica

In totale, l'Eurovision Song Contest 2023 è stato seguito in diretta televisiva da 162 milioni di spettatori nei 38 paesi che hanno reso disponibili i propri dati di ascolto, 1 milione in più rispetto all'edizione precedente. A questi si aggiungono 7,6 milioni di utenti che hanno seguito la trasmissione della finale su YouTube e 4,8 milioni su TikTok.[264]

Portavoce

modifica

L'ordine di presentazione ufficiale è stato stabilito il 13 maggio 2023, il giorno della finale:[265]

  1.   Ucraina: Zlata Ohnjevič (Rappresentante dello stato all'Eurovision Song Contest 2013 e portavoce nelle edizioni 2014 e 2017)
  2.   Italia: Kaze
  3.   Lettonia: Jānis Pētersons (Rappresentante dello stato all'Eurovision Song Contest 2022 come parte dei Citi Zēni)
  4.   Paesi Bassi: S10 (Rappresentante dello stato all'Eurovision Song Contest 2022)
  5.   Malta: Ryan Hili
  6.   Moldavia: Doina Stimpovschi (Portavoce dello stato anche nell'edizione 2019)
  7.   Irlanda: Niamh Kavanagh (Vincitrice dell'Eurovision Song Contest 1993, rappresentante nel 2010 e portavoce nell'edizione 2008)
  8.   San Marino: John Kennedy O'Connor (Portavoce nelle edizioni 2013 e 2018)
  9.   Azerbaigian: Narmin Salmanova
  10.   Austria: Philipp Hansa (Portavoce dello stato dall'edizione 2019)
  11.   Francia: Anggun (Rappresentante dello stato all'Eurovision Song Contest 2012)
  12.   Finlandia: Bess
  13.   Belgio: Bart Cannaerts
  14.   Germania: Elton
  15.   Portogallo: Maro (Rappresentante dello stato all'Eurovision Song Contest 2022)
  16.   Croazia: Maja Ciglenečki
  17.   Estonia: Ragnar Klavan
  18.   Armenia: Maléna (Vincitrice del Junior Eurovision Song Contest 2021)
  19.   Polonia: Ida Nowakowska (Portavoce dello stato dall'edizione 2021 e presentatrice del Junior Eurovision Song Contest 2019 e 2020)
  20.   Romania: Eda Marcus
  21.   Islanda: Einar Stefánsson (Rappresentante dello stato all'Eurovision Song Contest 2019 come parte degli Hatari)
  22.   Serbia: Dragana Kosjerina (Portavoce dello stato dall'Eurovision Song Contest 2018)
  23.   Cipro: Loukas Chamatsos (Portavoce dello stato dall'edizione 2021)
  24.   Norvegia: Ben Adams (Rappresentante dello stato all'Eurovision Song Contest 2022 come parte dei Subwoolfer)
  25.   Svizzera: Chiara Dubey
  26.   Australia: Catherine Martin
  27.   Danimarca: Tina Müller (Portavoce dello stato dall'edizione 2021)
  28.   Spagna: Ruth Lorenzo (Rappresentante dello stato all'Eurovision Song Contest 2014)
  29.   Israele: Ilanit (Rappresentante dello stato all'Eurovision Song Contest 1973 e 1977)
  30.   Svezia: Farah Abadi
  31.   Georgia: Archil Sulakvelidze (Rappresentante dello stato all'Eurovision Song Contest 2022 come parte dei Circus Mircus)
  32.   Repubblica Ceca: Radka Rosická (Portavoce dello stato anche nelle edizioni 2017, 2018 e 2019)
  33.   Slovenia: Melani Mekicar
  34.   Grecia: Fōtīs Sergoulopoulos
  35.   Albania: Andri Xhahu (Portavoce dello stato dall'edizione 2012)
  36.   Lituania: Monika Liu (Rappresentante dello stato all'Eurovision Song Contest 2022)
  37.   Regno Unito: Catherine Tate

Controversie

modifica
  •   Ucraina: dopo la vittoria dei Tvorchi alla selezione ucraina, la seconda classificata Krut' ha presentato ricorso contro i vincitori all'emittente UA:PBC in merito all'uso di un coro pre-registrato durante l'esibizione, andando in conflitto al regolamento della selezione nazionale.[266] Il produttore musicale della selezione, Dmytro Šurov, è stato incaricato dall'emittente di valutare la registrazione trasmessa dell'esibizione dei Tvorchi e ha dichiarato che tale non conformità non avrebbe influito sulla valutazione dell'esibizione stessa, ipotizzando inoltre che la duplicazione della voce poteva essere causato da un errore tecnico dovuto alle difficili condizioni di produzione all'interno della stazione Majdan Nezaležnosti della metropolitana di Kiev, scelta per ragioni di sicurezza per via del rischio di attacchi nel contesto dell'invasione russa.[267][268] Un'ulteriore reclamo è stato presentato per la distribuzione del brano Heart of Steel da parte dell'etichetta Believe Music, etichetta discografica francese che opera in maniera globale tra cui in Russia,[269] ma il comitato organizzatore ha concluso che ciò non comportava ad una violazione del regolamento. Dopo un attento scrutinio ai vari ricorsi, il comitato ha annunciato che non avrebbe interrotto la partecipazione dei Tvorchi come rappresentanti nazionali, che sono stati ufficialmente confermati il 28 dicembre 2022.[270]
  •   Grecia: dopo l'annuncio di Victor Vernicos come rappresentante greco per la manifestazione europea, Melissa Mantzoukī, una dei tre candidati finali della selezione interna, ha protestato pubblicamente contro i risultati del processo, minacciando azioni legali nei confronti dell'emittente ERT.[271] Mantzoukī e il suo team legale hanno citato due cause nella loro contestazione dei risultati. Prima del voto del comitato artistico, è stato riferito che il duo composto da Antōnia Kaourī e Maria Maragkou, anch'esse tra i candidati finali, avevano annunciato il loro ritiro dalla selezione, lasciando solo Mantzoukī e Vernicos come uniche opzioni. Tuttavia, la commissione ha comunque valutato tutte e tre le proposte, compresa quella del duo. In secondo luogo, i legali hanno sostenuto che anche se tutte e tre le proposte sono state prese in considerazione, i valori dei punti assegnati non corrispondono alla quantità di punti disponibili, i quali, se contati propriamente, avrebbero consegnato la vittoria della selezione a Mantzoukī.[272][273] Maria Kozakou, uno dei membri del comitato artistico, ha dichiarato in un'intervista che il comitato non ha assegnato i punti solo ai primi tre classificati, ma che ha valutato i finalisti con una classifica analoga a quella del televoto demoscopico, che aveva precedentemente votato tra le sette proposte selezionate dall'emittente.[274][275] L'avvocato di Mantzoukī, Chrīstos Zōtiadīs, ha dichiarato in una successiva intervista di essere insoddisfatto della risposta di ERT e ha chiesto che tutti voti dettagliati della commissione per ogni membro vengano resi pubblici per ragioni di trasparenza.[276] Un'ingiunzione temporanea che avrebbe bloccato la partecipazione nazionale al concorso è stata negata dalla Corte di Cassazione il 6 marzo 2023 per via dell'imminente scadenza del 13 marzo 2023 fissata dall'UER per la presentazione dei partecipanti nazionali.[277] L'udienza per la causa intentata da Mantzoukī, ove viene chiesto di legittimare la sua vittoria nella selezione e chiedere il relativo risarcimento danni, si svolgerà entro la metà di maggio.[278][279]
  •   Polonia: dopo la vittoria di Blanka alla selezione polacca, sono state mosse accuse all'emittente TVP e alla giuria per presunti accordi per favorire la vittoria dell'artista. Inoltre, i telespettatori hanno accusato la giuria di aver intenzionalmente sabotato Jann, secondo classificato della selezione, il che ha provocato richieste di annullamento dei risultati.[280] Successivamente è emerso che Blanka e il giurato Allan Krupa, figlio di Edyta Górniak (presidente della giuria), si conoscevano personalmente, lasciando intendere un possibile conflitto di interessi.[281] Krupa ha successivamente risposto alle accuse, dichiarando che prima della finale non conosceva privatamente l'artista, pensando che fosse una delle ballerine, il che ha provocato un'ulteriore indignazione nei confronti di TVP per la pessima gestione della green room.[282][283] Il successivo 28 febbraio cinque testate online polacche dedicate al concorso hanno presentato una petizione a TVP per la pubblicazione del numero di voti espressi per i singoli partecipanti che, insieme alla questione delle accuse di aver truccato i risultati, sarebbero stati esaminati da una società esterna indipendente.[284] In seguito a vari solleciti da parte delle testate online, il successivo 9 marzo TVP ha dichiarato che l'emittente ha rispettato tutte le regole precedentemente pianificate per il concorso e che il voto è stato supervisionato da un notaio presente in studio durante la finale.[285]
  •   Irlanda: il 16 febbraio 2023 Ian Banham, direttore creativo della versione irlandese di Dancing with the Stars, è stato annunciato come direttore creativo della performance e della scenografia dei Wild Youth durante la loro esibizione a Liverpool.[286] Tuttavia, alla luce di varie affermazioni di carattere transfobico pubblicate da Banham sul proprio account Twitter, il gruppo musicale ha annunciato di aver interrotto la collaborazione con il direttore creativo affermando di non condividere nessun messaggio di stampo omotransfobico.[287]
  •   Francia: dopo l'annuncio del risultato del televoto, La Zarra è stata accusata di aver mostrato il dito medio alla telecamera che in quel momento la stava riprendendo. L'artista ha successivamente affermato di essere stata fraintesa e che si trattava invece di un gesto di disappunto in uso nel Québec, sua regione d'origine.[288][289]

Annotazioni

modifica
  1. ^ A causa di problemi di programmazione, l'esibizione è stata preregistrata.
  2. ^ Commento in lingua francese.
  3. ^ Commento in lingua olandese.
  4. ^ Commento in lingua estone.
  5. ^ Commento in lingua russa.
  6. ^ Commento integrato nella lingua dei segni estone.
  7. ^ Commento integrato rispettivamente in: Lingua faroense e lingua danese.
  8. ^ Commento integrato rispettivamente in: lingua finlandese, lingua svedese, lingua russa, lingua sami di Inari e lingua sami settentrionale.
  9. ^ a b Commento in lingua finlandese.
  10. ^ Commento in lingua svedese.
  11. ^ Solo per la trasmissione su Deftero Programma.
  12. ^ Commento in lingua islandese.
  13. ^ Commento integrato nella lingua dei segni islandese.
  14. ^ a b c Solo nella serata finale.
  15. ^ La trasmissione della seconda semifinale è stata in differita.
  16. ^ Durante la serata finale dell'evento, Graham Norton ha alternato il ruolo di commentatore a quello di presentatore.
  17. ^ Vincitore del concorso indetto dalla BBC The Voice of Eurovision.
  18. ^ Solo per la seconda semifinale.
  19. ^ Commento in lingua tedesca.
  20. ^ Commento in lingua francese.
  21. ^ Commento in lingua italiana.
  22. ^ Con il commento integrato di Dirk Ghijs.
  23. ^ Con il commento integrato in lingua ucraina di Halyna Serhjejeva, in lingua svedese di Johan Lindroos e Eva Frantz, in lingua sami di Inari di Heli Huovinen, in lingua sami settentrionale di Aslak Paltto e in lingua russa di Levan Tvaltvadze.
  24. ^ Solo per le semifinali.
  25. ^ Commento in lingua inglese.
  26. ^ Commento anche nella lingua dei segni italiana.
