Euthyneura

infraclasse di molluschi gasteropodi
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Euthyneura
Water snail Rex 2.jpg
Lymnaea stagnalis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Mollusca
Subphylum Conchifera
Classe Gastropoda
Sottoclasse Heterobranchia
Infraclasse Euthyneura
Spengel, 1881
Subterclassi

Euthyneura Spengel, 1881 è un'infraclasse di molluschi gasteropodi della sottoclasse Heterobranchia.[1] Considerato il numero di specie esistenti e la varietà di nicchie ecologiche occupate, è il raggruppamento che ha avuto, tra i gasteropodi, il maggior successo evolutivo.[2]

DescrizioneModifica

Comprende specie terrestri, di acqua dolce e marine, caratterizzate da una condizione anatomica definita eutineuria, ovvero dalla detorsione dei cordoni nervosi e del sacco dei visceri. L'eutineria è il risultato di due distinti eventi evolutivi: il primo, occorso negli antenati di tutti i gasteropodi esistenti, è noto come torsione e comporta il fatto che gli organi viscerali e i cordoni nervosi "si attorciglino" causando la migrazione di alcuni organi dalla sinistra dell'animale alla sua destra e favorendo il trasferimento della cavità del mantello vicino alla testa dell'animale; tale evento ha prodotto un incrocio nelle commessure cerebroviscerali, definito chiastoneuria o streptoneuria. Il secondo evento evolutivo, caratteristico di questo raggruppamento, consiste nell'inversione della torsione, con conseguente "raddrizzamento" degli organi interni, e risoluzione dell'incrocio delle commissure.[3]

TassonomiaModifica

L'infraclasse Euthyneura comprende taxa che in passato venivano attribuiti ai raggruppamenti degli Opisthobranchia e dei Pulmonata, ora ritenuti obsoleti.[2][4][5][6] La monofilia del raggruppamento è oggi comunemente accettata e supportata da numerose sinapomorfie.[2]

Secondo la classificazione adottata dal World Register of Marine Species (2020) l'infraclasse può essere suddivisa in 3 subterclassi (Acteonimorpha, Ringipleura e Tectipleura) così composte:[1]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) MolluscaBase eds. 2020, Euthyneura, in WoRMS (World Register of Marine Species). URL consultato il 30/7/2020.
  2. ^ a b c (EN) Klussmann-Kolb A., Dinapoli A., Kuhn K., Streit B. & Albrecht C., From sea to land and beyond – New insights into the evolution of euthyneuran Gastropoda (Mollusca), in BMC Evolutionary Biology, vol. 8, 2008, pp. 57, DOI:10.1186/1471-2148-8-57.
  3. ^ (EN) G. M. Barker, The biology of terrestrial molluscs, CABI, 2001, p. 185, ISBN 978-0-85199-718-6.
  4. ^ (EN) Dayrat B., Tillier A., Lecointre G. & Tillier S., New clades of euthyneuran Gastropods (Mollusca) from 28S rRNA sequences, in Molecular Phylogenetics and Evolution, 19 (2), 2001, pp. 225-235, DOI:10.1006/mpev.2001.0926.
  5. ^ (EN) Dayrat B. & Tillier S., Evolutionary relationships of euthyneuran gastropods (Mollusca): a cladistic re-evaluation of morphological characters, in Zoological Journal of the Linnean Society, 135 (4), 2002, pp. 403-470, DOI:10.1046/j.1096-3642.2002.00018.x.
  6. ^ (EN) Grande C., Templado J., Cervera J. L. & Zardoya R., Molecular Phylogeny of Euthyneura (Mollusca: Gastropoda), in Molecular Biology and Evolution, 21 (2), 2004, pp. 303-313, DOI:10.1093/molbev/msh016.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica