Apri il menu principale

La casa imperiale del Giappone, detta anche famiglia imperiale (皇室 kōshitsu?), è l'erede storica e dinastica del Paese e comprende i membri della famiglia estesa dell'imperatore del Giappone che hanno ruoli e compiti ufficiali e pubblici. Sotto l'attuale costituzione, l'imperatore è il simbolo dello Stato e dell'unità del popolo. Anche se ufficialmente non è un capo di Stato, è frequentemente considerato tale. Gli altri membri della famiglia partecipano a cerimonie ed eventi sociali ma non hanno impegni di governo.

Alcuni membri della Famiglia Imperiale del Giappone alle celebrazioni del nuovo anno nel 2011.

La monarchia giapponese è la più antica monarchia ereditaria ininterrotta ancora esistente del mondo. La casa imperiale riconosce 126 monarchi legittimi a partire dalla ascesa dell'imperatore Jimmu, datata ufficialmente l'11 febbraio 660 a.C., tra cui l'attuale imperatore Naruhito.

Indice

Membri dell'attuale famiglia imperialeModifica

La legge della Casa Imperiale del 1947 ha abolito la nobiltà giapponese e, ai sensi delle disposizioni dell'attuale normativa, la famiglia imperiale è stata ridotta ai discendenti dell'imperatore Taishō.[1]

Attualmente i membri della famiglia imperiale sono 19, divisi in cinque rami. Tra parentesi il loro nome personale.

Ramo principale

Ramo di Akishino

 
Stemma del ramo di Akishino.

Ramo di Hitachi

 
Stemma del ramo di Hitachi.

Ramo di Mikasa

 
Stemma del ramo di Mikasa.

Ramo di Takamado

 
Stemma del ramo di Takamado.

Membri, ancora in vita, che non fanno più parte della famiglia imperialeModifica

In base alla legge del 1947, le Principesse imperiali ( naishinnō?) e le principesse ( nyoō?) perdono i loro titoli e l'appartenenza alla famiglia imperiale a seguito del matrimonio, tranne quando sposano l'imperatore o un altro membro della famiglia.

Le ex principesse imperiali ancora in vita, che hanno preso il cognome del marito, sono:

TitoliModifica

Il titolo Principe ( ō?) viene dato ai membri maschi della famiglia imperiale giapponese che non possono avere il titolo superiore di principe imperiale (親王 shinnō?). L'equivalente femminile è principessa (女王 nyoō?) e principessa imperiale (内親王 naishinnō?). Il termine ō potrebbe essere anche tradotto come "re". L'origine di questo doppio significato deriva dalla trasposizione del sistema utilizzato per la nobiltà cinese. A differenza di quest'ultima, tuttavia, Ō era utilizzato solo per i membri della famiglia imperiale. È interessante notare che il termine Regina (女王 joō?) utilizza gli stessi Kanji di nyoō.

Storicamente, tutti i membri maschili della famiglia imperiale possedevano il titolo di ō, e shinnō era un titolo speciale assegnato dall'imperatore.

Dopo la restaurazione Meiji, il significato di ō e di shinnō sono cambiati leggermente. Uno shinnō o naishinnō (femminile) era un membro legittimo della famiglia imperiale discendente dall'imperatore, fino al grado di pronipote (di nonno). Con la dicitura "membro legittimo della famiglia imperiale" si esclude chiunque non sia connesso con una discendenza maschile, e i discendenti di chiunque abbia rinunciato alla sua appartenenza alla famiglia reale, oppure sia stato espulso. Il termine Shinnō include anche i capifamiglia di tutte le Famiglie di principi ( Shinnōke?).

Nel 1947 la legge venne modificata in modo che il titolo di Shinnō era assegnato solo alla linea maschile di discendenza dell'imperatore fino al nipote. La consorte di un membro della famiglia con il titolo di ō oppure shinnō ha il suffisso -hi (妃), ovvero ō-hi e Shinnō-hi.

Linea genealogica ascendente diretta della famigliaModifica

(il numero decrescente indica la generazione ascendente dall'attuale imperatore)

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Giappone: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Giappone