Expedition 66

66ª missione di lunga durata verso la International Space Station
Expedition 66
ISS Expedition 66 Patch.svg
Statistiche missione
Nome missioneExpedition 66
Inizio missione18 ottobre 2021
Fine missione30 marzo 2022
Membri equipaggio7 - 11
Durata missione175 giorni
Lancio e rientro
Velivoli utilizzatiSpaceX Crew-2
Sojuz MS-19
SpaceX Crew-3
Sojuz MS-20
Sojuz MS-21
Fotografia dell'equipaggio
Expedition 66 crew portrait.jpg
Missioni Expedition
PrecedenteSuccessiva
Expedition 65 Expedition 67
Le date sono espresse in UTC

Expedition 66 è stata la 66ª missione di lunga durata verso la Stazione Spaziale Internazionale che ha avuto inizio il 17 ottobre 2021 con lo sgancio della Sojuz MS-18.[1] L'equipaggio era composto per le prime settimane dagli equipaggi della SpaceX Crew-2 e della Sojuz MS-19, mentre a novembre sono stati raggiunti dall'equipaggio della SpaceX Crew-3 che diede il cambio all'equipaggio della Crew-2. La missione è durata cinque mesi ed è stata comandata per la maggior parte dal comandante russo Škaplerov.[2] Con lo sgancio della Sojuz MS-19 il 30 marzo 2022 si concluse l'Expedition 66.[3]

EquipaggioModifica

Ruolo 17 ottobre - 8 novembre 2021 8 - 11 novembre 2021 11 novembre 2021 - 30 marzo 2022
Comandante   Thomas Pesquet, ESA
Secondo volo
  Anton Škaplerov, Roscosmos
Quarto volo
Ingegnere di volo 1   Pëtr Dubrov, Roscosmos
Primo volo
Ingegnere di volo 2   Mark Vande Hei, NASA
Secondo volo
Ingegnere di volo 3   Robert Kimbrough, NASA
Terzo volo
  Raja Chari, NASA
Primo volo
Ingegnere di volo 4   Megan McArthur, NASA
Secondo volo
  Thomas Marshburn, NASA
Terzo volo
Ingegnere di volo 5   Akihiko Hoshide, JAXA
Terzo volo
  Matthias Maurer, ESA
Primo volo
Ingegnere di volo 6   Anton Škaplerov, Roscosmos
Quarto volo
  Kayla Barron, NASA
Primo volo

Dopo lo sgancio della Sojuz MS-18 con il cosmonauta Novickij e i partecipanti al volo Šipenko e Peresil'd, Dubrov e Vande Hei sono diventati i membri dell'equipaggio della Sojuz MS-19 con cui fecero ritorno nel marzo 2022 insieme a Škaplerov. Alla conclusione della missione Dubrov e Vande Hei avevano trascorso quasi un anno continuativo in orbita.[4][5] L'equipaggio della SpaceX Crew-2 lasciò la ISS nel novembre 2021 poco prima dell'arrivo dell'equipaggio della SpaceX Crew-3, che trascorrerà sei mesi sulla ISS.

Eventi missioneModifica

Spostamento della Progress MS-17Modifica

Il 21 ottobre 2021 il veicolo cargo russo Progress MS-17 venne sganciato dal modulo Poisk del Segmento russo della Stazione Spaziale Internazionale. Il veicolo rimase per 29 ore alla distanza massima di 185 km dalla ISS, prima di attraccare al modulo Nauka. Gli spostamenti dei veicoli spaziali russi con equipaggio da un modulo all'altro sono frequenti e vengono svolti manualmente dal comandante presente a bordo con un allontanamento del veicolo dalla ISS di poche decine di metri. Essendo i veicoli Progress però privi di equipaggio e non esistendo una procedura automatica che lo esegua, lo spostamento della Progress non poté essere eseguito allo stesso modo. Inoltre, il sistema TORU attraverso il quale i cosmonauti possono prendere il controllo della Progress in caso di malfunzionamento è certificato solo per gli ultimi metri della procedura di attracco e solo lungo l'asse del boccaporto di destinazione. Per questo motivo il Centro di controllo missione di Roscosmos decise di sganciare la Progress e farla allontanare di diverse centinaia di chilometri, eseguendo la procedura d'attracco automatico con il sistema Kurs il giorno successivo. I due cosmonauti a bordo, Škaplerov e Dubrov, nonostante la procedura di attracco fosse automatica, si esercitarono con i simulatori del modulo Zvezda per pilotare manualmente il veicolo in caso di un malfunzionamento del sistema di attracco automatico Kurs.[6][7]

Il motivo che rese necessario lo spostamento della Progress fu l'attracco a fine novembre 2021 del nuovo modulo Prichal. Infatti, quando a novembre la Progress MS-17 si sganciò definitivamente da Nauka e dalla Stazione Spaziale Internazionale, separò l'adattatore di attracco HDA-to-SSVP (Hybrid Drogue Adapter to Probe and Drogue) dal boccaporto di Nauka su cui era installato e che permetteva ai veicoli Sojuz e Progress di attraccare. Su quello stesso boccaporto lasciato libero dalla Progress venne agganciato il modulo Prichal, dotato dell'adattatore HDA che permette un passaggio più ampio tra i moduli. Con la Progress MS-17 agganciata a Nauka inoltre venne testata la tenuta dei condotti del carburante di quest'ultimo in modo che in futuro potrà essere utilizzato per controllare l'assetto della Stazione Spaziale Internazionale, in aggiunta al modulo Zvezda e alle Progress. La Progress MS-17 lasciò la Stazione Spaziale Internazionale 24 ore dopo il lancio del modulo Prichal avvenuto il 24 novembre 2021.[8][9]

Lancio e attracco della Progress MS-18Modifica

La prima missione di rifornimento dell'Expedition 66 iniziò il 28 ottobre con il lancio della Progress MS-18 dal Cosmodromo di Bajkonur.[10] Il veicolo, carico di due tonnellate e mezzo di rifornimenti per l'equipaggio, esperimenti scientifici e hardware, impiegò due giorni di viaggio per arrivare ed attraccare al modulo Zvezda della Stazione Spaziale Internazionale. Rimarrà agganciata alla ISS per cinque mesi, fino ad aprile 2022.[11]

Cambio di comando Pesquet – ŠkaplerovModifica

Il 6 novembre il comandante francese Thomas Pesquet cedette il comando della Stazione Spaziale Internazionale per i successivi cinque mesi dell'Expedition 66 al cosmonauta russo Škaplerov. Pesquet ritornerà sulla Terra insieme ai colleghi di equipaggio della SpaceX Crew-2 il 9 novembre 2021.[12]

 
Una delle foto della Stazione Spaziale Internazionale scattate da Pesquet durante lo sgancio

Sgancio della SpaceX Crew-2Modifica

Dopo aver rimandato di un giorno per maltempo nella zona di ammaraggio,[13] l'8 novembre l'equipaggio della SpaceX Crew-2 si è sganciato dal boccaporto zenith del modulo Harmony della Stazione Spaziale Internazionale. Prima di allontanarsi definitivamente dalla ISS per far ritorno sulla Terra dopo 200 giorni di missione, la Crew Dragon Endeavour ha eseguito un flyaround della Stazione Spaziale Internazionale per permettere a Pesquet di scattare alcune fotografie al laboratorio orbitale. L'ammaraggio avvenne 4:33 CEST del 9 novembre nel Golfo del Messico, vicino alle coste della Florida.[14]

 
L'equipaggio della SpaceX Crew-3 (in blu) poco dopo l'attracco alla ISS insieme all'equipaggio della Sojuz MS-19

Lancio e aggancio della SpaceX Crew-3Modifica

L'11 novembre la Crew Dragon Endurance con il comandante Raja Chari, il pilota Thomas Marshburn e gli specialisti di missione Matthias Maurer e Kayla Barron vennero lanciati a bordo di un Falcon 9 dal Kennedy Space Center.[15] Il viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale durò poco meno di un giorno; Endurance attraccò autonomamente al boccaporto anteriore di Harmony del Segmento americano.[16] L'equipaggio rimarrà sulla ISS per circa sei mesi, per tutta la durata dell'Expedition 66.[17][18]

Possibili collisioni con detriti spazialiModifica

Prima emergenzaModifica

Nella mattinata del 10 novembre i Centri di controllo missione di Houston e Mosca avvisarono l'equipaggio di una possibile collisione della Stazione Spaziale Internazionale con alcuni detriti di un satellite cinese Fengyun-1C prevista intorno all'1 del mattino del 12 novembre. La distanza minima tra i due oggetti sarebbe stata di circa 600 metri.[19] Avendo abbastanza tempo per eseguire una manovra correttiva e essendo già prevista una correzione dell'orbita per il 16 novembre in vista del lancio di Prichal di fine mese [20], i Centri di controllo decisero di eseguire una manovra correttiva dell'orbita. Il 10 novembre alle 20:15 i motori della Progress MS-18 vennero accesi per 6 minuti, aumentando l'altitudine della ISS di 1240 metri.[21]

Seconda emergenzaModifica

Il 15 novembre di prima mattina il Centro di controllo di Houston avvertì l'equipaggio di una possibile collisione con dei detriti spaziali. Stavolta non ebbero il tempo di effettuare una manovra correttiva; all'equipaggio venne ordinato di chiudere i portelloni interni tra i moduli, quelli di collegamento tra il segmento russo e quello americano e di entrare nei rispettivi veicoli spaziali pronti a sganciarsi in caso di impatto. Škaplerov, Dubrov e Vande Hei si rifugiarono nella Sojuz MS-19 mentre Chari, Marshburn, Maurer, Barron nella Crew Dragon Endurance. Passato il momento previsto per l'impatto senza aver rilevato una diminuzione di pressione all'interno della ISS, gli astronauti poterono ritornare temporaneamente al suo interno. Avendo la Stazione Spaziale Internazionale un'orbita di 90 minuti circa, il pericolo di impatto proseguì ogni ora e mezza[22][23] fino a metà giornata, momento in cui l'orbita venne dichiarata sicura.[24] Per sicurezza Houston decise di lasciar chiusi per il resto della giornata e per il giorno successivo i moduli laterali del Segmento statunitense.[25] Nella serata del 15 novembre il portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti Ned Price affermò che "la Federazione Russa aveva condotto incautamente un test distruttivo con un missile antisatellite ad ascesa diretta contro uno dei propri satelliti", con ogni probabilità il Cosmos 1408, creando "1500 frammenti di detriti spaziali abbastanza grandi da essere tracciati, oltre a centinaia di migliaia di frammenti di detriti spaziali più piccoli".[26]

Sgancio della Cygnus NG-16Modifica

Il 20 novembre 2021 il veicolo cargo Cygnus NG-16 "Ellison Onizuka" carico di rifiuti venne sganciato dal modulo Unity dai controllori di volo sulla Terra sotto la supervisione dell'astronauta Maurer che ne controllava in tempo reale i sistemi. A seguito dello sgancio, l'esperimento Kentucky Re-Entry Probe Experiment (KREPE) posizionato all'interno del veicolo raccolse dati sul test del sistema di protezione termica e del loro contenuto durante il rientro distruttivo in atmosfera avvenuto il 15 dicembre.[27]

Sgancio della Progress MS-17Modifica

Dopo il lancio riuscito del modulo Prichal avvenuto il giorno precedente, la Progress MS-17 con l'adattatore di attracco HDA-to-SSVP di Nauka vennero sganciati dalla ISS il 25 novembre 2021, circa un giorno prima dell'aggancio del nuovo modulo, facendo ritorno sulla Terra in modo distruttivo.

 
Il modulo Prichal di forma sferica (in bianco) e la Progress M-UM in secondo piano, la Sojuz MS-19 in primo piano

Lancio e aggancio del modulo PrichalModifica

Il modulo russo Prichal con una Progress modificata, la Progress M-UM, venne lanciata con il lanciatore Sojuz 2.1b dal Cosmodromo di Bajkonur il 24 novembre 2021.[28] Due giorni dopo si agganciò automaticamente al modulo Nauka mentre i cosmonauti Škaplerov e Dubrov monitoravano l'attracco per intervenire in caso di malfunzionamento. La Progress M-UM verrà sganciata da Prichal il 23 dicembre. Con l'attracco del nuovo modulo, la costruzione della Stazione Spaziale Internazionale che era stata iniziata nel 1998 venne completata. Prichal ha una forma sferica e un volume abitabile di 14 m3, cinque boccaporti d'attracco per veicoli spaziali e può trasferire combustibile al modulo Nauka.[29]

