Fachiro

professione

Il termine fachiro deriva dall'arabo faqir ((AR) ), che significa povero, identificava, in origine, i dervisci musulmani, diffusi soprattutto in Anatolia e in Persia, i quali vivevano nella più assoluta povertà; in seguito, fu usato per indicare i mendicanti indù noti per la dedizione allo yoga e a pratiche mistiche.

Fachiro a Varanasi (India), 1907.
Letto di chiodi.

Descrizione

modifica

Al giorno d'oggi per fachiro si intende generalmente un asceta in grado di sottoporsi a prove che appaiono particolarmente gravose, quali camminare su carboni ardenti (pirobazia), o dormire su letti irti di chiodi. È ormai d'uso comune indicare con tale termine anche chi, seppure non di origine indiane, è in grado di esibirsi in questo tipo di esercizi.

Oltre che con la citata insensibilità al dolore, i fachiri, da tempi remotissimi, ottengono cibo e rispetto presso le più povere popolazioni indiane mediante le loro presunte capacità sovrannaturali, quali la levitazione, l'invisibilità, la sopportazione del digiuno o la capacità di restare per giorni sepolti sotto il suolo. Come è facile intuire, queste figure sono da sempre avvolte dal mistero.

Tale mistero è alimentato anche dalle mortificazioni corporee che alcuni fachiri si impongono; celebri, infatti, sono figure come il santone Amret Giri-Baba, di cui si riporta che avrebbe trascorso dodici anni tenendo sempre alzato il braccio destro, o come il fachiro Balyogi Baba, di cui si tramanderebbe l'essersi tenuto in bilico con una gamba alzata per quattro anni; di altri fachiri si riporta che sarebbero in grado di stare per giorni interi con la testa sotto terra.

Bibliografia

modifica

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàThesaurus BNCF 18912 · LCCN (ENsh85046942 · GND (DE4194958-4 · BNF (FRcb131635510 (data) · J9U (ENHE987007565459605171