Apri il menu principale

Fabio Testi (Peschiera del Garda, 2 agosto 1941) è un attore italiano.

Indice

BiografiaModifica

Vita privataModifica

Nel corso degli anni settanta si lega sentimentalmente alle attrici Ursula Andress e Charlotte Rampling. Queste relazioni porteranno una certa popolarità anche all'estero al giovane Testi. Nel 1979 sposa la stilista spagnola Lola Navarro, che gli dà tre figli: Fabio, Thomas e Trini. Il 3 gennaio 2015 si sposa per la seconda volta, a Capri e con rito civile, con la gallerista Antonella Liguori. Ha avuto una relazione sentimentale per tre anni con l'attrice Edwige Fenech, che gli ha attribuito la paternità di un figlio[1] poi successivamente smentita più volte, senza però rivelare l'identità del padre.

Attore cinematograficoModifica

Nel 1966 inizia la sua carriera lavorando come controfigura per Il buono, il brutto, il cattivo, celebre film di Sergio Leone. Già nel 1968 è alla prima parte attoriale: partecipa alla produzione di C'era una volta il west, sempre di Leone, ma la sua interpretazione viene tagliata in post-produzione in quanto giudicata non ottimale con il resto del cast. Gli verrà affidato, essendo comunque sotto contratto, un ruolo di secondo piano.

Nel 1970 arriva la prima vera occasione: Testi recita ne Il giardino dei Finzi Contini, per la regia di Vittorio De Sica. Il film otterrà un Oscar come miglior film straniero. Nel 1971 lavora da protagonista nel film di Giuseppe Patroni Griffi Addio fratello crudele, con Charlotte Rampling: nel 1972 recita nel film Camorra, regia di Pasquale Squitieri; sempre quest'ultimo lo dirigerà nel 1974 nel film I guappi, dove è protagonista insieme a Claudia Cardinale e Franco Nero.

Nel 1974 arrivano i primi grandi successi all'estero: è coprotagonista di L'importante è amare, del regista polacco Andrzej Żuławski, al fianco di Romy Schneider, che per quel film vincerà il Premio César. Nel 1975 ha una parte nel film di Tonino Valerii Vai gorilla. Nel 1985 è tra i protagonisti del film Io e il Duce, regia di Alberto Negrin, con Susan Sarandon e Anthony Hopkins. Nel 2010 ha una piccola parte nel film statunitense Letters to Juliet ed è nel cast di Road to Nowhere di Monte Hellman.

Attore televisivoModifica

Nel 1996 viene chiamato a sostituire Philippe Leroy nel ruolo di Yanez de Gomera in Il ritorno di Sandokan, per Mediaset. Pur avendo Testi una gradevole voce, la produzione decide di doppiarlo con Romano Malaspina. È un po' il destino di molti attori italiani della sua generazione, da Giuliano Gemma a Terence Hill a Maurizio Merli.

Nel 2006 recita in alcune puntate della soap opera di Raiuno Sottocasa. Nel 2009 è tra i protagonisti della fiction Mediaset Il falco e la colomba, per la regia di Giorgio Serafini, con Enrico Lo Verso e Anna Galiena. Nel 2010 è nel cast del film TV di Canale 5 Colpo di fulmine, per la regia di Roberto Malenotti, con Lola Ponce e Roberto Farnesi; sempre con Roberto Farnesi ha fatto parte del cast della fiction di Canale 5 Al di là del lago, del 2011.

Altre esperienzeModifica

Nel 1984 è stato interprete del singolo Palma de Majorca/L'artista, pubblicato dalla Compagnia Generale del Disco.[2]

Nel 2003 partecipa come concorrente al programma televisivo L'isola dei famosi, venendo eliminato nel corso della quarta puntata con il 75% dei voti.

Nel 2007 partecipa come candidato sindaco alle elezioni amministrative di Verona, per i Cattolici Liberali Cristiani[3], riportando lo 0,47% delle preferenze, per un totale di 715 voti[4].

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Discografia parzialeModifica

SingoliModifica

  • 1984 - Palma de Majorca/L'artista (CGD, CGD 10551, 7")

Doppiatori italianiModifica

Nonostante sia italiano, Fabio Testi è stato doppiato numerose volte. Di seguito un elenco parziale:

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN78468033 · ISNI (EN0000 0001 1448 9474 · SBN IT\ICCU\RAVV\088634 · LCCN (ENno2003057063 · GND (DE141649429 · BNF (FRcb139545115 (data) · WorldCat Identities (ENno2003-057063