EVA 1 (USOS 78)Modifica

La prima attività extraveicolare (EVA) dell'Expedition venne svolta all'esterno del Segmento americano il 2 dicembre dagli astronauti Marshburn (EV1) e Barron (EV2).[30] Lo scopo dell'EVA era la sostituzione di un'antenna di comunicazione di banda S difettosa posizionata sul Segmento P1 dell'ITS che non era più grado di inviare segnali a Terra tramite il Tracking and Data Relay Satellite System della NASA. Nonostante fosse presente un'altra antenna per le comunicazioni, il Centro di controllo missione di Houston decise di sostituirla per garantire la ridondanza del sistema. La Stazione Spaziale Internazionale è dotata di sistemi di comunicazione a banda S a bassa velocità e a banda Ku ad alta velocità per la trasmissione di video. Durante l'EVA Marshburn si agganciò all'estremità del Canadarm2 per lavorare più efficientemente sul luogo insieme a Barron, mentre Maurer manovrava il braccio robotico canadese dall'interno della ISS. L'EVA era inizialmente prevista per il 30 novembre ma venne rimandata di qualche giorno a causa dell'avvicinamento di detriti spaziali alla Stazione Spaziale Internazionale. IV Suit: Chari e Vande Hei; Operatore robotico: Maurer; Ground IV: Andrew Morgan.[31][32]

Variazione non pianificata dell'orbitaModifica

Il 3 dicembre 2021 venne eseguita una variazione non pianificata dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale con l'uso dei propulsori della Progress MS-18 agganciata al boccaporto posteriore di Zvezda; questa modifica fu resa necessaria per evitare un detrito spaziale di un lanciatore Pegasus del 1996. I propulsori vennero accesi per 160 secondi, abbassando l'altitudine della ISS di 310 metri.[33][34][35]

 
Gli equipaggi della Expedition 66 e Sojuz MS-20 (fila in basso)

Sojuz MS-20Modifica

L'equipaggio della Sojuz MS-20, composto dal comandante russo Aleksandr Misurkin e dai turisti spaziali Yūsaku Maezawa e Yozo Hirano, raggiunse l'orbita l'8 dicembre 2021 per una missione di breve durata sulla Stazione Spaziale Internazionale.[36] Sei ore dopo, la Sojuz MS-20 si agganciò automaticamente al modulo Poisk dove rimase per 12 giorni, fino alla conclusione della missione. Maezawa e Hirano furono i primi turisti spaziali dal 2009 a raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale.[37] Il 20 dicembre la Sojuz MS-20 con il suo equipaggio fece ritorno sulla Terra.[38]

Lancio e attracco della SpaceX CRS-24Modifica

La 24ª missione di rifornimento di SpaceX CRS-24 iniziò con il lancio del veicolo Cargo Dragon a bordo del lanciatore Falcon 9 avvenuto il 21 dicembre 2021 dal Kennedy Space Center.[39] Il veicolo con un carico di 2950 kg di esperimenti scientifici, beni per l'equipaggio e hardware attraccò autonomamente al boccaporto anteriore del modulo Harmony il giorno successivo. Le procedure d'attracco vennero seguite dagli astronauti Chari e Marshburn. Tra gli esperimenti scientifici più rilevanti a bordo c'erano Bioprint FirstAid, CASIS PCG 20, Host-Pathogen, MVP Plant-01, PGTIDE e Turbine Superalloy Casting Module.[40] Rimase agganciata alla ISS per un mese.

Sgancio della Progress M-UMModifica

Il 22 dicembre 2021 la Progress M-UM, la Progress modificata che trasportò il modulo Prichal fino alla Stazione Spaziale Internazionale, venne sganciata da Prichal stesso e fatta rientrare in modo distruttivo sulla Terra il giorno successivo.[41]

EVA 2 (VDK-51)Modifica

I cosmonauti Škaplerov (EV1) e Dubrov (EV2) uscirono dalla Stazione Spaziale Internazionale il 19 gennaio 2022 per svolgere un'attività extraveicolare di 7 ore e 11 minuti. L'obiettivo principale era quello di integrare il modulo Prichal, arrivato sulla ISS alla fine di novembre 2021, al resto del Segmento russo della ISS. Vennero installati dei corrimani, rimosse delle coperture e isolamento termico, installati dei cavi per il sistema di comunicazione Kurs-P, delle antenne e un cavo TV, spostata una telecamera TV, installati di punti target per le procedure di attracco dei veicoli, espulsi il coperchio di una antenna, due contenitori vuoti e due antenne vecchie.[42][43]

Sgancio della SpaceX CRS-24Modifica

Dopo poco più di un mese di permanenza a bordo e qualche giorno di ritardo per maltempo sul luogo dell'ammaraggio[44], il 23 gennaio 2022 il veicolo spaziale Dragon della missione SpaceX CRS-24 venne sganciato dalla Stazione Spaziale Internazionale. A bordo portava 2222 kg di campioni di esperimenti scientifici e altro materiale da riportare a Terra. I controllori di volo di SpaceX a Hawthorne mandarono il comando di sgancio al veicolo agganciato su Harmony, mentre gli astronauti a bordo ne supervisionavano i sistemi di bordo.[45] Il rientro sulla Terra e l'ammaraggio avvennero poche ore dopo sul Golfo del Messico. Il carico venne in breve tempo trasportato al Space Station Processing Facility del Kennedy Space Center per essere analizzato il prima possibile dai ricercatori per minimizzare l'esposizione alla gravità e non influenzare i risultati. Tra gli esperimenti e/o i campioni scientifici ritornati sulla Terra si ricordano Light Microscopy Module, InSPACE-4 e Cytoskeleton.[46]

Lancio e attracco della Progress MS-19Modifica

Il lancio del cargo russo Progress MS-19 con tre tonnellate di carico avvenne il 15 febbraio 2022 con un lanciatore Sojuz-2.1a dal Cosmodromo di Bajkonur.[47] Il veicolo attraccò autonomamente al modulo Poisk della Stazione Spaziale Internazionale due giorni dopo. Rimarrà agganciato alla ISS per circa sei mesi.[48]

Lancio e attracco della Cygnus NG-17Modifica

Il veicolo cargo statunitense Cygnus NG-17 "SS Piers Sellers" venne lanciato il 19 febbraio 2022 dal Wallops Flight Facility della NASA a bordo di un lanciatore Antares.[49] Il veicolo, provvisto di 3720 kg di esperimenti scientifici, proviste per l'equipaggio e attrezzature di bordo, venne catturato con il Canadarm 2 dagli astronauti Chari e Barron due giorni dopo,[50] e agganciato al modulo Unity. Tra gli esperimenti più importanti a bordo si ricordano Colgate Skin Aging, MicroQuin 3D Tumor, OGA H2 Sensor Demo, Space As-Lib, XROOTS e SoFIE.[51] Durante la sua permanenza sulla ISS, Cygnus innalzerà l'orbita della Stazione Spaziale Internazionale che decade continuamente per l'attrito con l'atmosfera terrestre; al 2022 è l'unico veicolo spaziale, oltre alla Progress russa, a poter effettuare un innalzamento dell'orbita della ISS.[52]

EVA 3 (USOS 79)Modifica

Il 15 marzo gli astronauti Barron (EV1) e Chari (EV2) svolsero un’attività extraveicolare di 6 ore e 54 minuti durante la quale installarono le strutture di supporto per l’installazione di nuovi pannelli solari iROSA. Fino a quel momento erano stati installati due dei sei iROSA previsti che avrebbero aggiornerato sei degli otto canali di alimentazione della ISS, portando la potenza a disposizione da 160 a 215 kilowatt.[53]

Lancio e attracco della Sojuz MS-21Modifica

Il 18 marzo 2022 venne lanciata la Sojuz MS-21 dal Cosmodromo di Bajkonur con a bordo il comandante Oleg Artem'ev e gli ingegneri di volo Denis Matveev e Sergej Korsakov. Fu la prima volta che un equipaggio verso la Stazione spaziale internazionale era composto interamente da cittadini russi. Dopo tre ore di viaggio, il veicolo spaziale attraccò al nuovo modulo Prichal, portando per un breve periodo l’equipaggio della Stazione da 7 a 11 membri. Durante le operazioni di attracco, il sistema di attracco automatico Kurs non funzionò bene e il comandante Artem'ev dovette prendere il controllo del veicolo e pilotarlo manualmente.[54][55]