  27. ^ Commento anche nella lingua dei segni britannica.
  28. ^ Con il commento integrato di Johnny Weir.
  1. ^ (EN) James Washak, Eurovision 2023: EasyJet Announced as the Official Airline of the Eurovision Song Contest 2023, su eurovoix.com, 21 aprile 2023. URL consultato il 22 aprile 2023.
  2. ^ (EN) First look at the Eurovision 2023 stage!, su eurovision.tv, 2 febbraio 2023. URL consultato il 3 febbraio 2023.
  3. ^ (EN) The Eurovision Song Contest 2023 stage revealed!, su BBC, 2 febbraio 2023. URL consultato il 3 febbraio 2023.
  4. ^ (EN) Daniel Rosney, Eurovision 2023: King Charles tells Mae Muller he will be 'egging you on', su BBC, 26 aprile 2023. URL consultato il 2 maggio 2023.
  5. ^ (EN) Eurovision 2023: Hosts revealed for Liverpool, su eurovision.tv, 22 febbraio 2023. URL consultato il 22 febbraio 2023.
  6. ^ (EN) Voting changes announced for Eurovision Song Contest 2023, su eurovision.tv, 22 novembre 2022.
  7. ^ (EN) Eurovision Song Contest 2023: How To Vote, su eurovision.tv. URL consultato il 14 maggio 2023.
  8. ^ (EN) James Washak, Eurovision 2023: Logo and Slogan "United by Music" Revealed, su eurovoix.com, 30 gennaio 2023. URL consultato il 31 gennaio 2023.
  9. ^ (EN) How it works, su eurovision.tv, 15 gennaio 2017. URL consultato il 15 maggio 2022.
  10. ^ Emanuele Lombardini, Zelensky: "L'Ucraina ospiterà l'Eurovision 2023, magari a Mariupol", su eurofestivalnews.com, 15 maggio 2022. URL consultato il 15 maggio 2022.
  11. ^ (EN) Martin Belam e Monika Cvorak, Ukraine wins 2022 Eurovision song contest as UK finishes second in Turin, su theguardian.com, 14 maggio 2022. URL consultato il 15 maggio 2022.
  12. ^ (EN) Neil Farren, Belgium: RTBF Would Host Eurovision 2023 If Asked, su eurovoix.com, 25 giugno 2022. URL consultato il 27 giugno 2022.
  13. ^ Andrea Bonetti, Eurovision 2023, Coletta: la Rai a disposizione per l'edizione in Ucraina, su eurofestivalnews.com, 15 maggio 2022. URL consultato il 15 maggio 2022.
  14. ^ (EN) Neil Farren, Netherlands: NPO and AVROTROS Would Host Eurovision 2023 If Asked, su eurovoix.com, 18 maggio 2022. URL consultato il 18 maggio 2022.
  15. ^ (EN) Anthony Granger, Poland: TVP is Willing to Help Host Eurovision 2023, su eurovoix.com, 15 maggio 2022. URL consultato il 15 maggio 2022.
  16. ^ (EN) Hayley Dixon e Nataliya Vasilyeva, Eurovision winner Oleh Psiuk heads home to serve Ukraine, su The Daily Telegraph, 15 maggio 2022. URL consultato il 19 maggio 2022.
  17. ^ (EN) Ewan McCaig, Eurovision 2022: Mayor Of Stockholm Offers To Host Eurovision 2023 In Event Of Ukraine Win, su eurovoix.com, 10 maggio 2022. URL consultato il 15 maggio 2022.
  18. ^ (EN) Anthony Granger, Spain: RTVE Confirmed it Has Offered to Host Eurovision 2023 Following Ukraine's Win, su eurovoix.com, 15 maggio 2022. URL consultato il 15 maggio 2022.
  19. ^ (EN) Anthony Granger, Spain: RTVE no longer in contention to host Eurovision 2023, su eurovoix.com, 14 giugno 2022. URL consultato il 17 giugno 2022.
  20. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: Suspilne Wants the Contest to be Held in a Peaceful Ukraine, su eurovoix.com, 16 maggio 2022. URL consultato il 28 maggio 2022.
  21. ^ (EN) James Washak, Eurovision 2023: Discussions with Ukraine and the EBU Regarding Hosting to Commence on Friday, su eurovoix.com, 17 maggio 2022. URL consultato il 28 maggio 2022.
  22. ^ Debora Gandini, Eurovision, Zelensky: "La prossima edizione a Mariupol", su it.euronews.com, 15 maggio 2022. URL consultato il 20 agosto 2022.
  23. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: Kyiv States its Ready to Host if Asked, su eurovoix.com, 26 maggio 2022. URL consultato il 28 maggio 2022.
  24. ^ (EN) No doubt Eurovision will be held in Ukraine - Tkachenko, su ukrinform.net, 3 giugno 2022. URL consultato l'11 giugno 2022.
  25. ^ (EN) James Washak, Eurovision 2023: Ukraine's Minister of Culture States "No Doubt" Eurovision Should Be in Ukraine, su eurovoix.com, 3 giugno 2022. URL consultato l'11 giugno 2022.
  26. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: Ukrainian Government Forms Organising Committee, su eurovoix.com, 10 giugno 2022. URL consultato l'11 giugno 2022.
  27. ^ (EN) EBU Statement on Hosting of 2023 Eurovision Song Contest, su eurovision.tv, 17 giugno 2022. URL consultato il 17 giugno 2022.
  28. ^ (EN) United Kingdom to host Eurovision Song Contest 2023, su eurovision.tv, 25 luglio 2022. URL consultato il 25 luglio 2022.
  29. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: MSPs & MPs Back Potential Aberdeen Eurovision Bid, su eurovoix.com, 18 giugno 2022. URL consultato il 18 giugno 2022.
  30. ^ (EN) Steven Heap, Eurovision 2023: Calls to Bring Eurovision to Belfast, su eurovoix.com, 18 giugno 2022. URL consultato il 18 giugno 2022.
  31. ^ (EN) James Washak, Eurovision 2023: Birmingham's Resorts World Arena Cleares Schedule for Eurovision 2023, su eurovoix.com, 22 giugno 2022. URL consultato il 22 giugno 2022.
  32. ^ (EN) Emily Grace, Eurovision 2023: Birmingham Launches Host City Campaign "Bring It To Birmingham", su eurovoix.com, 18 giugno 2022. URL consultato il 18 giugno 2022.
  33. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: Brighton Will Bid to Host Eurovision, su eurovoix.com, 17 giugno 2022. URL consultato il 17 giugno 2022.
  34. ^ (EN) James Washak, Eurovision 2023: Bristol Launches Bid to Host Eurovision 2023, su eurovoix.com, 10 luglio 2022. URL consultato il 10 luglio 2022.
  35. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: Cardiff Shows Interest in Bidding For Eurovision, su eurovoix.com, 19 giugno 2022. URL consultato il 19 giugno 2022.
  36. ^ (EN) Alexa Fox, Darlington confirms it WILL bid to host the Eurovision Song Contest in 2023, su The Northern Echo, 10 agosto 2022. URL consultato il 14 agosto 2022.
  37. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: Derry Investigates Bid to Host Eurovision, su eurovoix.com, 2 agosto 2022. URL consultato il 2 agosto 2022.
  38. ^ (EN) Nick van Lith, Edinburgh throws its hat in the ring to host Eurovision 2023, su escxtra.com, 18 giugno 2022. URL consultato il 19 giugno 2022.
  39. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: Scottish First Minister Supports Glasgow Hosting Eurovision, su eurovoix.com, 17 giugno 2022. URL consultato il 17 giugno 2022.
  40. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: Leeds Expresses Interest in Hosting Eurovision, su eurovoix.com, 17 giugno 2022. URL consultato il 18 giugno 2022.
  41. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: Liverpool Intends to Bid to Host Eurovision, su eurovoix.com, 17 giugno 2022. URL consultato il 18 giugno 2022.
  42. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: Mayor of London Expresses Support For Capital to Host, su eurovoix.com, 17 giugno 2022. URL consultato il 18 giugno 2022.
  43. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: Local Politicians Support Potential Bid From Manchester, su eurovoix.com, 17 giugno 2022. URL consultato il 18 giugno 2022.
  44. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: Newcastle Preparing Bid to Host Eurovision, su eurovoix.com, 12 luglio 2022. URL consultato il 13 luglio 2022.
  45. ^ (EN) Steven Heap, Nottingham To Consider a Eurovision 2023 bid, su eurovoix.com, 27 luglio 2022. URL consultato il 14 agosto 2022.
  46. ^ (EN) Nick van Lith, Is Prudhoe going to bid to host the Eurovision Song Contest 2023?, su escxtra.com, 20 giugno 2022. URL consultato il 25 luglio 2022.
  47. ^ (EN) Emily Grace, Eurovision 2023: Sheffield Councillors Interested in Bidding For Eurovision Hosting Rights, su eurovoix.com, 18 giugno 2022. URL consultato il 18 giugno 2022.
  48. ^ (EN) Nick van Lith, Sunderland councillor wants the Stadium of Light to host Eurovision 2023, su escxtra.com, 19 giugno 2022. URL consultato il 19 giugno 2022.
  49. ^ (EN) Eleanor Lawson, Wolverhampton should host Eurovision, says ex-mayor - with reunited One Direction, su Express & Star, 18 giugno 2022. URL consultato il 19 giugno 2022.
  50. ^ Donato Cafarelli, Eurovision 2023: la BBC apre il bando per le città candidate. Annuncio in autunno, su eurofestivalnews.com, 5 agosto 2022. URL consultato il 6 agosto 2022.
  51. ^ (EN) Franciska van Waarden, Eurovision 2023: BBC Reveals Two-Round Host City Selection Process, su eurovoix.com, 4 agosto 2022. URL consultato il 6 agosto 2022.
  52. ^ (EN) Ffion Lewis, Cardiff will not host Eurovision in 2023, su walesonline.co.uk, 3 agosto 2022. URL consultato il 6 agosto 2022.
  53. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: Derry Will Not Bid To Host, su eurovoix.com, 8 agosto 2022. URL consultato il 14 agosto 2022.
  54. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: Nottingham Will Not Bid, su eurovoix.com, 9 agosto 2022. URL consultato il 14 agosto 2022.
  55. ^ (EN) Daniel Green, Brighton ruled out due to city's lack of suitable infrastructure, su The Argus, 11 agosto 2022. URL consultato il 14 agosto 2022.
  56. ^ (EN) Sunderland rules out bid to host the 2023 Eurovision Song Contest, su thateurovisionsite.com, 11 agosto 2022. URL consultato il 14 agosto 2022.
  57. ^ (EN) BBC announces 7 Shortlisted Host Cities for Eurovision 2023, su eurovision.tv, 12 agosto 2022. URL consultato il 14 agosto 2022.
  58. ^ (EN) Anthony Granger, Eurovision 2023: Complete Bids to be Submitted to BBC by September 8, su eurovoix.com, 29 agosto 2022. URL consultato il 21 settembre 2022.
  59. ^ (EN) Eurovision 2023: It’s Glasgow or Liverpool, su eurovision.tv, 27 settembre 2022. URL consultato il 27 settembre 2022.
  60. ^ (EN) Liverpool will host Eurovision 2023, su eurovision.tv, 7 ottobre 2022. URL consultato il 7 ottobre 2022.
  61. ^ (EN) BBC announces new commissions ahead of the Eurovision Song Contest 2023, su BBC, 20 febbraio 2023. URL consultato il 9 aprile 2023.
  62. ^ (PL) Maciej Blazewicz, Eurowizja 2023: Szwecja wygrywa finał plebiscytu "Nasz Faworyt!" Czy będzie triumf w Anglii? • Bukmacherzy przed próbami, delegacje przed wylotem • Pocztówki objaśnione – trzy etapy, trzy kraje, trzy podróże, su dziennik-eurowizyjny.pl, 29 aprile 2023. URL consultato il 10 maggio 2023.
  63. ^ All 15 Postcards from the First Semi-Final | Eurovision 2023, su YouTube. URL consultato il 10 maggio 2023.
  64. ^ All 15 Postcards from the Second Semi-Final | Eurovision 2023, su YouTube. URL consultato il 12 maggio 2023.
  65. ^ All 37 Postcards from the Eurovision Song Contest 2023, su YouTube. URL consultato il 16 maggio 2023.
  66. ^ (EN) Eurovision 2023: Here are the 37 countries competing in Liverpool, su eurovision.tv, 20 ottobre 2022. URL consultato il 20 ottobre 2022.
  67. ^ a b c (EN) Participants of Liverpool 2023, su eurovision.tv. URL consultato il 20 ottobre 2022.
  68. ^ (EN) Neil Farren, Albania: Albina & Familja Kelmendi to Eurovision 2023, su eurovoix.com, 22 dicembre 2022. URL consultato il 23 dicembre 2022.
  69. ^ (EN) Anthony Granger, Albania: "Duje" to Remain in Albanian for Eurovision 2023, su eurovoix.com, 30 dicembre 2022. URL consultato il 30 dicembre 2022.
  70. ^ (EN) Anthony Granger, Armenia: Brunette to Eurovision 2023, su eurovoix.com, 1º febbraio 2023. URL consultato il 1º febbraio 2023.
  71. ^ (EN) Laura Ibrayeva, Armenia: Brunette's Eurovision 2023 Song "Future Lover" to be Released March 15, su eurovoix.com, 10 marzo 2023. URL consultato il 10 marzo 2023.
  72. ^ (EN) Emily Grace, Australia: Voyager to Eurovision 2023, su eurovoix.com, 21 febbraio 2023. URL consultato il 21 febbraio 2023.
  73. ^ (EN) James Washak, Austria: Teya and Salena to Eurovision 2023, su eurovoix.com, 31 gennaio 2023. URL consultato il 31 gennaio 2023.
  74. ^ (EN) James Washak, Austria: Snippet of Teya and Salena's Eurovision Entry "Who the hell is Edgar?", su eurovoix.com, 6 marzo 2023. URL consultato il 6 marzo 2023.
  75. ^ (EN) Neil Farren, Azerbaijan: TuralTuranX to Eurovision 2023, su eurovoix.com, 9 marzo 2023. URL consultato il 9 marzo 2023.
  76. ^ (EN) Anthony Granger, Azerbaijan: "Tell Me More" to be Released March 13, su eurovoix.com, 12 marzo 2023. URL consultato il 12 marzo 2023.
  77. ^ (EN) Christian Petersen, Belgium: Gustaph wins Eurosong 2023 – to Eurovision with "Because of You", su eurovisionworld.com, 14 gennaio 2023. URL consultato il 14 gennaio 2023.
  78. ^ (EN) Cyprus will send Andrew Lambrou to Liverpool, su eurovision.tv, 17 ottobre 2022. URL consultato il 17 ottobre 2022.
  79. ^ (EN) Anthony Granger, Cyprus: Andrew Lambrou to Perform "Break a Broken Heart" at Eurovision, su eurovoix.com, 19 febbraio 2023. URL consultato il 19 febbraio 2023.
  80. ^ (EN) Pedro Santos, Let 3 win Dora 2023 in Croatia with "Mama ŠČ!", su eurovisionworld.com, 11 febbraio 2023. URL consultato l'11 febbraio 2023.
  81. ^ (EN) Laura Ibrayeva, Denmark: Reiley to Eurovision 2023, su eurovoix.com, 11 febbraio 2023. URL consultato l'11 febbraio 2023.
  82. ^ (EN) Francisca van Waarden, Estonia: Alika to Eurovision 2023, su eurovoix.com, 11 febbraio 2023. URL consultato l'11 febbraio 2023.
  83. ^ (EN) Rasmus Petersen, Finland: Käärijä wins UMK 2023 – To Eurovision with "Cha Cha Cha", su eurovisionworld.com, 25 febbraio 2023. URL consultato il 25 febbraio 2023.
  84. ^ (EN) Neil Farren, France: La Zarra to Eurovision 2023, su eurovoix.com, 12 gennaio 2023. URL consultato il 12 gennaio 2023.
  85. ^ (EN) James Washak, France: La Zarra's Eurovision 2023 Song Revealed to be Titled "Évidemment", su eurovoix.com, 15 febbraio 2023. URL consultato il 16 febbraio 2023.
  86. ^ (EN) Neil Farren, Georgia: Iru Khechanovi to Eurovision 2023, su eurovoix.com, 2 febbraio 2023. URL consultato il 2 febbraio 2023.
  87. ^ (EN) James Washak, Georgia: Iru Khechanovi Entry "Echo" to be Released March 16, su eurovoix.com, 13 marzo 2023. URL consultato il 13 marzo 2023.
  88. ^ (EN) Claire Schulte-Wieschen, Germany: Lord Of The Lost to Eurovision 2023 with "Blood & Glitter", su eurovisionworld.com, 4 marzo 2023. URL consultato il 4 marzo 2023.
  89. ^ (EN) Greece: Victor Vernicos to Eurovision 2023, su eurovoix.com, 30 gennaio 2023. URL consultato il 30 gennaio 2023.
  90. ^ (EN) Greece: Victor Vernicos' Eurovision Entry "What They Say" Released, su eurovoix.com, 12 marzo 2023. URL consultato il 13 marzo 2023.
  91. ^ (EN) Claire Schulte-Wieschen, Wild Youth to represent Ireland at Eurovision 2023, su eurovisionworld.com, 3 febbraio 2023. URL consultato il 4 febbraio 2023.
  92. ^ (EN) Thomas Golightly, Ireland: "We Are One" to Get Revamp and Music Video, su eurovoix.com, 19 febbraio 2023. URL consultato il 19 febbraio 2023.
  93. ^ (EN) Claire Schulte-Wieschen, Iceland: Diljá to Eurovision 2023 with "Power", su eurovisionworld.com, 4 marzo 2023. URL consultato il 4 marzo 2023.
  94. ^ (EN) Neil Farren, Israel: Noa Kirel Confirms Eurovision 2023 Participation, su eurovoix.com, 10 agosto 2022. URL consultato l'11 agosto 2022.
  95. ^ (EN) Anthony Granger, Israel: Noa Kirel to Perform "Unicorn" at Eurovision 2023, su eurovoix.com, 17 gennaio 2023. URL consultato il 17 gennaio 2023.
  96. ^ Beppe Dammacco, Marco Mengoni ha detto sì: vola a Liverpool per il suo secondo Eurovision, su eurofestivalnews.com, 12 febbraio 2023. URL consultato il 12 febbraio 2023.
  97. ^ Federico Rossini, Marco Mengoni: ecco "Due Vite" Eurovision version, su eurofestivalnews.com, 31 marzo 2023. URL consultato il 31 marzo 2023.
  98. ^ (EN) Franciska van Waarden, Latvia: Sudden Lights to Eurovision 2023, su eurovoix.com, 11 febbraio 2023. URL consultato l'11 febbraio 2023.
  99. ^ (EN) Megan Davies, Lithuania: Monika Linkytė to Eurovision 2023, su eurovoix.com, 18 febbraio 2023. URL consultato il 18 febbraio 2023.
  100. ^ (EN) Franciska van Waarden, Malta: The Busker to Eurovision 2023, su eurovoix.com, 11 febbraio 2023. URL consultato il 12 febbraio 2023.
  101. ^