Apri il menu principale

Faro di San Venerio

(Reindirizzamento da Faro del Tino)
Faro di San Venerio
Faro di San Venerio
StatoItalia Italia
Coordinate44°01′35.67″N 9°50′58.16″E / 44.026576°N 9.849488°E44.026576; 9.849488Coordinate: 44°01′35.67″N 9°50′58.16″E / 44.026576°N 9.849488°E44.026576; 9.849488
Mappa di localizzazione: Italia
Faro di San Venerio
Costruzione1840
Anno ultima ricostruzione1884
Altezza30 m
Elevazione99 m s.l.m.
Portata25 miglia nautiche
Elenco fari1708[1]
Visitabilesu richiesta
Automatizzatosi
Segnale
3 lampi bianchi periodo 15 secondi

Il faro di San Venerio, è situato sull'isola del Tino (che fa parte del territorio comunale di Porto Venere) in provincia della Spezia (Liguria). I suoi lavori di costruzione sono iniziati nel 1839 e dal 1840 illumina e guida i naviganti questa parte di Mar Ligure, coprendo il settore che confina a nord ovest con la Lanterna di Genova e a sud con il faro di Livorno.

StoriaModifica

L'edificio del faro è un esempio di costruzione fortificata neoclassica, pur avendo subito numerose modifiche nel corso del tempo. Comunque non ha perso quella monumentalità che lo caratterizza a chi può goderne la visita (l'isola è interdetta al pubblico poiché zona militare, ad esclusione del 13 settembre, giorno della ricorrenza di san Venerio (patrono del golfo della Spezia e dei fanalisti d'Italia), in occasione della quale diventa accessibile al pubblico.

Fu re Carlo Alberto che volle la costruzione di quest'opera e il primo combustibile utilizzato per il funzionamento del faro fu l'olio vegetale, seguito successivamente dal carbone. Nel 1884 venne costruita un'altra torre, più alta di quella originaria, alla cui sommità vennero poste delle lenti ottiche ad incandescenza, alimentate elettricamente da due macchine a vapore. Siccome questo sistema dava troppa potenza al fascio di luce prodotto, nel 1912 l'impianto venne sostituito con uno a vapori di petrolio.

Grazie all'arrivo dell'energia elettrica il faro venne elettrificato, mentre la completa automazione avvenne nel 1985.

Attualmente il faro è completamente controllato e gestito dal Comando di Zona Fari della Marina Militare con sede alla Spezia (Comando che si occupa di tutti i fari dell'Alto Tirreno).

Di sera, da Lerici (che si trova dal lato opposto del golfo della Spezia) o dalle Cinque Terre è possibile vedere i suoi lampi nell'oscurità del mare.

Come raggiungere l'isolaModifica

NoteModifica

  1. ^ Elenco dei Fari e Segnali da Nebbia, Istituto idrografico della Marina.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica