Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la frazione di Gradara in Provincia di Pesaro e Urbino, vedi Fanano (Gradara).
Fanano
comune
Fanano – Stemma Fanano – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Modena-Stemma.png Modena
Amministrazione
SindacoStefano Muzzarelli (lista civica Amare Fanano) dal 25-5-2014
Territorio
Coordinate44°12′44″N 10°47′50″E / 44.212222°N 10.797222°E44.212222; 10.797222 (Fanano)Coordinate: 44°12′44″N 10°47′50″E / 44.212222°N 10.797222°E44.212222; 10.797222 (Fanano)
Altitudine640 m s.l.m.
Superficie89,91 km²
Abitanti2 944[1] (30-11-2018)
Densità32,74 ab./km²
FrazioniCanevare Di Fanano, Fellicarolo, Lotta, Ospitale, Serrazzone, Trentino, Trignano
Comuni confinantiAbetone Cutigliano (PT), Fiumalbo, Lizzano in Belvedere (BO), Montese, San Marcello Piteglio (PT), Sestola
Altre informazioni
Cod. postale41021
Prefisso0536
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT036011
Cod. catastaleD486
TargaMO
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Cl. climaticazona F, 3 095 GG[2]
Nome abitantifananesi
PatronoSan Silvestro Papa
Giorno festivo31 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Fanano
Fanano
Fanano – Mappa
Posizione del comune di Fanano all'interno della provincia di Modena
Sito istituzionale
municipio, ex convitto dei padri scolopi

Fanano (Fanân in dialetto frignanese) è un comune italiano di 2 944 abitanti della provincia di Modena, in Emilia-Romagna, situato a sud del capoluogo. È il comune più vasto dell'Alto Frignano e gran parte del suo territorio è inserito all'interno del parco regionale dell'Alto Appennino Modenese. L'altitudine del suo territorio varia dai 600 ai 2165 m s.l.m. Fa parte dell'Unione dei comuni del Frignano, che ha il proprio capoluogo a Pavullo nel Frignano.

Indice

StoriaModifica

Situato nel territorio dei Liguri Friniates e con attestazioni di frequentazione da parte di genti etrusche, il toponimo viene fatto risalire ad una deformazione di Fannianus, possibile prediale di un Fannius, attestato da una stele funeraria modenese di età romana.

 
La Torre dell'Orologio di Fanano

Il nome di Fanano è documentato dall'VIII secolo. In epoca longobarda, all'inizio del VII secolo, San Colombano avrebbe fondato un monastero, in seguito divenuto benedettino[3] per opera di Sant'Anselmo di Nonantola. Nel centro del paese una chiesa è tuttora dedicata al Santo irlandese[4][5]. Nel territorio di Fanano già durante il tardo Medioevo vi furono molte famiglie contrapposte in due diverse fazioni. Alcune di esse furono gli Ottonelli, i Rinaldi, i Magnanini, i Fogliani, i Fuoli, i Ciardi di Lotta, i Corsini di Fellicarolo, i Lardi di Ferrara, i Ballocchi della Valle di Ospitale, i Neruzzi, i Sabbatini, ed altre fino all'anno 1532, quando il duca di Ferrara fece abbattere il castello della cittadina a causa dei continui disordini. Nel XIII secolo venne fondato un convento di Francescani, mentre tra la fine del XVI e gli inizi del XVII vennero eretti il monastero di clausura della Santissima Annunziata per le suore Clarisse ed il convento dei Padri Scolopi con relativa scuola per volere del capitano Ottonello Ottonelli. Agli inizi del XVIII secolo don Giovanni Battista Lolli eresse in Ospitale, poi trasferito a Fanano, un monastero di Cappuccine. Alla fine del Settecento venne soppresso il convento dei francescani e i frati si trasferirono in quello di Fiumalbo. Oggi è ancora esistente e funzionante il monastero di clausura della Santissima Annunziata, mentre quello delle cappuccine è confluito nelle Suore Francescane Missionarie di Cristo.

La fontana e l'acquedottoModifica

Di notevole importanza sono la fontana principale del paese e l'acquedotto costruito in concomitanza con essa. La prima, situata in piazza Corsini nel centro storico del paese, venne costruita nell'arco di un anno circa, dal 1912 al 1913, su progetto di Lapo Farinati degli Uberti, un giovane proveniente dal vicino comune di Cutigliano. L'acquedotto, che doveva sostituire il vecchio sistema ormai insufficiente a fornire acqua a tutti gli abitanti, fu progettato dallo stesso architetto che progettò la fontana. Le sorgenti che forniscono l'acqua al sistema si trovano in località Rovina Rasa (Fellicarolo) e furono donate dal dottor Camillo Monari. Tutti i progetti sono conservati nell'Archivio Comunale di Fanano.

Storia economicaModifica

Il borgo di Fanano è posto alla confluenza delle antiche strade che conducono alle frazioni. Tra queste Trentino, Trignano e Serrazzone vivevano anticamente dell'economia della media montagna, essenzialmente agricola; Ospitale, Canevare e Fellicarolo vivevano della tipica economia della castagna e della pastorizia. La castagna essiccata e macinata nei mulini posti lungo il Leo e il Fellicarolo costituiva l'alimento essenziale della popolazione, che integrava la dieta con prodotti della pastorizia, che tuttavia erano in gran parte venduti per il denaro liquido necessario agli acquisti di generi che non erano prodotti sul luogo, come strumenti di ferro e cotone per i telai familiari. Ha studiato l'economia della castagna sussistente ancora, nella valle di Ospitale, nel 1950, uno storico dell'economia agraria, Antonio Saltini, che ha misurato, sugli antichi catasti, la superficie coperta dai castagneti, quella a seminativo, quella a pascolo, quella a bosco, ricavando le quantità di castagne, di frumento, di fieno, di formaggi, il numero degli agnelli e dei vitelli di cui la popolazione disponeva ogni anno, la superficie a ceduo ogni anno sottoposta a taglio e la quantità di carbone ricavata, ricostruendo la dieta e gli scambi di derrate che la valle effettuava con il mercato[6].

Geografia antropicaModifica

FrazioniModifica

Trentino è la frazione più popolata, con più di 500 abitanti. Altre tre frazioni, che sono Ospitale, Fellicarolo e Canevare sono situate su tre valli parallele e le prime due danno il nome a due torrenti che confluiscono a formare il Leo. La frazione più vicina al centro del paese è Lotta, situata a 1,5 km circa dal centro storico. Infine Trignano e Serrazzone si situano lungo il percorso per arrivare al lago Pratignano.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[7]

 

Etnie e minoranze straniereModifica

Secondo i dati ISTAT[8] al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 357 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

AmministrazioneModifica

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
12 maggio 1985 5 maggio 1990 Gian Carlo Muzzarelli Partito Comunista Italiano Sindaco [9]
6 maggio 1990 22 aprile 1995 Claudio Zecchini PCI, PDS Sindaco [9]
23 aprile 1995 12 giugno 1999 Piergiorgio Passini centro-sinistra Sindaco [9]
13 giugno 1999 6 giugno 2009 Alessandro Corsini centro-destra, lista civica Sindaco [9]
7 giugno 2009 24 maggio 2014 Lorenzo Lugli lista civica Amare Fanano centro-sinistra Sindaco [9]
25 maggio 2014 in carica Stefano Muzzarelli lista civica - Amare Fanano centro-sinistra Sindaco [10]

Nella cultura di massaModifica

Fanano è stato utilizzato come set cinematografico in tre film: nel 1983, al Lago Scaffaiolo, è stato girato Una gita scolastica di Pupi Avati; il film Tutto quello che vuoi di Francesco Bruni, uscito nel 2015, ha alcune scene girate a Ospitale e comparse di Fanano. Nel 2018 è prevista l'uscita del film Zen sul ghiaccio sottile di Margherita Ferri.

GemellaggiModifica

Manifestazioni ricorrentiModifica

'Ste SrodenModifica

Si tiene verso la metà di ottobre e il nome vuole dire "quest'Autunno" in dialetto locale. L'evento principale che caratterizza questa manifestazione è l'allestimento della piazza principale, piazza Corsini, con colori e prodotti autunnali e bancarelle per la vendita di cibi e bevande locali.

Venerdì SantoModifica

La Triennale del Venerdì Santo è una manifestazione religiosa che si tiene ogni tre anni per le vie del centro del paese. Tramite decorazioni, cordoni e statue di bosso autoctono Buxus sempervirens vengono ricreate le tappe della Via Crucis. La manifestazione organizzata dalle confraternite locali e dai membri del clero del paese.

Festa del MirtilloModifica

È una manifestazione che si tiene ogni anno ad agosto che celebra uno dei prodotti tipici di Fanano, il mirtillo nero dell'Appennino Vaccinium myrtillus. Durante il corso di alcune giornate, produttori locali e non espongono e vendono prodotti principalmente a base di mirtillo per le strade del paese.

Presepe ViventeModifica

Una volta ogni due anni,nel periodo che va da Natale all'Epifania, il paese viene decorato in stile tardo ottocentesco,con capanne, essiccatoi e strutture tipiche montane del 19º secolo e,nelle giornate del 25 dicembre e del 6 gennaio viene inscenato l'arrivo dei magi a betlemme, evento chiave della festività natalizia Cristiana.

Luoghi d'interesseModifica

Lago ScaffaioloModifica

Il lago Scaffaiolo è uno specchio d'acqua di circa 0,05 km² di superficie che si trova nel comune di Fanano, poco dopo il Passo della Croce Arcana. La sua origine è peculiare rispetto ad altri laghi della zona dell'Emilia-romagna, poiché non è glaciale ma dovuta a una frattura della tettonica del crinale.

Lago PratignanoModifica

Questo specchio d'acqua rappresenta un punto di interesse naturalistico per due motivi: è l'unico esempio di tobiera nel nord'Italia ed è l'habitat naturale della Drosera Rotundifolia, una pianta carnivora.

Passo della Croce ArcanaModifica

Il Passo della Croce Arcana è un valico alpino posto a 1669 m s.l.m., al confine tra il comune di Fanano, nel territorio della frazione di Ospitale, e il comune di Cutigliano.

Borgo delle CaselleModifica

Questo borgo, situato oltre il ponte dell'acquedotto situato verso Ospitale, subì un movimento franoso nel 1953 che costrinse gli abitanti a abbandonare le case; ora costituisce un punto d'interesse, avendo preservato in parte strutture risalenti all'epoca.

Chiesa di San Giuseppe

La chiesa, costruita nel 1619 da Ottonello Ottonelli assieme all’attiguo convento dei Padri Scolopi (attuale palazzo municipale) è considerata una delle chiese secentesche più belle, ricche ed armoniose di tutto l’Appennino. La chiesa è a un’unica navata con sei cappelle laterali ed ampio presbiterio sopraelevato, limitato da un bell’arco sostenuto da eleganti colonne scanalate.

I sette altari sono dotati di sontuose ancone secentesche in legno intagliato e dorato, in gran parte opera dei fananesi Giovanni e Giuseppe Gherardini. Fra le undici tele conservate nella chiesa vanno segnalate in particolare: la pala dell’altare maggiore (“Ritrovamento di Gesù al Tempio”), iniziata da Giulio Secchiari nel 1623 e terminata da Pellegrino da Fanano nel 1644, e quindi, nelle cappelle laterali, il “ Martirio di Santa Caterina d’Alessandria” di scuola guercinesca, il “San Giuseppe Calasanzio presenta alla Madonna gli scolari delle Scuole Pie”, di Girolamo Vanulli (1749) e, soprattutto, l’elegantissima, luminosa “Madonna della Ghiara”, di Lodovico Lana.

Pieve di San Silvestro Papa

Il tempio, eretto molto probabilmente alla fine del XII secolo sopra i resti della chiesa abbaziale che Sant’Anselmo aveva fondato nel 749, era considerato uno dei più significativi esempi di architettura tardo-romanica dell’Appennino.

La sua struttura, che riprendeva quella basilicale del duomo di Modena, con tre navate, cripta e presbiterio sopraelevato, fu poi modificata nel 1612 con l’inversione della pianta e con l’aggiunta del transetto e della cupola. L’aspetto originario è riconoscibile soprattutto nella navata centrale e, in particolare, nelle possenti colonne sormontate da notevoli capitelli di scuola campionesse (o antelamica): nel terzo a destra, uno dei più ricchi, si legge 1206 In conversione Sancti Pauli (cioè 25 gennaio 1206, probabile data di consacrazione della chiesa), mentre sul quarto un pittore modenese del ‘300 ha affrescato una delicata “Madonna con Bambino”. Lungo le navate laterali e nel transetto si aprono tredici cappelle, edificate nei secoli XVI e XVII: tutte incorniciate da eleganti archi in pietra arenaria, sono opera di scalpellini locali e toscani (come la prima, con il Battistero, di Giovanni Battista da Firenze, del 1534).

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2018.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Comune di Fanano - Storia
  4. ^ Comune di Fanano - Monumenti
  5. ^ Paola Foschi, Il culto di San Colombano fra Modena e Bologna nel Medioevo, La chiesa di San Colombano a Fanano, pp. 103-109 - Estratto da Atti e Memorie Nuova Serie - Volume LV - Deputazione di Storia Patria per le Province di Romagna, Bologna, 2009.
  6. ^ Antonio Saltini, La valle di Ospitale: un'isola di economia naturale a metà del Novecento, in Villaggi, boschi e campi dell'Appennino dal Medioevo all'Età contemporanea, Gruppo di studi Alta Valle del Reno, Soc. Pistoiese di Storia Patria, Porretta Terme 1997
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ Statistiche demografiche ISTAT
  9. ^ a b c d e http://elezionistorico.interno.it/
  10. ^ Portale della Provincia di Modena | Enti | Elezioni amministrative 25 maggio 2014

BibliografiaModifica

  • P. Foschi, Il culto di San Colombano fra Bologna e Modena, in Atti e Memoria della Deputazione di Storia Patria per le Province di Romagna, 60, 2009, pp. 95-162
  • Eleonora Destefanis Il Monastero Di Bobbio in Eta Altomedievale – Hardcover, All'insegna del giglio, ISBN 88-7814-207-7 (88-7814-207-7)
  • Valeria Polonio Felloni Il monastero di San Colombano di Bobbio dalla fondazione all'epoca carolingia, Genova 1962, pp. 136 (Fonti e studi di storia ecclesiastica, II)
  • Valeria Polonio Felloni Il monachesimo nel Medioevo italico, in G. M. Cantarella – V. Polonio – R. Rusconi, Chiesa, chiese, movimenti religiosi, Roma-Bari 2001 (Manuali Laterza 149), pp. 81–187.
  • Valeria Polonio Felloni Colombano europeo?, in San Colombano e l'Europa, a cura di L. Valle – P. Pulina, Como – Pavia 2001 (Ibis, Minimalia), pp. 137 – 148.
  • R. Zanussi San Colombano d'Irlanda Abate d'Europa – Ed. Pontegobbo
  • Archivum Bobiense Rivista annuale degli Archivi storici Bobiensi (1979-2008). Bobbio
  • Francesco Prandini "La fontana di Fanano" , Edizioni Artestampa, 2016

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN153795353