Apri il menu principale
Familiaris consortio
Esortazione apostolica
Stemma di Giovanni Paolo II
Pontefice Giovanni Paolo II
Data 1981
Anno di pontificato IV
Traduzione del titolo L'insieme della famiglia
Esortazione papale nº II
Esortazione precedente Catechesi tradendae
Esortazione successiva Redemptionis donum

Familiaris consortio, in italiano L'insieme della famiglia, nota anche col titolo alternativo di Sul ruolo della famiglia cristiana nel mondo moderno, è la prima esortazione apostolica post-sinodale di papa Giovanni Paolo II. È stata promulgata il 22 novembre 1981.

Indice

ContenutoModifica

Il documento descrive la posizione della chiesa cattolica sul significato e sul ruolo del matrimonio e della famiglia e delinea i cambiamenti presenti su quell'ideale. Si riferisce al matrimonio come "uno dei più preziosi e urgenti compiti delle coppie cristiane del nostro tempo"[1] nonché come "la fondazione di una comunità famiglia, che è la vera istituzione del matrimonio e dell'amore coniugale ordinata per la procreazione e l'educazione dei figli, dove trova il suo coronamento."[2]

Tra le altre osservazioni, la Familiaris consortio ribadisce l'opposizione della chiesa al controllo artificiale delle nascite come già detto nell'esortazione Humanae vitae di papa Paolo VI, e fa menzione in breve all'opposizione della chiesa all'aborto. Discute inoltre della responsabilità e delle aspettative della famiglia sull'educazione dei figli. Continua con la descrizione delle aspettative della famiglia nella società allargata, incluso il servizio a favore dei poveri.

La parte finale (la più lunga) del documento descrive le aspettative della famiglia che include più direttamente la fede cattolica nel quotidiano, relativamente ai sacramenti, in particolare al matrimonio, raccomandando particolarmente la preghiera in famiglia. In particolare, questa sezione del documento augura un'unione permanente di tutti i membri della famiglia tramite il matrimonio. Rigetta ogni tipo di unione alternativa, tra cui le unioni esclusivamente civili e le unioni non riconosciute pubblicamente come legame.

La Familiaris consortio in rapporto con l' Amoris laetitia di papa FrancescoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Amoris laetitia.

Nel 2016, papa Francesco ha pubblicato l'esortazione apostolica post-sinodale Amoris laetitia. Diversi media hanno riportato i molti richiami al documento di Giovanni Paolo II e la potenziale variazione nel cambiamento dell'insegnamento della chiesa nella capacità da parte dei divorziati di ricevere l'Eucarestia, in particolare alla nota a piè di pagina n. 351,[3] che riporta testualmente:

A causa dei condizionamenti o dei fattori attenuanti, è possibile che, entro una situazione oggettiva di peccato – che non sia soggettivamente colpevole o che non lo sia in modo pieno – si possa vivere in grazia di Dio, si possa amare, e si possa anche crescere nella vita di grazia e di carità, ricevendo a tale scopo l’aiuto della Chiesa.

In certi casi, potrebbe essere anche l’aiuto dei Sacramenti. Per questo, «ai sacerdoti ricordo che il confessionale non dev’essere una sala di tortura bensì il luogo della misericordia del Signore» (Esort. ap. Evangelii gaudium [24 novembre 2013], 44: AAS 105 [2013], 1038). Ugualmente segnalo che l’Eucaristia «non è un premio per i perfetti, ma un generoso rimedio e un alimento per i deboli» (ibid., 47: 1039).[4]

Secondo alcune fonti vi sarebbe un'apparente contraddizione tra questa nota a piè di pagina e la Familiaris consortio e l'altra esortazione apostolica di Giovanni Paolo II, Reconciliatio et paenitentiae. Alcuni tradizionalisti, in particolare il vescovo kazako Athanasius Schneider ed il gruppo Voci della Famiglia, hanno criticato l'esortazione di papa Francesco. Voce della famiglia ha chiesto al pontefice di "riconoscere i gravi errori recentemente pubblicati nell'Esortazione Apostolica Amoris Laetitia, in particolare in quelle sezioni che portano alla dissacrazione della Santa Eucarestia [...] e ritirare l'Esortazione Apostolica con effetto immediato."[3]

NoteModifica

  1. ^ FC 20.
  2. ^ FC 14.
  3. ^ a b Raymond J. De Souza, Reading the fine print in Amoris Laetitia, su Catholic Herald, Catholic Herald Limited, 29 aprile 2016. URL consultato il 14 maggio 2016.
  4. ^ AL 305.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4383916-2
  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo