FA Premier League 2000-2001

edizione del torneo calcistico
FA Premier League 2000-2001
FA Carling Premiership 2000-2001
Competizione FA Premier League
Sport Calcio
Edizione 102ª (9ª di Premier League)
Organizzatore Federazione calcistica dell'Inghilterra
Date dal 19 agosto 2000
al 19 maggio 2001
Luogo Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra
Formula Girone all'italiana
Risultati
Vincitore Manchester Utd
(14º titolo)
Retrocessioni Manchester City
Coventry City
Bradford City
Statistiche
Miglior giocatore Bandiera dell'Inghilterra Teddy Sheringham (PFA)[1]
Bandiera della Francia Patrick Vieira (PL)
Miglior marcatore Bandiera dei Paesi Bassi Jimmy Floyd Hasselbaink (23)
Cronologia della competizione
1999-00 2001-02

La FA Premier League 2000-2001 è stata la 102ª edizione della massima serie del campionato inglese di calcio, disputato tra il 19 agosto 2000 e il 19 maggio 2001 e concluso con la vittoria del Manchester Utd, al suo quattordicesimo titolo, il terzo consecutivo.

Capocannoniere del torneo è stato Jimmy Floyd Hasselbaink (Chelsea) con 23 reti[2].

Stagione modifica

Novità modifica

Al posto delle retrocesse Wimbledon FC, Sheffield Wednesday e Watford sono saliti dalla First Division il Charlton, il Manchester City e, dopo i play-off, l'Ipswich Town.

Avvenimenti modifica

I Red Devils ottennero la vetta della classifica ad ottobre non lasciandola più fino a fine stagione. I rivali iniziali furono il sorprendente Leicester City che stazionò per alcune giornate in vetta alla graduatoria dopo ben 35 anni ed il neo promosso Ipswich Town; l'Arsenal accumulò un ritardo pesante sin dalle prime giornate e non fu mai in lotta per il titolo pur riuscendo a risalire fino al secondo posto; un pesante 6-1 incassato nello scontro diretto chiuse di fatto un torneo senza storia. Il Liverpool si consolò con un treble di coppe (Coppa UEFA, FA Cup e League Cup) e riuscì a resistere alla rimonta del Leeds Utd ottenendo la qualificazione per la Champions League. Per il Leeds fu l'inizio del declino che porterà il club in pochi anni dalla semifinale di Champions League raggiunta in questa stagione alla retrocessione in terza serie: il presidente del club infatti aveva ottenuto molti prestiti bancari contando di recuperare il denaro con la partecipazione alla massima competizione europea.

Storico fu il torneo della matricola Ipswich Town che riuscì a qualificarsi per la Coppa UEFA e lottò per il terzo posto sino all'ultima giornata. Il Leicester City invece crollò nella seconda metà di stagione piazzandosi in un'anonima posizione di centro classifica. In coda il Derby County superò le difficoltà iniziali e si salvò vincendo alla penultima giornata ad Old Trafford. La sconfitta dei cugini costò cara al Manchester City che veniva da due promozioni consecutive, accompagnato in seconda serie dal Bradford City, ultimo per tutta la stagione e dal Coventry City che questa volta non riuscì ad evitare il baratro e salutò la massima divisione inglese dopo ben 34 anni di permanenza.

Squadre partecipanti modifica

Club Stagione Città Stadio Stagione precedente
Arsenal dettagli Londra Arsenal Stadium 2º posto in Premier League
Aston Villa dettagli Birmingham Villa Park 6º posto in Premier League
Bradford City dettagli Bradford Valley Parade 17º posto in Premier League
Charlton dettagli Londra The Valley 1º posto in First Division, promosso
Chelsea dettagli Londra Stamford Bridge 5º posto in Premier League
Coventry City dettagli Coventry Highfield Road 14º posto in Premier League
Derby County dettagli Derby Pride Park Stadium 16º posto in Premier League
Everton dettagli Liverpool Goodison Park 13º posto in Premier League
Ipswich Town dettagli Ipswich Portman Road 3º posto in First Division, promosso dopo i play-off
Leeds Utd dettagli Leeds Elland Road 3º posto in Premier League
Leicester City dettagli Leicester Filbert Street 8º posto in Premier League
Liverpool dettagli Liverpool Anfield 4º posto in Premier League
Manchester City dettagli Manchester Maine Road 2º posto in First Division, promosso
Manchester Utd dettagli Manchester Old Trafford 1º posto in Premier League
Middlesbrough dettagli Middlesbrough Riverside Stadium 12º posto in Premier League
Newcastle Utd dettagli Newcastle upon Tyne St James' Park 11º posto in Premier League
Southampton dettagli Southampton The Dell 15º posto in Premier League
Sunderland dettagli Sunderland Stadium of Light 7º posto in Premier League
Tottenham dettagli Londra White Hart Lane 10º posto in Premier League
West Ham Utd dettagli Londra Boleyn Ground 9º posto in Premier League

Allenatori e primatisti modifica

Club Allenatore Calciatore più presente Cannoniere[3]
Arsenal   Arsène Wenger   Thierry Henry (35)   Thierry Henry (17)
Aston Villa   John Gregory   David James,
  Paul Merson (38)
  Dion Dublin (8)
Bradford City   Chris Hutchings (1ª-12ª)
  Stuart McCall (13ª-14ª)
  Jim Jefferies (15ª-38ª)
  Stuart McCall (37)   Benito Carbone (5)
Charlton   Alan Curbishley   Claus Jensen (38)   Jonatan Johansson (11)
Chelsea   Gianluca Vialli (1ª-5ª)
  Claudio Ranieri (6ª-38ª)
  Dennis Wise,
  Gianfranco Zola (23)
  Jimmy Floyd Hasselbaink (23)
Coventry City   Gordon Strachan   Craig Bellamy (34)   Craig Bellamy,
  Mustapha Hadji,
  John Hartson (6)
Derby County   Jim Smith   Malcolm Christie (34)   Malcolm Christie (8)
Everton   Walter Smith   David Weir (37)   Kevin Campbell (9)
Ipswich Town   George Burley   Matt Holland (38)   Marcus Stewart (19)
Leeds Utd   David O'Leary   Lee Bowyer (38)   Mark Viduka (17)
Leicester City   Peter Taylor   Gary Rowett (38)   Ade Akinbiyi (9)
Liverpool   Gérard Houllier   Markus Babbel,
  Sander Westerveld (38)
  Michael Owen (16)
Manchester City   Joe Royle   Steve Howey (36)   Paulo Wanchope (9)
Manchester Utd   Alex Ferguson   Gary Neville,
  Paul Scholes (32)
  Teddy Sheringham (15)
Middlesbrough   Terry Venables &   Bryan Robson   Christian Karembeu (33)   Alen Bokšić (12)
Newcastle United   Bobby Robson   Aaron Hughes,
  Gary Speed (35)
  Carl Cort,
  Nolberto Solano (6)
Southampton   Glenn Hoddle (1ª-30ª)
  Stuart Gray (31ª-38ª)
  Wayne Bridge,
  Claus Lundekvam (38)
  James Beattie (11)
Sunderland   Peter Reid   Michael Gray (36)   Kevin Phillips (14)
Tottenham   George Graham (1ª-29ª)
  David Pleat (30ª-31ª)
  Glenn Hoddle (32ª-38ª)
  Neil Sullivan (35)   Les Ferdinand (10)
West Ham Utd   Harry Redknapp (1ª-37ª)
  Glenn Roeder (38ª)
  Shaka Hislop,
  Stuart Pearce (34)
  Frederic Kanouté (11)

Classifica finale modifica

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
  1. Manchester Utd 80 38 24 8 6 79 31 +48
2. Arsenal 70 38 20 10 8 63 38 +25
3. Liverpool 69 38 20 9 9 71 39 +32
4. Leeds Utd 68 38 20 8 10 64 43 +21
[4] 5. Ipswich Town 66 38 20 6 12 57 42 +15
[5] 6. Chelsea 61 38 17 10 11 68 45 +23
7. Sunderland 57 38 15 12 11 46 41 +5
8. Aston Villa 54 38 13 15 10 46 43 +3
9. Charlton 52 38 14 10 14 50 57 -7
10. Southampton 52 38 14 10 14 40 48 -8
11. Newcastle Utd 51 38 14 9 15 44 50 -6
12. Tottenham 49 38 13 10 15 47 54 -7
13. Leicester City 48 38 14 6 18 39 51 -12
14. Middlesbrough 42 38 9 15 14 44 44 0
15. West Ham Utd 42 38 10 12 16 45 50 -5
16. Everton 42 38 11 9 18 45 59 -14
17. Derby County 42 38 10 12 16 37 59 -22
  18. Manchester City 34 38 8 10 20 41 65 -24
  19. Coventry City 34 38 8 10 20 36 63 -27
  20. Bradford City 26 38 5 11 22 30 70 -40

Legenda:

      Campione d'Inghilterra e qualificata alla prima fase a gironi della UEFA Champions League 2001-2002.
      Qualificata alla prima fase a gironi della UEFA Champions League 2001-2002.
      Qualificate al terzo turno di qualificazione della UEFA Champions League 2001-2002.
      Qualificate al primo turno di Coppa UEFA 2001-2002.
      Ammesse al terzo turno di Coppa Intertoto 2001.
      Retrocesse in First Division 2001-2002.

Regolamento:

Tre punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
A parità di punti le squadre vengono classificate secondo la differenza reti.

Squadra campione modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Manchester United Football Club 2000-2001.
Formazione tipo Giocatori (presenze)
  Fabien Barthez (30)
  Gary Neville (32)
  Mikaël Silvestre (30)
  Wes Brown (28)
  Phil Neville (29)
  David Beckham (31)
  Roy Keane (28)
  Paul Scholes (32)
  Ryan Giggs (31)
  Teddy Sheringham (29)
  Ole Gunnar Solskjær (31)
Allenatore:   Alex Ferguson
Altri giocatori: Nicky Butt (28), Dwight Yorke (22), Denis Irwin (21), Andy Cole (19), Luke Chadwick (15), Jaap Stam (15), Ronnie Wallwork (12), Ronny Johnsen (11), Raimond van der Gouw (10), Quinton Fortune (7), Jonathan Greening (7), Michael James Stewart (3), Andy Goram (2), David May (2), Henning Berg (1), Bojan Đorđić (1), David Healy (1), Paul Rachubka (1).

Statistiche modifica

Squadre modifica

Capoliste solitarie modifica

Fonte:[6]

————————————————————————————————————————————————————————————————————————————
Manchester Utd
10ª11ª12ª13ª14ª15ª16ª17ª18ª19ª20ª21ª22ª23ª24ª25ª26ª27ª28ª29ª30ª31ª32ª33ª34ª35ª36ª37ª38ª

Individuali modifica

Classifica marcatori modifica

Fonte:[3]

Gol Rigori Giocatore Squadra
23 4   Jimmy Floyd Hasselbaink Chelsea
19 2   Marcus Stewart Ipswich Town
17 1   Thierry Henry Arsenal
17   Mark Viduka Leeds Utd
16   Michael Owen Liverpool
15 1   Teddy Sheringham Manchester Utd
14   Emile Heskey Liverpool
14 2   Kevin Phillips Sunderland
12 2   Alen Bokšić Middlesbrough
11   James Beattie Southampton
11   Jonatan Johansson Charlton
11   Frederic Kanouté West Ham Utd
11   Gustavo Poyet Chelsea
11   Alan Smith Leeds Utd
11   Ole Gunnar Solskjær Manchester Utd

Note modifica

  1. ^ (EN) England Player Honours - Professional Footballers' Association Players' Players of the Year, su englandfootballonline.com. URL consultato l'11 settembre 2019.
  2. ^ Premier League & Football League Div 1 Leading Goalscorers 1993-2004, su rsssf.com.
  3. ^ a b (EN) Premier League 2000/2001 .:. Top scorers, su worldfootball.net. URL consultato il 17 marzo 2020.
  4. ^ Qualificata al primo turno di Coppa UEFA 2001-2002 in quanto sia la vincitrice dell'FA Cup (il Liverpool che la finalista perdente (l'Arsenal sono già qualificate alle coppe europee tramite il campionato.
  5. ^ Qualificata al primo turno di Coppa UEFA 2001-2002 in quanto la vincitrice della Football League Cup (il Liverpool è già qualificato alle coppe europee tramite il campionato. La finalista perdente (il Birmingham City non ottiente il pass militando in First Division.
  6. ^ Premier League 2000/2001 .:. 38. Round

Voci correlate modifica

Collegamenti esterni modifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio