Evaporatore atmosferico

L'evaporatore atmosferico è un'apparecchiatura che ha lo scopo di far evaporare l'acqua da una soluzione acquosa o raffreddare la soluzione stessa senza consumare quantità elevate di energia elettrica. E composto da una camera di evaporazione, un'elettropompa, un elettroventilatore e da un quadro comando per la gestione della temperatura e dei componenti elettrici.

Come funzionaModifica

Il percorso della soluzione da evaporare/raffreddare si sviluppa con l'invio della soluzione verso l'evaporatore atmosferico utilizzando una pompa. All'interno della camera di evaporazione dell'evaporatore atmosferico la soluzione viene fatta passare attraverso degli ugelli/spruzzatori per aumentare la superficie di contatto tra la soluzione da evaporare/raffreddare e l'aria convogliata all'interno della camera di evaporazione dall'elettroventilatore. L'aria a contatto con la soluzione vaporizzata si carica di umidità, passa attraverso un dispositivo atto a rimuovere eventuali goccioline sospese denominato separatore di gocce, e convogliata in atmosfera attraverso un camino di uscita oppure collegata ad impianti di aspirazione.

ApplicazioniModifica

L'evaporatore atmosferico viene utilizzato come sistema di raffreddamento. Viene inoltre utilizzato per ridurre il volume di acque reflue industriali da depurare e smaltire. È utilizzato nell'industria del trattamento superficiale dei metalli (galvanica) per recuperare il drag-out (trascinamento, per raffreddare i bagni di zincatura acida e alcalina o per contrastare l'aumento di temperatura causato dall'effetto Joule durante il processo di cromatura a spessore o dura.

  Portale Ingegneria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ingegneria