Eyalet dell'Arcipelago

provincia dell'Impero ottomano (1533-1864)
Eyalet dell'Arcipelago
Archipelago Eyalet, Ottoman Empire (1609) Kopie.png
L'eyalet dell'Arcipelago nel 1609
Dati amministrativi
Nome completoEyâlet-i Cezi'ir-i Bahr-i Sefid
Nome ufficialeيالت جزائر بحر سفيد
Lingue ufficialiturco ottomano
Lingue parlateturco ottomano, arabo
CapitaleGallipoli
Dipendente daImpero ottomano
Politica
Forma di StatoEyalet
Forma di governoEyalet elettivo dell'Impero ottomano
Capo di StatoSultani ottomani
Nascita1535
Fine1864
Territorio e popolazione
Bacino geograficoIsole del Mar Egeo e Peloponneso
Massima estensione25.460 km2 nel XIX secolo
Popolazione700.000 nel XIX secolo
Economia
Commerci conImpero ottomano
Religione e società
Religioni preminentiIslam
Religione di StatoIslam
Religioni minoritarieCristianesimo, Ebraismo
Evoluzione storica
Preceduto daFlag of Palaeologus Dynasty.svg Despotato di Morea
bandiera Repubblica di Venezia
Impero ottomano Eyalet di Cipro
Succeduto daImpero ottomano Eyalet di Morea
Impero ottomano Vilayet dell'Arcipelago
Grecia Prima Repubblica ellenica
Flag of the Administration of Samos.svg Sistema politico-militare di Samo

L'eyalet dell'Arcipelago (in turco ottomano: يالت جزائر بحر سفيد, in turco: Cezayir-i Bahr-i Sefid Eyaleti, "eyalet delle Isole del Mar Bianco") fu un eyalet dell'Impero ottomano.

StoriaModifica

La provincia venne costituita nel 1535 come baliaggio.[1] La sua capitale era Gallipoli, la principale base navale della flotta ottomana. Dal momento che la provincia era retta da Kapudan Pasha, cappo della Marina ottomana, essa divenne nota anche col nome di Provincia di Kapudan Pasha'[2] (in ottomano: Kapudanlık-ı Derya, "Capitaneria del Mare"; in turco:Kaptanpaşa Eyaleti). Originariamente essa comprendeva la penisola di Gallipoli e le isole principali dell'arcipelago egeo. Rodi, Creta e Cipro vennero annesse poi dagli ottomani.

Dopo il 1864 esso venne riformato nel più piccolo vilayet dell'Arcipelago.

Geografia antropicaModifica

Suddivisioni amministrativeModifica

I sanjaks dell'eyalet nel XVIII secolo erano:[2]
  1. sanjak di Gelibolu (Gallipoli)
  2. sanjak di Ağriboz (Negroponte)
  3. sanjak di Karlıeli (Acarnania)
  4. sanjak di İnebahtı (Lepanto)
  5. sanjak di Rodi (Rodi)
  6. sanjak di Midilli (Metelino)
  7. sanjak di Biga (Biga)
  8. sanjak di Kocaeli
  9. İzmit
  10. Smirne
Tra il 1688 ed il 1702:[3]
  1. sanjak di Gelibolu (Gallipoli)
  2. sanjak di Rodi (Rodi)
  3. sanjak di Değirmenilk ve Mesentûri (Milo)
  4. sanjak di Andıra (Andro)
  5. sanjak di Senturin (Santorino)
  6. sanjak di Nakşa Berre (Nasso)
  7. sanjak di Limni (Lemno)
  8. sanjak di Kavala (Kavala)
  9. sanjak di Midillü (Lesbo) con Eskerüs (Sciro)
  10. sanjak di Sakız (Chio)
  11. sanjak di Mezistre (Mistra)
  12. sanjak di İnebahtı (Lepanto)
  13. sanjak di İskenderiyye (Alessandria d'Egitto)
  14. sanjak di Dimyad (Damietta) con Reşîd (Rosetta)
Tra il 1717 ed il 1730:[3]
  1. sanjak di Gelibolu (Gallipoli)
  2. sanjak di Kavala (Kavala)
  3. sanjak di Ağriboz (Negroponte)
  4. sanjak di İnebahtı (Lepanto)
  5. sanjak di Sığla o Suğla (Ayasuluğ, assente)
  6. sanjak di Kocaeli (İzmit)
  7. sanjak di Karlıeli (Acarnania)
Tra il 1731 ed il 1740:[3]
  1. sanjak di Gelibolu (Gallipoli)
  2. sanjak di Değirmenlik ve Mesentûri (Milo, assente)
  3. sanjak di Sığla o Suğla (Ayasuluğ, assente)
  4. sanjak di Karlıeli (Acarnania)
  5. sanjak di Senturin (Santorino, assente)
  6. sanjak di Nakşa Berre (Nasso, assente)
  7. sanjak di Kavala (Kavala)
  8. sanjak di Ağriboz (Negroponte)
  9. sanjak di İnebahtı (Lepanto)
  10. sanjak di Mora (Nauplia, muhassıllık)
  11. sanjak di Mezistre (Mistra, assente)
  12. sanjak di Kocaeli (İzmit)

NoteModifica

  1. ^ Nejat Göyünç, Osmanlı Devleti'nde Taşra Teşkilâtı (Tanzimat'a Kadar), Osmanlı, Cilt 6: Teşkilât, Yeni Türkiye Yayınları, Ankara, 1999, ISBN 975-6782-09-9, p. 77. (in turco)
  2. ^ a b Çelebi, Evliya. Trans. by von Hammer, Joseph. Narrative of travels in Europe, Asia, and Africa in the seventeenth century, Vol. 1, p. 91. Parbury, Allen, & Co. (London), 1834. Accessed 10 September 2011.
  3. ^ a b c Orhan Kılıç, XVII. Yüzyılın İlk Yarısında Osmanlı Devleti'nin Eyalet ve Sancak Teşkilatlanması, Osmanlı, Cilt 6: Teşkilât, Yeni Türkiye Yayınları, p. 104. (Ankara) 1999. ISBN 975-6782-09-9. (TR)