Apri il menu principale
Fabio Maria Asquini
cardinale di Santa Romana Chiesa
Fabio Maria Asquini.jpg
Template-Cardinal.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato14 agosto 1802, Fagagna
Ordinato presbitero26 febbraio 1825
Nominato arcivescovo2 ottobre 1837 da papa Gregorio XVI
Consacrato arcivescovo8 ottobre 1837 dal cardinale Carlo Odescalchi, S.J.
Elevato patriarca22 gennaio 1844 da papa Gregorio XVI
Creato cardinale22 gennaio 1844 da papa Gregorio XVI
Pubblicato cardinale21 aprile 1845 da papa Gregorio XVI
Deceduto23 dicembre 1878, Roma
 

Fabio Maria Asquini (Fagagna, 14 agosto 1802Roma, 23 dicembre 1878) è stato un cardinale e patriarca cattolico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Nacque a Fagagna il 14 agosto 1802.

Quando nel 1831 scoppiarono i moti nelle Legazioni, fu nominato legato pontificio a Ferrara, ma giunse in città solo dopo l'arrivo delle truppe austriache ed assunse il governo della città. Successivamente collaborò con gli austriaci in stanza nella Legazione, dimostrando anche una certa simpatia nei loro confronti, atteggiamento rimproveratogli più volte negli anni successivi. Con titolo di pro legato, rimase a Ferrara fino a circa la metà del 1836. Si adoperò per la liberazione del cardinale Giovanni Antonio Benvenuti, vescovo di Osimo e legato a latere dal papa, che stava tentando un negoziato con gli insorti, ma che era stato imprigionato e deportato a Bologna. Nel luglio 1836 divenne delegato apostolico della Legazione di Ancona e vi rimase solo poco più di un anno, durante il quale gestì l'emergenza causata da una forte epidemia di colera.

Il 2 ottobre 1837 fu eletto arcivescovo titolare di Tarso e fu consacrato l'8 ottobre a Roma dal cardinale Carlo Odescalchi. Il 22 dicembre 1837 divenne nunzio a Napoli, con l’incarico di rendere esecutivo il concordato stipulato nel 1818 tra papa Pio VII e Ferdinando I di Borbone.

Papa Gregorio XVI lo elevò al rango di cardinale in pectore nel concistoro del 22 gennaio 1844[1] e la nomina venne resa pubblica nel concistoro del 21 aprile 1845, ricevendo anche il titolo di Santo Stefano al Monte Celio.

Morì il 23 dicembre 1878 all'età di 76 anni.

ConclaviModifica

Il cardinale Asquini partecipò a due conclavi:

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Salvador Miranda, ASQUINI, Fabio Maria, su fiu.edu – The Cardinals of the Holy Roman Church, Florida International University.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89734368 · SBN IT\ICCU\IEIV\054839 · BAV ADV12032199 · WorldCat Identities (EN89734368