EVA 4 (USOS 80)Modifica

L'ultima EVA della missione venne svolta da Chari e Maurer il 23 marzo 2022. All'inizio della attività extraveicolare la struttura sulla quale erano montate le telecamere e le luci del casco di Maurer si sganciò e gli astronauti dovettero perdere del tempo per fissarlo con delle fascette. Durante l'EVA installarono dei tubi flessibili su un Radiator Beam Valve Module che permette di instradare l'ammoniaca attraverso i radiatori che allontanano il calore della ISS per mantenere i sistemi alla temperatura adeguata. Inoltre installarono un cavo di alimentazione e dati sulla piattaforma Bartolomeo del modulo Columbus e sostituirono una telecamera esterna sul Integrated Truss Structure.[56] Quando tornarono dentro l'airlock e iniziarono la svestizione, venne notata la presenza di acqua nel casco di Maurer che ne ricopriva buona parte della visiera. Le dinamiche ricordano l'incidente accaduto a Luca Parmitano nel 2013, ma non è detto che le cause siano le stesse, è stata quindi avviata un’indagine per scoprire la causa. A seguito dell'incidente del 2013 i caschi delle EMU sono stati dotati di una cannuccia per respirare in situazioni d'emergenza e di un tessuto assorbente posizionato nella parte posteriore del casco.[57][58]

Cambio di comando Škaplerov - MarshburnModifica

Il 29 marzo 2022 il comandante dell'Expedition 66 Škaplerov passò il comando della Stazione Spaziale Internazionale all'astronauta Thomas Marshburn per le prime settimane dell'Expedition 67. L'Expedition 66 si concluse ufficialmente il giorno successivo alle 7:21 UTC con lo sgancio della Sojuz MS-19 (Škaplerov, Dubrov e Vande Hei). Dubrov e Vande Hei al momento dell'atterraggio avevano trascorso quasi un anno continuativo nello spazio.[59][60]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Mark Garcia, Soyuz Crew Ship with Russian Trio Undocks from Station, su blogs.nasa.gov, NASA, 17 ottobre 2021.
  2. ^ (EN) Thomas Pesquet takes commanding role on Space Station, su esa.int, ESA, 4 ottobre 2021.
  3. ^ (EN) Mark Garcia, Soyuz Crew Ship Undocks, Expedition 66 Mission Ends, su blogs.nasa.gov, NASA.
  4. ^ (EN) Mark Garcia, Two Flight Engineers’ Stay Extended; Biology, Maintenance Work Pick Up, su blogs.nasa.gov, NASA, 14 settembre 2021.
  5. ^ (EN) Meghan Bartels, NASA astronaut gets extended stay in space for record-breaking 353-day mission, su Space.com, 14 settembre 2021.
  6. ^ (EU) Грузовой корабль «Прогресс МС-17» ушел в автономный полет, su roscosmos.ru, Roscosmos, 21 ottobre 2021.
  7. ^ (EN) Anatoly Zak, Progress MS-17 relocates to Nauka, su russianspaceweb.com, RussianSpaceWeb.
  8. ^ (EU) Грузовой корабль «Прогресс МС-17» причалил к «Науке», su roscosmos.ru, Roscosmos, 22 ottobre 2021.
  9. ^ (EN) Leo Bruce, Progress MS-17 completes 24 hour long relocation at Space Station, su nasaspaceflight.com, NasaSpaceFlight, 20 ottobre 2021.
  10. ^ (RU) Корабль «Прогресс МС-18» на пути к МКС, su roscosmos.ru, Roscosmos, 28 ottobre 2021.
  11. ^ (RU) «Прогресс МС-18» пристыковался к модулю «Звезда», su roscosmos.ru, Roscosmos, 30 ottobre 2021.
  12. ^ (RU) Антон Шкаплеров — новый командир МКС, su roscosmos.ru, Roscosmos, 6 novembre 2021.
  13. ^ (EN) Sarah Loff, NASA, SpaceX Adjust Crew-2 Station Departure Date, su blogs.nasa.gov, NASA, 7 novembre 2021.
  14. ^ (EN) Kathleen Ellis, Kathleen Ellis, su blogs.nasa.gov, NASA, 9 novembre 2021.
  15. ^ (EN) Danielle Sempsrott, NASA's SpaceX Crew-3 Underway as Endurance Journeys to Station, su blogs.nasa.gov, NASA, 11 novembre 2021.
  16. ^ (EN) Norah Moran, Crew Dragon Endurance Docked to the Space Station, su blogs.nasa.gov, NASA, 11 novembre 2021.
  17. ^ (EN) Norah Moran, The Station Crew Welcomed Four New Members, su blogs.nasa.gov, NASA, 11 novembre 2021.
  18. ^ Matteo Deguid, È iniziata la missione Crew-3, su astronautinews.it, AstronautiNews, 14 novembre 2021.
  19. ^ (EN) ISS preparing for space debris evasion maneuver, su en.roscosmos.ru, Roscosmos, 10 novembre 2021.
  20. ^ (EN) November 16 ISS orbit correction canceled, su en.roscosmos.ru, Roscosmos, 11 novembre 2021.
  21. ^ (EN) ISS orbital altitude correction conducted, su en.roscosmos.ru, Roscosmos, 10 novembre 2021.
  22. ^ (RU) Угрожавший МКС космический мусор пролетел мимо станции, но может вернуться, su ria.ru, 15 novembre 2021editore=RIA Novosti.
  23. ^ (RU) Экипаж "Союза МС-19" скрылся в корабле перед вторым пролетом мусора, su ria.ru, RIA Novosti, 15 novembre 2021.
  24. ^ roscosmos, The @Space_Station crew is routinely performing operations according to the flight program. The orbit of the object, which forced the crew today to move into spacecraft according to standard procedures, has moved away from the ISS orbit. The station is in the green zone. (Tweet), su Twitter, 15 novembre 2021.
  25. ^ (RU) На МКС закроют внутренние люки из-за угрозы космического мусора, su ria.ru, RIA Novosti, 15 novembre 2021.
  26. ^ (EN) Meghan Bartels, Space debris forces astronauts on space station to take shelter in return ships, su space.com, Space.com/, 15 novembre 2021.
  27. ^ (EN) Mark Garcia, Cygnus Departs Station Ending Cargo Mission, su blogs.nasa.gov, NASA, 20 novembre 2021.
  28. ^ (EN) Mark Garcia, Russian Port Module is Safely in Orbit Headed for Station, su blogs.nasa.gov, NASA, 24 novembre 2021.
  29. ^ (EN) Mark Garcia, Russia's New Docking Module Arrives at Station, su blogs.nasa.gov, NASA.
  30. ^ (EN) Mark Garcia, Station Spacewalk Now Planned for Thursday, su blogs.nasa.gov, NASA, 30 novembre 2021.
  31. ^ (EN) Mark Garcia, NASA Teams Delay Spacewalk After Debris Notification, su blogs.nasa.gov, NASA, 30 novembre 2021.
  32. ^ (EN) Mark Garcia, NASA Astronauts Replace Antenna System Ending Spacewalk, su blogs.nasa.gov, NASA, 2 dicembre 2021.
  33. ^ (EN) Mark Garcia, Flight Controllers Assessing Debris Risk to Station, su blogs.nasa.gov, NASA, 2 dicembre 2021.
  34. ^ (EN) Mark Garcia, Station Separates from Debris After Orbital Maneuver, su blogs.nasa.gov, NASA, 3 dicembre 2021.
  35. ^ (EN) Unscheduled ISS orbit correction conducted, su en.roscosmos.ru, Roscosmos, 3 dicembre 2021.
  36. ^ (EN) Mark Garcia, Soyuz Trio Blasts off to Station for 11-Day Stay, su blogs.nasa.gov, NASA, 8 dicembre 2021.
  37. ^ (EN) Mark Garcia, Soyuz Crew Ship Docks to Station with Three Visitors, su blogs.nasa.gov, NASA, 8 dicembre 2021.
  38. ^ (EN) Mark Garcia, Russian, Japanese Visitors Leave Station and Head Home, su blogs.nasa.gov, NASA, 19 dicembre 2021.
  39. ^ (EN) Mark Garcia, Crew Gets Ready for Cargo Dragon after Visitors Leave Station, su blogs.nasa.gov, NASA, 20 dicembre 2021.
  40. ^ (EN) Mark Garcia, Cargo Dragon Docks to Station with Brand New Science, su blogs.nasa.gov, NASA, 22 dicembre 2021.
  41. ^ (EN) Mark Garcia, Modified Russian Propulsion Module Departs Station, su blogs.nasa.gov, NASA, 22 dicembre 2021.
  42. ^ (EN) Mark Garcia, NASA TV is Live as Two Cosmonauts Prep for Station Spacewalk, su blogs.nasa.gov, NASA, 19 gennaio 2022.
  43. ^ (EN) Mark Garcia, Cosmonauts Wrap Up Spacewalk after Russian Module Work, su blogs.nasa.gov, NASA, 19 gennaio 2022.
  44. ^ (EN) Mark Garcia, Dragon Departure Waits One More Day Due to Adverse Weather, su blogs.nasa.gov, NASA, 22 gennaio 2022.
  45. ^ (EN) Mark Garcia, SpaceX Cargo Dragon Undocks from Station for Monday Splashdown, su blogs.nasa.gov, NASA, 23 gennaio 2022.
  46. ^ (EN) Mark Garcia, Cargo Dragon Splashes Down Ending SpaceX CRS-24 Mission, su blogs.nasa.gov, NASA, 24 gennaio 2022.
  47. ^ (EN) Mark Garcia, Russian Cargo Craft Blasts off to Resupply Station, su blogs.nasa.gov, NASA, 15 febbraio 2022.
  48. ^ (EN) Mark Garcia, Russian Space Freighter Docks to Station After Two Days, su blogs.nasa.gov, NASA, 17 febbraio 2022.
  49. ^ (EN) Mark Garcia, U.S. Cargo Craft Launches to Station for Monday Delivery, su blogs.nasa.gov, NASA, 19 febbraio 2022.
  50. ^ (EN) Mark Garcia, Astronauts Capture U.S. Resupply Ship Packed With Cargo, su blogs.nasa.gov, NASA, 21 febbraio 2022.
  51. ^ (EN) Mark Garcia, Cygnus Being Installed to Station Live on NASA TV, su blogs.nasa.gov, NASA, 21 febbraio 2022.
  52. ^ (EN) Thomas Burghardt, Northrop Grumman Cygnus NG-17 arrives at ISS, su nasaspaceflight.com, NASASpaceFlight, 19 febbraio 2022.
  53. ^ (EN) Mark Garcia, NASA Astronauts Complete Spacewalk for Solar Array Work, su blogs.nasa.gov, NASA, 15 marzo 2022.
  54. ^ (EN) Mark Garcia, Russian Trio Launches on Express Trip to Station, su blogs.nasa.gov, NASA, 18 marzo 2022.
  55. ^ (EN) Mark Garcia, Soyuz Trio Docks to Station, NASA Astronaut Nears Departure, su blogs.nasa.gov, NASA, 18 marzo 2022.
  56. ^ (EN) Heidi Lavelle, Astronauts Complete Spacewalk to Install Station Upgrades, su blogs.nasa.gov, NASA, 23 marzo 2022.
  57. ^ (EN) WILLIAM HARWOOD, Spacewalkers carry out station repairs and upgrades, note helmet water buildup, su cbsnews.com, cbsnews, 23 marzo 2022.
  58. ^ (EN) Mark Garcia, Trio Set to Go Home Wednesday; First Private Astronaut Mission Nears, su blogs.nasa.gov, NASA, 28 marzo 2022.
  59. ^ (EN) Mark Garcia, Soyuz Crew Ship Undocks, Expedition 66 Mission Ends, su blogs.nasa.gov, NASA, 30 marzo 2022.
  60. ^ (EN) Mark Garcia, Station Crew Changes Commanders Live on NASA TV, su blogs.nasa.gov, NASA, 29 marzo 2022.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica