Apri il menu principale

BiografiaModifica

Carpi iniziò la sua carriera negli anni '40 come critico cinematografico per i quotidiani Libera Stampa e L'Unità.[1] Nel 1951 si trasferì in Brasile, dove intraprese l'attività di sceneggiatore, attività che continuò anche una volta ritornato in Italia nel 1954, e che lo portò a collaborare con registi quali Antonio Pietrangeli, Dino Risi e Vittorio De Seta.[1] Nel 1971 vinse un Nastro d'argento per la sceneggiatura del film di Nelo Risi Diario di una schizofrenica.[2] Dopo un esordio dietro la macchina da presa nel 1968 per un breve documentario televisivo, il suo debutto ufficiale alla regia avvenne nel 1972 con il film drammatico Corpo d'amore.[1]

Fu anche saggista e si cimentò nella narrativa. Il suo romanzo Patchwork vinse il Premio Bagutta nel 1998.[3][4]

Morì sul finire del 2018 a Parigi.[5]

CinemaModifica

Film per la televisione e documentariModifica

  • Zavattini, parliamo tanto di me (documentario dedicato a Cesare Zavattini, 1966)
  • Le ambizioni sbagliate (1983)
  • I cani di Gerusalemme (1984)
  • Musatti, matematico veneziano (documentario dedicato allo psicanalista Cesare Musatti, 1986)

PubblicazioniModifica

  • Astarte (1944)
  • Ancora annota Europa (1944)
  • Libera scelta (1957 Mantovani)
  • Le vacche svizzere (1957 Carucci)
  • Dove sono i cannibali (1958 Lerici)
  • Cinema italiano del dopoguerra (1958 Schwarz)
  • Michelangelo Antonioni (1962 Guanda)
  • I luoghi abbandonati (1962 Mondadori, 2013 editori internazionali riuniti)
  • Relazioni umane (1964 Mondadori)
  • La digestione artificiale (1967 Mondadori)
  • Il circo di Pechino (1977 Cooperativa scrittori)
  • Mabuse (1982 Bompiani)
  • L'animale malato (1986 Carucci)
  • Nevermore (1995 Baldini & Castoldi)
  • Patchwork (1998 Bollati Boringhieri, vincitore del premio Bagutta)
  • Nobel. la sceneggiatura (2001 Gremese)
  • Le intermittenze del cuore (2004 Gremese)
  • Bonaparte (2006 Portaparole)
  • L'ultima tappa del giro di Francia (2008 Aragno)
  • Come sono andate le cose (2006 Aragno)
  • Pulce secca (2009 Greco & Greco)
  • Come ho fatto i miei film. diari. primo volume (2011 Portaparole)
  • Il grande ballo della letteratura (2013 editori internazionali riuniti)
  • Il cinema secondo me (2013 editori internazionali riuniti)
  • Una voce superflua nel coro (2014 editori internazionali riuniti)

NoteModifica

  1. ^ a b c Roberto Poppi, I registi: dal 1930 ai giorni nostri, Gremese Editore, 2002, ISBN 88-8440-171-2.
  2. ^ Enrico Lancia, I premi del cinema, Gremese Editore, 1998, ISBN 88-7742-221-1.
  3. ^ "Patchwork" di Carpi premiato con il Bagutta, in Corriere della Sera, 30 novembre 1998. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  4. ^ Claudio Altarocca, Carpi, Bagutta anonimo, in La Stampa, nº 351, 22 dicembre 1998, p. 22. URL consultato il 20 dicembre 2018.
  5. ^ http://www.bookciakmagazine.it/addio-fabio-carpi-il-cinema-necessario-di-un-autore-innamorato-della-parola/%7Cautore=Gino Santini|titolo=Addio Fabio Carpi, il cinema necessario di un autore innamorato della parola|data=31 dicembre 2018|accesso=1º gennaio 2019

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN119023035 · ISNI (EN0000 0001 0939 3208 · SBN IT\ICCU\RAVV\035898 · LCCN (ENnr96013354 · GND (DE119355078 · BNF (FRcb13523066h (data) · WorldCat Identities (ENnr96-013354